Apri il menu principale

Lil Uzi Vert

Rapper Statunitense
Lil Uzi Vert
Lil Uzi Vert.jpg
Esibizione di Lil Uzi Vert nell'agosto 2018
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereLo-fi hip hop
Trap[1]
Emo rap[2]
Cloud rap
Periodo di attività musicale2009 – in attività
EtichettaRoc Nation
Album pubblicati1
Studio1
Sito ufficiale

Lil Uzi Vert, pseudonimo di Symere Woods, noto più semplicemente come Lil Uzi (Filadelfia, 31 luglio 1994), è un rapper e modello statunitense.

Ha acquisito riconoscimento grazie al suo singolo di debutto, Money Longer e molti altri mixtape, inclusi Luv Is Rage, Lil Uzi Vs. The World e The Perfect Luv Tape. Ha anche collaborato con vari rapper, noto soprattutto il suo featuring con i Migos Bad and Boujee, che raggiunse la prima posizione nella classifica Billboard Hot 100 e per il singolo XO Tour Llif3.

CarrieraModifica

2014-2016: I primi lavoriModifica

Le abilità del rapper Lil Uzi Vert sono state notate da Don Cannon, che ha ascoltato una delle canzoni di Uzi suonate in radio dal DJ Diamond Kuts. Uzi in seguito ha firmato un contratto con DJ Drama, Don Cannon, l'etichetta discografica di Leighton Morrison, Generation Now, e Atlantic Records. Uzi ha acquisito notorietà in seguito alla collaborazione con Carnage sul singolo WDYW, assieme ad ASAP Ferg e Rich The Kid nel 2015.

Uzi ha poi pubblicato il suo terzo mixtape Luv Is Rage il 18 dicembre del 2015, con produzioni di Don Cannon, FKi, Sonny Digital, TM88, DP Beats, Maaly Raw e altri tra cui di Wiz Khalifa e Young Thug. Il 15 aprile 2016, Uzi ha rilasciato il suo quarto mixtape Lil Uzi Vert Vs. The World con la produzione di Don Cannon, Metro Boomin, WondaGurl, M-TRAX, Smatt Sertified e altro, con la copertina disegnata da Fvrris. Il 13 giugno 2016 è stato nominato come uno dei dieci XXL Freshmen del 2016. Il 31 luglio 2016, Uzi ha pubblicato il suo quinto mixtape, The Perfect Luv Tape.

2017-oggi: Luv Is Rage 2Modifica

Uzi ha collaborato con il collettivo Migos nell'ottobre del 2016 per il singolo Bad and Boujee, che nel gennaio 2017 ha raggiunto il primo posto sul Billboard Hot 100, diventando la sua collaborazione maggiormente di successo e con posizione più alta nelle classifiche. Il 24 marzo 2017 esce il singolo XO TOUR Llif3, estratto dal suo EP Luv Is Rage 1.5. Questo è il singolo che ha riscontrato maggior successo, raggiungendo la settima posizione nella Billboard Hot 100.

Nel 2017 ha collaborato con Travis Scott e Quavo dei Migos nel brano Go Off per la colonna sonora del film Fast & Furious 8.

Il 25 agosto 2017, con molto ritardo, rilascia il suo primo album: Luv Is Rage 2, che include il singolo XO TOUR Llif3. L'album debuttò al primo posto sul Billboard 200 Album Charts.

Il 29 marzo 2019, in collaborazione della casa discografica di Jay Z "Roc Nation", pubblica su YouTube il singolo "Free Uzi", interrompendo ufficialmente il suo ritiro dal mondo della scena Hip-Hop.

Stile musicaleModifica

La rivista Complex ha ritenuto Uzi "uno di quei nomi a cui prestare attenzione nel 2016"[3] e Spin ha scritto "il ventiduenne ha consolidato il suo posto come uno da guardare ... [con] la sua firma rapida consegna"[4]; Noisey lo ritiene "particolarmente carismatico", un "intrattenitore naturale"[5].

Lo stile rap di Uzi è stato paragonato al rock, anche se etichettato spesso con il termine emo rap. È, però, stato descritto come rapper Lo-Fi.

InfluenzeModifica

In un'intervista a Complex, Lil Uzi Vert ha dichiarato che le sue influenze sono ASAP Rocky, Pharrell Williams, Kanye West, Young Thug, Wiz Khalifa, Lil Wayne e Ying Yang Twins, Marilyn Manson[3]. Quest'ultimo definito dal rapper come la sua più grande ispirazione[6].

Vita privataModifica

Woods ha frequentato la stilista Brittany Byrd dal 2014 al 2017.[7] Brittany è una figura popolare tra i fan di Woods, ha frequentato la Parsons School of Design dopo essersi trasferita dalla California quando ha incontrato Woods.[8] Woods ha prima fatto riferimento a Brittany nella canzone "Nuyork Nights at 21" contenuta nell'album "Luv Is Rage" e da allora ha realizzato più canzoni riguardanti la designer[9], è anche apparsa nel video musicale "Money Longer ".[10] Il 26 giugno 2017 si sono lasciati, Woods ha dato la notizia con una nuova canzone intitolata "Stole Your Luv".[11]

Dopo la morte del rapper Lil Peep, Woods annunciò che stava smettendo di drogarsi.[12]

Dopo la morte dell amico XXXTentacion, Woods ha chiesto aiuto sui social media ad altri rapper per contribuire a costruire una fondazione contro la violenza armata che aiuterebbe a mantenere la famiglia di XXXTentacion e il suo futuro bambino.[13]

ControversieModifica

Woods è stato accusato di essere un satanista[14], originariamente dal rapper Daylyt che sosteneva che Woods adorava Satana.[15] Woods ha detto di essere ispirato dall'adorazione di Marilyn Manson che ha su Satana.[16] Nel luglio del 2018, Woods disse a una folla di fan che stavano "andando al diavolo" con lui.[17]

Nell'agosto 2017, Woods ha creato polemiche dopo che ha aggiunto immagini sataniche ai suoi account e dicendo frasi spesso associate al satanismo come " 666 ".[18]

Problemi legaliModifica

L'8 dicembre 2016, Woods è stato arrestato ad Atlanta, in Georgia, per guida spericolata su una moto in una strada pubblica. Woods e un amico stavano guidando una moto senza luci e caschi di sicurezza prima di essere notati dalla polizia. Mentre la polizia li stava inseguendo, Woods cadde dalla sua moto e tentò di scappare a piedi prima di essere catturato e arrestato, per poi essere rilasciato sotto cauzione di $ 6.500.[19] Nel novembre 2017, l'accusa fu infine risolta con Woods che faceva del servizio alla comunità.[20]

DiscografiaModifica

Album in studioModifica

EPModifica

MixtapeModifica

RiconoscimentiModifica

Anno Premio Nomina Risultato
2017 Billboard Music Awards Lil Uzi Vert Candidato/a
"Bad and Boujee" Candidato/a
Candidato/a
MTV Video Music Awards Candidato/a
"XO Tour Llif3" Vincitore/trice
2018 Grammy Awards Lil Uzi Vert Candidato/a
"Bad and Boujee" Candidato/a
iHeartRadio Music Awards Candidato/a
Lil Uzi Vert Candidato/a

NoteModifica

  1. ^ (EN) What the phonk? The genre that's gripping Generation Z, su amp.theguardian.com. URL consultato il 27 gennaio 2017.
  2. ^ https://www.tinymixtapes.com/music-review/lil-uzi-vert-luv-rage-2
  3. ^ a b Next Wave: Meet Lil Uzi Vert, The Next Phenom In Rap - Complex UK, su uk.complex.com. URL consultato il 30 maggio 2017.
  4. ^ [Go South, Young Man: How Philly Rapper Lil Uzi Vert Won Over Atlanta - SPIN http://www.spin.com/2016/04/go-south-young-man-how-philly-rapper-lil-uzi-vert-won-over-atlanta/]. URL consultato il 30 maggio 2017.
  5. ^ Lil Uzi Vert is living in the future of rap, su noisey.vice.com. URL consultato il 30 maggio 2017.
  6. ^ Artists to Watch In 2017: Lil Uzi Vert, Rap's Tradition-Bucking, Marilyn Manson-Loving Star, su billboard.com. URL consultato il 5 giugno 2017.
  7. ^ (EN) A Conversation with Designer and Artist Brittany Byrd, su PAPER, 12 luglio 2017. URL consultato il 30 aprile 2019.
  8. ^ (EN) Lil Uzi Vert Can’t Be Bothered, su The FADER. URL consultato il 30 aprile 2019.
  9. ^ (EN) Lil Uzi Vert Raps About His Ex Brittany Byrd All Over ‘Luv Is Rage 2’, su Genius. URL consultato il 30 aprile 2019.
  10. ^ (EN) Lil Uzi Vert Rescues His GF Brittany Byrd In The Ridiculous “Money Longer” Video, su The FADER. URL consultato il 30 aprile 2019.
  11. ^ (EN) khari, Lil Uzi Vert Ends Relationship With Beloved Girlfriend, Drops New Heater, "Stole Your Luv", su The Source, 26 giugno 2016. URL consultato il 30 aprile 2019.
  12. ^ Lil Uzi Vert Tries Sobriety Following Lil Peep's Death, su HotNewHipHop. URL consultato il 30 aprile 2019.
  13. ^ (EN) Lil Uzi Vert Asks for Help Starting a Foundation for XXXTentacion's Family, su Complex. URL consultato il 30 aprile 2019.
  14. ^ Why Does Everyone Think Lil Uzi Vert Is The Devil?, su HotNewHipHop. URL consultato il 30 aprile 2019.
  15. ^ HipHopDX- http://hiphopdx.com, Daylyt Explains Why He Thinks Lil Uzi Vert Has A Satanic Master Plan, su HipHopDX, 30 dicembre 2016. URL consultato il 30 aprile 2019.
  16. ^ Trippie Redd Explains "666" Meaning, Not Based On Devil Worship, su HotNewHipHop. URL consultato il 30 aprile 2019.
  17. ^ Lil Uzi Vert Tells His Fans They're Going To Hell During Recent Concert, su HotNewHipHop. URL consultato il 30 aprile 2019.
  18. ^ Lil Uzi Vert Inserts Satanic Imagery Into His Twitter Bio, su HotNewHipHop. URL consultato il 30 aprile 2019.
  19. ^ Lil Uzi Vert Arrested For Recklessly Driving Dirt Bike, su HotNewHipHop. URL consultato il 30 aprile 2019.
  20. ^ Lil Uzi Vert Gets Community Service As Punishment For Dirt Bike Charge, su HotNewHipHop. URL consultato il 30 aprile 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica


Controllo di autoritàVIAF (EN8343150172732900180007 · LCCN (ENno2017095800 · WorldCat Identities (ENno2017-095800