Giro d'Italia 2012

95ª edizione della corsa ciclistica

Il Giro d'Italia 2012, novantacinquesima edizione della manifestazione e valido come quindicesima prova dell'UCI World Tour 2012, si svolse in ventuno tappe dal 5 al 27 maggio 2012 per un totale di 3 505,1 km, con partenza da Herning (Danimarca) e arrivo a Milano. La vittoria fu appannaggio del canadese Ryder Hesjedal, che completò il percorso in 91h39'02", alla media di 38,244 km/h, precedendo lo spagnolo Joaquim Rodríguez e il belga Thomas De Gendt.

Italia Giro d'Italia 2012
Giro d'Italia 2012.png
Edizione95ª
Data5 maggio - 27 maggio
PartenzaHerning (DNK)
ArrivoMilano
Percorso3 505,1 km, 21 tappe
Tempo91h39'02"
Media38,244 km/h
Valida perUCI World Tour 2012
Classifica finale
PrimoCanada Ryder Hesjedal
SecondoSpagna Joaquim Rodríguez
TerzoBelgio Thomas De Gendt
Classifiche minori
PuntiSpagna Joaquim Rodríguez
MontagnaItalia Matteo Rabottini
GiovaniColombia Rigoberto Urán
Cronologia
Edizione precedenteEdizione successiva
Giro d'Italia 2011Giro d'Italia 2013

Sul traguardo di Milano 157 ciclisti, su 198 partiti da Herning, portarono a termine la competizione.

L'attrice Giorgia Würth, madrina dell'edizione 2012 del Giro.

PercorsoModifica

 
Il gruppo dei corridori durante un passaggio dell'11ª tappa (Assisi > Montecatini Terme)

Il percorso fu presentato ufficialmente il 16 ottobre 2011 a Milano. Il percorso del Giro, come quello del Tour de France, furono però entrambi inavvertitamente rivelati il 10 ottobre, prima delle rispettive presentazioni ufficiali del 16 e 18 ottobre.[1][2][3][4][5][6] Per la prima volta nella storia del Giro, la corsa prese il via in Danimarca. È stata la decima volta che la tappa iniziale si disputò fuori dall'Italia: l'ultima fu ad Amsterdam nel 2010. La partenza avvenne da Herning, dove si svolse una breve cronometro individuale. Il soggiorno danese continuò con altre due tappe, seguite dalla prima delle due giornate di riposo. Dopo il rientro in territorio italiano, la corsa ripartì da Verona con una cronometro a squadre. Come da tradizione l'arrivo finale fu fissato a Milano, con una crono individuale di 31,5 km.

Gli arrivi in salita furono sei: Rocca di Cambio, Lago Laceno (arrivo di tappa più meridionale), Cervinia, Pian dei Resinelli, Alpe di Pampeago, Passo dello Stelvio; quest'ultimo, incluso nella stessa tappa con l'ascesa del Mortirolo, fu la cima Coppi. Inizialmente, per tutti i sei arrivi in salita, non furono previsti gli abbuoni di tempo (di 20", 12" e 8" rispettivamente al primo, al secondo e al terzo classificato).[7] Successivamente si decise di non assegnare gli abbuoni di tappa solo per gli ultimi quattro arrivi in salita e per la tappa d'alta montagna che si è conclusa a Cortina d'Ampezzo. Oltre agli arrivi in alta quota, anche il traguardo di Assisi fu un GPM di 4ª categoria.

In ricordo di Wouter Weylandt, scomparso durante il Giro dell'anno precedente in seguito a una caduta nella discesa del passo del Bocco, non svenne assegnato il numero di gara 108, quello che indossava Weylandt, che si decise di ritirare. La maglia verde di miglior scalatore, istituita nel 1974, fu sostituita da questa edizione del Giro con la maglia azzurra,[8] cambio di colore voluto da Banca Mediolanum, nuovo sponsor della maglia.[9]

TappeModifica

Tappa Data Percorso km Vincitore di tappa Leader cl. generale
5 maggio Herning (DNK) > Herning (DNK)[10] (cron. individuale) 8,7   Taylor Phinney   Taylor Phinney
6 maggio Herning (DNK) > Herning (DNK) 206   Mark Cavendish   Taylor Phinney
7 maggio Horsens (DNK) > Horsens (DNK) 190   Matthew Goss   Taylor Phinney
8 maggio giorno di riposo
9 maggio Verona > Verona[11] (cron. a squadre) 33,2   Team Garmin-Barracuda   Ramūnas Navardauskas
10 maggio Modena > Fano 209   Mark Cavendish   Ramūnas Navardauskas
11 maggio Urbino > Porto Sant'Elpidio 210   Miguel Ángel Rubiano   Adriano Malori
12 maggio Recanati > Rocca di Cambio 205   Paolo Tiralongo   Ryder Hesjedal
13 maggio Sulmona > Lago Laceno 229   Domenico Pozzovivo   Ryder Hesjedal
14 maggio San Giorgio del Sannio > Frosinone 166   Francisco Ventoso   Ryder Hesjedal
10ª 15 maggio Civitavecchia > Assisi 186   Joaquim Rodríguez   Joaquim Rodríguez
11ª 16 maggio Assisi > Montecatini Terme 255   Roberto Ferrari   Joaquim Rodríguez
12ª 17 maggio Seravezza > Sestri Levante 155   Lars Bak   Joaquim Rodríguez
13ª 18 maggio Savona > Cervere 121   Mark Cavendish   Joaquim Rodríguez
14ª 19 maggio Cherasco > Cervinia 209   Andrey Amador   Ryder Hesjedal
15ª 20 maggio Busto Arsizio > Pian dei Resinelli 169   Matteo Rabottini   Joaquim Rodríguez
21 maggio giorno di riposo
16ª 22 maggio Limone sul Garda > Falzes 173   Ion Izagirre   Joaquim Rodríguez
17ª 23 maggio Falzes > Cortina d'Ampezzo 186   Joaquim Rodríguez   Joaquim Rodríguez
18ª 24 maggio San Vito di Cadore > Vedelago 149   Andrea Guardini   Joaquim Rodríguez
19ª 25 maggio Treviso > Alpe di Pampeago 198   Roman Kreuziger   Joaquim Rodríguez
20ª 26 maggio Caldes > Passo dello Stelvio 219   Thomas De Gendt   Joaquim Rodríguez
21ª 27 maggio Milano > Milano[12] (cron. individuale) 28,2   Marco Pinotti   Ryder Hesjedal
Totale 3 505,1

Squadre e corridori partecipantiModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Partecipanti al Giro d'Italia 2012.

Alla competizione presero parte 22 squadre: le diciotto iscritte all'UCI ProTeam e le 4 UCI Professional Continental Team, per un totale di 198 corridori al via.

N. Cod. Squadra
1-9 LAM   Lampre-ISD
11-19 ALM   AG2R La Mondiale
21-29 AND   Androni-Venezuela
31-39 AST   Astana Pro Team
41-49 BMC   BMC Racing Team
51-59 COG   Colnago-CSF Inox
61-69 EUS   Euskaltel-Euskadi
71-79 FAR   Farnese Vini-Selle Italia
81-89 FDJ   FDJ-BigMat
91-99 GRM   Team Garmin-Barracuda
100-109 OGE   Orica-GreenEDGE
N. Cod. Squadra
111-119 KAT   Katusha Team
121-129 LIQ   Liquigas-Cannondale
131-139 LTB   Lotto-Belisol Team
141-149 MOV   Movistar Team
150-158 OPQ   Omega Pharma-Quickstep
161-169 RAB   Rabobank Cycling Team
171-179 RNT   RadioShack-Nissan
181-189 SKY   Sky Procycling
191-199 APP   Team NetApp
201-209 SBS   Team Saxo Bank
211-219 VCD   Vacansoleil-DCM

Resoconto degli eventiModifica

 
Lo spagnolo Joaquim Rodríguez, a lungo maglia rosa di quest'edizione.

Il Giro del 2012, il primo con a capo Michele Acquarone, prese il via dalla Danimarca, con la cronometro di Herning[10]. Già alla vigilia sembrava che questa edizione dovesse essere molto combattuta, a causa del gran numero di "big" alla partenza, ma anche per l'assenza di un favorito d'obbligo, dopo la squalifica dello spagnolo Alberto Contador, e per la presenza di tappe impegnative come quelle di Porto Sant'Elpidio, di Pian dei Resinelli, dell'Alpe di Pampeago (scalata due volte nel corso di una stessa tappa) e del Passo dello Stelvio. Partecipano Damiano Cunego (vincitore nel 2004), Ivan Basso (vincitore nel 2006 e nel 2010), il campione in carica Michele Scarponi e il vincitore della classifica giovani del 2011 Roman Kreuziger: alla vigilia i favoriti per la vittoria finale sono proprio loro[13], insieme a Joaquim Rodríguez, reduce da una buona campagna del nord[14], a Fränk Schleck, chiamato all'ultimo momento[15], e a John Gadret[16]. Per gli arrivi in volata il favorito era invece il campione del mondo in carica Mark Cavendish[14]; sono comunque al via anche Tyler Farrar, Matthew Goss, Mark Renshaw e Daniele Bennati.

 
Il canadese Ryder Hesjedal

La cronometro iniziale venne vinta dal giovane statunitense Taylor Phinney: sua fu anche la prima maglia rosa. Le altre due tappe danesi, caratterizzate dal forte vento, si risolsero con delle volate di gruppo, vinte l'una da Mark Cavendish[17], l'altra dall'australiano Matthew Goss. Dopo il trasferimento la prima tappa italiana fu la cronometro a squadre di Verona, dove vinse il Team Garmin-Barracuda. Phinney dovette cedere il primato dopo il deludente decimo posto della sua BMC Racing Team (incide comunque un errore in curva dello stesso Phinney): la rosa passò sulle spalle del giovane lituano della Garmin Ramūnas Navardauskas[18]. Dopo la volata vinta da Cavendish a Fano e la tappa di Porto Sant'Elpidio, con la vittoria di Miguel Ángel Rubiano, Navardauskas lasciò la leadership della generale all'italiano Adriano Malori, tra i fuggitivi della frazione di Porto Sant'Elpidio.

L'atleta della Lampre-ISD deve però abdicò dopo un solo giorno, a Rocca di Cambio, quando trionfò Paolo Tiralongo: la maglia rosa divenne il canadese Ryder Hesjedal, terzo in classifica 24 ore prima[19]. Dopo Rocca di Cambio seguirono i successi di Domenico Pozzovivo a Lago Laceno, e di Francisco Ventoso in volata a Frosinone. Ad Assisi la maglia rosa cambiò proprietario: Joaquim Rodríguez, che ottenne il successo di tappa. Alla tappa di Assisi seguirono due volate di gruppo (successi per Ferrari e ancora per Cavendish) e, nella tappa semipianeggiante di Sestri Levante, si impose Lars Bak, dopo una lunga fuga[20]. Il giorno dopo, sul Cervino (vittoria di Andrey Amador), Ryder Hesjedal si riprese la maglia rosa: nell'occasione, dopo aver resistito agli attacchi degli altri big, si rese a sua volta protagonista di un attacco, grazie al quale si riportò provvisoriamente in testa alla classifica[21].

Il giorno successivo Matteo Rabottini fu l'eroe di Pian dei Resinelli: dopo una lunghissima fuga solitaria l'atleta pescarese, riuscì a rispondere all'aggancio di Rodríguez, avvenuto all'ultimo chilometro, e a superarlo in una volata a due sulle ultime rampe. Quel giorno Hesjedal non in condizione, perse diversi secondi, nonché il simbolo del primato, che tornò sulle spalle dello spagnolo della Katusha[22]. La tappa di Falzes vide andare in porto la fuga, con la vittoria di Ion Izagirre. Nella frazione di Cortina d'Ampezzo, Roman Kreuziger perse ben 11 minuti, venendo estromesso definitivamente dalla parte alta della classifica. Quel giorno anche il campione in carica Scarponi fu in difficoltà (per una crisi di crampi), riuscendo però a ricongiungersi al gruppetto dei migliori, formato da Basso, Rodríguez, Hesjedal, Urán e Pozzovivo. Fu comunque Rodríguez a portarsi a casa la tappa, precedendo Ivan Basso.

 
Hesjedal alza la coppa del vincitore a Milano

Dopo la volata di Vedelago, vinta da Andrea Guardini, si arrivò alle due tappe decisive. Sull'Alpe di Pampeago trionfò Kreuziger, mentre per la generale fu Ryder Hesjedal a guadagnare terreneo, staccando tutti con uno allungo negli ultimi chilometri.[23]. Sullo Stelvio avvenne l'impresa dell'outsider Thomas De Gendt: il belga uscì dal gruppo sulla salita del Mortirolo, si riportò sui fuggitivi di giornata e vinse in solitaria a quota 2757 m s.l.m., sulla Cima Coppi del Giro 2012. Con questa azione riuscì inoltre a risalire dall'ottava alla quarta posizione in classifica generale. Dietro di lui solo Hesjedal tirò per riavvicinarsi, salvo poi essere staccato all'ultimo chilometro da Rodríguez e da Scarponi: ciò nonostante il canadese perse solo 13 secondi dalla maglia rosa, restando in lizza per il successo finale[24].

Nella cronometro conclusiva di Milano, vinta da Marco Pinotti, De Gendt scavalcò Scarponi salendo sul terzo gradino del podio, mentre Hesjedal riuscì a guadagnare 47 secondi sul diretto avversario Rodríguez, superandolo in classifica e aggiudicandosi così, per soli 16 secondi, la novantacinquesima edizione della Corsa Rosa[25].

Dettagli delle tappeModifica

1ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Taylor Phinney BMC Racing 10'26"
2   Geraint Thomas Sky a 9"
3   Alex Rasmussen Garmin a 13"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Taylor Phinney BMC Racing 10'26"
2   Geraint Thomas Sky a 9"
3   Alex Rasmussen Garmin a 13"


2ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Mark Cavendish Sky 4h53'12"
2   Matthew Goss Orica s.t.
3   Geoffrey Soupe FDJ s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Taylor Phinney BMC Racing 5h03'38"
2   Geraint Thomas Sky a 9"
3   Alex Rasmussen Garmin a 13"

3ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Matthew Goss Orica 4h20'53"
2   Juan José Haedo Saxo Bank s.t.
3   Tyler Farrar Garmin s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Taylor Phinney BMC Racing 9h24'31"
2   Geraint Thomas Sky a 9"
3   Alex Rasmussen Garmin a 13"

4ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Squadra Tempo
1   Team Garmin-Barracuda 37'04"
2   Katusha Team a 5"
3   Astana Pro Team a 22"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Ram. Navardauskas Garmin 10h01'33"
2   Tyler Farrar Garmin a 10"
3   Robert Hunter Garmin s.t.

5ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Mark Cavendish Sky 4h43'15"
2   Matthew Goss Orica s.t.
3   Daniele Bennati RadioShack s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Ram. Navardauskas Garmin 14h43'15"
2   Robert Hunter Garmin a 5"
3   Ryder Hesjedal Garmin a 11"

6ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Miguel Á. Rubiano Androni 5h38'30"
2   Adriano Malori Lampre a 1'10"
3   Michał Gołaś Omega Ph. s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Adriano Malori Lampre 20h25'28"
2   Michał Gołaś Omega Ph. a 15"
3   Ryder Hesjedal Garmin a 17"

7ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Paolo Tiralongo Astana 5h51'03"
2   Michele Scarponi Lampre-ISD s.t.
3   Fränk Schleck RadioShack a 3"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Ryder Hesjedal Garmin 26h16'53"
2   Paolo Tiralongo Astana a 15"
3   Joaquim Rodríguez Katusha a 17"

8ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Domenico Pozzovivo Colnago 6h06'06"
2   Beñat Intxausti Movistar a 23"
3   Joaquim Rodríguez Katusha a 27"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Ryder Hesjedal Garmin 32h23'25"
2   Joaquim Rodríguez Katusha a 9"
3   Paolo Tiralongo Astana a 15"


9ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Francisco Ventoso Movistar 3h39'15"
2   Fabio Felline Androni s.t.
3   Giacomo Nizzolo RadioShack s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Ryder Hesjedal Garmin 36h02'40"
2   Joaquim Rodríguez Katusha a 9"
3   Paolo Tiralongo Astana a 15"

10ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Joaquim Rodríguez Katusha 4h25'05"
2   Bartosz Huzarski NetApp a 2"
3   Giovanni Visconti Movistar s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Joaquim Rodríguez Katusha 40h27'34"
2   Ryder Hesjedal Garmin a 17"
3   Paolo Tiralongo Astana a 32"

11ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Roberto Ferrari Androni 6h49'05"
2   Francesco Chicchi Omega Ph. s.t.
3   Tomas Vaitkus Orica s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Joaquim Rodríguez Katusha 47h16'39"
2   Ryder Hesjedal Garmin a 17"
3   Paolo Tiralongo Astana a 32"

12ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Lars Bak Lotto 3h58'55"
2   Sandy Casar FDJ a 11"
3   Andrey Amador Movistar s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Joaquim Rodríguez Katusha 51h19'08"
2   Ryder Hesjedal Garmin a 17"
3   Sandy Casar FDJ a 26"

13ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Mark Cavendish Sky 3h02'07"
2   Alexander Kristoff Katusha s.t.
3   Mark Renshaw Rabobank s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Joaquim Rodríguez Katusha 54h21'15"
2   Ryder Hesjedal Garmin a 17"
3   Sandy Casar FDJ a 26"

14ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Andrey Amador Movistar 5h33'36"
2   Jan Bárta NetApp s.t.
3   Aless. De Marchi Androni a 2"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Ryder Hesjedal Garmin 59h55'28"
2   Joaquim Rodríguez Katusha a 7"
3   Paolo Tiralongo Astana a 41"

15ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Matteo Rabottini Farnese Vini 5h15'30"
2   Joaquim Rodríguez Katusha s.t.
3   Alberto Losada Katusha a 23"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Joaquim Rodríguez Katusha 65h11'07"
2   Ryder Hesjedal Garmin a 30"
3   Ivan Basso Liquigas a 1'22"

16ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Ion Izagirre Euskaltel 4h02'00"
2   Aless. De Marchi Androni a 16"
3   Stef Clement Rabobank s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Joaquim Rodríguez Katusha 69h22'04"
2   Ryder Hesjedal Garmin a 30"
3   Ivan Basso Liquigas a 1'22"

17ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Joaquim Rodríguez Katusha 5h24'42"
2   Ivan Basso Liquigas s.t.
3   Ryder Hesjedal Garmin s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Joaquim Rodríguez Katusha 74h46'46"
2   Ryder Hesjedal Garmin a 30"
3   Ivan Basso Liquigas a 1'22"

18ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Andrea Guardini Farnese Vini 3h00'52"
2   Mark Cavendish Sky s.t.
3   Roberto Ferrari Androni s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Joaquim Rodríguez Katusha 77h47'38"
2   Ryder Hesjedal Garmin a 30"
3   Ivan Basso Liquigas a 1'22"

19ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Roman Kreuziger Astana 6h18'03"
2   Ryder Hesjedal Garmin a 19"
3   Joaquim Rodríguez Katusha a 32"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Joaquim Rodríguez Katusha 84h06'13"
2   Ryder Hesjedal Garmin a 17"
3   Michele Scarponi Lampre a 1'39"


20ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Thomas De Gendt Vacansoleil 6h54'41"
2   Damiano Cunego Lampre a 56"
3   Mikel Nieve Euskaltel a 2'50"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Joaquim Rodríguez Katusha 91h04'16"
2   Ryder Hesjedal Garmin a 31"
3   Michele Scarponi Lampre a 1'51"

21ª tappaModifica

 
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Marco Pinotti BMC Racing 33'06"
2   Geraint Thomas Sky a 39"
3   Jesse Sergent RadioShack a 53"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Ryder Hesjedal Garmin 91h39'02"
2   Joaquim Rodríguez Katusha a 16"
3   Thomas De Gendt Vacansoleil a 1'39"

Evoluzione delle classificheModifica

Tappa Vincitore Classifica generale
Maglia rosa
Classifica a punti
Maglia rossa
Classifica scalatori
Maglia azzurra
Classifica miglior giovane
Maglia bianca
Trofeo Fast Team Trofeo Super Team
Taylor Phinney Taylor Phinney Taylor Phinney non assegnata Taylor Phinney Team Garmin-Barracuda Team Garmin-Barracuda
Mark Cavendish Mark Cavendish Alfredo Balloni
Matthew Goss Matthew Goss
Team Garmin-Barracuda Ramūnas Navardauskas Ramūnas Navardauskas
Mark Cavendish
Miguel Ángel Rubiano Adriano Malori Miguel Ángel Rubiano Adriano Malori
Paolo Tiralongo Ryder Hesjedal Peter Stetina
Domenico Pozzovivo Damiano Caruso Liquigas-Cannondale
Francisco Ventoso
10ª Joaquim Rodríguez Joaquim Rodríguez
11ª Roberto Ferrari Mark Cavendish
12ª Lars Bak Michał Gołaś Movistar Team
13ª Mark Cavendish
14ª Andrey Amador Ryder Hesjedal Rigoberto Urán
15ª Matteo Rabottini Joaquim Rodríguez Matteo Rabottini Sergio Henao
16ª Ion Izagirre
17ª Joaquim Rodríguez Rigoberto Urán
18ª Andrea Guardini
19ª Roman Kreuziger
20ª Thomas De Gendt Joaquim Rodríguez Lampre-ISD
21ª Marco Pinotti Ryder Hesjedal
Classifiche finali Ryder Hesjedal Joaquim Rodríguez Matteo Rabottini Rigoberto Urán Lampre-ISD Team Garmin-Barracuda
Maglie indossate da altri ciclisti in caso di due o più maglie vinte
Tappa Traguardi Volanti Combattività Azzurri d'Italia Premio Fuga Fair Play
non assegnato Taylor Phinney Taylor Phinney non assegnato BMC Racing Team
Miguel Ángel Rubiano Mark Cavendish Alfredo Balloni Sky Procycling
Matthew Goss Matthew Goss
Team Garmin-Barracuda
Olivier Kaisen Olivier Kaisen
Miguel Ángel Rubiano Lampre-ISD
Reto Hollenstein Team Garmin-Barracuda
Martijn Keizer
10ª Miguel Mínguez Katusha Team
11ª Mark Cavendish Olivier Kaisen
12ª
13ª Mark Cavendish Martijn Keizer
14ª Olivier Kaisen
15ª
16ª
17ª
18ª Liquigas-Cannondale
19ª Astana Pro Team
20ª Omega Pharma-Quickstep
21ª

Classifiche finaliModifica

Classifica generale - Maglia rosaModifica

 
La premiazione di Ryder Hesjedal a Milano, primo trionfo di un canadese al Giro d'Italia
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Ryder Hesjedal Garmin 91h39'02"
2   Joaquim Rodríguez Katusha a 16"
3   Thomas De Gendt Vacansoleil a 1'39"
4   Michele Scarponi Lampre a 2'05"
5   Ivan Basso Liquigas a 3'44"
6   Damiano Cunego Lampre a 4'40"
7   Rigoberto Urán Sky a 5'57"
8   Domenico Pozzovivo Colnago a 6'28"
9   Sergio Henao Sky a 7'50"
10   Mikel Nieve Euskaltel a 8'08"

Classifica a punti - Maglia rossaModifica

Pos. Corridore Squadra Punti
1   Joaquim Rodríguez Katusha 139
2   Mark Cavendish Sky 138
3   Ryder Hesjedal Garmin 113
4   Michele Scarponi Lampre 81
5   Domenico Pozzovivo Colnago 80

Classifica scalatori - Maglia azzurraModifica

Pos. Corridore Squadra Punti
1   Matteo Rabottini Farnese Vini 84
2   Stefano Pirazzi Colnago 44
3   Andrey Amador Movistar 43
4   Michał Gołaś Omega Ph. 34
5   Domenico Pozzovivo Colnago 26

Classifica giovani - Maglia biancaModifica

Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Rigoberto Urán Sky 91h44'59"
2   Sergio Henao Sky a 1'53"
3   Gianluca Brambilla Colnago a 8'23"
4   Diego Ulissi Lampre a 31'20"
5   Damiano Caruso Liquigas a 43'48"

Classifica a squadre - Trofeo Fast TeamModifica

Pos. Squadra Tempo
1   Lampre-ISD 274h19'46"
2   Movistar Team a 10'53"
3   Sky Procycling a 37'07"
4   Astana Pro Team a 43'12"
5   Team Garmin-Barracuda a 51'52"

Classifica a squadre - Trofeo Super TeamModifica

Pos. Squadra Punti
1   Team Garmin-Barracuda 363
2   Sky Procycling 345
3   Katusha Team 301
4   Colnago-CSF Inox 253
5   Omega Pharma-Quickstep 244

Punteggi UCIModifica

Pos. Corridore Squadra Punti
1   Ryder Hesjedal Garmin 185
2   Joaquim Rodríguez Katusha Team 182
3   Thomas De Gendt Vacansoleil 119
4   Michele Scarponi Lampre-ISD 103
5   Ivan Basso Liquigas 88
6   Damiano Cunego Lampre-ISD 78
7   Rigoberto Urán Sky Procycling 62
8   Mark Cavendish Sky Procycling 58
9   Sergio Henao Sky Procycling 46
10   Mikel Nieve Euskaltel 42
11   John Gadret AG2R La Mond. 33
12   Matthew Goss Orica-GreenE. 32
13   Roman Kreuziger Astana 30
14   Dario Cataldo Omega Pharma 27
15   Andrey Amador Movistar Team 20
16   Johann Tschopp BMC Racing 18
17   Paolo Tiralongo Astana 17
18   Lars Bak Lotto-Belisol 16
  Jon Izagirre Euskaltel 16
  Taylor Phinney BMC Racing 16
  Marco Pinotti BMC Racing 16
  Geraint Thomas Sky Procycling 16
  Francisco Ventoso Movistar Team 16
24   Hubert Dupont AG2R La Mond. 10
25   Marzio Bruseghin Movistar Team 8
  Sandy Casar FDJ-BigMat 8
  Francesco Chicchi Omega Pharma 8
  Juan José Haedo Saxo Bank 8
  Beñat Intxausti Movistar Team 8
  Alexander Kristoff Katusha Team 8
  Adriano Malori Lampre-ISD 8
32   Tyler Farrar Garmin 6
  Sergio Pardilla Movistar Team 6
  Alex Rasmussen Garmin 6
35   Mark Renshaw Rabobank 5
36   Daniele Bennati RadioShack 4
  Stef Clement Rabobank 4
  Francis De Greef Lotto-Belisol 4
  Michał Gołaś Omega Pharma 4
  Robert Hunter Garmin 4
  Alberto Losada Katusha Team 4
  Giacomo Nizzolo RadioShack 4
  Fränk Schleck RadioShack 4
  Jesse Sergent RadioShack 4
  Geoffrey Soupe FDJ-BigMat 4
  Tomas Vaitkus Orica-GreenE. 4
  Giovanni Visconti Movistar Team 4
48   Jan Bakelants RadioShack 2
  Manuele Boaro Saxo Bank 2
  Damiano Caruso Liquigas 2
  Arnaud Démare FDJ-BigMat 2
  Aleksandr D'jačenko Astana 2
  Mathias Frank BMC Racing 2
  Daniel Moreno Katusha Team 2
55   Manuel Belletti AG2R La Mond. 1
  Lucas Sebastián Haedo Saxo Bank 1
  José Herrada Movistar Team 1
  Gustav Larsson Vacansoleil 1
  Ivan Santaromita BMC Racing 1
Pos. Nazione Punti
1   Italia 313
2   Spagna 264
3   Canada 185
4   Belgio 125
5   Colombia 108
6   Regno Unito 74
7   Francia 57
8   Australia 37
9   Rep. Ceca 30
10   Danimarca 22
  Stati Uniti 22
12   Costa Rica 20
  Svizzera 20
14   Argentina 9
15   Norvegia 8
16   Lituania 4
  Lussemburgo 4
  Nuova Zelanda 4
  Paesi Bassi 4
  Polonia 4
  Sudafrica 4
22   Kazakistan 2
23   Svezia 1

NoteModifica

  1. ^ Il tracciato del Tour è stato svelato per un errore del sito web ufficiale della Grande Boucle, mentre il percorso del Giro è stato svelato dal sito del giornalista Michele Bufalino, dopo che era rimasto in chiaro sulla versione inglese del sito della Gazzetta dello Sport, e oscurato nelle ore successive.
  2. ^ Tour de France, che gaffe Svelato percorso 2012, in La Repubblica, 10 ottobre 2011. URL consultato il 10-10-2011.
  3. ^ Giro e Tour, che mistero In rete i percorsi 2012, in La Gazzetta dello Sport, 10 ottobre 2011. URL consultato il 10-10-2011.
  4. ^ Svelato in anteprima il percorso ufficiale del Giro 2012!. URL consultato il 10-10-2011.
  5. ^ In fuga ci vanno le notizie Giro e Tour svelati dalla rete, in La Stampa, 11 ottobre 2011. URL consultato l'11-10-2011 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2011).
  6. ^ Tour y Giro, revelados, in El Mundo, 11 ottobre 2011. URL consultato l'11-10-2011.
  7. ^ Simon Mari, Giro 2012, niente più abbuoni negli arrivi in quota, in spaziociclismo.it, 28 marzo 2012. URL consultato il 28-3-2012.
  8. ^ Giro, ecco le nuove maglie Basta verde, c'è l'azzurra, in Gazzetta.it. URL consultato il 17 aprile 2012.
  9. ^ (EN) Blue Mountains Jersey For 2012 Giro D'Italia, in Cycling News, 17 dicembre 2011. URL consultato il 5 maggio 2015.
  10. ^ a b c 1ª tappa, su gazzetta.it. URL consultato il 25 giugno 2019.
  11. ^ a b 4ª tappa, su gazzetta.it. URL consultato il 25 giugno 2019.
  12. ^ a b 21ª tappa, su gazzetta.it. URL consultato il 25 giugno 2019.
  13. ^ Antonino Morici, Giro: si parte con la crono ad Herning Basso: "Darò tutto per la rosa", in www.gazzetta.it, 4 maggio 2012. URL consultato il 29 maggio 2012.
  14. ^ a b Antonino Morici, Giro, -1 alla cronometro di Herning Schleck: "Sono felice di essere qui", in www.gazzetta.it, 3 maggio 2012. URL consultato il 29 maggio 2012.
  15. ^ Ciro Scognamiglio, Frank Schleck sarà al Giro "Una grande opportunità", in www.gazzetta.it, 28 aprile 2012. URL consultato il 29 maggio 2012.
  16. ^ Angelo Costa, Giro d'Italia 2012: parlano i favoriti, in qn.quotidiano.net, 3 maggio 2012. URL consultato il 29 maggio 2012.
  17. ^ Luca Gialanella, Cavendish piazza il colpo Phinney conserva la rosa, in www.gazzetta.it, 6 maggio 2012. URL consultato il 6 giugno 2012.
  18. ^ Luca Gialanella, Cronosquadre, colpaccio Garmin Navardauskas nuova maglia rosa, in www.gazzetta.it, 9 maggio 2012. URL consultato il 6 giugno 2012.
  19. ^ Luca Gialanella, Tiralongo batte Scarponi. Hesjedal nuova maglia rosa, in www.gazzetta.it, 12 maggio 2012. URL consultato il 6 giugno 2012.
  20. ^ Luca Gialanella, La dodicesima di Bak Rodriguez salva la rosa, in www.gazzetta.it, 17 maggio 2012. URL consultato il 6 giugno 2012.
  21. ^ Luca Gialanella, Amador svetta a Cervinia. Hesjedal riprende la rosa, in www.gazzetta.it, 19 maggio 2012. URL consultato il 6 giugno 2012.
  22. ^ Luca Gialanella, Rabottini da pelle d'oca Rodriguez rosa, Basso 3°, in www.gazzetta.it, 20 maggio 2012. URL consultato il 6 giugno 2012.
  23. ^ Luca Gialanella, Vola Kreuziger, Purito salva la rosa Ma fa paura la "lezione" di Hesjedal, in www.gazzetta.it, 25 maggio 2012. URL consultato il 6 giugno 2012.
  24. ^ Luca Gialanella, De Gendt fa il pirata sullo Stelvio Rodriguez rosa, si decide domani, in www.gazzetta.it, 26 maggio 2012. URL consultato il 6 giugno 2012.
  25. ^ Hesjedal ha vinto il Giro d'Italia. Rodriguez 2° a 16", De Gendt 3°, in www.gazzetta.it, 27 maggio 2012. URL consultato il 6 giugno 2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo