Apri il menu principale

Michael Jackson's This Is It

film documentario del 2009 diretto da Kenny Ortega, Michael Jackson
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo Singolo di Michael Jackson, vedi This Is It (Michael Jackson).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo Tour di Michael Jackson, vedi This Is It.
(EN)

«It's an adventure. It's a great adventure. We want to take them places that they've never been before. We want to show them talent like they've never seen before.»

(IT)

«E' un'avventura. E' una grande avventura. Vogliamo portarli in posti che non hanno mai visto prima. Vogliamo mostrare loro il talento come non lo hanno mai visto prima.»

(Michael Jackson mentre parla ai suoi collaboratori e ballerini durante le prove di This Is It)
Michael Jackson's This Is It
MJ Vid022.jpg
Titolo originaleMichael Jackson's This Is It
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2009
Durata111 min
Generedocumentario, musicale
RegiaKenny Ortega, Michael Jackson
FotografiaKevin Mazur
MusicheMichael Jackson
Interpreti e personaggi

Michael Jackson's This Is It è un documentario musicale/film concerto del 2009 diretto da Kenny Ortega e con protagonista Michael Jackson, in gran parte realizzato utilizzando il materiale girato nei giorni immediatamente precedenti il suo decesso, mentre l'artista provava le canzoni e preparava le coreografie per il residency show This Is It in programma a Londra a partire dal luglio 2009.

Non può essere definito solamente film concerto poiché non è, per l'appunto, mai stato effettuato in pubblico, ma sono solo ed esclusivamente filmati di backstage durante le prove dello spettacolo che Jackson avrebbe dovuto tenere a Londra nella stagione successiva. I filmati sono stati poi messi insieme come per fare una scaletta e ricreare quel concerto che non ha mai avuto luogo.

Complessivamente il film ha incassato $261,183,588 milioni di dollari[1], diventando il documentario musicale con il maggior incasso di tutti i tempi.[2]

TramaModifica

Il film documenta le ultime settimane di vita del cantante Michael Jackson, ed in particolare cerca di ricostruire il più fedelmente possibile tramite immagini delle prove, interviste ad amici e collaboratori e immagini di repertorio inedite quello che avrebbe dovuto essere l'omonimo tour.

La scaletta del filmModifica

Per mantenere il film nella durata delle due ore, sono state aggiunte solo le canzoni provate nella sua interezza, o quasi interezza, da Jackson e dalla sua band. Alcune canzoni provate solo dalla band e dai ballerini, o solo in parte da Jackson, come Dangerous e Dirty Diana, sono state invece omesse.[3][4] Jackson, come nelle prove dei precedenti tour, e come lo si può vedere affermare nel dietro le quinte, era solito risparmiare la voce durante le prove cantando a bassa voce o non cantando affatto, pertanto nel montaggio del film la voce nelle canzoni è stata spesso ricavata da vecchie demo e dagli album originali.[5]

Canzoni cantate nel filmModifica

# Canzone Note
1 Wanna Be Startin' Somethin' La canzone è eseguita senza la terza strofa e senza il primo verso.

Contiene una breve versione a cappella del brano Speechless, inserita in fase di montaggio. La canzone sarebbe stata eseguita nella sua interezza in un altro segmento del concerto. Voce dal vivo e, in parte, utilizzata una vecchia demo della canzone abbassata di qualche tonalità per somigliare alla voce più profonda di Jackson degli ultimi anni.

2 Jam Contiene una breve introduzione suonata col basso. Non è chiaro se questa intro sarebbe stata utilizzata anche per i concerti o se sia servita ad accompagnare alcune immagini del dietro le quinte delle prove dei toaster dei ballerini.

È eseguita senza la seconda strofa e senza la prima parte del rap per il minutaggio del film, se i concerti avessero avuto luogo, sarebbe stata probabilmente eseguita come canzone completa. Contiene un breve frammento strumentale di Another Part Of Me. Voce dal vivo/playback ed editata per il film con voce originale abbassata di qualche tonalità per somigliare alla voce più profonda di Jackson degli ultimi anni.

3 The Drill Come per il break di Jam nel Dangerous World Tour e quello tra Scream e They Don't Care about Us nell'HIStory World Tour, il The Drill è una sequenza unicamente danzata con passi ispirati alle mosse dei militari, in questo caso per introdurre nuovamente They Don't Care About Us.

Si tratta della versione strumentale del brano Mind Is The Magic insieme ad alcuni frammenti dei brani Bad e Dangerous. È ballata da Jackson insieme ad alcuni ballerini vestiti da soldati. Nel tour, grazie ad uno schermo LCD in 3D, i ballerini/soldati dietro a Jackson sarebbero sembrati una moltitudine.

4 They Don't Care About Us Come nell'HIStory World Tour, il brano è eseguito senza la seconda strofa.

Contiene alcuni frammenti strumentali di HIStory, She Drives Me Wild e Why You Wanna Trip On Me. Alcune scene delle prove sono state filmate due giorni prima della morte di Jackson. Voce dal vivo/playback ed editata per il film con voce originale abbassata di qualche tonalità per somigliare alla voce più profonda di Jackson degli ultimi anni.

5 Human Nature I primi versi sono eseguiti a cappella; dalla seconda strofa è poi eseguita con la band.

Durante i titoli di coda è presente una versione alternativa del brano. Voce dal vivo.

6 Smooth Criminal L'introduzione è una clip del film Gilda (in bianco e nero) modificata apposta per inserirvi digitalmente Jackson che interagisce con alcuni personaggi del passato come Humphrey Bogart.

Contiene inoltre alcune scene prese dal film Moonwalker per integrare scene che l'artista non è stato in grado di completare prima della morte. La sequenza dell'Antigravity Lean non è presente nel film anche se provata ma, durante i concerti, Jackson l'avrebbe eseguita insieme agli altri ballerini, come per gli altri tour. Primo verso voce dal vivo/playback ed editata per il film con voce originale abbassata di qualche tonalità per somigliare alla voce più profonda di Jackson degli ultimi anni, finale della canzone voce dal vivo.

7 The Way You Make Me Feel È eseguita con l'introduzione lenta, già usata in passato durante i Grammy Awards 1988, il Royal Concert e il Michael Jackson: 30th Anniversary.

Il brano è eseguito senza il primo verso e la seconda strofa tagliate a causa del minutaggio del film e senza tre ottave finali (ma nelle immagini del film è possibile vedere Jackson chiedere di riaggiungerle, per cui sarebbero state presenti nei concerti). Voce dal vivo nell'intro, voce in playback ed editata per il film con voce originale abbassata di qualche tonalità per somigliare alla voce più profonda di Jackson degli ultimi anni.

8 I Want You Back La canzone è cantata in un medley come negli altri tour di Jackson.

Voce dal vivo.

9 The Love You Save La canzone è cantata in un medley come negli altri tour di Jackson.

Voce dal vivo.

10 I'll Be There La canzone è cantata in un medley come negli altri tour di Jackson, con un membro del coro che canta al posto di Jermaine Jackson. In questo caso si tratta del corista Daryll Phinnessee.

Voce dal vivo.

11 Shake Your Body (Down to the Ground) La versione della canzone è solo strumentale con il ritornello cantato dai coristi. Contiene un frammento (sempre strumentale) di Don't Stop 'Til You Get Enough. Il ballo è eseguito solo dai ballerini, con Jackson che compare solo verso la fine del pezzo.
12 I Just Can't Stop Loving You Il brano è eseguito da Jackson in duetto con la corista Judith Hill.

Voce dal vivo.

13 Thriller Il brano è introdotto da un video in 3D.

Contiene un frammento strumentale dei brani Ghosts e Threatened. Voce dal vivo/playback ed editata per il film con voce originale abbassata di qualche tonalità per somigliare alla voce più profonda di Jackson degli ultimi anni.

14 Beat It Prima dell'inizio del brano viene suonato un pezzo strumentale di Who Is It solo per accompagnare le immagini di backstage del film.

L'inizio è eseguito, come per gli altri tour, su un braccio meccanico, che in questo caso spuntava direttamente da dentro il palco. La seconda strofa non viene eseguita a causa del minutaggio del film ma, se i concerti avessero avuto luogo, il brano sarebbe stato eseguito come canzone completa. Playback editato per il film, la traccia vocale è ricavata probabilmente da una delle tappe del Victory Tour.

15 Black or White La canzone è cantata senza la seconda strofa come è possibile vedere nel film mentre Jackson indica alla band "no second verse" ("nessuna seconda strofa") e, alla fine del brano, viene eseguito un assolo di chitarra da Orianthi Panagaris e Tommy Organ.

Voce dal vivo.

16 Earth Song Come per Thriller, la canzone è introdotta da un video in 3D.

Parte del brano è eseguito sul braccio meccanico, come durante l'HIStory World Tour. Voce dal vivo e in parte playback editato per il film utilizzando una parte vocale ricavata da una vecchia demo di Earth Song abbassata di qualche tonalità per somigliare alla voce più profonda di Jackson degli ultimi anni.

17 Billie Jean La canzone è eseguita come durante gli altri tour.

Verso la fine del brano non viene eseguito il moonwalk, che sarebbe stato eseguito però dal vivo, questo perché Jackson, come dichiarato da lui stesso anche nelle immagini contenute nel film, e confermato anche da alcuni suoi ballerini e da alcuni famigliari, non voleva consumare troppe energie durante le prove. Voce dal vivo e in parte playback ricavato da una vecchia sessione demo.

18 Man in the Mirror La canzone è eseguita per un Soundcheck.

Voce playback con finale dal vivo, con voce originale abbassata di qualche tonalità per somigliare alla voce più profonda di Jackson degli ultimi anni.

19 This Is It La canzone non è cantata nel film ma è suonata solo durante i titoli di coda.

Voce registrata.

20 Heal the World La canzone è suonata durante i titoli di coda senza la seconda strofa e altre parti.

Il brano sarebbe stato eseguito durante i concerti, se questi avessero avuto luogo. Voce playback con voce originale abbassata di qualche tonalità per somigliare alla voce più profonda di Jackson degli ultimi anni.

Genesi dell'operaModifica

This Is It: il tour programmatoModifica

Annuncio del TourModifica

This Is It
Tour di Michael Jackson
Album Medley dei The Jackson 5, Off the Wall, Thriller, Bad, Dangerous, HIStory: Past, Present and Future - Book I, Invincible
Inizio   Londra
13 luglio 2009
Fine   Londra
6 marzo 2010
Tappe 2
Spettacoli
Cronologia dei tour di Michael Jackson
Michael Jackson: 30th Anniversary Celebration - The Solo Years
(2001)
Nessuno

Il 5 marzo 2009 Michael Jackson tenne una conferenza stampa in diretta mondiale con i principali network tra i quali la CNN e la BBC, su un palco montato appositamente nell'atrio dell'O2 Arena di fronte ad oltre 1.500 fan e 350 giornalisti annunciando che avrebbe tenuto una serie di 10 concerti nel corso dell'estate, interrompendo un'assenza dai tour di 12 anni che durava fin dall'HIStory World Tour conclusosi nel 1997.[6][7][8][9]

Jackson, arrivato con circa un'ora di ritardo a causa del traffico di Londra, si presentò sul palco anticipato da un montaggio video di immagini live da suoi precedenti tour. Vestito con una giacca nera con disegni in strass scintillante, pantaloni neri, i suoi classici mocassini e un paio di occhiali da sole "aviator" neri, cercò di tenere un discorso tra le urla di gioia dei suoi fans ma, proprio a causa degli occhiali da sole, non riuscì a leggere bene i teleprompter[10], come dichiarato da Dermot O'Leary, presentatore dell'evento[11], dovendo improvvisare gran parte del discorso.[12][13][14] Le parole della sua conferenza stampa suscitarono pertanto molti interrogativi poiché l'artista disse in un passaggio:

(IN)

«I just wanted to say that these will be my final show performances in London. When I say This Is It, it really means This Is It[15]»

(IT)

«Voglio solo dire che questo sarà il mio show definitivo a Londra. Quando dico Questo è tutto, significa veramente Questo è tutto»

(Michael Jackson in un passaggio del discorso della conferenza stampa per annunciare il tour This Is It, il 5 marzo 2009)

In realtà "this is it" in inglese può avere vari significati e il regista Kenny Ortega in un'intervista futura dichiarerà che l'idea del titolo del tour nacque durante una telefonata tra lui e Jackson e che l'artista lo intendeva come "Ci siamo", "Questo è quello giusto" (riferito al progetto) o "Questo è il momento".[16]

PromozioneModifica

Nelle ore precedenti la conferenza stampa una serie di poster pubblicitari del tour vennero affissi in alcune zone di Londra mentre nei giorni successivi iniziò una campagna pubblicitaria su alcune emittenti televisive; il primo spot costò quasi un milione di dollari e venne trasmesso dalla ITV London con un'audience stimato di circa 11 milioni di spettatori e creando un record senza precedenti perché lo spot, della durata di circa 4 minuti, prendeva un intero intermezzo pubblicitario.[17][18][19][20][21]

In seguito venne lanciato un sito ufficiale, chiamato michaeljacksonlive.com, dove i fans potevano registrarsi per la prevendita, ma a causa delle numerosissime richieste e della vendita senza precedenti di 350.000 biglietti in pochi minuti, andò inizialmente in crash e questo portò la società organizzatrice dell'evento, la "AEG (Anschutz Entertainment Group)", ad aumentare le date da 10 a 50[22]; in seguito Jackson, parlando coi suoi fans fuori dallo Staples Center, dove si tenevano le prove, si dirà irritato da questa scelta, in quanto disse di non aver mai firmato per 50 date tutte in un posto ma che avrebbe voluto farne 10 a Londra e poi, più avanti, girare il mondo per esibirsi in altre arene; il cantante dichiarò inoltre[23]:

«Sono andato a letto sapendo di aver venduto 10 date e mi sono svegliato con le notizie che mi avevano scritturato per farne 50»

Tutti i biglietti per le 50 date dei concerti furono rapidamente venduti creando un record per la più veloce vendita di biglietti nella storia.[24][25][26] Jackson allora scelse di dividere il tour in due parti: la prima nell'estate 2009 (nei mesi di luglio, agosto e settembre) e la seconda nei primi mesi del 2010 (gennaio, febbraio e marzo).

Il cantante aprì un sondaggio sul suo sito web in cui ogni visitatore avrebbe potuto scegliere gratuitamente le sue 25 canzoni preferite: le più votate del sondaggio sarebbero state eseguite dal cantante.

Come conseguenza dell'annuncio del tour i dischi di Jackson registrarono vendite come non si vedevano da molti anni: King of Pop incrementò del 400% e Thriller del 200%.[27] La caccia ai biglietti dei concerti invase il web e alcuni furono messi in vendita su Ebay al prezzo di 10.000 sterline.[28]

Il tour e gli effetti specialiModifica

Il palco sarebbe stato sovrastato da uno schermo jumbotron LCD 3D (100x3), il più grande schermo LCD 3D al mondo all'epoca, tramite il quale avrebbero trasmesso dei video 3D come intro ad alcune delle canzoni, come sfondo e per altri effetti 3D durante le esibizioni. Tra questi un video che mostrava Jackson interagire con alcune star del passato, come Rita Hayworth nel film Gilda, per introdurre Smooth Criminal ed un esclusivo video 3D per introdurre Thriller.[29] All'inizio dello show Jackson sarebbe arrivato sul palco all'interno di una statua simile ad un astronauta, soprannominato "Light Man" (L'uomo di luce), ricoperto da un'armatura di schermi LCD flessibili che si sarebbero aperti man mano lasciandolo entrare in scena.[30] Per Dirty Diana era previsto un trucco magico dove Jackson sarebbe salito con una pole dancer su di un letto a baldacchino che sarebbe stato sollevato sopra il palco con dei cavi e dove sarebbero spariti entrambi con un trucco illusionistico.[31] Durante Beat It l'artista avrebbe indossato una giacca di un particolare materiale che, una volta gettata a terra, avrebbe preso fuoco.[32] Per Thriller, oltre al sopracitato video di apertura in 3D, girato appositamente per l'occasione, Jackson sarebbe entrato sul palco apparendo da sotto un gigantesco ragno meccanico mosso inizialmente da un suo sostituto che si sarebbe scambiato con Jackson attraverso una botola al centro del palco. Earth Song sarebbe stata anticipata da un nuovo video in 3D con protagonista una bambina che si addormentava in una foresta che veniva incendiata e poi devastata da alcuni bulldozer e, alla fine della canzone, lo stesso bulldozer del video sarebbe apparso sul palco, attraverso una rampa posta al centro del palco, per essere poi fermato da Jackson che vi si sarebbe parato davanti come faceva col carro armato nell'HIStory Tour.[33] Nel finale, durante le ultime note di Man in the Mirror, Jackson avrebbe lasciato il palco attraverso una porta segreta all'interno dello schermo LCD 3D che si sarebbe abbassata dando l'impressione che l'artista stesse salendo su di un gigantesco jet, in realtà trasmesso sugli schermi in 3D, che avrebbe dato l'impressione di decollare sopra le teste dei fans.[34]

Scaletta ipotetica prevista nel tourModifica

Se i concerti avessero avuto luogo, la seguente sarebbe stata la possibile scaletta per lo show[35][3]:

  1. Glimpses & Flashes/Light Man 3D Intro
  2. Wanna Be Startin' Somethin' (nel documentario, a metà dell'esibizione, vengono mostrate delle immagini di Jackson che canta alcuni versi della canzone Speechless dall'album Invincible. Non è chiaro se Jackson avrebbe interpretato il pezzo nella sua completezza in un altro punto del concerto durante il tour)
  3. Jam (con frammento di Another Part of Me)
  4. The Drill (Military Dance Performance) (con Mind Is the Magic instrumental e un brevissimo frammento di Bad)
  5. They Don't Care About Us (con frammenti di HIStory e She Drives Me Wild)
  6. Human Nature (a volte sarebbe stata sostituita con Stranger in Moscow)[3]
  7. Gilda 3D Intro
  8. Smooth Criminal
  9. The Way You Make Me Feel (a volte sarebbe stata sostituita con You Rock My World)
  10. Jackson 5 Medley - (I Want You Back / The Love You Save / I'll Be There)
  11. Don't Stop 'Til You Get Enough (strumentale) - (seguita da una versione breve e unicamente ballata di Shake Your Body (Down to the Ground))
  12. Rock With You
  13. I Just Can't Stop Loving You (in duetto con Judith Hill)
  14. Dangerous (con frammenti di Morphine, 2000 Watts, This Place Hotel/Hearthbreak Hotel, Smooth Criminal, il tema del film Psyco di Hitchcock, il tema del film Il buono, il brutto, il cattivo di Ennio Morricone, You Want This di Janet Jackson)
  15. Black or White
  16. Who Is It (Instrumental Interlude) - (nel film è presente per accompagnare alcune immagini del backstage. Non è chiaro se Jackson avrebbe interpretato il pezzo nella sua completezza in un altro punto del concerto durante il tour o se la band l'avrebbe suonata come jam session)
  17. Dirty Diana
  18. Beat It
  19. Graveyard 3D Intro
  20. Thriller (seguita da una breve versione unicamente ballata della canzone Threatened dall'album Invincible)
  21. Earth Song 2009 3D Intro
  22. Earth Song
  23. Global Medley (We Are The World/Heal the World)
  24. You Are Not Alone
  25. Billie Jean
  26. Will You Be There
  27. River Ripple (solo durante le ultime date del tour)
  28. Best of Joy (solo durante l'ultima data del tour)
  29. Man in the Mirror
  30. MJ Air 3D Outro

Date dei concertiModifica

Immediatamente dopo l'annuncio sul sito ufficiale del cantante, vennero pubblicate le date dei concerti, che sarebbero stati tutti eseguiti alla O2 Arena di Londra, nel Regno Unito.

Date del tourModifica

Numero Data Città Nazione Luogo
Europa
Prima Leg
1 13 luglio, 2009 Londra   Regno Unito The O2 Arena
2 16 luglio, 2009
3 18 luglio, 2009
4 22 luglio, 2009
5 24 luglio, 2009
6 26 luglio, 2009
7 28 luglio, 2009
8 30 luglio, 2009
9 1º agosto, 2009
10 3 agosto, 2009
11 10 agosto, 2009
12 12 agosto, 2009
13 17 agosto, 2009
14 19 agosto, 2009
15 24 agosto, 2009
16 26 agosto, 2009
17 28 agosto, 2009
18 30 agosto, 2009
19 1º settembre, 2009
20 3 settembre, 2009
21 6 settembre, 2009
22 8 settembre, 2009
23 10 settembre, 2009
24 21 settembre, 2009
25 23 settembre, 2009
26 27 settembre, 2009
27 29 settembre, 2009
Seconda Leg
28 7 gennaio, 2010 Londra   Regno Unito The O2 Arena
29 9 gennaio, 2010
30 12 gennaio, 2010
31 14 gennaio, 2010
32 16 gennaio, 2010
33 18 gennaio, 2010
34 23 gennaio, 2010
35 25 gennaio, 2010
36 27 gennaio, 2010
37 29 gennaio, 2010
38 1º febbraio, 2010
39 3 febbraio, 2010
40 8 febbraio, 2010
41 10 febbraio, 2010
42 12 febbraio, 2010
43 16 febbraio, 2010
44 18 febbraio, 2010
45 20 febbraio, 2010
46 22 febbraio, 2010
47 24 febbraio, 2010
48 1º marzo, 2010
49 3 marzo, 2010
50 6 marzo, 2010

CastModifica

A partire da aprile 2009 migliaia di ballerini si presentarono alle audizioni condotte personalmente dallo stesso Jackson con la collaborazione del regista dello show, e suo collaboratore di vecchia data, Kenny Ortega[36]; quello che segue sarebbe stato il cast completo dello show:

  • Lead Vocalist e ballerino principale: Michael Jackson
  • Regista e direttore spettacolo: Kenny Ortega
  • Tastiere: Michael Bearden, Morris Pleasure
  • Chitarra: Orianthi Panagaris, Thomas Organ
  • Basso: Alex Al
  • Percussioni: Roger Bashiri Johnson
  • Batteria: Jonathan Moffett
  • Coro: Judith Hill, Dorian Holley, Darryl Phinnessee, Ken Stacey
  • Ballerini: Nicholas Bass, Daniel Celebre, Mekia Cox, Christopher Grant, Misha Hamilton, Shannon Holtzapffel, Devin Jamieson, Charles Klapow, Ricardo Reid, Danielle Rueda Watts, Tyne Stecklein, Timor Steffens
  • Co-coreografi con Jackson: Travis Payne e Stacy Walker
  • Stilisti/Costumisti: Michael Lee Bush e Zaldy Coco
  • Hair & Makeup/truccatrice personale di Jackson: Karen Faye

Artisti di supportoModifica

In un'intervista concessa al Larry King Live la cantante Lady GaGa ha dichiarato che avrebbe dovuto aprire alcuni degli spettacoli di Londra di Jackson come artista di supporto interpretando una canzone intitolata Pictures. Inoltre nella stessa intervista l'artista dichiara che ci furono alcune discussioni tra gli organizzatori dei concerti e gli artisti di supporto per organizzare dei possibili duetti tra Jackson e gli artisti in alcune serate.[37] Shaheen Jafargholi, un cantante bambino uscito dal Talent show Britain's Got Talent, avrebbe dovuto interpretare Who's Lovin' You all'inizio di alcune date del tour come dichiarato dallo stesso Kenny Ortega. La canzone venne interpretata alla fine dal ragazzino in onore di Jackson al suo memorial pubblico nel luglio del 2009.[38][39][40]

La morte di Michael JacksonModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Morte di Michael Jackson.

Il 25 giugno 2009 Michael Jackson è deceduto a Los Angeles per arresto cardiaco causato da un'intossicazione da Propofol. Il tour venne pertanto cancellato e i promoter del tour, l'AEG Live, si impegnarono a rimborsare l'intero costo dei biglietti venduti o a dare in cambio ai fans dei biglietti commemorativi.[41] Pochi giorni dopo il decesso vennero diffuse parecchie immagini delle prove dei concerti e venne reso pubblico il fatto che Jackson aveva fatto filmare oltre cento ore di prove dai suoi operatori.

Produzione del filmModifica

Il 10 agosto 2009 il giudice Mitchell Beckloff della corte di Los Angeles approva un accordo riguardante i beni del cantante appena deceduto tra la AEG Live e la Sony Pictures. Questo accordo consente alla Sony Pictures di entrare in possesso e montare a scopo commerciale tutto il girato delle prove eseguite da Michael Jackson allo Staples Center di Los Angeles in preparazione al tour. Sony pagò 60 milioni di dollari per avere i diritti sul materiale girato e sul film da esso derivato.[42]

venne confermato dagli addetti ai lavori sul sito ufficiale del cantante che alcune riprese di alcune sequenze per lo spettacolo erano state effettuate in 3D ma nelle sale esse saranno visibili in proiezione normale. Il film non mostra solo i pezzi di concerto provati e registrati ma contiene anche dietro le quinte inediti e interviste con i suoi collaboratori.[43] Il progetto è stato ultimato nei primi giorni di settembre. Nei titoli di coda del film viene, indirettamente, reso noto agli spettatori che la voce di Michael è stata ritoccata mediante l'utilizzo di vecchie registrazioni e demo.[44]

Promozione e incassiModifica

il primo trailer è stato proiettato il 13 settembre 2009 agli MTV Video Music Awards 2009 mentre il film è uscito nelle sale di tutto il mondo il 28 ottobre 2009 e contiene anche un brano inedito eseguito da Jackson.

Michael Jackson's This Is It ha incassato 101 milioni di dollari nei primi 5 giorni di apertura, di cui 21 milioni solo nel fine settimana nelle sale nordamericane. Il successo è stato tale che negli Stati Uniti la Sony ha prolungato la programmazione dalle 2 settimane inizialmente previste fino al 'ponte' del giorno del ringraziamento alla fine di novembre, mentre in Italia fino al 25 novembre. I biglietti venduti nel mondo hanno generato più di 68 milioni di dollari, tra cui 10,4 in Giappone e 3,2 in Cina.

Gli incassi finali ammontarono a livello mondiale a 261,183,588 dollari, rendendolo il documentario musicale/film-concerto col maggiore incasso nella storia.[45]

Altri mediaModifica

Sony Music Entertainment's Columbia e Epic Label Group hanno pubblicato il doppio album This Is It, con le musiche provenienti dal film, in tutto il mondo il 26 ottobre in concomitanza con l'uscita del film:

  • Disco 1: contiene i brani originali dei più grandi successi di Michael nella stessa sequenza con la quale appaiono nel film. Il disco termina con due versioni inedite del singolo This Is It. La canzone, usata nella scena conclusiva del film, prevede la partecipazione dei fratelli di Michael come coristi.
  • Disco 2: include versioni inedite dei classici del cantante e una poesia inedita recitata da Michael Jackson intitolata Planet Earth.

Il doppio CD comprende un booklet commemorativo di 36 pagine nel quale figurano foto esclusive di Jackson nelle sue ultime prove.

Il DVD e il Blu Ray della pellicola cinematografica sono stati pubblicati il 23 febbraio 2010. L'edizione speciale del DVD contiene un doppio disco con oltre due ore di contenuti speciali.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Michael Jackson's This Is It (2009) - Box Office Mojo, su www.boxofficemojo.com.
  2. ^ (EN) 'Michael Jackson's This Is It' Ticket Sales Break International Records, in MTV News, 29 settembre 2009.
  3. ^ a b c A primeira setlist de This It It – MJ Beats, in MJ Beats, 20 giugno 2018.
  4. ^ INÉDITO: Áudio do ensaio de Dirty Diana para This Is It, in MJ Beats, 26 marzo 2018.
  5. ^ JhouzinhoMusico, Michael Jackson & Judith Hill - I Just Can't Stop Loving You (THIS IS IT VERSION) HD "rehearsal", 23 novembre 2012.
  6. ^ Fans await announcement of Michael Jackson dates, Inthenews.co.uk, (March 5, 2009). URL consultato il 5 marzo 2009 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2012).
  7. ^ Steve Jones, Michael Jackson announces 10-concert comeback, in USA Today, 5 marzo 2009.
  8. ^ Jackson set to announce shows, MTV, (March 5, 2009). URL consultato il 5 marzo 2009.
  9. ^ Arifa Akbar, Jacko on tour: 'This will be the final curtain call. I love you, I love you all'- News, Music, The Independent, 6 marzo 2009. URL consultato il 6 marzo 2009.
  10. ^ (EN) Meeting pop's royalty Dermot O'Leary told Soccer AM about the bizarre encounters he had with Michael Jackson and Britney Spears., in Sky Sports, 2 maggio 2009.
  11. ^ (EN) Soccer AM clips: Dermot O'Leary dishes the dirt on Britney Spears & Michael Jackson, in 101 Great Goals/Soccer AM, 2 maggio 2009.
  12. ^ (EN) Michael Jackson announces O2 Arena London gigs - and retirement? - NME, in NME, 5 marzo 2009.
  13. ^ (EN) Urmee Khan, Digital and Media Correspondent, Michael Jackson announces comeback gigs, in The Telegraph, 5 marzo 2009.
  14. ^ (EN) By Simon Hooper CNN, Michael Jackson announces 'curtain call' concerts - CNN.com, su edition.cnn.com, 5 marzo 2009.
  15. ^ Paul Harris, Trembling, gaunt and £100million in debt, Michael Jackson makes his final entrance, Daily Mail, 6 marzo 2009. URL consultato il 6 marzo 2009.
  16. ^ CBS, Michael Jackson's "This Is It", 23 ottobre 2009. URL consultato il 13 giugno 2016.
  17. ^ tancerz131313, OFFICIAL TEASER TOUR MICHAEL JACKSON 2009, 6 marzo 2009.
  18. ^ Zoe Griffin, Michael Jackson has 50 medical tests to prove he can manage 02 Arena dates, Daily Mirror, 5 marzo 2009. URL consultato il 5 marzo 2009.
  19. ^ Ian Youngs, 'Final curtain call'for Jackson, BBC, 5 marzo 2009. URL consultato il 6 marzo 2009.
  20. ^ Emma Barnett, Michael Jackson takes entire three and a half minute ITV ad slot, www.mediaweek.co.uk, 6 marzo 2009. URL consultato il 6 marzo 2009.
  21. ^ Michael Jackson live dates ad during Dancing On Ice seen by 11m fans, Daily Mirror, (March 9, 2009). URL consultato il 9 marzo 2009.
  22. ^ (EN) Alastair Jamieson, Michael Jackson fans face huge price rises for London concert tickets, in The Telegraph, 12 marzo 2009.
    «As many as 350,000 tickets were presold yesterday, prompting organisers to claim a record even before the concerts officially open for business tomorrow. Promoters added at least 15 extra shows after the pre-sale tickets for the 10 planned dates were snapped up within minutes, leaving fans frustrated as websites crashed because of demand.».
  23. ^ (EN) Michael Jackson 'angry' at 50 London shows being booked - NME, in NME, 2 giugno 2009.
    «he believed he only signed up to play 10 shows – not the 50 he is scheduled for – at the venue. Speaking to fans outside the Los Angeles dance studio where he’s rehearsing for the gigs, the singer admitted that he might not be physically well enough to complete all 50 shows. “I’m really angry with them booking me up to do 50 shows,” he said. “I only wanted to do ten, and take the tour around the world to other cities, not 50 in one place. “I went to bed knowing I sold 10 dates, and woke up to the news I was booked to do 50."».
  24. ^ (EN) Rosie Swash, Michael Jackson's 50 dates at London's O2 arena sell out, su the Guardian, 13 marzo 2009.
  25. ^ (EN) 750,000 tickets for Jackson concerts sell in 4 hours - CNN.com, su edition.cnn.com, 13 marzo 2009.
  26. ^ Michael Jackson's 50 Shows Sell Out In Hours, in Billboard, 13 marzo 2009.
  27. ^ 750,000 tickets for Jackson concerts sell in 4 hours, CNN, (March 13, 2009). URL consultato il 1º aprile 2009.
  28. ^ Rosie Swash, Michael Jackson's 50 dates at London's O2 arena sell out, The Guardian, 13 marzo 2009. URL consultato il 1º aprile 2009.
  29. ^ Laura Clifford, Reeling Review's Review of Michael Jackson's This Is It DVD, su www.reelingreviews.com, 2010.
    «It was going to feature the largest ever (100x30') 3D LCD screen for the short films which would provide interactive backdrops - a new "Thriller" with puppets flying about the auditorium, Jackson jumping through the screen after 'acting' with Hayward and Bogie for "Smooth Criminal," an ecological fairy tale turned nightmare for "Earth song." Aerialists and pole dancing experts would have been suspended from props and pyrotechnics would explode overhead or race across the stage».
  30. ^ James Joyce, Michael Jackson - This is it Light Man inedit, 7 luglio 2013.
  31. ^ rangersinspace98, This Is It-Dirty Diana, 9 febbraio 2011.
  32. ^ Michael Lee Bush, The King of Style: Dressing Michael Jackson, Insight Editions/Incredibuilds, 24 ottobre 2012, ISBN 978-1-60887-151-3.
  33. ^ MikeJVideosHD, Michael Jackson - "This Is It - Earth Song Dome Project" (Remastered HD 720p), 19 aprile 2013.
  34. ^ rangersinspace98, MJ Air, 18 settembre 2010.
  35. ^ http://www.positivelymichael.com/forums/attachment.php?attachmentid=1819&d=1351803879
  36. ^ Michael Jackson "This Is It" AUDITIONS:Searching for the world`s dancers, 18 marzo 2012.
  37. ^ Lady Gaga Talks Michael Jackson, Lupus Diagnosis with Larry King | Billboard
  38. ^ ‘Britain's Got Talent' Finalist Shaheen Jafargholi Sings At Michael Jackson Tribute - MTV
  39. ^ Shaheen Jafargholi wins standing ovation at Michael Jackson memorial - Telegraph
  40. ^ Who Is Michael Jackson Memorial Performer Shaheen Jafargholi? | Rolling Stone
  41. ^ (EN) Jackson ticket holders offered refund or souvenir ticket - CNN.com, su edition.cnn.com, 1º luglio 2009.
  42. ^ http://www.latimes.com/business/la-fi-ct-jackson11-2009aug11,0,2938755.story Sony Pictures to produce Michael Jackson film
  43. ^ Michael Jackson's "This Is It," to be Presented In Theaters Around The World | The Official Michael Jackson Site Archiviato il 14 agosto 2009 in Internet Archive.
  44. ^ For Michael Jackson estate, the money is already rolling in - latimes.com
  45. ^ (EN) Michael Jackson's This Is It (2009) - Box Office Mojo, su www.boxofficemojo.com. URL consultato il 20 ottobre 2017.

Collegamenti esterniModifica