Apri il menu principale

Il Clan della Zanna (牙一族 Kiba Ichizoku?, lett. "Tribù della Zanna", La famiglia Cobra nella versione italiana dell'anime) è una famiglia fittizia presente nel manga e anime Ken il guerriero.

Si tratterebbe di una banda di predoni insediatasi sulle montagne nei pressi del villaggio di Mamiya e il cui punto di forza consiste nella organizzazione patriarcale e nella forte unità dei suoi membri. Combattono usando le Tecniche del Branco di Lupi del Monte Hua (華山群狼拳 Kazan Gunrō Ken?), specializzate negli attacchi di gruppo.

Socialmente assomigliano molto a una tribù primitiva: infatti, benché non disdegnino l'uso di motociclette ed esplosivi, vestono pelli di animali ed indossano ninnoli fatti con zanne ed artigli. Seguono una rudimentale religione primitiva secondo cui l'anima di uno dei suoi seguaci non può raggiungere il paradiso se il suo assassino non viene a sua volta ucciso; nel caso in cui questo non possa accadere, per placare le anime dei defunti, compiono sacrifici umani immolando persone esterne alla tribù.

Nella manga e nella serie TV verranno sconfitti da Kenshiro, Rei e Mamiya, mentre nel film d'animazione dall'esercito di Raoul.

PersonaggiModifica

Grande PadreModifica

Grande Padre
Nome orig.牙大王 (Kiba Daiō)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 30
  • Anime: Episodio 24
Voce orig.Takeshi Watabe
Voci italiane
  • Massimo Milazzo (Ken il guerriero - Il film)
  • SpecieUmano
    SessoMaschio
    Poteri
    • Scuola Kazan
    • Capacità fisiche elevate
    • Utilizzo dell'aura combattiva

    Grande Padre (牙大王 Kiba Daiō?) Padre Cobra nell'anime, è il capo assoluto del Clan della Zanna dai cui membri è appellato come "Padre". Egli è maestro della Tecnica di lotta del Corno del Monte Hua (華山角抵戯 Kazan Kakuteigi?), un'arte marziale simile al sumo e basata sulla respirazione. A volte, in combattimento, brandisce un'enorme scimitarra proporzionata alle sue dimensioni e sembra discretamente abile nel maneggiarla. Di altezza e corporatura assai possenti e vestito di pelli, piume e ninnoli come i suoi figli, ha radi e lunghi capelli castani, un paio di lunghi baffi ed è caratterizzato da una cicatrice che gli attraversa totalmente sia la fronte che il mento. Il suo aspetto è una versione ingigantita del pirata interpretato da Dick Wei nel film Operazione Pirati.

    Inizialmente sembra tenere molto ai suoi "amati" figli, piangendo per loro dopo che Kenshiro e Rei hanno più volte sventato gli attacchi al villaggio di Mamiya, massacrandoli. Affinché i suoi figli morti possano essere accuditi nell'aldilà, compie l'esecuzione di alcuni prigionieri catturati come schiavi. Per vendicarsi, cerca informazioni su Ken e Rei riuscendo a trovarne solo su quest'ultimo. Infatti scopre che Rei ha una sorella, Aily, che è stata venduta come schiava ad un campione di lotta dei combattimenti clandestini. Recatosi insieme ad un pugno di uomini sul posto dove la donna è tenuta prigioniera, è costretto ad affrontare il padrone campione di lotta, dimostrando una grande resistenza ai colpi (frantuma come niente una colonna di pietra scagliatagli sulla sua testa) grazie alla sua tecnica Daraidai, per poi bloccare il suo avversario e colpirlo ripetutamente alla testa con la propria fino ad ucciderlo, riuscendo così a rapire la sorella di Rei.

    Quando Kenshiro, Rei e Mamiya si recano nel suo territorio, inizialmente gli scatena contro alcuni suoi figli ed addirittura Madara, l'elemento più bestiale e mostruoso della famiglia, nel tentativo di ucciderli, ma quando tutti gli avversari vengono uccisi da Ken e Rei, usa Aily come esca per attirare Rei in trappola, minacciando l'uomo di Nanto di ucciderla. Quando Mamiya si offre volontaria per scambiare sé stessa con Aily, spacciandosi per la ragazza di Kenshiro, riesce a catturare anche lei, rendendo inutili i suoi pugnali con la tecnica che indurisce il suo corpo e slogandole le braccia (questo solo nel manga) per renderla inoffensiva. Avendo entrambe le prigioniere, obbliga Ken e Rei a combattere l'uno contro l'altro, sapendo che si sarebbero uccisi a vicenda. Essi, però, mediante uno stratagemma, si causano l'un l'altro una morte apparente con delle tecniche segrete, per poi attaccare il branco di sorpresa, riuscendo a liberare le due ragazze.

    Il Grande Padre si trova così a fronteggiare Kenshiro, di cui riconosce la grande forza. Decide, perciò, di ricorrere subito alla sua tecnica più segreta, la Tecnica dell'armatura d'acciaio del Monte Hua (華山鋼鎧呼法 Kazan Kōgai Kohō?), mediante la quale è in grado di indurire i propri muscoli con lo spirito combattivo rendendoli più duri, appunto, dell'acciaio; tuttavia l'uomo di Hokuto, dopo un primo tentativo, la vanifica immediatamente agendo sul suo punto di pressione Daikyokin (大胸筋 Daikyōkin?) che causa il rilassamento incondizionato di tutti i muscoli e la distruzione dei nervi, rendendolo così vulnerabile ad ogni attacco. A questo punto tutto il bene voluto ai suoi "cari" figli si rivela essere solo apparente, poiché il Grande Padre li spinge a combattere contro Ken al posto suo pur di tentando la fuga per salvarsi la vita. I suoi figli però non obbediscono all'ordine e fuggono terrorizzati, solo per trovarsi la strada sbarrata da Rei che li uccide tutti in un istante con le sue tecniche Nanto. Rimasto solo, il Grande Padre tenta di sorprendere Kenshiro con dell'esplosivo, ma i suoi muscoli iniziano ad irrigidirsi di nuovo bruscamente a causa della stimolazione del punto di pressione e non ha la possibilità di lanciare la dinamite, per cui perde un braccio a causa dell'esplosione. Infine, ormai sulla soglia della morte, tenta un ultimo disperato attacco, ma Ken lo finisce con la tecnica dell'Onda che spezza la montagna in due (岩山両斬波 Ganzan Ryōzan Ha?).

    Nel film d'animazione Ken il guerriero - Il film, compare con il nome di Re delle Zanne nelle vesti di un capo guerriero che si oppone al Re di Hokuto Raoul. Dopo aver indurito il suo corpo con la medesima tecnica della serie originale, inizia a fare strage dei soldati di Raoul che lo attaccano; quando però, decide di affrontare Raoul direttamente, viene rapidamente sconfitto. Il Re di Hokuto è tanto forte da scagliarlo a centinaia di metri di distanza (e fracassare la sua armatura muscolare) con la sola aura scaturita da una mano.

    KemadaModifica

    Kemada
    Nome orig.ケマダ (Kemada)
    Lingua orig.Giapponese
    1ª app.
    • Manga: Capitolo 28
    • Anime: Episodio 23
    Voce orig.Shingo Kanemoto
    Voce italianaSandro Dori
    SpecieUmano
    SessoMaschio

    Kemada (ケマダ Kemada?), che nel manga non ha un nome proprio, è un caporione del Clan della Zanna, il cui unico tratto caratteristico nell'aspetto è la pelliccia di colore più scuro rispetto a quella dei fratelli (nella serie TV è di colore grigiastro) e guida le razzie ai danni degli abitanti del villaggio di Mamiya. Possiede una buona organizzazione strategica, facendo nascondere i suoi fratelli sotto il terreno per sferrare a sorpresa il loro assalto. Dimostra di avere un carattere alquanto spregevole, visto che dopo aver tentato l'assalto ad un furgone che trasportava del cibo diretto al villaggio e aver perso il carico a causa dell'assalto stesso, sfoga la sua rabbia sui viandanti, giustificandosi nel dichiarare che lui ed i suoi fratelli stanno patendo la fame e adesso non potranno più mangiare.

    Nel primo incontro con Kenshiro, giunto in soccorso dei suddetti paesani, viene sconfitto in un attimo e da questi risparmiato; dimostra però nuovamente tutta la sua meschinità ripetendo una seconda volta l'assalto al villaggio, sempre mandando avanti i suoi fratelli e quando questi vengono miseramente sconfitti dall'uomo di Hokuto, si ritira con la coda tra le gambe. Anche molto vanitoso, colpisce uno dei suoi fratelli dopo che quest'ultimo sottolinea il fascino dell'uomo di Nanto (Rei), dichiarando di essere lui più bello. Proprio a Rei propone un'alleanza, ordendo il piano di farlo infiltrare nel villaggio per poi conquistarlo insieme. In realtà Rei non è affatto intenzionato ad allearsi con loro e carpite le informazioni sul prossimo attacco, si rivolterà all'ultimo contro i membri del Clan, tramutando così il piano di Kemada nell'ennesimo fallimento.

    Kemada è responsabile anche della morte di Ko, il fratello di Mamiya, uscito dal villaggio nel manga per scambiare viveri con il villaggio vicino, mentre nella serie TV per cercare dei lamponi da mettere sulla torta di compleanno di sua sorella, al quale Kemada ruba anche un prezioso ciondolo, dopo aver compiuto la sua esecuzione alle porte della città. Viene perciò inseguito da Kenshiro e Rei bramosi di vendetta, contro i quali scaglia tutti i fratelli rimasti con sé eseguendo il Colpo del branco di lupi, sfruttando anche i fratelli più piccoli nascosti sotto la pelliccia di quelli più grossi, ma l'iniziativa si rivela inutile contro i due formidabili combattenti. Rimasto solo, tenta di salvarsi la vita dichiarando di non essere lui il capo del Clan e che il Grande Padre si infurierebbe enormemente alla notizia della sua morte. Ignorato completamente, viene ucciso da Ken con il Colpo distruttivo delle cento mani di Hokuto (北斗千手壊拳 Hokuto Senjukai Ken?) ma, prima che possa sopraggiungere la sua morte, viene tranciato a brandelli da Rei.

    GiballaModifica

    Giballa
    Nome orig.ギバラ (Gibara)
    Lingua orig.Giapponese
    1ª app.Anime: Episodio 26
    Voce orig.Juji Matsuda
    Voce italianaSergio Antonica
    SpecieUmano
    SessoMaschio

    Giballa (ギバラ Gibara?) compare solo nella serie TV ed è un membro del Clan della Zanna che si propone di vendicare la morte di Kemada, a cui era particolarmente legato siccome quest'ultimo sembrava avere sempre un occhio di riguardo nei suoi confronti durante le loro scorribande. Sembra avere un carattere molto infantile, visto che tra i suoi ricordi vi è anche un episodio in cui, dopo un assalto, chiede a Kemada il permesso di prendere un panda di peluche trovato tra le cose dei malcapitati.

    Per la sua vendetta prepara dunque un agguato a Kenshiro, Rei e Mamiya, facendo trovare loro una bara sul loro cammino e sfruttando l'eco del paesaggio per nascondere la direzione dalla quale sarebbe partito l'attacco. Alla fine, esso avviene da tutte le direzioni: dal cielo, da sotto terra e dalla bara stessa, ma i suoi fratelli vengono tutti uccisi dai tre. Alla fine, tenta anch'egli un ultimo disperato attacco ma, quando il suo colpo non va a segno, tenta di impietosire i suoi avversari indietreggiando fino a chiudersi nella bara, finendo inevitabilmente ucciso da Rei.

