Apri il menu principale
Signoria di Milano Casato dei Visconti
(1277-1395)
Coat of arms of the House of Visconti (1277).svg
'Vipereos Mores Non Violabo'
Stemma dei Visconti dal 1277 al 1395
Ottone
Nipoti
Matteo I
Galeazzo I
Figli
Azzone co-signore con gli zii Luchino e Giovanni
Matteo II co-signore coi fratelli Galeazzo II e Bernabò
Galeazzo II co-signore coi fratelli Matteo II e Bernabò
Figli
Bernabò co-signore coi fratelli Matto II e Galeazzo II
Gian Galeazzo
Modifica

Ludovico Visconti (Milano, 1355Trezzo, 28 luglio 1404) era figlio di Bernabò Visconti, signore di Milano, e di Beatrice della Scala.

Indice

DominiModifica

Fu Governatore e Signore di Parma dal 1385 al 1404[1] e Governatore di Lodi dal 1379 al 1385[1].

 
Violante Visconti col fratello Gian Galeazzo in personificazioni sacre

Nel 1379 Bernabò spartì i suoi domini tra i cinque figli legittimi Marco, Carlo, Ludovico, Gianmastino e Rodolfo: a Ludovico spettarono Crema e Lodi[2].

MatrimonioModifica

 
Bernabò Visconti con la moglie Beatrice

Sposò il 18 aprile 1381 Violante Visconti, la quale era rimasta vedova prima di Lionello di Anversa, duca di Clarence (1338 – 1368), figlio del re d'Inghilterra Edoardo III, poi di Ottone Paleologo nel 1378 [3]. Violante era cugina di Ludovico in quanto figlia di Galeazzo II Visconti, fratello di Bernabò.

La coppia ebbe un figlio [3]:

  • Giovanni, nato dopo il 1382 [4] che fu signore di Lodi[5].

La prigioniaModifica

Al fine di ottenere il potere assoluto su Milano, Gian Galeazzo Visconti, fratello di Violante, fece catturare a tradimento lo zio Bernabò e i figli Ludovico e Rodolfo. L'agguato avvenne fuori della Pusterla di Sant'Ambrogio il 6 maggio 1385[2].

Ludovico venne rinchiuso nel castello di San Colombano, ove ricevette la notizia nel 1386 della morte della moglie[2].

Speranza di matrimonioModifica

Quando morì a Cipro Valentina Visconti, sorella di Ludovico, a Gian Galeazzo venne l'idea di dare in sposa a Ludovico una figlia del nuovo re Giacomo I di Cipro, un cugino di Pietro II di Cipro, marito di Valentina, morto senza eredi[2].

Il matrimonio però non avvenne mai: Ludovico morì nel castello di Trezzo il 28 luglio 1404, dopo quasi venti anni di prigionia[6].

NoteModifica

Voci correlateModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie