Apri il menu principale
Achille Millo

Achille Millo, pseudonimo di Achille Scognamillo (Napoli, 25 ottobre 1922Roma, 18 ottobre 2006), è stato un attore italiano.

BiografiaModifica

A pochi esami dalla laurea in medicina, decise di abbandonare gli studi per intraprendere la carriera teatrale. Formatosi nella scuola partenopea, debuttò in teatro nel 1945, con la Compagnia De Sica-Gioi-Stoppa-Cortese in Catene (regia di Ettore Giannini), rivelandosi nello stesso anno come protagonista maschile di Frenesia, accanto alla sua insegnante, Wanda Capodaglio.[1]

Dopo aver lavorato con la Pagnani-Ninchi, la Compagnia dell'IDI, la Ricci-Magnani, fu scritturato da Luchino Visconti per una piccola parte in Delitto e castigo e rimase a fianco del regista per due anni come assistente.

 
Un giovane Achille Millo assieme a Eduardo Ciannelli in una scena del film Il tenente Giorgio (1952)

Nel 1947-48 guadagnò il primo grande successo con N.N. di Leopoldo Trieste. Successivamente fu diretto da Giorgio Strehler (entrò al Piccolo Teatro di Milano nel 1954), Eduardo De Filippo (che scrisse per lui nel 1957 De Pretore Vincenzo) e Vittorio De Sica.

Attore sicuro, dal temperamento versatile, non ebbe grandi soddisfazioni dal cinema (a parte Carosello napoletano, 1953), ma fornì notevoli interpretazioni per la televisione degli esordi, che lo vide impegnato nella prosa, in caratterizzazioni che andarono dal seduttore al "cattivo". Tra le sue più importanti interpretazioni si possono ricordare Questa mia donna (1958), L'esca (1958), Il borghese gentiluomo (1959).

Recitò inoltre nelle riduzioni per il piccolo schermo de L'Alfiere (1956), Il sogno dello zio (1956), Tessa la ninfa fedele (1957), I miserabili (1964), Il Conte di Montecristo (1966) e Il marchese di Roccaverdina (1972), che resta la sua migliore prova televisiva.

 
Achille Millo e Lilla Brignone in Danza di morte (1971)

Nel 1960 doppiò Alain Delon nel fim Rocco e i suoi fratelli[2] di Luchino Visconti.

La sua concezione teatrale subì una svolta grazie alla radio, che lo portò alla scoperta della poesia: vincitore nel 1965 di una gara di attori per il miglior lettore di un brano di Dante, incise 28 canti della Divina Commedia.

Fu l'inizio di un'attività radiofonica intensa, costellata da circa 300 trasmissioni dedicate alla poesia (Poesia nel mondo, 1969), cui si aggiunsero quelle di radioteatro (da L'ereditiera di Ruth Goetz e Augustus Goetz, con Renzo Ricci ed Eva Magni, 1951, a Il mattatoio di Pressburger, 1967) e varie rubriche (Voi ed io, 1971).

Tra i suoi lavori teatrali si ricorda Io, Raffaele Viviani, scritto con Antonio Ghirelli, spettacolo di cui lo stesso Millo curò la regia e ne fu interprete insieme alla moglie, Marina Pagano, Antonio Casagrande e Franco Acampora. Lo spettacolo andò per la prima volta in scena nel 1970. Ripreso molte volte, nel 1979 fu replicato al Metropolitan di New York.

È morto a Roma, all'ospedale San Filippo Neri, nel 2006. Le sue ceneri e quelle della moglie Marina Pagano sono deposte nel cimitero Flaminio Prima Porta a Roma.

Ad Achille Millo e a sua moglie, Marina Pagano, il drammaturgo Aniello Nigro ha dedicato lo spettacolo di prosa Mani nel fuoco.[3][4]

Prosa radiofonica RaiModifica

  • Le 99 disgrazie di Pulcinella, di Lorenzo e Ugo Bosco, regia di Francesco Rosi, trasmesso il 17 giugno 1956.

FilmografiaModifica

TelevisioneModifica

NoteModifica

  1. ^ Biblioteca Spadoni: la biblioteca teatrale [collegamento interrotto], su dba.it.
  2. ^ Achille Millo, su Il mondo dei doppiatori, AntonioGenna.net.
  3. ^ Le mani nel fuoco di Aniello Nigro regia Monica Maiorino a Salerno[collegamento interrotto]
  4. ^ Profilo - Aniello Nigro[collegamento interrotto]

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN7512968 · ISNI (EN0000 0000 0150 931X · SBN IT\ICCU\UM1V\006497 · BNF (FRcb12725714w (data) · WorldCat Identities (EN7512968