    GogebaModifica

    Gogeba
    Nome orig.ゴジバ (Gojiba)
    Lingua orig.Giapponese
    1ª app.
    • Manga: Capitolo 34
    • Anime: Episodio 26
    Voce orig.Yasurō Tanaka
    Voce italianaVittorio Battarra
    SpecieUmano
    SessoMaschio

    Gogeba (ゴジバ Gojiba?) è il braccio destro del Grande Padre e, a detta sua, il più ingegnoso tra i suoi figli. Ha l'aspetto di un uomo minuto, con una cresta rossa adornata ai lati da piume ed indossa pelli di colore verde. Combatte utilizzando una scimitarra.

    Nel manga è poco più che una comparsa, tant'è che il suo nome non viene mai rivelato, mentre nell'anime riveste il ruolo di capo del servizio informazioni del Clan della Zanna. È lui a scoprire il luogo in cui è tenuta schiava Aily, la sorella scomparsa di Rei, e a condurre l'attacco ad un villaggio vicino.

    Sempre solo nella serie TV, è lui ad offrirsi volontario per giocare al lancio dei pugnali contro Mamiya e Aily mentre sono prigioniere del Clan (nel manga era un anonimo fratello). Viene ucciso da Kenshiro con i Cento pugni distruttivi di Hokuto (北斗百裂拳 Hokuto Hyakuretsu Ken?) dopo aver commesso il grave errore di sputargli sul volto e di provocarlo pesantemente, pensando che Ken non avrebbe reagito con le ragazze tenute in ostaggio.

    MadaraModifica

    Madara
    Nome orig.マダラ (Madara)
    Lingua orig.Giapponese
    1ª app.
    • Manga: Capitolo 32
    • Anime: Episodio 27
    Voce orig.Eiji Kaine
    Voce italianaNorman Mozzato
    SpecieUmano
    SessoMaschio
    Poteri
  • Scuola Kazan
  • Capacità fisiche notevoli
  • Madara (マダラ Madara?) è un uomo mostruoso membro del Clan della Zanna, reso talmente folle dalla vita selvaggia da aver acquisito un aspetto simile a quello di un lupo mannaro, presentando denti affilati come zanne ed unghie come artigli, occhi ferini iniettati di sangue ed esprimendosi solo con versi gutturali. Indossa le pelli tipiche del Clan con delle catena a polsi e caviglie. Lo stile di vita animalesco gli ha fatto sviluppare capacità fisiche superiori a quelle dei comuni guerrieri, acquisendo così una certa forza tanto da essere utilizzato in battaglia come asso nella manica dal Clan della Zanna.

    Nella serie TV si unisce al branco guidato da Gogeba per assaltare un villaggio vicino, ma accecato dalla sete di sangue, perde il controllo di sé ed inizia a massacrare anche i prigionieri, per cui i fratelli sono costretti ad immobilizzarlo con le catene e a rinchiuderlo in una gabbia.

    Una volta che Ken, Rei e Mamiya arrivano nel territorio del Clan, la presenza di Kenshiro stimola il suo istinto e lo fa infuriare molto. Decide così di attaccarlo e cerca di ucciderlo utilizzando la Tecnica di separazione del Monte Hua (華山分裂拳 Kazan Bunretsu Ken?), una tecnica basata sulla velocità di movimento e sulle immagini residue per far perdere all'avversario la propria posizione. Kenshiro prima gli paralizza le fauci agendo sul punto segreto Kyonai (頬肉 Kyōnai?), poi lo colpisce con un calcio, facendogli saltare un dente; tuttavia Madara non si arrende, visto che non sono i morsi la sua unica arma: anche i suoi possenti artigli sono strumenti di morte, tanto da afferrare un coprispalla di Ken e accartocciarlo. Kenshiro, però, usa il Colpo delle cinque dita di Hokuto per polverizzargli le dita, infine lo finisce col Colpo rompi-faccia di Hokuto (北斗破顔拳 Hokuto Hagan Ken?), facendogli esplodere il cranio.

    Voci correlateModifica

      Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga