Apri il menu principale

Adriano Malori

ciclista su strada e pistard italiano
Adriano Malori
Adriano Malori VPV 2013 (Cropping).jpg
Adriano Malori alla Vuelta al País Vasco 2013
Nazionalità Italia Italia
Altezza 182 cm
Peso 68 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada, pista
Ritirato 10 luglio 2017
Carriera
Squadre di club
2007-2008Filmop
2009Bottoli
2009Lamprestagista
2010-2013Lampre
2014-2017Movistar
Nazionale
2008- Italia Italia
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali su strada
Oro Varese 2008 Crono U23
Bronzo Richmond 2015 Crono a sq.
Argento Richmond 2015 Crono Elite
Wikiproject Europe (small).svg Europei su strada
Bronzo Valkenburg 2006 Crono Jrs
Bronzo Sofia 2007 Crono U23
Oro Stresa 2008 Crono U23
Gold medal mediterranean.svg Giochi del Mediterraneo
Oro Pescara 2009 Crono
Statistiche aggiornate al gennaio 2018

Adriano Malori (Parma, 28 gennaio 1988) è un ex ciclista su strada e pistard italiano. Campione del mondo Under-23 a cronometro nel 2008, è stato professionista dal 2010 al 2017. In carriera ha vinto tre titoli nazionali Elite a cronometro e la medaglia d'argento di specialità ai campionati del mondo 2015 di Richmond.

CarrieraModifica

Gli esordiModifica

Nel 1995 cominciò a correre nella categoria Giovanissimi. Nel 2002, tra gli Esordienti, vinse il GP Fabbi Imola all'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola[1]. Nel 2003, nella categoria Allievi, arrivò la prima vittoria di prestigio nella Lugo-San Marino, competizione in cui sfiorò il successo anche l'anno successivo, quando giunse secondo. La prima vittoria della categoria Juniores risale invece al 2005, con il primo posto conquistato nel Memorial Leonardo Massaro. Già l'anno seguente Malori vinse il primo campionato italiano Juniores a cronometro, in Friuli-Venezia Giulia, arrivando inoltre secondo nella gara su strada della medesima categoria. A Valkenburg aan de Geul giunse terzo nella cronometro individuale del campionato europeo su strada.

Nel 2007 passò nella categoria Under-23 e si riconfermò campione italiano a cronometro a Novi Ligure; si classificò inoltre terzo, nella stessa specialità, al campionato europeo a Sofia. Nel 2008 confermò la supremazia nelle gare contro il tempo tra gli Under-23, vincendo il titolo italiano a Bergamo, quello europeo a Stresa e quello mondiale a Varese. L'anno dopo ottenne un'altra affermazione aggiudicandosi la medaglia d'oro della cronometro individuale ai Giochi del Mediterraneo a Pescara.

2010-2013: gli anni alla LampreModifica

Nel 2010 passa professionista con la Lampre-Farnese Vini; in luglio partecipa al Tour de France, classificandosi ultimo a circa quattro ore e mezza dal vincitore Alberto Contador. L'anno dopo ottiene la sua prima vittoria da professionista in una tappa a cronometro della Settimana Internazionale di Coppi e Bartali. Sempre nello stesso anno diventa campione italiano élite a cronometro. Partecipa poi al Tour de France, e al termine della sesta tappa, con arrivo a Lisieux, si aggiudica il premio di combattivo di giornata grazie ad una fuga di 220 km (solitaria nell'ultima parte) esauritasi a pochi chilometri dall'arrivo.

Nel 2012 veste la maglia rosa al termine della sesta tappa del Giro d'Italia con arrivo a Porto Sant'Elpidio, in cui si classifica secondo, tenendo però il primato per un solo giorno. Giunge inoltre al secondo posto dietro a Dario Cataldo ai campionati italiani a cronometro; in stagione non ottiene successi. Nel 2013 vince la cronometro nella quarta tappa della Settimana Internazionale di Coppi e Bartali. A maggio fa sua la quarta tappa a Schierling sempre a cronometro, conquistando così la classifica generale della Bayern-Rundfahrt diventando il primo italiano a vincere la breve corsa a tappe tedesca.

Dal 2014: MovistarModifica

Nel 2014 si trasferisce al Movistar Team; in stagione diventa campione nazionale élite a cronometro per la seconda volta in carriera. Nello stesso anno ottiene la prima vittoria all'interno del circuito World Tour, nella cronometro di San Benedetto del Tronto alla Tirreno-Adriatico, il primo successo in linea, nella tappa conclusiva della Route du Sud, e la prima tappa di un grande Giro, conquistando la cronometro finale della Vuelta a España.

Nel giugno 2015 si conferma campione italiano a cronometro, partecipando poi al Tour de France in appoggio ai capitani Nairo Quintana e Alejandro Valverde. A settembre è al via della prova inaugurale dei campionati mondiali di ciclismo, la cronometro a squadre, dove conquista il bronzo con la Movistar. Tre giorni dopo, è al via della prova a cronometro individuale, partendo come un outsider nei confronti dei più quotati Tony Martin, Tom Dumoulin e Rohan Dennis. Grazie ad un'ottima prova, e complici le cattive prestazioni dei favoriti, conquista la medaglia d'argento con soli 9" di ritardo dal vincitore, il bielorusso Vasil' Kiryenka, dopo una gara in rimonta. Grazie a questa medaglia riporta l'Italia sul podio iridato di specialità 21 anni dopo Andrea Chiurato.[2]

Dal 2016: il grave infortunio e il ritiroModifica

Il 22 gennaio 2016, mentre è impegnato al Tour de San Luis, cade rovinosamente a terra battendo violentemente la testa tanto da finire in coma farmacologico[3]. Il recupero dall'incidente è lungo e difficoltoso e solo a settembre, al Grand Prix Cycliste de Québec, riesce a rientrare in gara.

Il ritorno alle gare dura meno di tre settimane: durante la Milano-Torino, a circa 50 km dal traguardo, è coinvolto in una caduta rompendosi una clavicola[4]. Si conclude così la sua travagliata stagione agonistica 2016.

Nel 2017 cerca di rientrare alle corse ma con scarsi successi, ritirandosi ad entrambe le gare a cui partecipa. Il 10 luglio, durante il primo giorno di riposo del Tour de France, annuncia il proprio ritiro dall'attività agonistica.[5]

Dal 2017: la rinascita

Ritiratosi dalle competizioni, prosegue la sua carriera nelle due ruote scendendo, letteralmente, dai pedali, ma facendo pedalare gli altri. Di fatti, subito dopo l'addio del 10 luglio 2017, iniziano i suoi studi per diventare preparatore. Dapprima con gli insegnamenti di colui che lo aveva portato all'apice della carriera, Manu Mateo (coach Movistar), per il settore allenamenti/gare; proseguendo poi con l'integrazione bike-fit, (biomeccanica). A luglio 2018 inaugura quindi lo studio nella sua città natale, Traversetolo. Il campo di Adriano Malori, oltre al ciclismo professionistico, ad oggi si estende anche a triatleti, amatori e principianti.

PalmarèsModifica

StradaModifica

Memorial Leonardo Massaro
Campionati italiani, Prova a cronometro Juniores (Friuli-Venezia Giulia)
  • 2007 (Dilettanti Elite/Under-23, Filmop-Ramonda-Parolin)
Campionati regionali veneti, Prova a cronometro (San Vendemiano)
Campionati italiani, Prova a cronometro Under-23 (Novi Ligure)
  • 2008 (Dilettanti Elite/Under-23, Filmop-Ramonda-Bottoli)
Trofeo Edilizia Mogetta
Campionati regionali veneti, Prova a cronometro (San Vendemiano)
Campionati italiani, Prova a cronometro Under-23 (Bergamo)
Campionati europei, Prova a cronometro Under-23 (Stresa)
Trofeo Città di Castelfidardo
Chrono Champenois
Campionati del mondo, Prova a cronometro Under-23 (Varese)
  • 2009 (Dilettanti Elite/Under-23, Bottoli-Nordelettrica-Ramonda)
Gran Premio Camon
Campionati regionali veneti, Prova a cronometro (San Pietro Viminario)
1ª tappa Giro Ciclistico Pesche Nettarine di Romagna (Mordano, cronometro)
XVI Giochi del Mediterraneo, Prova a cronometro (Pescara)
Chrono Champenois
Circuito Molinese - Memorial Silvio Angeleri
  • 2011 (Lampre-ISD, due vittorie)
4ª tappa Settimana Internazionale di Coppi e Bartali (Crevalcore, cronometro)
Campionati italiani, Prova a cronometro
  • 2013 (Lampre-Merida, tre vittorie)
4ª tappa Settimana Internazionale di Coppi e Bartali (Crevalcore, cronometro)
4ª tappa Bayern-Rundfahrt (Schierling, cronometro)
Classifica generale Bayern-Rundfahrt
  • 2014 (Movistar Team, cinque vittorie)
5ª tappa Tour de San Luis (San Luis, cronometro)
7ª tappa Tirreno-Adriatico (San Benedetto del Tronto, cronometro)
3ª tappa Route du Sud (Saint-Gaudens > Castres)
Campionati italiani, Prova a cronometro
21ª tappa Vuelta a España (Santiago de Compostela, cronometro)
  • 2015 (Movistar Team, cinque vittorie)
5ª tappa Tour de San Luis (San Luis, cronometro)
Prologo Tirreno-Adriatico (Lido di Camaiore, cronometro)
3ª tappa Circuit de la Sarthe (Angers > Angers, cronometro)
Campionati italiani, Prova a cronometro
4ª tappa Tour du Poitou-Charentes (Monts-sur-Guesnes > Loudun, cronometro)

Altri successiModifica

  • 2014 (Movistar Team)
1ª tappa Vuelta a España (Jerez de la Frontera, cronosquadre)

PistaModifica

Campionati italiani, Inseguimento a squadra Juniores (con Francesco Barattieri, Simone Frigato e Raffaele Maccari)

PiazzamentiModifica

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Albo d’Oro, su www.ciclisticasanterno.it. URL consultato il 26 gennaio 2016.
  2. ^ Mondiale ciclismo: Malori argento nella crono, oro a Kyrienka, in Gazzetta.it, 23 settembre 2015. URL consultato il 27 settembre 2015.
  3. ^ Ciclismo: Malori in coma | News - Sportmediaset.
  4. ^ Milano-Torino 2016, che sfortuna Malori! Cade e si rompe la clavicola.
  5. ^ Adriano Malori si arrende: il corridore della Movistar annuncia il ritiro!, su cicloweb.it. URL consultato il 10 luglio 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica