Charles S. Dutton

attore e regista statunitense (1951-)

Charles S. Dutton (Baltimora, 30 gennaio 1951) è un attore e regista statunitense.

Charles S. Dutton nel 2000

Biografia modifica

Nasce nella zona est di Baltimora, nel Maryland. Suo padre è un camionista e i suoi genitori divorziano quando ha solo quattro anni. In gioventù, abbandona la scuola prima di finire la scuola media. Charles ha un'infanzia difficile, che trascorre tra un riformatorio e l'altro. Per un breve periodo è un pugile dilettante con il soprannome di "Roc", un soprannome derivato da "Rockhead", a causa delle sassaiole che costellano la sua infanzia.

Condanna per omicidio e carcere modifica

Nel 1967, a 16 anni, Dutton ha una rissa che provoca la morte di un uomo. Dutton sostiene che lo abbia aggredito con un coltello.[1] Dopo la lotta con il coltello, Dutton si dichiara colpevole di omicidio colposo e viene condannato a cinque anni di prigione, che inizia a scontare presso la Maryland House of Correction a Jessup, nel Maryland. Uscito sulla parola dopo 18 o 20 mesi, viene arrestato per rapina a mano armata.[2] Viene condannato e incarcerato nel penitenziario del Maryland, vicino alla sua casa d'infanzia, per altri tre anni. Un combattimento con una guardia aggiunge altri otto anni.[3] In riferimento a questo, Dutton afferma: "Ho avuto tre anni per aver ucciso un uomo nero e otto per aver preso a pugni un uomo bianco".

Durante la sua detenzione, Dutton viene pugnalato da un altro prigioniero e rischia la vita. Si interessa ai movimenti radicali e alle Pantere Nere.[2] Diversi mesi dopo la sua seconda pena detentiva, Dutton viene condannato a sei giorni di isolamento per essersi rifiutato di pulire i bagni.[2]  Ai detenuti è concesso prendere un libro e legge un'antologia di drammaturghi neri. Il libro gli piace così tanto che, dopo essere uscito dall'isolamento, chiede al direttore di fondare un gruppo teatrale per il talent show invernale. Il direttore accetta a condizione che Dutton riprenda gli studi. Dutton completa un programma universitario di due anni presso l'Hagerstown Junior College (ora Hagerstown Community College) a Hagerstown, nel Maryland, laureandosi nel 1976. Viene rilasciato sulla parola il 20 agosto 1976.[4] Dopo il suo rilascio, si iscrive alla Towson State University (ora Towson University) nel sobborgo di Baltimora di Towson, nel Maryland, dove si laurea nel 1978.  Dopo il suo periodo a Towson, Dutton consegue un master in recitazione presso la Yale School of Drama nel 1983.[5]

Carriera modifica

Nel 1984, Dutton debutta a Broadway con Ma Rainey's Black Bottom di August Wilson, vincendo un Theatre World Award e una nomination al Tony Award come miglior attore. Nel 1988, interpreta Leroy Brown in Crocodile Dundee II e un killer nella miniserie televisiva The Murder of Mary Phagan con Jack Lemmon e Kevin Spacey. Nel 1990, Dutton ottiene una seconda nomination al Tony come miglior attore per il suo ruolo in un'altra commedia di Wilson, The Piano Lesson. Successivamente, Dutton recita in Alien 3, il film d'esordio del regista David Fincher, e in Rudy del 1993. Appare anche in Get on the Bus; Il momento di uccidere; La fortuna di Cookie; Cry, the Beloved Country; Sopravvivere al gioco; Menace II Society; Secret Window; Low Down Dirty Shame.

Dutton vince il premio Emmy al miglior attore nel 2002 e nel 2003 per i suoi ruoli in The Practice e Without a Trace. In precedenza ha ottenuto una nomination per il suo ruolo nel dramma carcerario HBO Oz. Per questo ruolo, è nominato per un NAACP Image Award. Sempre nel 1999, recita nel cast corale di Aftershock: Earthquake in New York in cui ha interpretato il sindaco di New York City. Dutton ottiene consensi per il suo spettacolo comico Roc trasmesso su Fox (ma prodotto da HBO) dal 1991 al 1994. Il suo lavoro in questo ruolo gli vale un NAACP Image Award. Recitato nella serie di fantascienza della CBS del 2005, Threshold.

Nel 2000, Dutton dirige la miniserie HBO The Corner. La miniserie gli stava molto a cuore, perché Dutton è cresciuto per le strade di East Baltimore. È una trasposizione cinematografica di The Corner: A Year in the Life of an Inner-City Neighborhood (Broadway Books, 1997) di David Simon (un reporter del Baltimore Sun) e Ed Burns (un detective della omicidi di Baltimora in pensione). The Corner vince diversi Emmy nel 2000. Ha interpretato il ruolo del capo della polizia della contea di Montgomery, Charles Moose nel film TV del 2003 DC Sniper: 23 Days of Fear, ed appare nella stagione 2 di The L Word. Dutton appare anche in "Another Toothpick", un episodio de I Soprano. Il 9 ottobre 2007, HBO annuncia un accordo con Dutton in cui egli svilupperà, dirigerà e reciterà in serie e film per la rete. Appare anche nel film del 2007 Honeydripper. Nel 2013, Dutton ha interpretato il detective Margolis nel film horror The Monkey's Paw.[6]

Vita privata modifica

È stato sposato dal 1989 al 1994 con l'attrice Debbi Morgan.

Filmografia parziale modifica

Attore modifica

Cinema modifica

Televisione modifica

Regista modifica

Doppiatori italiani modifica

Nelle versioni in italiano delle opere in cui ha recitato, Charles S. Dutton è stato doppiato da:

Da doppiatore è stato sostituito da:

Note modifica

  1. ^ (EN) Janny Scott, Who Gets to Tell a Black Story?, in The New York Times, 11 giugno 2000. URL consultato il 27 settembre 2023.
  2. ^ a b c (EN) Paul Farhi, Drama and Deliverance, in Washington Post, 12 aprile 2000. URL consultato il 27 settembre 2023.
  3. ^ (EN) Ray Loynd, Charles Dutton Not a Prisoner of His Past : Stage: Former convict who has earned a Tony nomination takes on his latest challenging role in August Wilson's 'The Piano Lesson.', su Los Angeles Times, 18 gennaio 1990. URL consultato il 27 settembre 2023.
  4. ^ (EN) TELEVISION : From Hard Time to Prime Time : Ex-con Charles Dutton, twice a Tony nominee on Broadway, accepts the challenge of a TV comedy series--but wonders if it's the right thing to do, su Los Angeles Times, 25 agosto 1991. URL consultato il 27 settembre 2023.
  5. ^ Charles S. Dutton talks dignity, integrity, and independence, su www.finalcall.com. URL consultato il 27 settembre 2023.
  6. ^ C. J. Thomason, Stephen Lang e Michelle Pierce, The Monkey's Paw, Chiller Films, TMP Films, Jay-X Entertainment, 8 ottobre 2013. URL consultato il 27 settembre 2023.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN29732577 · ISNI (EN0000 0001 1440 6341 · LCCN (ENn88224919 · GND (DE140398376 · BNE (ESXX1260623 (data) · BNF (FRcb14033816n (data) · J9U (ENHE987007318127705171 · CONOR.SI (SL35917411 · WorldCat Identities (ENlccn-n88224919