Raffaele Riario

cardinale italiano
(Reindirizzamento da Raffaele Sansoni Galeotti Riario)
Raffaele Sansoni Riario della Rovere
cardinale di Santa Romana Chiesa
Raffaele Riario.jpg
Il cardinale Riario nella Messa di Bolsena, affresco di Raffaello nelle Stanze Vaticane
CoA Riario 2.svg
Incarichi ricoperti
Nato 3 maggio 1461, Savona
Ordinato presbitero in data sconosciuta
Nominato vescovo 29 novembre 1503 da papa Giulio II
Consacrato vescovo 9 aprile 1504 da papa Giulio II
Creato cardinale 10 dicembre 1477 da papa Sisto IV
Deceduto 9 luglio 1521, Napoli

Raffaele Sansoni Riario della Rovere (Savona, 3 maggio 1461Napoli, 9 luglio 1521) è stato un cardinale italiano con diversi incarichi nel governo della Chiesa cattolica e vescovo di numerose diocesi.

Era figlio di Antonio Sansoni e di Violante Riario e prese il cognome della madre.

Indice

BiografiaModifica

Fu creato cardinale giovanissimo da papa Sisto IV nel concistoro del 10 dicembre 1477. Fu coinvolto indirettamente nella Congiura dei Pazzi e, più tardi, in altri intrighi politici.

Fu un amante delle arti e un mecenate e si deve principalmente a lui l'inizio dell'attività di Michelangelo a Roma.

A quell'epoca era invalso l'uso di cumulare più cariche ecclesiastiche per ricevere le relative prebende. Questa pratica fu fortemente limitata dal Concilio di Trento.

Le principali cariche del cardinal Riario furono:

L'investitura a cardinale gli fu revocata il 22 giugno 1517 come sanzione per aver partecipato ad una congiura contro il papa, ordita da cardinale Alfonso Petrucci, ma gli fu ripristinata il 24 agosto 1517.

Fu il principale committente del Palazzo della Cancelleria di Roma, sull'antica via Papalis, oggi Corso Vittorio Emanuele II.

Genealogia episcopaleModifica

Successione apostolicaModifica

NoteModifica

  1. ^ Appendice II. Legati (e figure equiparate) nello Stato pontificio, 1417-1700, su books.openedition.org. URL consultato il 22/09/2015.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN25474452 · ISNI (EN0000 0000 7146 5092 · LCCN (ENnr99020690 · GND (DE122030915