Il Signore degli Anelli - Gli Anelli del Potere

serie televisiva statunitense del 2022
Disambiguazione – "Gli Anelli del Potere" rimanda qui. Se stai cercando gli oggetti dell'universo immaginario di Arda, vedi Anelli del Potere.

Il Signore degli Anelli - Gli Anelli del Potere (The Lord of the Rings: The Rings of Power) è una serie televisiva statunitense creata da J. D. Payne e Patrick McKay, basata sulle appendici del romanzo Il Signore degli Anelli di J. R. R. Tolkien. La serie è ambientata nella Seconda Era della Terra di Mezzo, migliaia di anni prima degli eventi raccontati ne Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli.

Il Signore degli Anelli - Gli Anelli del Potere
Immagine tratta dalla sigla della serie televisiva
Titolo originaleThe Lord of the Rings: The Rings of Power
PaeseStati Uniti d'America
Anno2022 – in produzione
Formatoserie TV
Genereazione, avventura, drammatico, fantastico
Stagioni1
Episodi8
Durata65-72 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Rapporto2,39:1
Crediti
IdeatoreJ. D. Payne, Patrick McKay
SoggettoIl Signore degli Anelli di J. R. R. Tolkien
Interpreti e personaggi
vedi Personaggi e interpreti
Doppiatori e personaggi
vedi Personaggi e interpreti
MusicheBear McCreary, Howard Shore (tema principale)
ScenografiaRamsey Avery
CostumiKate Hawley
Effetti specialiDean Clarke
ProduttoreRon Ames, Christopher Newman
Produttore esecutivoEugene Kelly, Bruce Richmond, Sharon Tal Yguado, J. A. Bayona, Belén Atienza, Jason Cahill, Gennifer Hutchison, Justin Doble, Callum Greene, Lindsey Weber, J. D. Payne, Patrick McKay
Casa di produzioneAmazon Studios, Tolkien Estate, Tolkien Trust, HarperCollins, New Line Cinema
Prima visione
Distribuzione originale
Dal2 settembre 2022
Alin corso
DistributorePrime Video
Distribuzione in italiano
Dal2 settembre 2022
Alin corso
DistributorePrime Video

TramaModifica

Gli eventi mostrati nella serie sono ambientati durante la Seconda Era della Terra di Mezzo, migliaia di anni prima degli eventi raccontati ne Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli. In questo periodo, si assiste alla forgiatura degli Anelli del Potere, all'ascesa dell'Oscuro Signore Sauron, alla caduta del regno insulare di Númenor e all'ultima alleanza tra Elfi e Uomini.

EpisodiModifica

Stagione Episodi Pubblicazione USA Pubblicazione Italia
Prima stagione 8[1] 2022 2022

Personaggi e interpretiModifica

PrincipaliModifica

RicorrentiModifica

  • Vilma (stagione 1-in corso), interpretata da Maxine Cunliffe, doppiata da Silvia Tortarolo.
    Pelopiede.
  • Malva (stagione 1-in corso), interpretata da Thusitha Jayasundera, doppiata da Roberta Gasparetti.
    Pelopiede.
  • Dilly Brandipiede (stagione 1-in corso), interpretata da Beau Cassidy, doppiata da Carolina La Monica.
    Pelopiede e sorella di Nori.
  • Médhor (stagione 1), interpretato da Augustus Prew, doppiato da Stefano Sperduti.
    Elfo silvano, amico di Arondir e Guardiano delle Terre del Sud.
  • Revion (stagione 1), interpretato da Simon Merrells, doppiato da Francesco Venditti.
    Elfo e Custode Guardiano delle Terre del Sud.
  • Waldreg (stagione 1-in corso), interpretato da Geoff Morrell, doppiato da Antonio Palumbo.
    Proprietario della taverna a Tirharad.
  • Rowan (stagione 1-in corso), interpretato da Ian Blackburn, doppiato da Tito Marteddu.
    Abitante di Tirharad e amico di Theo.
  • Disa (stagione 1-in corso), interpretata da Sophia Nomvete, doppiata da Alessia Amendola.
    Principessa e moglie di Durin IV.
  • Durin III (stagione 1-in corso), interpretato da Peter Mullan, doppiato da Ennio Coltorti.
    Re di Khazad-dûm.
  • Ontamo (stagione 1), interpretato da Anthony Crum, doppiato da Mirko Cannella.
    Marinaio di Númenor e amico di Isildur.
  • Valandil (stagione 1-in corso), interpretato da Alex Tarrant, doppiato da Alex Polidori.
    Marinaio di Númenor e amico di Isildur.
  • Eärien (stagione 1-in corso), interpretata da Ema Horvath, doppiata da Emanuela Ionica.
    Sorella di Isildur.
  • Kemen (stagione 1-in corso), interpretato da Leon Wadham, doppiato da Flavio Aquilone.
    Figlio di Pharazôn.

GuestModifica

  • Finrod Felagund (stagione 1), interpretato da Will Fletcher, doppiato da Emanuele Ruzza.
    Fratello di Galadriel, morto durante la caccia all'Oscuro Signore Sauron.
  • Thondir (stagione 1), interpretato da Fabian McCallum, doppiato da Stefano Broccoletti.
    Elfo che va a caccia di Sauron con Galadriel.
  • Rían (stagione 1), interpretato da Kip Chapman, doppiato da Alessandro Capra.
    Elfo che va a caccia di Sauron con Galadriel.
  • Tar-Palantir (stagione 1), interpretato da Ken Blackburn, doppiato da Carlo Reali.
    Re di Númenor e padre di Míriel.

ProduzioneModifica

SviluppoModifica

Nel luglio 2017 è stata risolta una causa tra la Warner Bros., lo studio dietro le trilogie di film Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit, e gli eredi dell'autore J. R. R. Tolkien sui cui libri erano basati quei film. Con le due parti "a condizioni migliori", iniziarono a offrire i diritti di una potenziale serie televisiva basata su Il Signore degli Anelli di Tolkien a diverse piattaforme, tra cui Amazon, Netflix e HBO,[2] con un prezzo iniziale di 200 milioni di dollari.[3] Amazon è emersa come leader entro settembre e ha avviato le trattative.[4][5] Insolitamente per gli sviluppi della programmazione in studio, il CEO di Amazon Jeff Bezos è stato coinvolto personalmente nei negoziati.[5] Questo è un grande fan del franchise,[3] e in precedenza aveva dato ad Amazon Studios il mandato di sviluppare un'ambiziosa serie fantasy di dimensioni paragonabili a Il Trono di Spade della HBO, che ha reso Amazon il principale contendente per il progetto.[2] Il 13 novembre 2017, Amazon ha acquisito i diritti televisivi globali per quasi 250 milioni di dollari. I commentatori del settore hanno descritto questo importo, prima di qualsiasi costo di produzione e senza alcun talento creativo collegato al progetto, come "folle", sebbene alcuni considerassero il progetto più un rischio di reputazione che finanziario per Amazon, questo grazie alla ricchezza personale di Bezos.[3] Il servizio di streaming di Amazon Prime Video ha dato un impegno multi-stagionale alla serie che si credeva durasse cinque stagioni, con la possibilità anche di una serie spin-off. Nonostante ciò, Prime Video ha dovuto dare il via libera formale alle stagioni future prima che potessero iniziare i lavori.[6] Il budget avrebbe dovuto essere compreso tra 100 e 150 milioni di dollari a stagione e alla fine avrebbe superato il miliardo di dollari, il che l'avrebbe resa la serie televisiva più costosa mai realizzata.[2][4] La Warner Bros. Television non è stata coinvolta nel progetto perché gli Amazon Studios volevano produrlo da soli. Amazon sta lavorando con Tolkien Estate and Trust, HarperCollins e New Line Cinema (la divisione Warner Bros. che ha prodotto i film),[2] con New Line Cinema inclusa a causa del potenziale per la serie di utilizzare materiale dai film.[4] La Tolkien Estate and Trust ha imposto alcune restrizioni creative alla serie,[2][7] e l'accordo prevedeva che la produzione iniziasse entro due anni.[4]

Team creativoModifica

Nell'aprile 2018, il regista de Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit, Peter Jackson, aveva iniziato a discutere del suo potenziale coinvolgimento con Amazon,[8] ma a giugno non ci si aspettava ancora che fosse coinvolto nella serie.[9] Più tardi, dopo giugno 2018, il capo degli Amazon Studios Jennifer Salke affermava che le discussioni sul coinvolgimento di Jackson erano in corso, aggiungendo che l'accordo per la serie era stato ufficialmente completato solo un mese prima. Lo studio aveva incontrato potenziali scrittori per il progetto e intendeva avere un piano di gioco per la serie e un team di sceneggiatori impostato "molto presto", con la speranza che la serie potesse debuttare nel 2021.[10] Lo studio ha chiesto dei toni della storia basati su Lo Hobbit di Tolkien, Il Signore degli Anelli e le sue appendici. Questi includevano storie prequel incentrate su personaggi come Aragorn, Gimli e Gandalf.[11][12] JD Payne e Patrick McKay hanno lanciato una serie che ha esplorato i principali eventi della Seconda Era della Terra di Mezzo, migliaia di anni prima de Il Signore degli Anelli, tra cui la forgiatura degli Anelli del Potere, l'ascesa dell'Oscuro Signore Sauron, la caduta del regno insulare di Númenor e l'ultima alleanza tra Elfi e Uomini.[13] Questi eventi sono stati trattati in un prologo di cinque minuti nei film de Il Signore degli Anelli,[14] ma la coppia voleva espanderlo in "50 ore di televisione".[15] Payne affermava che sembrava "una storia incredibile e non raccontata" che era "degna di Tolkien",[11] e McKay ha aggiunto: "Non volevamo fare una cosa secondaria. Uno spin-off o la storia delle origini di qualcos'altro. Noi volevamo trovare un'enorme mega epopea tolkieniana e Amazon ha concordato".[16] Payne e McKay venivano assunti per sviluppare la serie nel luglio 2018.[17] Erano una scelta improbabile, avendo scritto solo prodotti non usciti o non accreditati prima della serie, ma la loro visione era allineata con quella di Amazon e sono stati sostenuti in studio dal regista J.J. Abrams, che ha lavorato con loro su un film di Star Trek mai prodotto.[15]

A dicembre 2018 Jackson annunciava che lui e i suoi partner di produzione avrebbero letto alcune sceneggiature per la serie e offerto note su di esse,[18] ma per il resto gli sarebbe piaciuto guardare un adattamento di Tolkien che non aveva realizzato.[19] Bryan Cogman si univa alla serie come consulente a maggio 2019 dopo aver firmato un accordo generale con Amazon. In precedenza Cogman ha lavorato come sceneggiatore ne Il Trono di Spade e avrebbe dovuto lavorare al fianco di Payne e McKay nello sviluppo della nuova serie.[20] A luglio 2019 J.A. Bayona veniva assunto per dirigere i primi due episodi della serie e fungere da produttore esecutivo insieme al suo partner di produzione Belén Atienza.[21] Nello stesso mese i creatori de Il Trono di Spade, David Benioff e D.B. Weiss, stavano discutendo con diversi media in merito alla firma di un accordo generale, inclusa Amazon che era interessata che la coppia si consultasse su Il Signore degli Anelli: alla fine hanno firmato un accordo con Netflix.[22] Alla fine di luglio, Amazon ha annunciato che Payne e McKay sarebbero stati gli showrunner e i produttori esecutivi della serie e ha rivelato l'intero team creativo che stava lavorando al progetto: produttori esecutivi Bayona, Atienza, Bruce Richmond, Gene Kelly, Lindsey Weber e Sharon Tal Yguado; il co-produttore Ron Ames; la costumista Kate Hawley; lo scenografo Rick Heinrichs; il supervisore degli effetti visivi Jason Smith e l'illustratore/concept artist John Howe, che è stato uno dei principali designer concettuali dei film.[23][24] Ci si aspettava che anche la società di effetti speciali Wētā Workshop e il venditore di effetti visivi Wētā FX fossero coinvolti nella serie come per i film.[25] Inoltre, è stato rivelato che lo studioso di Tolkien Tom Shippey stava lavorando alla serie,[24] ma non era più coinvolto nell'aprile 2020.[26] Altri studiosi di Tolkien ed "esperti di tradizioni" sono rimasti coinvolti.[27]

Dopo lo sviluppo della prima stagione, Cogman ha lasciato la serie per concentrarsi sullo sviluppo di nuovi progetti. Anche Kelly ha lasciato la serie,[28] mentre Yguado se n'è andata quando ha lasciato il suo ruolo di responsabile della programmazione di genere degli Amazon Studios.[15] Callum Greene si è unito come nuovo produttore esecutivo nel dicembre 2020,[28] dopo aver precedentemente lavorato come produttore ne Lo Hobbit - La desolazione di Smaug (2013).[29] Heinrichs fu infine sostituito come scenografo da Ramsey Avery.[30] Nel marzo 2021 Wayne Che Yip è stato annunciato come regista di quattro episodi della serie ed è stato scelto come co-produttore esecutivo.[31] Charlotte Brändström è stata rivelata come regista per altri due episodi a maggio.[32] In agosto 2021 Jackson ha detto di non essere stato più contattato per vedere le sceneggiature per la serie. Amazon ha spiegato che l'accordo per acquisire i diritti televisivi per Il Signore degli Anelli richiedeva loro di mantenere la serie distinta dai film di Jackson e, secondo quanto riferito, la Tolkien Estate era contraria al coinvolgimento di Jackson nel progetto. Nonostante ciò, gli showrunner avevano discusso in privato della serie con Jackson e Yguado aveva sostenuto la sua inclusione prima della sua uscita.[18] Quel mese è stato rivelato che la seconda stagione aveva una squadra di regia tutta al femminile.[12]

SceneggiaturaModifica

Gli sceneggiatori iniziarono a lavorare alla serie a Santa Monica a metà febbraio 2019. Salke ha descritto ampie misure di sicurezza che venivano adottate per mantenere segreti i dettagli di questa scrittura, comprese le finestre chiuse con nastro adesivo e una guardia di sicurezza che richiedeva l'autorizzazione delle impronte digitali a coloro che entravano la stanza.[33] Oltre a Payne e McKay, gli scrittori della serie includono Gennifer Hutchison, Helen Shang, Jason Cahill, Justin Doble, Bryan Cogman e Stephany Folsom, con Glenise Mullins in qualità di scrittrice consulente.[34][35] Una volta iniziata la produzione della serie, gli sceneggiatori erano pronti a separarsi ma sarebbero stati riconvocati durante i quattro o cinque mesi di pausa delle riprese programmate dopo la produzione dei primi due episodi. Gli sceneggiatori avrebbero dovuto tracciare la mappa della seconda stagione e scrivere la maggior parte delle sue sceneggiature durante questa pausa di produzione.[36]

Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit sono ambientati durante la Terza Era, mentre la Prima e la Seconda Era sono esplorate in altri scritti di Tolkien come Il Silmarillion, Racconti incompiuti e La storia della Terra di Mezzo. Poiché Amazon ha acquistato solo i diritti televisivi de Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit, gli scrittori hanno dovuto identificare tutti i riferimenti alla Seconda Era in quei libri e creare una storia che collegasse quei passaggi. Questi sono principalmente nelle appendici de Il Signore degli Anelli, ma anche in alcuni capitoli e canzoni.[37] La Tolkien Estate era pronta a porre il veto a qualsiasi cambiamento rispetto alla sua narrativa stabilita,[38] incluso tutto ciò che contraddiceva ciò che Tolkien scrisse in altre opere.[37] Gli scrittori erano liberi di aggiungere personaggi o dettagli,[38] e hanno lavorato con la proprietà e gli esperti della tradizione di Tolkien per assicurarsi che questi fossero ancora "tolkieniani".[39] Hanno fatto riferimento alle lettere che Tolkien scrisse sulle sue opere e sulla mitologia per un contesto aggiuntivo sull'ambientazione e sui personaggi.[37][40] Simon Tolkien, romanziere e nipote di J.R.R. Tolkien, è stato consultato sulla serie e ha contribuito a sviluppare la sua storia e gli archi dei personaggi. È accreditato come "consulente di serie".[41] Gli showrunner non erano d'accordo con i suggerimenti che la serie fosse solo "vagamente collegata" agli scritti di Tolkien. McKay ha detto che sentivano che era "profondamente, profondamente connessa" e una "storia che stiamo guidando che era qui davanti a noi e aspettava in quei libri di essere raccontata”.[42] Un disclaimer è presente nei titoli di coda della serie in cui si afferma che alcuni elementi sono "ispirati, sebbene non contenuti, nel materiale originale".[43]

Payne e McKay sapevano che la serie doveva durare cinque stagioni e sono stati in grado di pianificare gli elementi dell'ultima stagione, inclusa la ripresa finale della serie, mentre lavoravano alla prima.[44] Poiché per lo più non erano in grado di adattare i dialoghi direttamente dalle storie della Seconda Era di Tolkien, gli scrittori hanno tentato di riproporre i dialoghi di Tolkien a cui avevano accesso prendendo ispirazione anche da testi religiosi e poesia. Hanno adattato i dialoghi a personaggi diversi usando dialetti e metrica.[37] Leith McPherson è tornata dai film de Lo Hobbit come insegnante di dialetti e ha notato che i linguaggi immaginari di Tolkien si evolvono nel tempo, quindi sono diversi per la Seconda Era rispetto alla Terza. Gli Elfi della serie parlano principalmente Quenya, un linguaggio descritto come "Latino Elfico" che è spesso usato solo per lanciare incantesimi nella Terza Era. Si sentono anche nanico e orchesco, insieme a dialetti inglesi, scozzesi e irlandesi.[45][46] La più grande deviazione fatta dalle opere di Tolkien, che è stata approvata dagli esperti di proprietà e tradizioni, è stata quella di condensare la Seconda Era da migliaia di anni a un breve periodo di tempo. Ciò ha evitato che i personaggi umani morissero frequentemente a causa della loro durata relativamente breve e ha permesso di introdurre i personaggi principali più avanti nella sequenza temporale all'inizio della serie.[47] Gli showrunner hanno invece preso in considerazione l'utilizzo di una narrazione non lineare, ma hanno ritenuto che ciò avrebbe impedito al pubblico di emozionarsi durante la serie. Hanno detto che molti drammi storici della vita reale condensano anche eventi come questo e sentivano che stavano ancora rispettando lo "spirito e il sentimento" degli scritti di Tolkien.[48]

Dopo che è stato rivelato che la serie aveva assunto Jennifer Ward-Lealand come coordinatrice dell'intimità, i fan di Tolkien hanno espresso preoccupazione per il fatto che avrebbe incluso sesso e violenza grafica in stile Il Trono di Spade.[49] Payne e McKay hanno detto che non sarebbe stato così e che la serie sarebbe stata adatta alle famiglie. Speravano di evocare il tono dei libri di Tolkien, che può essere "intenso, a volte piuttosto politico, a volte piuttosto sofisticato, ma è anche commovente, rassicurante e ottimista".[47] Dissero anche che non volevano essere influenzati dalla politica moderna, aspirando invece a raccontare una storia senza tempo che corrispondesse all'intenzione di Tolkien di creare una mitologia che sarebbe sempre applicabile.[48]

La prima stagione presenta diversi luoghi non visti in precedenza negli adattamenti cinematografici, tra cui la capitale degli elfi Lindon e il regno insulare di Númenor[50], ma rivisita anche luoghi familiari dei film come Khazad-dûm, che è in rovina durante i film de Il Signore degli Anelli, ma viene mostrata nel suo "pieno splendore" nella serie.[47] Uno dei gruppi inclusi nella serie sono i pelopiedi, raffigurati come precursori della popolare razza Hobbit di Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli.[47][51] Payne e McKay hanno spiegato che sentivano che la serie non sarebbe stata davvero una Terra di Mezzo al pubblico senza gli Hobbit. Gli scritti di Tolkien affermano che gli Hobbit non erano conosciuti durante la Seconda Era, quindi scelsero invece di esplorare gli Harfoots poiché erano "soddisfacentemente vicini agli Hobbit". I pelopiedi sono raffigurati come aventi una società segreta e la loro storia si svolge ai "margini delle missioni più grandi" che è stata paragonata all'opera teatrale Rosencrantz e Guildenstern sono morti.[47] McKay ha detto che la prima stagione riguardava la "reintroduzione di questo mondo e il ritorno del male",[52] concentrandosi sull'introduzione della Seconda Era della Terra di Mezzo e dei personaggi principali eroici piuttosto che raccontare una storia "incentrata sui cattivi".[37] Nonostante sia stato menzionato in una sinossi della serie e sia stato un personaggio importante nella Seconda Era,[53] l'Oscuro Signore Sauron non sarebbe apparso affatto nella prima stagione.[54] McKay ha detto che la stagione è stata influenzata dai dialoghi del secondo capitolo de Il Signore degli Anelli di Tolkien, "L'ombra del passato", che ha parafrasato come "Dopo una sconfitta e una tregua, un'ombra rinasce in una nuova forma".[52] Bayona ha dichiarato che la stagione avrebbe accennato alla presenza di Sauron, e la storia generale riguardava "le ripercussioni della guerra e l'ombra del passato". È stato influenzato dalla sua stessa infanzia in Spagna dopo la dittatura franchista.[47]

CastingModifica

Salke ha dichiarato nel giugno 2018 che, sebbene la serie non sarebbe stata un remake dei film, avrebbe riportato in vita alcuni personaggi da loro.[55] A luglio 2019, il casting per la serie si stava svolgendo in tutto il mondo, con direttori del casting che lavoravano negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Australia.[56] Il casting per le comparse iniziò anche in Nuova Zelanda in quel momento.[57] A causa della segretezza che circonda la serie, molti attori non sapevano quali ruoli avrebbero interpretato quando sono stati scelti.[47] Markella Kavenagh era in trattative per interpretare un personaggio chiamato "Tyra" alla fine di luglio,[58] un ruolo principale nella serie.[56] Will Poulter è stato scelto come uno dei protagonisti della serie, chiamato "Beldor", a settembre.[59][60] Il ruolo è stato descritto come "uno dei lavori più ambiti" per i giovani attori di Hollywood prima del casting di Poulter.[60] Maxim Baldry è stato informalmente legato alla serie in un "ruolo significativo" a metà ottobre[61][62], mentre Joseph Mawle è stato scelto più tardi quel mese. Secondo quanto riferito, Mawle interpretava il cattivo principale della serie, chiamato "Oren".[63] A dicembre, Ema Horvath è stata scelta per un altro ruolo principale nella serie;[64] Poulter è stato costretto a lasciare la serie a causa di conflitti nelle riprese, con il suo ruolo destinato a essere rimpiazzato;[65][66] mentre Morfydd Clark è stata assunta come la versione giovanile del personaggio di Galadriel, interpretata nei film da Cate Blanchett.[67]

Robert Aramayo è stato scelto per il ruolo principale della serie, in sostituzione di Poulter, all'inizio di gennaio 2020.[68] Successivamente è stato rivelato che interpretava una versione giovane del personaggio di Elrond, impersonato da Hugo Weaving nei film.[69] Una settimana dopo il casting di Aramayo, Amazon ha annunciato ufficialmente il suo coinvolgimento insieme al casting di Owain Arthur, Nazanin Boniadi, Tom Budge, Clark, Ismael Cruz Córdova, Horvath, Kavenagh, Mawle, Tyroe Muhafidin, Sophia Nomvete, Megan Richards, Dylan Smith, Charlie Vickers e Daniel Weyman. Il co-responsabile della televisione di Amazon, Vernon Sanders, ha notato che c'erano ancora alcuni ruoli chiave che dovevano ancora essere ricoperti.[70] Uno di questi ruoli chiave è stato confermato per andare a Baldry a marzo, quando il suo contratto con la serie è stato completato.[62] Baldry sostituisce Harry Sinclair nei panni di Isildur, che è apparso nei flashback durante i film.[69] Nel dicembre 2020, Amazon ha annunciato 20 nuovi membri del cast per la serie: Cynthia Addai-Robinson, Baldry, Ian Blackburn, Kip Chapman, Anthony Crum, Maxine Cunliffe, Trystan Gravelle, Lenny Henry, Thusitha Jayasundera, Fabian McCallum, Simon Merrells, Geoff Morrell, Peter Mullan, Lloyd Owen, Augustus Prew, Peter Tait, Alex Tarrant, Leon Wadham, Benjamin Walker e Sara Zwangobani.[71] Owen e Walker interpretano Elendil e Gil-galad, che sono stati brevemente interpretati da Peter McKenzie e Mark Ferguson nei film.[72][37][69]

Nel marzo 2021, Budge ha annunciato di aver lasciato la serie dopo aver girato diversi episodi. Ha spiegato che Amazon aveva recensito i primi episodi e ha deciso di dare una parte diversa al suo personaggio,[73] che sarebbe stato Celebrimbor.[54] Charles Edwards è stato scelto per sostituirlo come Celebrimbor a luglio[47][74], quando anche Will Fletcher, Amelie Child-Villiers e Beau Cassidy sono stati aggiunti al cast della serie.[74] Sette degli attori principali della serie sono neozelandesi e nel complesso un terzo dei 124 ruoli parlati della prima stagione è andato ad attori neozelandesi.[75] Il resto del cast proveniva da Australia, Sri Lanka, Regno Unito e Stati Uniti.[71]

Durante la promozione della prima stagione al San Diego Comic-Con nel luglio 2022, gli showrunner hanno detto che avrebbero dato un ruolo nella seconda stagione al conduttore televisivo e ammiratore di Tolkien Stephen Colbert, che stava moderando il panel della serie al convegno.[76] Un mese dopo dissero che il personaggio di Círdan sarebbe stato introdotto nella seconda stagione.[77] Il personaggio è apparso brevemente nei film de Il Signore degli Anelli interpretato da Michael Elsworth.[78]

PromozioneModifica

Il primo teaser trailer ufficiale della serie è stato diffuso il 14 febbraio 2022[79], mentre il full trailer è stato pubblicato l'8 luglio seguente.[80]

DistribuzioneModifica

Il Signore degli Anelli - Gli Anelli del Potere ha debuttato sul servizio streaming Prime Video negli Stati Uniti il 2 settembre 2022, con i primi due episodi.[81] Gli episodi sono distribuiti su Prime Video intorno al mondo, inclusi Brasile, Regno Unito, Europa, India, Giappone, Australia e Nuova Zelanda, alla stessa ora della pubblicazione statunitense.[81]

Edizione italianaModifica

La direzione del doppiaggio e i dialoghi sono a cura di Francesco Vairano, con la consulenza della Società Tolkieniana Italiana, per conto della Pumais Due.[82]

AccoglienzaModifica

CriticaModifica

Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes la prima stagione ottiene l'85% delle recensioni professionali positive, con un voto medio di 7,50 su 10 basato su 347 critiche,[83] mentre su Metacritic ha un punteggio di 71 su 100 basato su 40 recensioni.[84]

La serie è stata accolta positivamente dalla critica. Kevin Perry del The Independent ha lodato la serie dicendo che "rovista nelle appendici de ‘Il Signore degli Anelli’ di JRR Tolkien e raccoglie oro".[85] Nick Schager per The Daily Beast ha definito la serie "stupenda"[86], mentre Dave Nemetz per TVLine elogia il mondo creato dalla serie, definendolo "una meraviglia".[87] Al contrario, Darren Franich di Entertainment Weekly ha espresso un'opinione negativa, criticando aspramente la caratterizzazione del personaggio di Galadriel.[88]

Enorme discrepanza tra critica e giudizio del pubblico si è verificata a poche ore dall'uscita dei primi due episodi. Sullo stesso Rotten Tomatoes che distingue tra giudizio della critica specializzata e opinioni della platea degli spettatori comuni, il giudizio popolare è stato pessimo attestandosi su uno score di solo 38%.[89] Giudizi molto negativi sono stati pubblicati anche su Metacritic e IMDb.[90] Oggetti iniziali della critica negativa sono l'implemento di un cast forzatamente 'politically correct' che ha designato alcuni ruoli chiave della serie ad attori neri e l'aver voluto forzare, fino a discostarsene totalmente, la linea narrativa originale dell'opera di Tolkien. La critica riguardo al cast multietnico si è affievolita dopo l'inizio della trasmissione delle puntate, sostituita da pareri generalmente positivi nei confronti dei personaggi di Arondir e Disa, sulla cui caratterizzazione si erano inizialmente basate le accuse di blackwashing. Una seconda serie di critiche ha avuto luogo ed è andata rafforzandosi col proseguire della messa in onda, accusando la serie di scarsa qualità dei dialoghi, e di frequenti forzature e incoerenze nella trama interna della serie stessa, oltre che del pressoché totale discostamento dal materiale letterario di riferimento[91]. Particolare oggetto di critica sono state alcune decisioni ingiustificabili come la sparizione di Celeborn, che all'epoca narrata era già marito di Galadriel.[92]

Adducendo come motivazione che la serie fosse stata afflitta da review bombing, Amazon ha sospeso le recensioni della serie sulla sua piattaforma,[93] per poi rimuovere la maggior parte di quelle già postate così da alzare artificialmente il voto del prodotto[94] ; stessa pratica è stata adottata da IMDb, cancellando dal proprio sito la maggior parte delle recensioni per portare il voto complessivo da un 3,8 a un 6,9.[95]

PrimatiModifica

Amazon ha annunciato che Gli Anelli del Potere è stata vista da 25 milioni spettatori in tutto il mondo nelle prime 24 ore di disponibilità dei primi due episodi su Prime Video. L'azienda ha dichiarato che è la maggiore première di sempre per il servizio. Questa è la prima volta che Amazon rivela l’audience per Prime Video ma non ha specificato quanto sia necessario vedere un episodio per contare come visualizzazione, né quale sia stato il metodo utilizzato per riportare tale numero.[96] Nonostante la dichiarazione da record, tutte le altre fonti che valutano i numeri dell'audience riportano numeri diversi e in calo per la serie[97].

NoteModifica

  1. ^ IL SIGNORE DEGLI ANELLI, QUANTI EPISODI E STAGIONI SONO PREVISTI PER GLI ANELLI DEL POTERE, su serial.everyeye.it, 17 febbraio 2022. URL consultato il 24 luglio 2022.
  2. ^ a b c d e (EN) Nellie Andreeva, Nellie Andreeva, Amazon Sets ‘The Lord of the Rings’ TV Series In Mega Deal With Multi-Season Commitment, su Deadline, 13 novembre 2017. URL consultato il 29 luglio 2022.
  3. ^ a b c Amazon’s ‘Lord of the Rings’ Series Rises: Inside ‘The Rings of Power’ | Vanity Fair, su web.archive.org, 10 febbraio 2022. URL consultato il 29 luglio 2022 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2022).
  4. ^ a b c d (EN) Tatiana Siegel, Tatiana Siegel, Inside Amazon’s $250M ‘Lord of the Rings’ Deal: “It’s Very Much a Creature of the Times”, su The Hollywood Reporter, 5 aprile 2018. URL consultato il 29 luglio 2022.
  5. ^ a b (EN) Daniel Holloway, Daniel Holloway, ‘Lord of the Rings’: Amazon, Warner Bros. in Talks for Series Adaptation (EXCLUSIVE), su Variety, 4 novembre 2017. URL consultato il 29 luglio 2022.
  6. ^ (EN) Nellie Andreeva, Nellie Andreeva, ‘The Lord Of the Rings’ Series Gets Early Season 2 Renewal By Amazon, Sets Season 1 Hiatus, su Deadline, 19 novembre 2019. URL consultato il 29 luglio 2022.
  7. ^ (DE) Tobias M. Eckrich, Exclusive Interview with Tom Shippey concerning LOTRonPrime – Deutsche Tolkien Gesellschaft e.V., su tolkiengesellschaft.de. URL consultato il 29 luglio 2022.
  8. ^ (EN) Tatiana Siegel, Tatiana Siegel, Inside Amazon’s $250M ‘Lord of the Rings’ Deal: “It’s Very Much a Creature of the Times”, su The Hollywood Reporter, 5 aprile 2018. URL consultato il 4 settembre 2022.
  9. ^ (EN) Peter Jackson is not involved in Amazon’s Lord of the Rings series, su Digital Spy, 6 giugno 2018. URL consultato il 4 settembre 2022.
  10. ^ (EN) Your Daily Edition, su The Hollywood Reporter, 12 giugno 2018. URL consultato il 4 settembre 2022.
  11. ^ a b (EN) Jack Shepherd published, Amazon were pitched Lord of the Rings TV shows on young Aragorn and a Gimli spin-off, su gamesradar, 25 luglio 2022. URL consultato il 4 settembre 2022.
  12. ^ a b (EN) The Secretive, Extravagant, Bighearted World of 'The Rings of Power', su Time. URL consultato il 4 settembre 2022.
  13. ^ (EN) Condé Nast, 10 Burning Questions About Amazon’s ‘The Rings of Power’, su Vanity Fair, 14 febbraio 2022. URL consultato il 4 settembre 2022.
  14. ^ (EN) 11 'Rings of Power' Secrets We Learned From the Cast and Creators, su Time. URL consultato il 4 settembre 2022.
  15. ^ a b c (EN) Condé Nast, Amazon’s ‘Lord of the Rings’ Series Rises: Inside ‘The Rings of Power’, su Vanity Fair, 10 febbraio 2022. URL consultato il 4 settembre 2022.
  16. ^ (EN) Lord of the Rings: The Rings of Power Is a 'Mega Epic', su Gizmodo, 23 luglio 2022. URL consultato il 4 settembre 2022.
  17. ^ (EN) Lesley Goldberg,Borys Kit, Lesley Goldberg, Borys Kit, ‘Lord of the Rings’: Amazon Taps ‘Star Trek 4’ Duo to Develop TV Series, su The Hollywood Reporter, 28 luglio 2018. URL consultato il 4 settembre 2022.
  18. ^ a b (EN) James Hibberd, James Hibberd, Peter Jackson Says Amazon’s ‘Lord of the Rings’ TV Series Ghosted Him, su The Hollywood Reporter, 5 agosto 2022. URL consultato il 4 settembre 2022.
  19. ^ (EN) Kim Taylor-Foster, Peter Jackson’s Tips For Casting Aragorn in Lord of the Rings TV Show, su Fandom, 4 dicembre 2018. URL consultato il 4 settembre 2022.
  20. ^ (EN) Joe Otterson, Joe Otterson, ‘Game of Thrones’ Alum Bryan Cogman Boards ‘Lord of the Rings’ Series at Amazon, su Variety, 21 maggio 2019. URL consultato il 4 settembre 2022.
  21. ^ (EN) Nellie Andreeva, Nellie Andreeva, ‘The Lord Of The Rings’: J.A. Bayona To Direct Amazon Series, su Deadline, 3 luglio 2019. URL consultato il 4 settembre 2022.
  22. ^ (EN) Nellie Andreeva, Nellie Andreeva, David Benioff & D.B. Weiss May Have Narrowed Down Field For Blockbuster Overall Deal, su Deadline, 25 luglio 2019. URL consultato il 4 settembre 2022.
  23. ^ https://twitter.com/lotronprime/status/1155142047420080129, su Twitter. URL consultato il 4 settembre 2022.
  24. ^ a b (EN) Peter White, Peter White, Amazon Sets Creative Team For ‘Lord Of The Rings’ TV Series Including ‘GoT’ & ‘Breaking Bad’ Producers – TCA, su Deadline, 27 luglio 2019. URL consultato il 4 settembre 2022.
  25. ^ (EN) Return of the Rings: Govt hopes Amazon will come back to film more seasons, su Newsroom, 5 agosto 2021. URL consultato il 4 settembre 2022.
  26. ^ (EN) Collier Jennings, REPORT: Amazon's Lord of the Rings Parts Ways With Tolkien Scholar Tom Shippey, su CBR, 17 aprile 2020. URL consultato il 4 settembre 2022.
  27. ^ (EN) Spy Report: 20 new details emerge from Amazon’s Lord of the Rings: Characters, Sexless Nudity and Halflings!, su theonering.net, 20 luglio 2021. URL consultato il 4 settembre 2022.
  28. ^ a b (EN) Lesley Goldberg, Lesley Goldberg, ‘Lord of the Rings’ Adds 20 to Sprawling Cast for Amazon Series, su The Hollywood Reporter, 3 dicembre 2020. URL consultato il 4 settembre 2022.
  29. ^ (EN) Mark David, Mark David, Callum Greene Lists Modern Architectural Home in Silver Lake, su DIRT, 17 febbraio 2015. URL consultato il 4 settembre 2022.
  30. ^ (EN) Devan Coggan July 19, 2022 at 04:07 PM EDT, How 'The Lord of the Rings: The Rings of Power' crafted a new (old) Middle-earth, su EW.com. URL consultato il 4 settembre 2022.
  31. ^ (EN) Cynthia Littleton, Cynthia Littleton, ‘Lord of the Rings’ Series Adds Director Wayne Che Yip as Co-Executive Producer, su Variety, 24 marzo 2021. URL consultato il 4 settembre 2022.
  32. ^ (EN) Tom Grater, Tom Grater, ‘The Witcher’ Director Charlotte Brändström Joins Amazon’s ‘The Lord Of The Rings’ Series, su Deadline, 13 maggio 2021. URL consultato il 4 settembre 2022.
  33. ^ (EN) Rebecca Keegan, Rebecca Keegan, Amazon Chief Jennifer Salke Unveils Film Plan to Battle Netflix: 30 Movies a Year (Q&A), su The Hollywood Reporter, 18 febbraio 2019. URL consultato il 5 settembre 2022.
  34. ^ https://twitter.com/lotronprime/status/1155142047420080129, su Twitter. URL consultato il 5 settembre 2022.
  35. ^ (EN) Peter White, Peter White, Amazon Sets Creative Team For ‘Lord Of The Rings’ TV Series Including ‘GoT’ & ‘Breaking Bad’ Producers – TCA, su Deadline, 27 luglio 2019. URL consultato il 5 settembre 2022.
  36. ^ (EN) Nellie Andreeva, Nellie Andreeva, ‘The Lord Of the Rings’ Series Gets Early Season 2 Renewal By Amazon, Sets Season 1 Hiatus, su Deadline, 19 novembre 2019. URL consultato il 5 settembre 2022.
  37. ^ a b c d e f (EN) Condé Nast, 10 Burning Questions About Amazon’s ‘The Rings of Power’, su Vanity Fair, 14 febbraio 2022. URL consultato il 5 settembre 2022.
  38. ^ a b (DE) Tobias M. Eckrich, Exclusive Interview with Tom Shippey concerning LOTRonPrime – Deutsche Tolkien Gesellschaft e.V., su tolkiengesellschaft.de. URL consultato il 5 settembre 2022.
  39. ^ (EN) 10 Burning Questions About Amazon’s ‘The Rings of Power’, su Vanity Fair, Condé Nast, 14 febbraio 2022. URL consultato il 5 settembre 2022.
  40. ^ (EN) Ben Sledge, Tolkien Experts Saw A Sneak Peek Of The Rings Of Power - Here’s What They Think, su TheGamer, 14 maggio 2022. URL consultato il 5 settembre 2022.
  41. ^ (EN) Devan Coggan July 19, 2022 at 05:07 PM EDT, How Simon Tolkien helped guide 'The Lord of the Rings: The Rings of Power', su EW.com. URL consultato il 5 settembre 2022.
  42. ^ (EN) James Hibberd, James Hibberd, ‘Lord of the Rings’ TV Writers: Show Not Just “Vaguely Connected” to Tolkien, su The Hollywood Reporter, 12 agosto 2022. URL consultato il 5 settembre 2022.
  43. ^ Review: ‘Lord of the Rings: The Rings of Power’ is Amazon’s lavish bid for buzz. It’s off to a pretty good start., su Chicago Tribune. URL consultato il 5 settembre 2022.
  44. ^ Lord Of The Rings: The Rings Of Power’s Five Seasons Are Fully Planned Out: ‘We Know What Our Final Shot Will Be’ – Exclusive, su Empire. URL consultato il 5 settembre 2022.
  45. ^ (EN) Eric Francisco, 'Rings of Power' expands Tolkien’s world by “honoring his work” in one vital way, su Inverse. URL consultato il 5 settembre 2022.
  46. ^ (EN) Steven MacKenzie, Lord of the Rings: The Rings of Power star Sophia Nomvete: ‘Everyone could benefit from thinking like a dwarf’, su The Big Issue, 2 settembre 2022. URL consultato il 5 settembre 2022.
  47. ^ a b c d e f g h (EN) Condé Nast, Amazon’s ‘Lord of the Rings’ Series Rises: Inside ‘The Rings of Power’, su Vanity Fair, 10 febbraio 2022. URL consultato il 5 settembre 2022.
  48. ^ a b (EN) Jack Shepherd published, The Lord of the Rings: The Rings of Power showrunners address rumors that modern politics will influence the show, su gamesradar, 25 luglio 2022. URL consultato il 5 settembre 2022.
  49. ^ (EN) Sex & Sensibility: Amazon’s Nude Take On Tolkien, su theonering.net, 6 ottobre 2020. URL consultato il 5 settembre 2022.
  50. ^ (EN) EXCLUSIVE: Official Show Synopsis for Amazon’s LORD OF THE RINGS Series, su theonering.net, 13 gennaio 2021. URL consultato il 5 settembre 2022.
  51. ^ (EN) Erin Carson, What Is a Harfoot? A Peek at the 'Rings of Power' Hobbit Ancestor, su CNET. URL consultato il 5 settembre 2022.
  52. ^ a b (EN) Lord of the Rings: The Rings of Power Is a 'Mega Epic', su Gizmodo, 23 luglio 2022. URL consultato il 5 settembre 2022.
  53. ^ (EN) Joe Otterson, Joe Otterson, ‘Lord of the Rings’ Amazon Series Reveals Full Title in New Video, su Variety, 19 gennaio 2022. URL consultato il 5 settembre 2022.
  54. ^ a b (EN) Spy Report: 20 new details emerge from Amazon’s Lord of the Rings: Characters, Sexless Nudity and Halflings!, su theonering.net, 20 luglio 2021. URL consultato il 5 settembre 2022.
  55. ^ Victor Rivera Magos, I Conti erariali dei feudi nella I serie delle Dipendenze della Sommaria dell’Archivio di Stato di Napoli (XV secolo): per un nuovo inventario ragionato, Firenze University Press, 2021, pp. 249–380. URL consultato il 5 settembre 2022.
  56. ^ a b (EN) Nellie Andreeva, Nellie Andreeva, ‘The Lord Of the Rings’ Amazon TV Series Sets Series Regular Cast Member, su Deadline, 22 luglio 2019. URL consultato il 5 settembre 2022.
  57. ^ (EN) Nicole Lawton, Lord of the Rings TV series: Casting call for 'Middle Earth' soldiers, villagers and villains, su Stuff, 12 luglio 2019. URL consultato il 5 settembre 2022.
  58. ^ (EN) Joe Otterson, Joe Otterson, ‘Lord of the Rings’ Series at Amazon Taps First Cast Member (EXCLUSIVE), su Variety, 22 luglio 2019. URL consultato il 5 settembre 2022.
  59. ^ (EN) Nellie Andreeva,Denise Petski, Nellie Andreeva, Denise Petski, ‘The Lord Of The Rings’ Amazon TV Series Casts Will Poulter As A Lead, su Deadline, 4 settembre 2019. URL consultato il 5 settembre 2022.
  60. ^ a b (EN) Joe Otterson,Justin Kroll, Joe Otterson, Justin Kroll, ‘Lord of The Rings’ Series at Amazon Casts Will Poulter (EXCLUSIVE), su Variety, 4 settembre 2019. URL consultato il 5 settembre 2022.
  61. ^ (EN) Jeff Sneider, Lord of the Rings TV Series Adds Maxim Baldry from Years and Years, su Collider, 15 ottobre 2019. URL consultato il 5 settembre 2022.
  62. ^ a b (EN) Nellie Andreeva, Nellie Andreeva, ‘The Lord Of the Rings’: Maxim Baldry Set As A Lead In Amazon Series, su Deadline, 4 marzo 2020. URL consultato il 5 settembre 2022.
  63. ^ (EN) Nellie Andreeva, Nellie Andreeva, ‘The Lord Of The Rings’: Joseph Mawle To Star In Amazon Series, su Deadline, 21 ottobre 2019. URL consultato il 5 settembre 2022.
  64. ^ (EN) Nellie Andreeva, Nellie Andreeva, ‘The Lord Of The Rings’: Ema Horvath Joins Cast Of Amazon Series, su Deadline, 10 dicembre 2019. URL consultato il 5 settembre 2022.
  65. ^ (EN) Joe Otterson, Joe Otterson, ‘Lord of the Rings’: Will Poulter No Longer Attached to Amazon Series (EXCLUSIVE), su Variety, 12 dicembre 2019. URL consultato il 5 settembre 2022.
  66. ^ (EN) Condé Nast, Will Poulter: ‘I’m very honoured to have been welcomed into the Marvel family’, su British GQ, 11 novembre 2021. URL consultato il 5 settembre 2022.
  67. ^ (EN) Justin Kroll, Justin Kroll, ‘Lord of the Rings’ Series Taps Morfydd Clark as Young Galadriel (EXCLUSIVE), su Variety, 18 dicembre 2019. URL consultato il 5 settembre 2022.
  68. ^ (EN) Nellie Andreeva, Nellie Andreeva, ‘The Lord Of the Rings’: Robert Aramayo To Star In Amazon TV Series, su Deadline, 7 gennaio 2020. URL consultato il 5 settembre 2022.
  69. ^ a b c (EN) Craig Elvy, Every LOTR Movie Character Returning In The Rings Of Power, su ScreenRant, 10 febbraio 2022. URL consultato il 5 settembre 2022.
  70. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Anthony D'Alessandro, ‘The Lord Of The Rings’: Amazon Studios Sets Series Cast – TCA, su Deadline, 14 gennaio 2020. URL consultato il 5 settembre 2022.
  71. ^ a b (EN) Joe Otterson, Joe Otterson, ‘Lord of the Rings’ Series at Amazon Adds 20 Actors to Cast, su Variety, 3 dicembre 2020. URL consultato il 5 settembre 2022.
  72. ^ (EN) Devan Coggan July 13, 2022 at 09:00 PM EDT, Get an exclusive look at 'The Lord of the Rings: The Rings of Power', su EW.com. URL consultato il 5 settembre 2022.
  73. ^ (EN) Pertinax says, Actor departs Lord of the Rings | TV Tonight, su https://tvtonight.com.au. URL consultato il 5 settembre 2022.
  74. ^ a b (EN) Lesley Goldberg, Lesley Goldberg, Amazon’s ‘Lord of the Rings’ Rounds Out Sprawling Cast (Exclusive), su The Hollywood Reporter, 1º luglio 2021. URL consultato il 5 settembre 2022.
  75. ^ (EN) Return of the Rings: Govt hopes Amazon will come back to film more seasons, su Newsroom, 5 agosto 2021. URL consultato il 5 settembre 2022.
  76. ^ (EN) Devan Coggan July 22, 2022 at 07:12 PM EDT, Stephen Colbert really wants a role in 'The Lord of the Rings: The Rings of Power', su EW.com. URL consultato il 5 settembre 2022.
  77. ^ (EN) This Fan-Favorite Character Is Joining the Second Season of 'Rings of Power', su Time. URL consultato il 5 settembre 2022.
  78. ^ (EN) Noah Dominguez, Lord of the Rings' Círdan Will Appear in Rings of Power Season 2, su CBR, 17 agosto 2022. URL consultato il 5 settembre 2022.
  79. ^   Prime Video, Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere - Teaser Trailer, su YouTube, 14 febbraio 2022. URL consultato il 24 febbraio 2022.
  80. ^ Il Signore degli Anelli: Gli anelli del Potere - Nuovo video con scene inedite per la serie targata Amazon, su blog.screenweek.it, 8 luglio 2022. URL consultato il 27 luglio 2022.
  81. ^ a b (EN) 'The Lord of the Rings: The Rings Of Power'; Prime Video Reveals Rollout Schedule, su deadline.com, Deadline Hollywood, 16 agosto 2022. URL consultato il 23 agosto 2022.
  82. ^ "Il Signore degli Anelli - Gli Anelli del Potere", su antoniogenna.net, 2 settembre 2022. URL consultato il 2 settembre 2022.
  83. ^ (EN) The Lord of the Rings: The Rings of Power: Season 1 (2022), su Rotten Tomatoes. URL consultato il 25 settembre 2022.
  84. ^ (EN) The Lord of the Rings: The Rings of Power: Season 1, su Metacritic. URL consultato il 25 settembre 2022.
  85. ^ (EN) Kevin E G Perry, Lord of the Rings: The Rings of Power is a cinematic return to Middle-earth – review, su independent.co.uk, The Independent, 2 settembre 2022. URL consultato il 2 settembre 2022.
  86. ^ (EN) Nick Schager, Amazon’s ‘Lord of the Rings’ Series Puts ‘House of the Dragon’ to Shame, in The Daily Beast, 31 agosto 2022. URL consultato il 3 settembre 2022.
  87. ^ (EN) Dave Nemetz, Dave Nemetz, Lord of the Rings: The Rings of Power Review: Amazon's Big Bet Pays Off With a Gorgeously Immersive Epic, su TVLine, 31 agosto 2022. URL consultato il 3 settembre 2022.
  88. ^ (EN) Darren Franich, 'The Lord of the Rings: The Rings of Power' is kind of a catastrophe, su EW.com, 13 agosto 2022. URL consultato il 2 settembre 2022.
  89. ^ redazione spettacoli, 'Il signore degli anelli', debutto record: 25 milioni di spettatori nel mondo per il primo episodio, su repubblica.it, La Repubblica, 4 settembre 2022. URL consultato il 6 settembre 2022.
  90. ^ 'Gli Anelli del Potere bombardato di recensioni negative su IMDb, MetaCritic e RottenTomatoes, su badtaste.it, 2 settembre 2022.
  91. ^ (RU) The Rings of Power Continues to Upset LoTR Fans, su startefacts.com. URL consultato il 5 novembre 2022.
  92. ^ (RU) 5 'The Rings of Power' Characters Fans Hate the Most, su startefacts.com. URL consultato il 5 novembre 2022.
  93. ^ (EN) James Hibberrd, Is ‘The Rings of Power’ Getting Review Bombed? Amazon Suspends Ratings, su hollywoodreporter.com, The Hollywood Reporter, 2 settembre 2022. URL consultato il 6 settembre 2022.
  94. ^ (EN) Charlene Badasie, The Rings Of Power Negative Reviews Are Being Deleted, su GIANT FREAKIN ROBOT, 6 settembre 2022. URL consultato il 5 novembre 2022.
  95. ^ (EN) Elena Shcherban, Amazon has shut down access to the "Rings of Power" series rating, and IMDb deletes ratings due to a lot of criticism and negative reviews, su gagadget.com. URL consultato il 5 novembre 2022.
  96. ^ (EN) Jennifer Maas, 'The Lord of the Rings: The Rings of Power' Premiere Draws 25 Million Global Viewers in First Day, Amazon Says, su variety.com, Variety, 3 settembre 2022. URL consultato il 4 settembre 2022.
  97. ^ numero visualizzazioni, su fiercevideo.com.

Collegamenti esterniModifica