Apri il menu principale

Vlade Divac

cestista jugoslavo
Vlade Divac
Vlade Divac cropped.jpg
Vlade Divac nel 2007
Nazionalità Jugoslavia Jugoslavia
bandiera Jugoslavia
Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro
Altezza 216 cm
Peso 118 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Centro
Ritirato 2005
Hall of fame FIBA Hall of Fame (2010)
Naismith Hall of Fame (2019)
Carriera
Giovanili
1980-1982KK Elan Prijepolje
Squadre di club
1982-1986Sloga Kraljevo
1986-1989Partizan Belgrado
1989-1996L.A. Lakers520 (6.497)
1996-1998Charlotte Hornets145 (1.691)
1998-2004Sacramento Kings454 (5.176)
1998-1999Stella Rossa
2004-2005L.A. Lakers15 (34)
Nazionale
1986-1991Jugoslavia Jugoslavia
1992-2002Jugoslavia Jugoslavia[1]
Palmarès
Jugoslavia Jugoslavia
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Seul 1988
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Bronzo Spagna 1986
Oro Argentina 1990
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Bronzo Grecia 1987
Oro Jugoslavia 1989
Oro Italia 1991
Jugoslavia Jugoslavia
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Atlanta 1996
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Stati Uniti 2002
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Oro Grecia 1995
Bronzo Francia 1999
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Vlade Divac, in serbo Владе Дивац? (Prijepolje, 3 febbraio 1968), è un ex cestista e dirigente sportivo jugoslavo, poi serbo. Professionista NBA dal 1989 al 2005, è stato presidente del comitato olimpico serbo dal 2009 al 2017.

Considerato uno dei migliori giocatori stranieri ad avere militato in NBA,[2][3][4][5] nel periodo ai Sacramento Kings è diventato il primo cestista non statunitense a raggiungere quota 1.000 presenze in NBA.[6] Soprannominato Marlboro man per la sua smodata passione per il fumo,[7] in virtù della sua carriera è stato introdotto nella FIBA Hall Of Fame nel 2010.[8] Nel 2019 è stato introdotto anche nella NBA Hall Of Fame.[9]

BiografiaModifica

Divac è sposato con Snežana da cui ha avuto 2 figli (Luka e Matija), oltre ad averne adottato uno a cui i genitori sono stati uccisi dall'Ushtria Çlirimtare e Kosovës durante la Guerra del Kosovo.[10][11]

Caratteristiche tecnicheModifica

Alto 216 cm per circa 118 kg di peso, giocava nel ruolo di centro. Divac era un centro molto mobile e con grande proprietà di palleggio e visione di gioco, che gli permetteva di consegnare assist talvolta spettacolari ai compagni.[7][12][13][14][15]

CarrieraModifica

Europa (1982-1989)Modifica

Dopo avere militato per 4 anni nello Sloga Kraljevo, nel 1986 si è trasferito per 14.000 marchi al Partizan Belgrado.[16]

Los Angeles Lakers (1989-1996)Modifica

L'arrivo e la finale persa nel 1991Modifica

Divac viene scelto nei Draft NBA 1989, all'età di ventun anni, dai Los Angeles Lakers, con la 26ª scelta assoluta.[13][17] A Divac tocca l'ingrato, nonché difficilissimo compito di essere il centro dei Lakers l'anno dopo il ritiro di Kareem Abdul-Jabbar.[17] Nonostante qualche problema iniziale con la lingua, si ambienta bene nell'ambiente losangelino grazie anche all'amicizia che lo lega subito al leader della squadra Magic Johnson.[14] Per il suo ambientamento Divac beneficiò e non poco della sua grande personalità.[14] Sin dal suo arrivo in NBA non sono comunque mancate critiche a suo carico per via di come simulava contatti gettandosi a terra.[18][19][20][21]

La squadra è vecchia e il primo anno di Divac segue i due titoli vinti consecutivamente: nei play-off del 1990 la squadra è eliminata al secondo turno dai Phoenix Suns. La stagione dopo è "il canto del cigno" dei grandi Lakers degli anni ottanta di Magic e James Worthy; sulla panchina non siede più Pat Riley, bensì Mike Dunleavy. I Lakers arrivano comunque in finale dopo aver eliminato gli Houston Rockets, i Golden State Warriors e i Portland Trail Blazers. In finale assistono al primo dei sei titoli della coppia Michael Jordan-Scottie Pippen (Chicago Bulls), che battono Los Angeles in cinque partite, nonostante il fatto che i Lakers si siano portati sull'1-0, espugnando in gara-1 Chicago.

Il lento declino dei LakersModifica

L'anno dopo la squadra perde Magic, ritirato per la sua sieropositività, e lo stesso Divac gioca solo 36 partite a causa di un infortunio che non gli permette di contribuire come vorrebbe. Nei play-off arriva solo un'eliminazione al primo turno per mano dei Blazers. Stesso destino l'anno dopo quando l'eliminazione arriva per mano dei Suns in cinque partite. Divac però sale di livello come gioco personale, e occupa stabilmente il ruolo di centro titolare. La stagione 1993-94 è quella più buia per i Lakers: con il ritiro di Worthy arriva l'assenza dalla post season, evento che non capitava dagli anni settanta. Divac si assesta su ottimi livelli, diventando il primo marcatore della squadra, anche se con una media piuttosto bassa (14,2 punti a partita). Con l'innesto di Cedric Ceballos e Nick Van Exel la squadra ritrova la spinta persa l'anno prima, arrivando al secondo turno dei play-off, dopo aver eliminato al primo turno i favoriti della Western Conference, i Seattle SuperSonics; l'eliminazione arriva per mano dei San Antonio Spurs.

Il ritorno di Magic (1996) e la cessioneModifica

A metà della stagione 1995-96 arriva la notizia shock del ritorno in campo di Magic, il grande amico di Divac. L'atmosfera viene galvanizzata dal carisma di Johnson, e si pensa ad una cavalcata nei play-off. È pertanto percepita come una grande delusione l'eliminazione al primo turno da parte dei Rockets. A fine campionato i dissapori sorti all'interno dello spogliatoio portano Magic al secondo e definitivo ritiro. Jerry West, il general manager della squadra, programma un'importante campagna acquisti, il cui obiettivo dichiarato è Shaquille O'Neal. Divac diventa così un peso per la squadra, perché nessuno vorrebbe averlo in spogliatoio scontento del suo minutaggio, ed è chiaro che è incompatibile con O'Neal. Viene così ceduto ai Charlotte Hornets in cambio dei diritti su Kobe Bryant.[5][22] Divac percepisce come un tradimento l'essere stato ceduto per un liceale.[23][24][25]

Le due stagioni a Charlotte (1996-1998)Modifica

A Charlotte Divac trova un'ottima squadra, composta principalmente dalle ali Glen Rice e Anthony Mason.[22] La prima stagione è un successo dato che si compila un record che vede 54 vittorie a fronte di solo 28 sconfitte. Nei play-off arriva però la batosta, con l'eliminazione al primo turno in tre partite per mano dei New York Knicks. L'anno dopo, nonostante il record peggiore, arrivando a 51 vittorie e 31 sconfitte, viene superato il primo turno battendo gli Atlanta Hawks in quattro partite. Al secondo turno però gli Hornets si devono inchinare di fronte alla forza dei Bulls di Jordan che li eliminano in cinque partite. Nell'estate del 1998 Divac diventa free agent e decide di andare sul mercato.

L'approdo a Sacramento (1998-2004)Modifica

Viene ingaggiato dai Sacramento Kings per giocare da centro titolare e anche per dare una mano a Peja Stojaković, connazionale di Divac appena arrivato a Sacramento.[14] Sotto il coach Rick Adelman la squadra migliora in fretta, grazie anche al contributo di stelle come Chris Webber.[14] Insieme a Webber Divac forma la migliore coppia di lunghi passatori, trovandosi alla perfezione nello schema Princeton offense, oltre a essere leader dello spogliatoio.[14] Nei play-off arrivano però due eliminazioni precoci al primo turno, una da parte degli Utah Jazz, l'altra da parte dell'ex squadra di Divac, i Lakers.[6]

Proprio contro i Lakers inizia una rivalità causata da partite giocate spesso punto a punto e con vari contatti duri. Nella stagione 2000-01 arriva il passaggio del turno contro i Suns, ma al secondo turno i Lakers eliminano ancora i Kings.[26] Divac combatte contro il migliore O'Neal della carriera, cercando di arrangiarsi come può contro un giocatore decisamente più forte fisicamente. L'anno dopo i Kings sono ormai maturi per la finale. Battono Jazz e Mavericks nei primi due turni per poi scontrarsi ancora con i Lakers nella finale di Conference. È una serie durissima combattuta in campo ma anche attraverso i giornali: Divac accusa O'Neal di fare sempre fallo in attacco e il centro dei Lakers afferma che Divac è un cascatore, un giocatore che non fa altro che buttarsi.[27] Guidati da un ottimo Mike Bibby, i Kings si portano sul 3-2, ma perdono gara-6 a Los Angeles.[28] Gara-7 è in programma a Sacramento, dove i Lakers si impongono dopo un supplementare.[28]

Nei due anni successivi i Kings si fermano troppo presto per le loro aspettative: nei play-off del 2003 vengono eliminati al secondo turno dai Mavericks anche a causa di un infortunio occorso a Webber.[29] L'anno dopo sempre al secondo turno sono i Minnesota Timberwolves ad eliminarli. La beffa è che sia nel 2003 che nel 2004 i Kings perdono giocando gara-7.[30]

Il ritorno ai Lakers e il ritiro (2004-2005)Modifica

A Sacramento comprendono che è finito un ciclo e che Divac comincia a non essere più il giocatore decisivo dei primi anni ai Kings. Nell'estate del 2004 Vlade è di nuovo free agent ed esprime il desiderio di tornare ai Lakers se i Kings non faranno un'offerta adeguata. I Kings non sono interessati a lui e il serbo si accasa di nuovo ai Lakers, orfani di O'Neal che nell'estate era stato ceduto ai Miami Heat. Divac però è in condizioni fisiche precarie e un'ernia lo costringe ad un'operazione chirurgica che lo tiene fermo per ben 67 partite, permettendogli di dare un contributo davvero esiguo. Nell'estate del 2005 annuncia il suo ritiro.[10][22]

NazionaleModifica

Il suo debutto è arrivato a soli 18 anni contro la Spagna.[8][31] Divac ha giocato con la nazionale della Jugoslavia tra il 1986 e il 1991 (unita), oltre ad avere giocato con la selezione dopo lo scioglimento del 1992.[6] Con essa ha vinto 3 europei (1989, 1991, 1995) e 2 mondiali (1990 e 2002),[6] oltre ad avere disputato 145 partite.[8]

Dopo il ritiroModifica

Comitato Olimpico SerboModifica

Il 24 febbraio del 2009 diventa Presidente del Comitato Olimpico Serbo. Il 9 maggio 2017 lascia l'incarico venendo rimpiazzato da Božidar Maljković.[32][33]

Sacramento KingsModifica

Il 31 marzo 2009 i Sacramento Kings hanno ritirato la sua maglia numero 21.[34]

Il 3 marzo 2015 diventa il vice-presidente dei Sacramento Kings, sua ex-squadra.[35]

Il 6 aprile 2019 viene annunciato che sarà introdotto nella Hall Of Fame.[6][36] L'introduzione definitiva avviene il 6 settembre dello stesso anno.[9]

Fuori dal campoModifica

Impegno umanitarioModifica

Divac è impegnato sul fronte umanitario, occupandosi principalmente dell'aiuto ai bambini. Insieme a sei colleghi cestisti serbi, Divac ha fondato il gruppo di beneficenza "Group Seven", più tardi rinominato in "Divac's Children Foundation". Dal 1997, collaborando con l'IOCC (International Orthodox Christian Charities), ha aiutato a raccogliere circa 500.000 dollari a scopo umanitario in Serbia.[37]

Nel 2000 è stato nominato ambasciatore sportivo dalle Nazioni Unite contro la droga,[8] oltre ad essere stato insgnito dall'NBA del J. Walter Kennedy Citizenship Award.[8]

La fondazione personale di Divac, presieduta da sua moglie Snežana, dal 1998 al 2007 ha raccolto oltre $ 2.500.000 devoluti in aiuti umanitari.

Nel settembre 2007 Divac ha fondato l'organizzazione umanitaria You Can Too (in serbo: Можеш и ти/Možeš i ti), con lo scopo di assistere i rifugiati in Serbia.[38]

La Serbia, in seguito ai conflitti in Jugoslavia negli anni '90, ospita circa 500.000 rifugiati, triste primato a livello europeo. Circa 7.800 di quelle persone vivono tuttora in centri di accoglienza e in condizioni di indigenza: la fondazione si è quindi votata all'acquisto e alla ristrutturazione di case abbandonate nelle campagne, cercando in questo modo di risolvere definitivamente la loro situazione.[38]

Il 21-23 settembre 2007, Vlade Divac ha organizzato una cerimonia ufficiale di addio al basket giocato nella sua città natale Prijepolje e a Belgrado, promuovendo allo stesso tempo la campagna You Can Too.[38] Lo cerimonia è culminata con un pubblico di 10.000 persone ad applaudire Divac e i suoi amici, riuniti per l'occasione, di fronte al palazzo dell'Assemblea Nazionale.[38]

Nella cultura di massaModifica

 
Divać in nazionale con Dražen Petrović

Nel 1996 ha interpretato sè stesso in due film sulla pallacanestro: il primo è stato Eddie - Un'allenatrice fuori di testa,[39] il secondo invece è il celeberrimo Space Jam con Michael Jordan.[40][41]

Nel 2010 è uscito il documentario televisivo Once Brothers: prodotto da ESPN e diretto da Michael Tolajian, questo documentario racconta la storia personale di Vlade Divac dalle origini fino al 2010, ma incentrandosi sul rapporto con Dražen Petrović, inizialmente fraterno (i due si parlavano spesso oltre a essere arrivati in NBA insieme) ma poi rotto nel 1990 dopo che Divac, a seguito del Campionato mondiale vinto dalla Jugoslavia, aveva lanciato a terra una bandiera della Croazia; i due non hanno potuto ricongiungersi per via della morte del cestista croato nel 1993.[31][42][43] Nel documentario sono comparsi anche Toni Kukoč, Aleksandar Petrović, Biserka Petrović (rispettivamente fratello e madre del giocatore di Sebenico), Dino Rađa e Magic Johnson.[42][43][44]

StatisticheModifica

NBAModifica

Massimi in carrieraModifica

  • Massimo di punti: 34 vs Phoenix Suns (2 gennaio 2001)[45]
  • Massimo di rimbalzi: 24 (2 volte)
  • Massimo di assist: 13 vs Memphis Grizzlies (5 aprile 1996)
  • Massimo di palle rubate: 6 (2 volte)
  • Massimo di stoppate: 12 vs New Jersey Nets (12 febbraio 1997)


Legenda
  PG Partite giocate   PT  Partite da titolare  MP  Minuti a partita
 TC%  Percentuale tiri dal campo a segno  3P%  Percentuale tiri da tre punti a segno  TL%  Percentuale tiri liberi a segno
 RP  Rimbalzi a partita  AP  Assist a partita  PRP  Palle rubate a partita
 SP  Stoppate a partita  PP  Punti a partita  Grassetto  Career high

Regular SeasonModifica

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
1989-1990 L.A. Lakers 82 5 19,6 49,9 0,0 70,8 6,2 0,9 1,0 1,4 8,5
1990-1991 L.A. Lakers 82 81 28,2 56,5 35,7 70,3 8,1 1,1 1,3 1,5 11,2
1991-1992 L.A. Lakers 36 18 27,2 49,5 26,3 76,8 6,9 1,7 1,5 1,0 11,3
1992-1993 L.A. Lakers 82 69 30,8 48,5 28,0 68,9 8,9 2,8 1,6 1,7 12,8
1993-1994 L.A. Lakers 79 73 34,0 50,6 19,1 68,6 10,8 3,9 1,2 1,4 14,2
1994-1995 L.A. Lakers 80 80 35,1 50,7 18,5 77,7 10,4 4,1 1,4 2,2 16,0
1995-1996 L.A. Lakers 79 79 31,3 51,3 16,7 64,1 8,6 3,3 1,0 1,7 12,9
1996-1997 Charlotte Hornets 81 80 35,1 49,4 23,4 68,3 9,0 3,7 1,3 2,2 12,6
1997-1998 Charlotte Hornets 64 41 28,2 49,8 21,4 69,1 8,1 2,7 1,3 1,5 10,4
1998-1999 Sacramento Kings 50 50 35,2 47,0 25,6 70,2 10,0 4,3 0,9 1,0 14,3
1999-2000 Sacramento Kings 82 81 29,0 50,3 26,9 69,1 8,0 3,0 1,3 1,3 12,3
2000-2001 Sacramento Kings 81 81 29,9 482 28,6 69,1 8,3 2,9 1,1 1,1 12,0
2001-2002 Sacramento Kings 80 80 30,3 47,2 23,1 61,5 8,4 3,7 1,0 1,2 11,1
2002-2003 Sacramento Kings 80 80 29,8 46,6 24,0 71,3 7,2 3,4 1,0 1,3 9,9
2003-2004 Sacramento Kings 81 81 28,6 47,0 15,4 65,4 5,7 5,3 0,7 0,1 9,9
2004-2005 L.A. Lakers 15 0 8,7 41,9 0,0 66,7 2,1 1,3 0,3 0,1 2,3
Carriera 1134 979 29,8 49,5 23,5 69,2 8,2 3,1 1,1 1,4 11,8
All-Star 1 0 9,0 66,7 0,0 6,0 1,0 2,0 0,0 8,0

PlayoffsModifica

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
1990 L.A. Lakers 9 1 19.4 72,7 50,0 89,5 5,3 1,1 0,9 1,7 9,1
1991 L.A. Lakers 19 19 32,1 56,4 16,7 80,3 6,7 1,1 1,4 2,2 13,3
1992 L.A. Lakers 4 4 35,8 34,9 0,0 90,0 5,5 3,8 1,3 0,8 9,8
1993 L.A. Lakers 5 5 33,4 50,0 44,4 54,5 9,4 5,6 1,2 2,4 18,0
1995 L.A. Lakers 10 10 38,8 46,7 22,2 64,5 8,5 3,1 0,8 1,3 15,6
1996 L.A. Lakers 4 4 28,8 42,9 20,0 62,5 7,5 2,0 0,0 1,3 9,0
1997 Charlotte Hornets 3 3 38,7 45,7 0,0 80,0 8,7 3,3 1,0 2,0 18,0
1998 Charlotte Hornets 9 9 38,5 48,3 0,0 60,6 10,9 3,4 0,8 1,6 11,6
1999 Sacramento Kings 5 5 39,6 44,6 20,0 83,3 10,0 4,6 1,6 0,8 16,2
2000 Sacramento Kings 5 5 32,0 35,7 0,0 69,6 7,2 2,8 1,4 0,8 11,2
2001 Sacramento Kings 8 8 28,1 35,0 33,3 76,3 8,4 2,4 1,0 1,5 10,8
2002 Sacramento Kings 16 16 33,4 46,4 26,8 75,5 9,3 1,7 1,1 1,3 13,5
2003 Sacramento Kings 12 12 26,4 56,0 0,0 67,3 5,8 2,3 0,7 0,9 11,4
2004 Sacramento Kings 12 12 19,6 43,7 0,0 73,9 4,9 1,8 0,3 0,4 6,6
Carriera 121 113 30,8 48,0 24,1 73,1 7,5 2,4 1,0 1,4 12,1

RecordModifica

In carriera è l'unico giocatore insieme a Shaquille O'Neal, Kareem Abdul-Jabbar, Hakeem Olajuwon, Tim Duncan, Kevin Garnett, e Pau Gasol ad aver collezionato almeno 13 000 punti, 9 000 rimbalzi, 3 000 assist e 1 500 stoppate.[4][38]

PalmarèsModifica

Premi e riconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Le sue presenze complessive con le 2 nazionali sono 145 con 1.348 punti segnati
  2. ^ (EN) Ryan Davis, The 25 Best Foreign Players in the NBA, su Sportscasting, 24 luglio 2017. URL consultato il 4 maggio 2019.
  3. ^ (EN) Brett Pollakoff, The NBA’s 20 best international players of all time, ranked, su FOX Sports, 30 marzo 2017. URL consultato il 4 maggio 2019.
  4. ^ a b (EN) Joshua Sexton, Greatest International NBA Players in LA Lakers History, su Bleacher Report. URL consultato il 4 maggio 2019.
  5. ^ a b (EN) Stein: Divac one of game's great ambassadors, su ESPN.com, 23 settembre 2009. URL consultato il 4 maggio 2019.
  6. ^ a b c d e Nba, Vlade Divac nella Hall of Fame, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 12 aprile 2019.
  7. ^ a b Nebbia, Nebbia in val padana, calmi gli altri mari: Vlade Divac, su Nebbia in val padana, calmi gli altri mari, 10 agosto 2007. URL consultato il 7 luglio 2018.
  8. ^ a b c d e (EN) FIBA basketball Hall Of Famers: Vlade Divac, su FIBA.basketball. URL consultato il 4 maggio 2019.
  9. ^ a b (EN) By Jimmy Golen | Associated Press, Class of 2019 officially enshrined into Basketball Hall of Fame, su NBA.com. URL consultato l'8 settembre 2019.
  10. ^ a b NBA.com: Hot Shots Oct. 18 #1, su www.nba.com. URL consultato il 12 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2019).
  11. ^ (EN) Divac wants NATO bombing to stop, su DeseretNews.com, 20 aprile 1999. URL consultato il 12 aprile 2019.
  12. ^ Jacob Seivert, Vlade Divac Takes it Coast to Coast and Throws Down, 25 gennaio 2010. URL consultato il 7 luglio 2018.
  13. ^ a b Riva.
  14. ^ a b c d e f Buckets s02e03: Sacramento, su L'Ultimo Uomo, 29 aprile 2015. URL consultato il 12 aprile 2019.
  15. ^ (EN) Vlade Divac, an icon without a ring, su Welcome to EUROLEAGUE BASKETBALL. URL consultato il 4 maggio 2019.
  16. ^ Srbin broj jedan van Srbije, su Nedeljnik Vreme. URL consultato il 2 aprile 2019.
  17. ^ a b UNO JUGOSLAVO NEI LAKERS JABBAR, ROMA NO - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 3 marzo 2019.
  18. ^ (EN) Ian Thomsen: NBA's new flopping policy the best response to a difficult problem, su SI.com. URL consultato il 4 maggio 2019.
  19. ^ Sacramento Kings, Flop or Not with Vlade Divac, 28 aprile 2015. URL consultato il 4 maggio 2019.
  20. ^ (EN) Kelly Scaletta, The Vlades: The 11 Best-Worst Floppers in the NBA Today, su Bleacher Report. URL consultato il 4 maggio 2019.
  21. ^ Il termine tecnico utilizzato per questa espressione è flop
  22. ^ a b c (EN) Sacramento Kings History: Vlade Divac, su Sacramento Kings. URL consultato il 7 luglio 2018.
  23. ^ Vlade Divac: "Per colpa mia, Bryant avrebbe potuto non essere mai un Laker." - Basketinside.com, in Basketinside.com, 7 gennaio 2016. URL consultato il 7 luglio 2018.
  24. ^ Holmes: Divac says trading him for Kobe was a 'no-brainer', in ESPN.com. URL consultato il 7 luglio 2018.
  25. ^ Vlade Divac fece quasi saltare la trade che portò Kobe Bryant ai Lakers, su Sportando. URL consultato il 4 maggio 2019.
  26. ^ NBA Playoffs 2001, su www.nba.com. URL consultato il 6 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2017).
  27. ^ (EN) David Ubben, Celebrating the best floppers in basketball history., 27 gennaio 2017. URL consultato il 2 aprile 2019.
  28. ^ a b Lakers vs. Kings: tutto in una serie, su Around the Game | NBA al microscopio. URL consultato il 2 aprile 2019.
  29. ^ (EN) 2003 NBA Western Conference Semifinals - Sacramento Kings vs. Dallas Mavericks, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 6 aprile 2019.
  30. ^ Garnett helps T-Wolves eliminate Kings, su www.chinadaily.com.cn. URL consultato il 7 luglio 2018.
  31. ^ a b (EN) Once Brothers - ESPN Films: 30 for 30, su www.espn.com. URL consultato il 4 maggio 2019.
  32. ^ (EN) Bozidar Maljkovic is the new President of the Serbian Olympic Committee | Eurohoops, in Eurohoops, 9 maggio 2017. URL consultato il 7 luglio 2018.
  33. ^ (SR) Božidar Maljković novi predsednik Olimpijskog komiteta Srbije!, in Blic.rs. URL consultato il 7 luglio 2018.
  34. ^ Sacramento Kings, Vlade Divac #21 Jersey Retirement Ceremony, 1º aprile 2009. URL consultato il 7 luglio 2018.
  35. ^ (EN) Kings hire Vlade Divac as vice president, adviser, in USA TODAY. URL consultato il 7 luglio 2018.
  36. ^ Antonio Santarsiero, Vlade Divac farà parte della Hall of Fame Class 2019, su Basketinside.com, 6 aprile 2019. URL consultato il 6 aprile 2019.
  37. ^ Divac, Group 7 Encourage Kids To Help Kids Through IOCC, su iocc.org. URL consultato il 2 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2019).
  38. ^ a b c d e NBA.com - Divac Creates New Team With “You Can Too” Campaign, su www.nba.com. URL consultato il 2 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2019).
  39. ^ (EN) Vlade Divac | TV Guide, su TVGuide.com. URL consultato il 4 maggio 2019.
  40. ^ Sport & Cinema, Space Jam: quando MJ giocò con Bugs, su OA Sport. URL consultato il 4 maggio 2019.
  41. ^ (EN) Zach Lowe, An All-Too-Serious Breakdown of ‘Space Jam’, su Grantland, 12 agosto 2014. URL consultato il 4 maggio 2019.
  42. ^ a b (EN) Scott Tobias, 30 For 30: "Once Brothers", su TV Club. URL consultato il 4 maggio 2019.
  43. ^ a b Stefano Salerno, "Once Brothers", la storia dell'amicizia tra Divac e Petrovic raccontata magnificamente da ESPN!, su NBARELIGION.COM, 26 luglio 2013. URL consultato il 4 maggio 2019.
  44. ^ (EN) Divac hopes tragic tale provides valuable lesson, su ESPN.com, 12 ottobre 2010. URL consultato il 4 maggio 2019.
  45. ^ Vlade Divac - NBA Career Bests, su basketball.realgm.com. URL consultato il 12 aprile 2019.

BibliografiaModifica

  • Gigi Riva, L'ultimo rigore di Faruk: Una storia di calcio e di L'ultimo rigore di Faruk: Una storia di calcio e di guerra, Sellerio Editore srl, 2016, ISBN 978-88-38-93564-0.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN169150553 · ISNI (EN0000 0001 1815 5041 · LCCN (ENno2011048487 · WorldCat Identities (ENno2011-048487