Apri il menu principale
BredaMenarinibus Citymood
Citymood 12.jpg
Citymood in servizio a Chieti
Descrizione generale
Costruttore Italia  Industria Italiana Autobus
Tipo Autobus
Produzione dal 2013
Sostituisce BredaMenarinibus Avancity
Altre caratteristiche
Dimensioni e pesi
Lunghezza 10/12/18 m
Larghezza 2,55 m
Altezza 3,21 (3,38 a metano) m
Massa a vuoto 11,2 t
Altro
Concorrenti Iveco Bus Urbanway
Mercedes-Benz Citaro
MAN Lion's City
Scania Citywide
Porte Rototraslanti o scorrevoli
Allestimento Urbano, Suburbano, Interurbano
Note dal 2016 con marchio Menarinibus
I nuovi BredaMenarinibus Citymood di SVT.jpg
Presentazione dei nuovi Citymood di SVT Vicenza

Il BredaMenarinibus CityMood è un autobus prodotto a partire dal 2013.

Indice

ProgettoModifica

Il Citymood[1] nasce come successore del BredaMenarinibus Avancity. È stato presentato nel novembre 2013, già dotato di motore Euro 6 (come previsto dalle normative antinquinamento a partire dal 1º settembre 2014). Sin dalla presentazione si è aggiudicato varie certificazioni in materia di sicurezza.

BredaMenarinibus Citymood (2013-2016)Modifica

Dal 2013 al 2016 il Citymood viene prodotto con il marchio BredaMenarinibus, anche dopo la sua acquisizione da parte di IIA. La produzione avviene a Bologna nello storico stabilimento Breda e su licenza in Turchia nello stabilimento di Bursa della Karsan.

Presentato nel novembre 2013 con la manifestazione "CityToCity"[2], il Citymood è equipaggiato con il motore Iveco Cursor 9 con intercooler da 8.700 cm3, erogante da 310 a 360 cavalli e abbinato al cambio ZF 6HP Ecolife a 6 marce.

Menarinibus Citymood (dal 2016)Modifica

Nel 2016, nell'ambito della razionalizzazione della gamma proposta dal costruttore italiano IIA, viene lanciata la seconda generazione[3] del Citymood.

La nuova generazione presenta, rispetto alle precedenti, alcune migliorie volte ad aumentare la sicurezza dei viaggiatori (barre stabilizzatrici e anti-intrusione laterali) e l'accessibilità agli impianti elettrici (fanaleria anteriore in primis).

La grande novità introdotta con questa versione è però il nuovo brand Menarini Bus, che rispolvera il nome della carrozzeria bolognese (scomparsa nel 1989) e il relativo logo, caratterizzato da una M bianca su sfondo blu.

Vengono inoltre messe in produzione una versione elettrica[4] (prodotta in collaborazione con la Rampini) e la versione alimentata a metano liquido (LNG), risultando così il primo autobus italiano disponibile con tale alimentazione.

VersioniModifica

L'autobus è commercializzato in tre versioni:

Citymood 10Modifica

  • Allestimento: Urbano, Suburbano
  • Lughezza: 10.6 mt
  • Porte: 2, 3
  • Alimentazione: Gasolio, Metano CNG

Citymood 12Modifica

  • Allestimento: Urbano, Suburbano
  • Lunghezza 12.1 mt
  • Porte: 2, 3
  • Alimentazione: Gasolio, Metano CNG, Metano LNG, Elettrico

Citymood 18Modifica

  • Allestimento: Urbano, Suburbano
  • Lunghezza 18 mt
  • Porte: 3, 4
  • Alimentazione: Gasolio

DiffusioneModifica

Inizialmente le vendite del Citymood stentano a decollare; i primi esemplari vengono venduti presso CTT Nord Massa, SGM Lecce, AMAT Taranto, AMSC Gallarate e ATAF Foggia.

Nel 2016 arriva a Palermo, a Como presso ASF Autolinee, in Abruzzo (a Chieti e Ortona) e a Genova, presso AMT, con una flotta di 84 vetture.

Nel 2017 altre aziende, tra cui SVT Vicenza, AMT Catania, AMTAB Bari, TPER Bologna, Brescia Trasporti Brescia, SETA Reggio Emilia e START Romagna scelgono il Citymood, per un totale di oltre 250 unità.

Nel febbraio 2018, viene aggiudicata ad IIA la fornitura di 750 Citymood nell'ambito della commessa indetta dalla CONSIP [5]. Nello stesso anno sono stati consegnati 5 Citymood CNG da 10 metri all'APAM di Mantova[6], nonché un lotto di 56 vetture all'ANM di Napoli.

Nel 2019 è previsto l'arrivo di 227 Citymood per ATAC : 20 bus da 10m,116 bus da 12m e 91 bus sempre 12m ma con alimentazione a metano. Questi mezzi dovrebbero iniziare a circolare ad aprile. Sempre nel 2019, è prevista la consegna di 7 Citymood da 18 metri all'ARST, in Sardegna.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica