Apri il menu principale

Souther

personaggio del manga e anime Ken il guerriero
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Souther (disambigua).
Souther
Sauzer.png
Souther ne La leggenda di Hokuto
UniversoKen il guerriero
Nome orig.サウザー (Sauzā)
Lingua orig.Giapponese
EpitetoSacro Imperatore
Autori
1ª app.
  • Manga: Capitolo 85
  • Anime: Episodio 58
Voci orig.
  • Akio Ohtsuka (Ken il guerriero - La leggenda)
  • Toshihiko Seki (Raoh - Il conquistatore del cielo)
  • Voci italiane
    SpecieUmano
    SessoMaschio
    Abilità

    «Non mi tirerò indietro! Non mi abbasserò! Non avrò ripensamento!»

    (Souther)

    «Non voglio più essere amato, perché l'amore fa solo soffrire!»

    (Souther dopo aver ucciso il suo maestro)

    Thouzer (サウザー Sauzā?), traslitterato anche come Sauzer, è un personaggio del manga e anime Ken il guerriero di Buronson e Tetsuo Hara.

    Indice

    Il personaggioModifica

    È uno degli antagonisti principali della prima serie della saga: insieme a Shin e Raoul è infatti uno dei principali dittatori del primo periodo successivo all'olocausto nucleare, tanto da auto-dichiararsi Sacro Imperatore (聖帝 Seitei?).

    Souther appartiene alla Sacra Scuola di Nanto, è maestro dello Stile della Fenice Mitologica ed è protetto dalla Stella del Comando (将星 Shōsei?), detta anche Stella Polare (極星 Kyokusei?) o Stella della Croce del Sud (南十字星 Minami Jūji Sei?). È il più forte dei sei Sacri Guerrieri di Nanto.

    StoriaModifica

    PassatoModifica

    Souther viene trovato ancora in fasce da Ogai, maestro della Sacra Scuola di Nanto, che lo adotta e ne diventa il maestro; pur non risparmiandogli allenamenti durissimi, non fa mancare al ragazzo l'affetto e l'amore che i genitori gli negarono abbandonandolo.

    Il giorno della prova finale a Souther viene imposto di combattere bendato contro un misterioso rivale: la tecnica del ragazzo è perfetta e Souther, con un unico magnifico colpo, ferisce mortalmente il proprio rivale; non appena si toglie la benda, però, scopre con orrore che l'uomo che ha appena ucciso non è altri che il suo stesso maestro, il quale gli spiega che anche nella scuola della Fenice di Nanto deve esserci un unico successore come in quella di Hokuto. Ogai muore sereno tra le braccia dell'allievo, ma il trauma per la morte dell'unica persona a lui cara gela completamente il cuore di Souther, che da quel giorno rinnega ogni forma d'amore per non dover mai più provare quel tipo di dolore.

    Souther cresce e diventa un lottatore spietato e insensibile. Egli è presente, assieme a Raoul, il giorno in cui Kenshiro, ancora ragazzo, deve affrontare dieci avversari per superare un prova impostagli dalla Scuola di Hokuto. Souther si chiede se Raoul sia davvero interessato a far diventare più forte Ken oppure se gli sia già d'impiccio e intuisce che Raoul è interessato alle doti naturali di Ken. Il decimo avversario di Ken è il potente Shu, anche lui maestro di Nanto; Shu sconfigge facilmente Kenshiro e Souther ne pretende la morte come da regolamento, ma Shu decide di risparmiare la vita del ragazzo, intuendone l'enorme potenziale, e come pegno sacrifica la propria vista, accecandosi con le proprie mani.

    Prima serieModifica

    Alcuni anni dopo (all'epoca in cui si svolge il manga) Souther diventa un dittatore come lo stesso Raoul, cui contende il titolo di imperatore del secolo. Souther fa costruire un'enorme piramide a forma di croce (chiamata "La piramide della croce") in memoria del suo adorato maestro e, per farla, si serve del lavoro di bambini che vengono ridotti in schiavitù. Nell'anime viene attaccato da tre ribelli armati anche di armi da fuoco, ma li manda in rotta mostrando un'incredibile velocità ,scansando il proiettile e ferendo a morte uno di ribelli, e per spingere i restanti due ad attaccarlo finisce il prigioniero schiacciandogli la testa sotto il proprio piede. I due prigionieri vengono poi uccisi.

    Kenshiro, già cresciuto, decide di porre fine al suo perfido dominio e di affrontarlo in duello. Souther accetta, preferendo prima mettere alla prova le sue abilità facendogli affrontare Beiji e Giji e solo dopo la loro sconfitta si decide ad affrontarlo. Il primo ad attaccare è proprio Souther, che carica senza assumere alcuna precauzione difensiva né posizioni di guardia, e sfiora Kenshiro al volto dimostrando un'incredibile velocità. La difesa di Ken è ottima e non lascia spazio a nessun approccio offensivo, ma ogni volta che si espone per tentare un attacco fallisce e subisce colpi di risposta, cosa che si ripete tre volte; riesce però a sorprenderlo mettendo a segno i "Cento Colpi distruttivi di Hokuto" al basso ventre. L'attacco si rivela inefficace e Souther appare invulnerabile, rivelandogli di essere immune all'Hokuto Shinken, ed è Ken a subire un'atroce ferita sul petto, ma non demorde e ripete il tentativo (che Souther riassorbe completamente), ma la sua tecnica continua a non funzionare. Kenshiro rimane esanime davanti a Souther, ferito a morte e rinchiuso nelle segrete del suo palazzo; riuscirà a fuggire solo grazie al sacrificio di Shiba, figlio di Shu. Souther non mostra alcuna compassione per nessuno: si fa preparare una tavola imbandita con ogni genere di pietanza solo per lui e mangia davanti a bambini affamati solo per poi scaraventare via il tavolo stufo del cibo stesso.

    Poco tempo dopo Souther scopre il nascondiglio dei ribelli e fa infiltrare alcuni suoi soldati al suo interno con la scusa di aver procurato del cibo. Poi, prima di attaccare il grosso delle truppe di Shu, ordina di prendere in ostaggio cento persone tra donne e bambini e uccidere tutti gli altri. Shu interviene in prima persona e affronta l'imperatore; Souther decide di voler assistere allo Stile dell'Airone Bianco e gli manda incontro diversi soldati, che vengono uccisi con la Posizione della Decapitazione dei Piedi Infuriati. Questi si scaglia contro di lui, infliggendogli un potente affondo che Souther evita spostando solo il volto. Spavaldamente Souther incita Shu a riprovarci "offrendo" di non difendersi ma minacciando di uccidere dei bambini innocenti in tal caso, opportunità che Shu rifiuta (la sua stella è quella della benevolenza) ricevendo da Souther un tranciamento dei tendini delle gambe e l'uccisione di tutti i restanti partigiani.

    Dopo aver così privato Shu delle sue capacità combattive (l'airone bianco prevede l'utilizzo delle sole gambe) ed averlo ripetutamente frustato, Souther lo condanna a morire trasportando l'enorme puntale della sua piramide in cima alla stessa, sempre utilizzando i bambini come ostaggi, insensibile anche al proprio soldato Riizo (che abbandona la sua postazione chiedendo al Sacro Imperatore di poter solo bendare le ferite del suo vecchio amico). Tra molte sofferenze Shu porta in cima la punta della piramide; nel frattempo Kenshiro, Raoul e Toki giungono sul luogo, rispondendo al richiamo della stella di Shu. Souther non sembra intimorito dai tre maestri di Hokuto, anzi è pronto ad affrontarli senza esitazione: fa incatenare Shu sulla sommità della piramide e lo fa colpire dai suoi arcieri e prima che Ken lo possa raggiungere Souther lo trafigge con una lancia, lasciandolo schiacciarsi sotto la punta della piramide. Kenshiro, furioso, sfida nuovamente Souther, il quale inizia a salire la piramide andando incontro a Ken. Durante il tragitto Lenny, uno dei bambini, memore delle parole di Shu, lo accoltella ad una gamba, ma invece di punirlo Souther narra a Ken le vicende della sua giovinezza con il maestro Ogai e di come ha deciso di abbandonare ogni tipo di sentimento (incolpando simbolicamente il bambino di essere stato una "vittima" degli insegnamenti di Shu).

    Lo scontro tra i due ha finalmente inizio ed è uno scontro senza esclusione di colpi. Souther attacca per primo, Ken schiva il colpo con la tecnica dell'Airone Bianco di Nanto e al contempo ferendolo leggermente, in onore di Shu. Il maestro di Hokuto usa una variante con calci dei Cento Colpi di Hokuto che vanno a segno, bloccando poi una carica a testa bassa con un affondo delle sue mani nel torace del sacro imperatore: con le mani bloccate, Ken non può difendersi, riceve violenti pugni alla testa e cade apparentemente esanime.

    Autoesaltandosi, Souther inizia a provocare gli altri due fratelli di Hokuto e in particolare Raoul, ma all'improvviso uno dei suoi punti di pressione sulla fronte esplode e la sua spalla destra si ingrossa. Kenshiro rivela di aver scoperto il suo famoso segreto: il motivo dell'immunità alla tecnica di Hokuto è dovuto al fatto che il cuore e l'apparato circolatorio sono disposti simmetricamente al contrario e di conseguenza lo sono anche i punti di pressione. Tale scoperta è avvenuta quando Ken ha affondato le sue mani nel corpo dell'avversario rivelandone il battito cardiaco. Rimanendo fermo nella sua spavalderia Souther non si dà per vinto e, partendo dalla punta della piramide, fa uso della sua tecnica finale (la Croce della Fenice che Vola nei Cieli): l'unica tecnica della fenice dorata che prevede una posizione di guardia rende talmente leggeri da non poter essere toccati da alcun corpo fisico. Nel frattempo Kenshiro prepara una sua tecnica segreta, la Posizione della Distruzione Celeste; persino il cielo, iniziando a grandinare, partecipa nello scontro tra i due maestri.

    Souther si scaglia su Ken, che tenta di colpirlo, ma la leggerezza di Souther gli permette di evitarne il pugno e di causare due ferite sulle spalle del maestro di Hokuto. Un secondo tentativo si conclude allo stesso modo aggravando le ferite di Ken. Poi i due si affrontano in volo parando i rispettivi colpi fino a quando un calcio di Souther non scaglia lontano Kenshiro. Souther tenta un ulteriore attacco, ma Ken utilizza il suo colpo segreto, centrando il corpo di Souther dalla distanza con una serie di colpi che lo trafiggono mettendo in evidenza il suo sistema nervoso e quello circolatorio e, conseguentemente, anche i suoi punti di pressione. Souther non si arrende e, dopo aver richiuso le proprie ferite con uno sforzo, tenta un attacco, ma le sue gambe non gli rispondono più. Egli, determinato fino alla fine, non si tira indietro e, dopo essersi lasciato cadere in avanti, si dà una spinta con le braccia per volare un'ultima volta e scontrarsi con Ken incrociando i propri colpi con quelli del suo avversario, ma inutilmente. L'imperatore viene sconfitto da Kenshiro, che lo finisce con il Colpo della Sentenza Finale di Hokuto, che uccide senza recare dolore (Ken ha quindi capito la sofferenza provata dal suo avversario). In punto di morte Souther chiede a Ken perché combatte per amore, sentimento che causa solo sofferenze; Kenshiro gli spiega che esiste anche il calore umano, quello che riceveva dal suo maestro ad esempio, e lo abbandona dicendogli di scegliere il posto in cui andare a morire. Al crollo della sua piramide torna spiritualmente e sentimentalmente ad essere bambino e dà libero sfogo alla sua fragilità finora repressa, morendo abbracciato alla statua di Ogai, pregando di esser accarezzato da lui come quando era piccolo.

    Nell'OAV Ken il guerriero - La leggenda di Hokuto, dopo esser stato sconfitto da Ken in un impeto di orgoglio si colpisce da solo dichiarando che non morirà per mano della tecnica di Hokuto nonostante affermi di essere felice per aver affrontato Ken come suo ultimo avversario.

    Altre opereModifica

    Souther compare anche nella serie TV Ken il guerriero: la leggenda di Raoul il dominatore del cielo: qui, sotto consiglio di Yuda, stipula un trattato di non belligeranza con l'esercito del Re di Hokuto, mentre Yuda con le sue truppe attacca il castello di Raoul. Raoul viene però avvertito del pericolo e corre al castello prima del suo esercito riuscendo a respingere la minaccia di Yuda, ma poi giunge Souther con il proprio esercito, più veloce di quello del Re di Hokuto perché motorizzato e inizia uno scontro tra i due maestri, durante il quale avviene il sacrificio di Sakuya, una delle protagoniste della serie, nel tentativo di fermarli. Lo scontro termina in parità, nonostante Souther tragga vantaggio dal segreto del proprio corpo per affondare i propri colpi: Raoul con un'onda energetica riesce a far perdere a Souther molto sangue, però il Sacro Imperatore provoca una profonda ferita con la Tecnica a Croce nel petto di Raoul. I due decidono quindi di rimandare il proprio scontro in un secondo momento, data l'inutilità di una loro duplice morte. Tutto questo è da collocarsi in un periodo imprecisato poco dopo l'apparizione di Rei nella saga di Ken il guerriero.

    Appare poi come protagonista nel manga parodistico Ken il guerriero: Ichigo Aji, dove viene reinterpretato come una figura comica e grottesca.

    Stile di combattimentoModifica

    Lo stile di Souther è unico in quanto basato esclusivamente sull'offensiva, sulla velocità e sull'utilizzo dello spirito combattivo: questo gli consente di portare violenti attacchi a velocità talmente elevata da non essere visto, addirittura di "planare" sul terreno e di essere così leggero da non poter essere intercettato da nessun corpo fisico quando colpisce in volo. I colpi dello stile della Fenice Mitologica sono potenti attacchi di taglio eseguiti con le braccia che lacerano e al tempo stesso spazzano via l'avversario. Nell'intera saga Souther è, insieme ad Han (il terzo generale della terra degli Asura), il combattente che si contraddistingue maggiormente per la rapidità dei suoi colpi.

    Souther è maestro del Pugno della Fenice Mitologica di Nanto (南斗鳳凰拳 Nanto Hōō Ken?), lo stile più micidiale della Sacra Scuola di Nanto, e Souther stesso è infatti il più potente in assoluto dei guerrieri Nanto della serie. Le tecniche di Souther rivelate nella serie sono:

    • Colpo a croce della Stella Principale (極星十字拳 Kyokusei Jūji Ken?): tramite un rapido movimento eseguito incrociando le braccia, si effettua un potente colpo di taglio che lacera profondamente l'avversario, formando tagli a forma di croce sul suo corpo.
    • Colpo del volo lontano: tecnica consistente in una serie di affondi a distanza eseguiti con le mani, creando così dei fendenti d'aria penetranti.
    • Croce della Fenice che vola nei cieli (天翔十字鳳 Tenshō Jūji Hō?): unica tecnica difensiva di Souther ed unica posizione statica dello stile, nonché sua tecnica più efficace. Può essere utilizzata solo quando il successore della scuola della Fenice Mitologica si trova di fronte un avversario di pari valore. Eseguita stando in piedi con le braccia aperte a formare una croce, rende il corpo talmente leggero da poter eludere facilmente gli attacchi dell'avversario, rispondendo con rapidissimi affondi eseguiti con le mai in grado di causare profonde e numerose lacerazioni.

    CuriositàModifica

    • Il suo nome è usato per indicare un potente vento che soffia da sud, in rimando alla tecnica della sua scuola Nanto.
    • Il suo aspetto fisico e l'armatura che indossa sembrano essere stati ispirati dal cantante metal Rob Halford quando era in gioventù.
    • Souther ha la peculiare caratteristica di avere tutti gli organi del corpo disposti specularmente rispetto alla norma, anomalia fisiologica realmente esistente e documentata col nome di Situs inversus: grazie a questa condizione anche la disposizione degli tsubo sul suo corpo risulta invertita. Questa caratteristica, che lui chiama "Armatura dell'Imperatore", gli conferisce il vantaggio di essere immune alle tecniche di Hokuto basate sul colpire i punti di pressione, almeno fintanto che l'avversario ignora il segreto del suo corpo.