Coppa Sudamericana

Torneo calcistico sudamericano maschile
(Reindirizzamento da Copa Sudamericana)

La CONMEBOL Sudamericana, anche nota come Copa Sudamericana, è un torneo internazionale di calcio per club organizzato ogni anno dalla CONMEBOL. Si tratta di una continuazione, e fusione, delle estinte Coppa CONMEBOL, Coppa Mercosur e Coppa Merconorte. Essa si disputa annualmente tra i mesi di febbraio e novembre, parallelamente alla Copa Libertadores (dal 2017, precedentemente si svolgeva nella seconda parte dell'anno).

CONMEBOL Sudamericana
Sport
TipoClub
FederazioneCONMEBOL
OrganizzatoreCONMEBOL
TitoloVincitore della Copa Sudamericana
CadenzaAnnuale
Aperturaluglio (preliminari), agosto (primo turno)
Partecipanti39 squadre
FormulaTurno preliminare, fase a gironi e in seguito gare andata e ritorno ad eliminazione diretta
Sito Internetconmebol.com
Storia
Fondazione2002
DetentoreLDU Quito
Record vittorieAthl. Paranaense
Boca Juniors
Independiente
Independiente del Valle
LDU Quito
(2 ex aequo)
Ultima edizioneCoppa Sudamericana 2023
Prossima edizioneCoppa Sudamericana 2024

Trofeo o riconoscimento

In seguito al declino della Copa CONMEBOL nel 1999, la competizione venne sostituita dalla Copa Merconorte e dalla Copa Mercosur, poi abolite nel 2001. Nacque quindi l'esigenza di dar vita a un torneo che comprendesse le squadre delle nazioni sudamericane e centroamericane[1]: nel 2002 nacque così la Copa Panamericana, poi rinominata Copa Sudamericana.

Dal 2003 al 2010 la casa automobilistica giapponese Nissan fu il partner ufficiale del torneo, sullo stile della Copa Toyota Libertadores, mentre nel 2011 e nel 2012 la competizione è stata sponsorizzata dalla Bridgestone. Dal 2013 lo sponsor ufficiale è diventato Total.

La prima edizione, disputatasi nel 2002, vide il successo degli argentini del San Lorenzo, che in finale sconfissero i colombiani dell'Atlético Nacional per 4-0. Il Boca Juniors è invece la squadra che ad oggi ha vinto più titoli: due, peraltro consecutivi (2004, 2005). Il club messicano del Pachuca, grazie al trionfo del 2006, è diventato il primo e, a oggi, unico capace di conquistare un torneo della CONMEBOL nonostante facesse parte della CONCACAF.

L'edizione del 2016 è stata cancellata prima della finale tra i colombiani dell'Atlético Nacional e i brasiliani della Chapecoense, in seguito al disastro aereo del 28 novembre 2016 che ha colpito questi ultimi (soli tre calciatori sopravvissuti); la CONMEBOL, di comune accordo con l'Atlético Nacional, ha poi deciso di assegnare la coppa alla Chapecoense.

Nell'edizione del 2019, la Conmebol ha istituito per la prima volta, un grande cambio di formato per quanto riguarda la finale della competizione, rendendola di sola andata a dispetto delle classiche finali di andata e ritorno sempre giocate sul suolo sudamericano. Tale modifica è stata apportata anche alla Copa Libertadores, ma non alla Recopa Sudamericana che dunque resterà l'unica competizione Conmebol con finali di andata e ritorno. La gara unica, giocata ad Asuncion, ha visto vincitrice l'Independiente del Valle contro il Colón (SF) per 3-1, laureandosi la seconda squadra ecuadoriana a vincere questo trofeo dopo la LDU Quito.

Formula

modifica

Ad ogni nazione viene assegnato un numero di posti determinato dal piazzamento finale nel proprio campionato maggiore, le squadre vengono scelte in base ad alcuni criteri: per invito (in passato), in base al rendimento nel primo semestre dell'anno oppure se si viene eliminati nei playoff della Coppa Libertadores, come accade per l'Europa League. Il Boca Juniors e il River Plate, le due squadre più popolari d'Argentina, hanno avuto, fino all'edizione del 2010, un posto assicurato nel torneo. La formula della competizione è cambiata nel corso degli anni fino a delineare, oggi, un turno preliminare, una fase a gironi e in seguito la fase ad eliminazione diretta delle restanti 16 squadre. La finale è uguale a quella della Coppa Libertadores, che prevede una partita di andata ed una di ritorno sui campi delle due contendenti. In caso di parità dopo i tempi regolamentari si va ai supplementari e in seguito ai tiri di rigore. Come in tutte le competizioni sudamericane, se, dopo la doppia sfida di andata e ritorno, tra due squadre, rimane una situazione di pareggio viene premiato il team che ha realizzato più gol in trasferta; tale norma non valeva per la finale, giocata in due partite fino al 2018. Dal 2019, come per la Copa Libertadores, la finale si gioca in gara unica ed in campo neutro.

Albo d'oro

modifica
Stagione Data Nazionalità della squadra vincitrice Vincitore
(numero vittorie)
Finalista perdente Risultato Sede della finale Spettatori
2002 27 novembre   Argentina San Lorenzo Atlético Nacional 0-4   Medellín - Stadio Atanasio Girardot 45 000
11 dicembre 0-0   Buenos Aires - Stadio Pedro Bidegain 40 779
2003 10 dicembre   Perù Cienciano River Plate 3-3   Buenos Aires - Stadio Monumental 65 000
19 dicembre 1-0   Arequipa - Stadio Monumental Virgen de Chapi 45 000
2004 8 dicembre   Argentina Boca Juniors Bolívar 1-0   La Paz - Stadio Hernando Siles 42 800
17 dicembre 2-0   Buenos Aires - La Bombonera 55 000
2005 6 dicembre   Argentina Boca Juniors (2) Pumas UNAM 1-1   Città del Messico - Stadio olimpico universitario
18 dicembre 1-1 (4-3 dtr)   Buenos Aires - La Bombonera
2006 29 novembre   Messico Pachuca Colo-Colo 1-1   Pachuca - Stadio Hidalgo 24 000
13 dicembre 2-1   Santiago del Cile - Stadio Nazionale del Cile 55 000
2007 30 novembre   Argentina Arsenal América 2-3   Città del Messico - Stadio Azteca
5 dicembre 1-2 (gfc)   Avellaneda - Stadio Juan Domingo Perón
2008 26 novembre   Brasile Internacional Estudiantes 0-1   La Plata - Stadio Città di La Plata
3 dicembre 1-1 (dts)   Porto Alegre - Stadio Beira-Rio 51 803
2009 25 novembre   Ecuador LDU Quito Fluminense 5-1   Quito - Stadio Rodrigo Paz Delgado 55 000
2 dicembre 3-0   Rio de Janeiro - Stadio Maracanã 65 822
2010 1 dicembre   Argentina Independiente Goiás 2-0   Goiânia - Stadio Serra Dourada 35 000
8 dicembre 3-1 (5-3 dtr)   Avellaneda - Stadio Libertadores de América
2011 8 dicembre   Cile Universidad de Chile LDU Quito 0-1   Quito - Stadio Rodrigo Paz Delgado 41 000
14 dicembre 3-0   Santiago del Cile - Stadio Nazionale del Cile 50 000
2012 5 dicembre   Brasile San Paolo Tigre 0-0   Buenos Aires - La Bombonera
12 dicembre 2-0[2]   San Paolo - Stadio Morumbi 67 042
2013 4 dicembre   Argentina Lanús Ponte Preta 1-1   San Paolo - Stadio Paulo Machado de Carvalho 28 959
11 dicembre 2-0   Lanus - Stadio Città di Lanús 40 000
2014 3 dicembre   Argentina River Plate Atlético Nacional 1-1   Medellín - Stadio Atanasio Girardot 44 412
10 dicembre 2-0   Buenos Aires - Stadio Monumental
2015 2 dicembre   Colombia Ind. Santa Fe Huracán 0-0   Buenos Aires - Stadio Tomás Adolfo Ducó
9 dicembre 0-0 (3-1 dtr)   Bogotà - Stadio Nemesio Camacho
2016 -   Brasile Chapecoense Atlético Nacional Assegnata d'ufficio[3] - -
2017 6 dicembre   Argentina Independiente (2) Flamengo 2-1   Avellaneda - Stadio Libertadores de América 45 000
13 dicembre 1-1   Rio de Janeiro - Stadio Maracanã 62 567
2018 5 dicembre   Brasile Athl. Paranaense Atlético Junior 1-1   Barranquilla - Stadio metropolitano Roberto Meléndez 38 094
12 dicembre 1-1 (4-3 dtr)   Curitiba - Stadio Joaquim Américo Guimarães 40 263
2019 9 novembre   Ecuador Independiente del Valle Colón (SF) 3-1   Asunción - Stadio General Pablo Rojas 44 828
2020 23 gennaio 2021   Argentina Defensa y Justicia Lanús 3-0   Córdoba - Stadio Mario Alberto Kempes 0
2021 20 novembre   Brasile Athl. Paranaense (2) RB Bragantino 1-0   Montevideo - Stadio del Centenario 20 000
2022 1 ottobre   Ecuador Independiente del Valle (2) San Paolo 2-0   Córdoba - Stadio Mario Alberto Kempes 24 683
2023 28 ottobre   Ecuador LDU Quito (2) Fortaleza 1-1 (4-3 dtr)   Maldonado - Stadio Domingo Burgueño

Statistiche

modifica

Vittorie per squadra

modifica
Squadra Vittorie Finali perse Anni vittorie Anni finali perse
  LDU Quito
2
1
  Athl. Paranaense
2
0
  Boca Juniors
2
0
  Independiente
2
0
  Independiente del Valle
2
0
  River Plate
1
1
  Lanús
1
1
  San Paolo
1
1
  San Lorenzo
1
0
  Cienciano
1
0
  Pachuca
1
0
  Arsenal
1
0
  Internacional
1
0
  Universidad de Chile
1
0
  Santa Fe
1
0
  Chapecoense
1
0
  Defensa y Justicia
1
0

Vittorie per nazione

modifica
Paese Finali vinte Finali perse
  Argentina 9 6
  Brasile 5 7
  Ecuador 4 1
  Colombia 1 4
  Messico 1 2
  Cile 1 1
  Perù 1 0
  Bolivia 0 1

Capocannonieri

modifica
Anno Calciatore Squadra Reti
2002   Rodrigo Astudillo
  Gonzalo Galindo
  Pierre Webó
  San Lorenzo
  Bolívar
  Nacional
4
2003   Germán Carty   Cienciano 6
2004   Horacio Chiorazzo   Bolívar 5
2005   Bruno Marioni   Pumas UNAM 7
2006   Humberto Suazo   Colo-Colo 10
2007   Ricardo Ciciliano   Millonarios 6
2008   Alex
  Nilmar
  Internacional 5
2009   Claudio Bieler   LDU Quito 8
2010   Rafael Moura   Goiás 8
2011   Eduardo Vargas   Universidad de Chile 11
2012   Michael Ríos
  Wason Rentería
  Fábio Renato
  Jonathan Fabbro
  Carlos Núñez
  Universidad Católica
  Millonarios
  LDU Loja
  Cerro Porteño
  Liverpool (M)
5
2013   Enner Valencia   Emelec 5
2014   Miller Bolaños
  Andrés Vilches
  Emelec
  Huachipato
5
2015   Wilson Morelo
  Ramón Ábila
  Miller Bolaños
  José Ariel Núñez
  Santa Fe
  Huracán
  Emelec
  Olimpia
5
2016   Miguel Borja
  Cecilio Domínguez
  Atlético Nacional
  Cerro Porteño
6
2017   Jhon Cifuente
  Felipe Vizeu
  Luis Miguel Rodríguez
  Universidad Católica
  Flamengo
  Atlético Tucumán
5
2018   Nicolás Benedetti
  Pablo
  Deportivo Cali
  Athl. Paranaense
5
2019   Silvio Romero   Independiente 5
2020   Braian Romero   Defensa y Justicia 10
2021   Agustín Álvarez Martínez   Peñarol 10
2022   Bernardo Cuesta   Melgar 8
2023   Gonzalo Mastriani   América MG 9
  1. ^ Al torneo hanno partecipato anche squadre della Major League Soccer (MLS), la massima divisione statunitense.
  2. ^ Partita interrotta e abbandonata al termine del primo tempo a causa di scontri negli spogliatoi durante l'intervallo. Verso la finale di Copa Sudamericana: 2012, la vergogna di San Paolo e il caso Tigre, su Footbola | Calcio internazionale, 21 gennaio 2021. URL consultato il 23 gennaio 2021.
  3. ^ A seguito dell'incidente aereo che ha provocato la scomparsa di numerosi membri della squadra della Chapecoense, la CONMEBOL ha deciso di assegnare il trofeo alla squadra brasiliana senza la disputa della finale.

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio