Apri il menu principale

Il cardinale protodiacono è il primo cardinale nell'ordine diaconale, ovvero il cardinale diacono nominato da più tempo. Se tra diversi cardinali il tempo coincide, la precedenza spetta al prelato indicato per primo nell'elenco dei cardinali creati durante quel concistoro.

Indice

FunzioniModifica

Al cardinale protodiacono, se elettore, spetta il compito di annunciare l'avvenuta elezione del papa recitando la celebre formula Habemus Papam, altrimenti questo compito viene svolto dal primo dei cardinali diaconi elettori (cardinale protodiacono de facto). Nel caso in cui il cardinale protodiacono fosse eletto papa, l'annuncio viene dato dal cardinale diacono elettore che segue nell'elenco dei cardinali diaconi, che diventa quindi il nuovo cardinale protodiacono de facto.

Il cardinale protodiacono, inoltre, impone il pallio al nuovo pontefice eletto, nella celebrazione eucaristica di inizio del ministero petrino, presenta i metropoliti pronti a ricevere il pallio dal pontefice nella solennità dei santi Pietro e Paolo (29 giugno), annuncia la concessione dell'indulgenza plenaria quando il papa a Natale e Pasqua impartisce la benedizione Urbi et Orbi. In queste funzioni il cardinale protodiacono, in caso di assenza o impedimento, viene sostituito dal cardinale deuterodiacono, che è il secondo cardinale diacono per precedenza.

Dal 12 giugno 2014 il cardinale protodiacono è Renato Raffaele Martino.

Serie dei cardinali protodiaconiModifica

...

...

...

...

...

NoteModifica

  1. ^ Hugues de Saint-Martial, pur non avendo partecipato al conclave del settembre 1378 che elesse l'antipapa Clemente VII, ne divenne seguace. Successivamente partecipò al conclave del 1394, che elesse l'antipapa Benedetto XIII
  2. ^ Cardinale non elettore dal 18 ottobre 1992
  3. ^ a b c Cardinale non elettore

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo