Apri il menu principale
Pau Gasol
Paul Gasol high five with Stryde at the end of the Chicago Bulls game (cropped).jpg
Gasol con la maglia dei Chicago Bulls
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 213 cm
Peso 113 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Ala grande / Centro
Squadra Portland T. Blazers
Carriera
Giovanili
Cornellà
Barcellona B
Squadre di club
1999-2001Barcellona58 (458)
2001-2008Memphis Grizzlies476 (8966)
2008-2014L.A. Lakers534 (7610)
2014-2016Chicago Bulls150 (2633)
2016-2019San Antonio Spurs168 (1681)
2019Milwaukee Bucks3 (4)
2019-Portland T. Blazers0 (0)
Nazionale
1998Spagna Spagna U-1812 (77)
1999Spagna Spagna U-198 (42)
2000Spagna Spagna U-2014 (141)
2001-Spagna Spagna198 (3612)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Pechino 2008
Argento Londra 2012
Bronzo Rio de Janeiro 2016
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Giappone 2006
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Bronzo Turchia 2001
Argento Svezia 2003
Argento Spagna 2007
Oro Polonia 2009
Oro Lituania 2011
Oro Francia 2015
Bronzo Turchia 2017
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 24 marzo 2019

Pau Gasol Sáez (Barcellona, 6 luglio 1980) è un cestista spagnolo.

È ritenuto uno degli stranieri più forti ad avere militato in NBA,[1][2][3] oltre che il cestista spagnolo più forte di sempre.[4][5] Ha partecipato a 6 All-Star Game, ha fatto parte per 4 volte dell'All-NBA Team e ha vinto 2 titoli NBA con i Los Angeles Lakers. Gasol è stato il primo giocatore dei Memphis Grizzlies (oltre che spagnolo)[6][7] a partecipare all'All-Star Game, oltre a detenere il record della franchigia del Tennessee per percentuale di tiri dal campo segnati.[8] Rientra tra i 47 giocatori ad avere realizzato in NBA allo stesso tempo almeno 20.000 punti, 10.000 rimbalzi, 3.500 assist e 1.500 stoppate,[9] oltre che tra i 50 migliori realizzatori nella storia della lega.[10]

Con la Nazionale spagnola ha partecipato a tanti tornei vincendo 1 Mondiale (2006, di cui è stato MVP)[11] e 3 Europei (2009, 2011 e 2015), oltre ad avere ottenuto 2 argenti (2008, 2012) e 1 bronzo (2016) alle Olimpiadi.[12] Inoltre è il cestista europeo ad avere ottenuto più medaglie[13] e ad avere segnato più punti nella storia di Eurobasket.[14] Ha fatto da portabandiera della Spagna in occasione delle Olimpiadi 2012.[15] Fa parte dell'UNICEF dal 2003[16] e ha creato l'associazione benefica Gasol Foundation.[17] Il suo impegno nel sociale nel 2012 gli ha fatto vincere il J. Walter Kennedy Citizenship Award[18] e l'NBA Community Assist Award.[19]

BiografiaModifica

Nato da Agustí Gasol e Marisa Sáez, rispettivamente infermiere e medica internista,[20][21] ha due fratelli minori di nome Marc e Adriá che sono cestisti professionisti.[22][23] Ha studiato medicina all'Università di Barcellona, ma ha interrotto gli studi per giocare in NBA.[20][24]

Il 6 settembre 2018 ha pubblicato un libro intitolato Bajo el Aro: Aprender del éxito y del fracaso sulla sua carriera cestistica.[25] Ha anche scritto la prefazione del libro dell'ex compagno di squadra e amico Kobe Bryant, uscito nel novembre 2018 e intitolato The Mamba Mentality.[26]

Caratteristiche tecnicheModifica

Gasol può giocare sia da ala grande che da centro,[27] è un ottimo rimbalzista, sia difensivo che offensivo,[27] ed è dotato di un eccellente tiro dalla media distanza.[27] È anche un buon passatore,[27][28] oltre che un giocatore molto abile in post basso,[27] negli isolamenti[27][29] e in pick & roll.[27][30][31] Ai San Antonio Spurs ha aggiunto anche il tiro da 3 al suo repertorio.[32][33] Queste sue caratteristiche gli hanno consentito spesso di mettere a referto doppie doppie: ne ha realizzate oltre 550.[34] Il suo ex compagno di squadra Kobe Bryant lo ha definito uno dei suoi migliori compagni di squadra.[35]

CarrieraModifica

BarcellonaModifica

Iniziò a giocare a pallacanestro nelle categorie scolastiche a scuola, e da lì si unì al Cornellà.[36] Al Cornellà, in quanto era alto 185 cm, giocava da playmaker.[37] Nel 1997 Gasol si trasferì al Barcellona,[37] con cui esordì nella Liga ACB spagnola nel 1999,[17] precisamente il 17 gennaio contro il Cáceres.[38] La sua affermazione partì nel 2000 con l'infortunio del veterano ex-NBA Rony Seikaly, che lo trasformò ad appena 19 anni nel leader della squadra.[39]

Per farlo coesistere con Seikaly ed Elson, l'allora allenatore del Barcellona Aíto tentò di farlo giocare da ala piccola ma senza successo.[40] Giocò per i catalani fino al 2001, realizzando una media di 11,3 punti a partita.[17] Lo stesso anno vinse il premio di MVP della Liga ACB.[17] Anche in Eurolega Gasol fornì ottime prestazioni,[40] ma non poté giocare la top 16 contro Treviso a causa di un'appendicite.[37][39] La sua assenza si fece sentire, ed i catalani vennero eliminati dai veneti.[40]

NBAModifica

Memphis Grizzlies (2001-2008)Modifica

Il 27 giugno 2001, durante il Draft NBA di New York, Gasol fu la 3ª scelta assoluta,[41] diventando così il secondo spagnolo di sempre a giocare nell'NBA dopo il compianto Fernando Martín (24 presenze nel 1987-88), senza includere il naturalizzato Johnny Rogers;[42] gli Atlanta Hawks però decisero di scambiarlo, assieme a Lorenzen Wright e Brevin Knight, per Shareef Abdur-Rahim, portando così lo spagnolo a giocare per i Memphis Grizzlies.[41] Prima di Yao Ming (1° scelta assoluta al Draft 2002) fu il giocatore non statunitense scelto più in alto in assoluto al Draft.[43]

 
Gasol con la canotta dei Memphis Grizzlies

Gasol diventò sin da subito un punto fermo,[6] tanto che in marzo venne anche eletto rookie del mese, diventando il primo europeo a riuscirci.[44] Al termine della sua prima stagione nella lega professionistica nordamericana di basket Gasol ricevette il NBA Rookie of the Year Award[6] ed entrò (insieme al compagno di squadra Shane Battier) nell'All-Rookie First Team[6] dopo avere tenuto 17,6 punti e 8,9 rimbalzi di media a partita in 82 partite disputate.[45]

L'anno successivo rigiocò tutte le partite (82) e migliorò la media punti arrivando a 19 e tenne anche 8,8 rimbalzi a partita.[45]

Nella stagione 2003-2004 terminò con 17,7 punti di media[45] arrivando a giocare per la prima volta in carriera i playoffs (i primi nella storia della franchigia),[46] in cui i Grizzlies vennero eliminati al 1º turno dai San Antonio Spurs.[6]

Stessa sorte gli toccò l'anno successivo quando, dopo avere tenuto 17,8 punti e 7,3 rimbalzi di media,[45] i Grizzlies vennero eliminati nuovamente questa volta dai Phoenix Suns, nonostante lui avesse tenuto di media 21,3 punti nella serie.[47]

Nel 2005-2006 invece giocò il suo primo NBA All-Star Game, diventando il primo spagnolo a riuscirci,[7] oltre che il primo giocatore dei Grizzlies a venire convocato a tale evento.[6] Il 22 marzo 2006 mise a referto la sua prima tripla doppia in NBA con 21 punti, 12 assist e 12 rimbalzi nel vittorioso 99-74 contro i Seattle SuperSonics.[48] Dopo avere tenuto di media 20,4 punti, 8,9 rimbalzi e 4,6 assist (suo massimo)[45] fece riandare la squadra ai playoffs, dove ancora una volta andò oltre i 20 punti di media (20,3 per l'esattezza) ma la squadra uscì in 4 gare (contro Dallas questa volta).[49]

La stagione dopo, l'8 marzo 2007, sorpassò Shareef Abdur-Rahim, nella sconfitta contro i Toronto Raptors per 94-87 dei connazionali José Calderón e Jorge Garbajosa,[50] diventando il migliore scorer nella storia dei Grizzlies.[51] Verrà successivamente superato dal fratello Marc, Mike Conley e Zach Randolph.[52] Tuttavia la stagione fu buona dal punto di vista individuale in quanto tenne 20,8 punti di media (massimo in carriera), ma meno da quello di squadra in quanto non raggiunse i playoffs.[53]

L'anno successivo iniziarono a circolare delle indiscrezioni su una sua possibile cessione.[54] La cessione avvenne comunque in febbraio dopo che lui tenne di media 18,9 punti e 8,8 rimbalzi in 39 partite.[45]

In 6 stagioni e mezzo a Memphis mise a referto 8.966 punti (18,8 la media), 4.096 rimbalzi (8,6) e 1.473 assist (3,2).[46]

Los Angeles Lakers (2008-2014)Modifica

Il 1º febbraio 2008 i Los Angeles Lakers si assicurarono il centro spagnolo in un grosso scambio che portò a Memphis Kwame Brown, Javaris Crittenton e Aaron McKie.[55] Il team del Tennessee, che perse così la sua stella, ottenne inoltre i diritti per Marc Gasol (fratello di Pau), il quale, pur scelto al Draft 2007 dai californiani, giocò ancora in terra iberica nell'Akasvayu Girona (arrivò a Memphis la stagione successiva), e la prima scelta di Los Angeles nei Draft 2008 e 2010.[55]

 
Gasol nel 2012 con i Lakers

Con Gasol in quintetto base i Lakers viaggiarono a 22 partite vinte e solo 4 perse, e lui ebbe un ruolo chiave in questo,[22] inserendosi sin da subito nell'attacco triangolo di Phil Jackson che lodò Gasol.[17] Alla fine i gialloviola conclusero la RS in testa alla Western Conference con un record complessivo di 57 vittorie e 25 sconfitte[56] con Gasol che tenne di media 18,8 punti e 7,8 rimbalzi a partita in 27 gare.[45]

Nella prima vittoria casalinga dei Lakers sui Denver Nuggets, Gasol finì con un ottimo bottino di 36 punti, 16 rimbalzi e 8 assist, insieme a 3 stoppate,[57] vincendo così la prima gara di playoffs della sua carriera in quanto con i Grizzlies non riuscì mai a vincere una gara in post-season.[58] Quando i Lakers chiusero la serie sul 4-0, per Gasol, alla sua quarta partecipazione ai playoffs, si trattò del primo passaggio di turno per lui in carriera (primo cestista spagnolo a riuscirvi).[58] Gasol riuscì a condurre i Lakers alle finali di Conference dopo aver sconfitto gli Utah Jazz al secondo turno,[59] contribuendo con 17 punti e 13 rimbalzi in gara 6, a portare i gialloviola alla loro prima finale di Conference dal 2004.[59] Il 31 maggio raccolse 19 rimbalzi riuscendo a superare i San Antonio Spurs e guadagnandosi così la sua prima finale NBA e diventando il primo spagnolo ad arrivare in finale.[60] In finale i lacustri persero contro i Boston Celtics per 4-2,[61] e Gasol patì (nonostante una doppia doppia di media da 14,7 punti e 10,2 rimbalzi) il confronto con Kevin Garnett.[62]

Dopo aver chiuso la stagione regolare con 18,9 punti, 9,6 rimbalzi, 3,5 assist e 1 stoppata a partita il 14 giugno 2009 vinse il suo primo anello dopo la vittoria per 4-1 dei Lakers sugli Orlando Magic,[63] e fu il primo spagnolo a vincere l'anello nella storia dell'NBA.[64] Nel corso dei playoffs complessivamente registrò una doppia doppia di media (18,5 punti e 10,8 rimbalzi a partita),[63] affermandosi come seconda stella della squadra dopo l'MVP della finale Kobe Bryant.[63] Entrò nell'All-NBA Team (il terzo) per la prima volta in carriera.[65]

 
Gasol durante le celebrazioni per la vittoria dell'anello del 2010

La stagione 2009-2010 vide lo spagnolo di nuovo protagonista ai massimi livelli con la maglia giallo-viola.[63] Dopo aver chiuso la stagione regolare con una media di 18,3 punti, 11,3 rimbalzi, 3,4 assist e 1,7 stoppate a partita,[45] guidò i gialloviola alla vittoria del 2º titolo consecutivo (il cosiddetto back to back) permettendo alla squadra californiana di prendersi la rivincita sui Boston Celtics.[66] Nella decisiva gara-7 delle finali dei play-off ad una manciata di secondi dalla fine, fu autore dei 2 punti e dei 2 rimbalzi decisivi.[67] Con 19 punti e 18 rimbalzi complessivi in gara-7,[67] diede un netto contributo alla vittoria della squadra, così come in tutta la serie, riscattando le deludenti Finals 2008.[63][68]

Kobe Bryant elogiò pubblicamente le prestazioni di Gasol con la maglia dei Lakers, riconoscendogli un ruolo fondamentale nella conquista dei due titoli consecutivi.[22][69]

Nella stagione successiva i gialloviola non si confermarono e, dopo avere battuto a fatica i New Orleans Hornets al primo turno,[66] vennero eliminati con un 4-0 al secondo turno contro i Dallas Mavericks,[66] con Gasol che tenne di media 13,1 punti di media sfoggiando prestazioni deludenti.[70][71]

Dopo i pessimi playoff 2011 Phil Jackson lasciò i Lakers e venne rimpiazzato da Mike Brown.[66] Il 9 dicembre 2011 venne annullata una trade a 3 squadre che avrebbe dovuto portare Chris Paul dai New Orleans Hornets ai Lakers con Gasol che avrebbe dovuto andare agli Houston Rockets.[72] Gasol rimase e non risentì di queste voci dal punto di vista psicologico,[73] ma nei playoffs tenne di media 12,5 punti e i californiani riuscirono al 2º turno, questa volta contro OKC.[66]

Per tentare di rivincere l'anello in estate i Lakers acquistarono Steve Nash e Dwight Howard;[66] tuttavia la stagione partì male per i gialloviola che, dopo un record di 1-4 alla 5ª partita,[63] esonerarono Brown e lo rimpiazzarono con Mike D'Antoni.[63] Il catalano ebbe molti problemi a integrarsi col gioco di D'Antoni,[74][75] e questo, unito all'infortunio di Kobe Bryant e a una chimica di squadra non ottimale,[63] non giovò ai lacustri che vennero eliminati malamente al primo turno dai San Antonio Spurs per 4-0.[76]

L'anno successivo fu ancora peggiore per la franchigia: Howard lasciò i Lakers, D'Antoni rimase sulla panchina e Gasol continuò ad avere problemi a inserirsi nei suoi schemi offensivi[77][78] e Bryant e Nash vennero condizionati dai problemi fisici.[63] Tutte questo portò i lacustri fuori dai playoffs e a fine anno Gasol, che si sentì mancato di rispetto dalla dirigenza dei gialloviola,[79] decise di lasciare LA.

Chicago Bulls (2014-2016)Modifica

Nell'estate 2014, scaduto il contratto con i Los Angeles Lakers, venne contattato da tante squadre (tra cui i San Antonio Spurs freschi vincitori del titolo NBA e i Miami Heat sconfitti dagli speroni).[17] Alla fine Gasol decise di firmare con i Chicago Bulls, con cui si accordò per un biennale da 14.576.760 dollari complessivi,[80] con opzione al giocatore per il terzo anno.[81]

Il 1º gennaio 2015, Gasol registrò un nuovo career-high mettendo a referto 9 stoppate, condite da 17 punti e 9 rimbalzi nella vittoria per 106-101 sui Denver Nuggets.[82] Dieci giorni dopo, registrò il suo career-high in punti, segnandone 46 con un 17 su 30 dal campo nella vittoria per 95-87 sui Milwaukee Bucks.[83] Il 6 marzo 2015 diventò il giocatore ispanico ad avere segnato più punti in NBA superando Rolando Blackman.[84][85] In tutta la stagione realizzò 54 doppie doppie,[86] risultando essere il giocatore ad averne realizzate di più in tutta la lega,[81][87][88] diventando anche il più vecchio a guidare la lega per doppie doppie messe a referto,[81] e in più tenne di media una doppia doppia da 18,5 punti e 11,8 rimbalzi.[81] Nei playoffs disputò 10 delle 12 sfide della squadra che uscì al secondo turno contro i Cleveland Cavaliers di LeBron James.[86]

A fine stagione Tom Thibodeau venne licenziato e il suo posto arrivò l'esordiente Fred Hoiberg.[89] Il 6 dicembre 2015 diventò il 116º giocatore a raggiungere le 1.000 partite in NBA in occasione della sconfitta per 102-96 contro i Charlotte Hornets in cui mise a referto 13 punti e 11 rimbalzi.[90] Il 26 gennaio 2016 fu il primo giocatore in stagione ad andare in doppia doppia dopo il 1° quarto contro i Miami Heat.[91] Il 9 febbraio rimpiazzò il compagno di squadra infortunato Jimmy Butler all'All-Star Game.[92] Ciononostante terminò la partita con 19 punti e 17 rimbalzi e con la sconfitta dei tori per 89-84.[93] Il 28 febbraio mise a referto una tripla doppia da 22 punti, 14 assist e 16 rimbalzi nella sconfitta per 103-95 contro i Portland Trail Blazers, diventando il più vecchio nella storia della NBA a segnare una tripla doppia sorpassando l'ex compagno Kobe Bryant.[94][95] Nonostante un'altra doppia doppia di media da 16,5 punti e 11 rimbalzi,[81] la stagione fu negativa per la squadra anche a causa di problemi di spogliatoio (in particolare tra Butler e i veterani Derrick Rose e Joakim Noah)[96][97][98][99] che condizionarono l'andamento dei tori che non arrivarono ai playoffs in quanto si piazzarono noni dietro ai Detroit Pistons.[100]

San Antonio Spurs (2016-2019)Modifica

Nella free agency 2016, Gasol annunciò la sua decisione di lasciare i Bulls (che non provarono nemmeno a rifirmarlo)[81][101] dopo due anni per unirsi ai San Antonio Spurs.[102] A San Antonio Gasol non fu sempre titolare giocando spesso in uscita dalla panchina e venendo usato come tiratore da 3 punti, cosa che non aveva fatto prima in carriera.[32] Il 13 aprile 2017 segnò 13 punti nella sfida persa per 101-97 contro gli Utah Jazz,[103] diventando il secondo cestista europeo a raggiungere 20.000 punti segnati in NBA dopo Dirk Nowitzki.[9][104] I miglioramenti da 3 gli fruttarono molto a livello statistico in quanto a fine stagione è arrivato a tenere di media il 53,8% da 3 punti.[105] Ma ciò non bastò agli speroni che ai playoffs, dopo avere eliminato Memphis e Houston, vennero eliminati in finale di conference dai Golden State Warriors futuri vincitori.[106]

Il 24 luglio 2017, dopo avere declinato la player option,[107] rifirmò a cifre inferiori (per lasciare libero spazio salariale)[107] con i San Antonio Spurs.[108] Il 24 dicembre 2017 mise a referto una tripla doppia con 14 punti, 11 rimbalzi e 10 assist nel successo per 108-99 contro i Sacramento Kings, diventando il terzo più anziano a riuscirci dietro a Karl Malone e all'ex Spurs Tim Duncan.[109] Al termine di una stagione in cui lui mostrò un calo di rendimento[110] e tenne di media 10,1 punti,[45] gli speroni nei playoffs uscirono al primo turno in 5 gare contro Golden State.[111]

Nella stagione 2018-2019 giocò le prime 9 partite,[112] salvo poi perdere le 26 successive per un infortunio al piede.[113] Il 29 gennaio 2019, in occasione della vittoria per 132-119 contro gli Washington Wizards, raggiunse le 1.150 partite giocate da titolare.[114] Dopo alcune voci secondo il quale avrebbe richiesto la trade o il buyout tra gennaio e febbraio (da lui smentite)[115] per via del minutaggio inferiore rispetto agli anni passati,[115] rimase in squadra fino Il 1º marzo raggiunse un accordo per un buyout con gli speroni da 2,5 milioni di dollari, a cui rinunciò.[116]

Milwaukee Bucks (2019)Modifica

Il 2 marzo 2019 si accasò ai Milwaukee Bucks, dove raggiunse il connazionale (arrivato un mese prima) Nikola Mirotić, con cui aveva giocato a Chicago.[117][118] Debuttò con i cervi 3 giorni più tardi disputando 5 minuti senza segnare punti nella sconfitta per 114-105 contro i Phoenix Suns.[119] Il 24 marzo concluse anzitempo la stagione a causa di un infortunio alla caviglia dopo sole 3 partite giocate.[120] In sua assenza i Bucks vennero eliminati in 6 gare nelle finali di conference dai Raptors del fratello Marc,[121] che poi vinsero le finali NBA contro i Golden State Warriors; a seguito di questo successo i 2 diventarono l'unica coppia di fratelli ad avere vinto il titolo NBA.[122][123]

Portland Trail Blazers (2019-)Modifica

Il 24 luglio firmò con i Portland Trail Blazers.[124]

NazionaleModifica

GiovaniliModifica

Tra il 1998 e il 2000 rappresentò le selezioni giovanili spagnole.

Nel 1998 vinse l'Europeo Under-18 in finale contro la Croazia per 80-71, segnando 9 punti,[125] mentre l'anno successivo vinse invece il Mondiale Under-19 battendo gli Stati Uniti per 94-87, e in questa finale Gasol segnò solo 3 punti.[126]

Nel 2000 partecipò all'Europeo Under-20 dove arrivò terzo.[127]

Inizi e il Mondiale vinto (2001-2006)Modifica

Nel 2001 partecipò al suo primo torneo con la Spagna agli Europei in Turchia, in cui ottenne la sua prima medaglia con la selezione iberica che arrivò terza dietro a Jugoslavia e Turchia.[128]

Venne convocato ai Mondiali 2002,[129] in cui la Selección, nonostante avesse battuto nei gironi la Jugoslavia futura vincitrice del torneo,[130] venne eliminata ai quarti dalla Germania di Dirk Nowitzki.[131]

Agli Europei 2003 Gasol segnò 25 punti alla Svezia[132] e 35 alla Russia nella fase a gironi,[133] ne segnò altri 25 ai quarti di finale contro Israele,[134] per poi segnarne 36 nella finale (prima della sua carriera) contro la Lituania, che non bastarono agli iberici che persero la partita per 93-84.[135]

Nel 2004 partecipò alle Olimpiadi di Atene con la nazionale spagnola,[136] in cui la squadra venne eliminata ai quarti dagli Stati Uniti per 102-94,[137] nonostante una sua grande prestazione con 29 punti.[137] Durante il torneo disputò tutte e 7 le partite della squadra tenendo di media 22,4 punti, e risultando essere il migliore realizzatore del torneo.[138]

Nell'estate 2006 vinse il Mondiale con la Spagna[139] giocando da protagonista tutte le gare tranne la finale saltata per infortunio;[140][141] nella semifinale vinta per 75-74 contro l'Argentina rimediò l'infortunio, ma questo non gli impedì di segnare 2 tiri liberi da infortunato.[142] Nonostante l'intoppo gli iberici schiantarono in finale con un 70-47 la Grecia[139] e Gasol fu nominato MVP della manifestazione.[11]

Tris di Europei e altre medaglie (2007-2015)Modifica

 
I due fratelli Pau e Marc Gasol

Nel 2007 venne convocato[143] per gli Europei giocati in casa in cui la Spagna perse in finale per 60-59 contro la Russia.[144]

Nel 2008 vinse la medaglia d'argento alle Olimpiadi di Pechino dopo che la Spagna perse in finale per 118-107 contro gli Stati Uniti che vanificarono i 21 punti di Gasol.[145] Il catalano fu nuovamente il migliore realizzatore della competizione in quanto tenne 19,6 punti di media a partita.[146]

Nel 2009 vinse la medaglia d'oro all'Europeo disputato in Polonia, grazie alla vittoria in finale della Spagna sulla Serbia[147] e, dopo avere rifiutato la convocazione ai Mondiali 2010,[148] nel 2011 difese il titolo riconquistando l'oro a EuroBasket 2011 battendo la Francia in finale.[149]

A seguito dell'infortunio che costrinse il tennista Rafael Nadal a rinunciare alle Olimpiadi di Londra 2012 venne scelto come sostituto per fare da portabandiera della squadra spagnola.[15] In quelle Olimpiadi la Spagna perse nuovamente (nonostante una grande prestazione di Gasol, migliore in campo, con 24 punti, 7 assist e 9 rimbalzi, massimo per la Nazionale in ogni statistica della partita)[150] in finale contro il team USA per 107-100.[150]

Saltò Eurobasket 2013[151] per poi partecipare ai Mondiali casalinghi del 2014;[152] nella competizione gli iberici vennero eliminati ai quarti dalla Francia per 65-52.[153]

Nel 2015 rivinse l'Europeo con la Spagna nella finale a Lille contro la Lituania, mettendo a referto 25 punti, 12 rimbalzi e 4 assist.[13][154] Prima di quella sfida fu decisivo in semifinale segnando 40 punti in semifinale nel successo per 80-75 contro la Francia.[155] Con questa medaglia diventò il cestista europeo con più medaglie nella storia della competizione superando Krešimir Ćosić.[13]

Post-Euro 2015Modifica

Alle Olimpiadi di Rio 2016 la Spagna perse in semifinale contro il team USA 82-76 (fu la terza volta consecutiva che la Spagna perse con gli USA alle Olimpiadi)[156] vanificando la prestazione di Gasol che fu il migliore dei suoi per punti (23) e rimbalzi (8) della squadra.[156] Vinse poi la medaglia di bronzo con la Nazionale battendo nella finale (valevole per il terzo-quarto posto) l'Australia col punteggio di 89-88 in una partita combattutissima fino all'ultimo istante.[157]

Partecipò anche a Eurobasket 2017 diventò il migliore marcatore nella storia della competizione superando l'all'epoca compagno di squadra a San Antonio Tony Parker,[14] segnando 14 punti nel successo per 87-64 contro l'Ungheria.[14] Tuttavia a questo giro Gasol e la Spagna persero la semifinale contro la sorprendente Slovenia di Goran Dragić e Luka Doncić (futura vincitrice del torneo) per 92-72,[158] dovendo accontentarsi di un bronzo conquistato a seguito di un 93-85 contro la Russia, partita in cui Pau realizzò 26 punti e suo fratello Marc 25.[159] Nonostante l'età avanzata, nel settembre 2018 dichiarò di voler continuare a rappresentare la nazionale fino a Tokyo 2020.[160]

Il 15 maggio 2019 il ct Sergio Scariolo annunciò che Gasol non avrebbe partecipato ai Mondiali per operarsi al piede sinistro.[161] Sette giorni più tardi Gasol confermò tutto, affermando inoltre nuovamente di volere giocare alle Olimpiadi 2020.[162][163]

StatisticheModifica

Legenda
PG Partite giocate PI  Partite iniziate MPG  Minuti a partita
FG%  % dal campo 3P% % da tre punti FT%  % tiro libero
OFF  Rimbalzi offensivi a partita DIF  Rimbalzi difensivi a partita RPG  Rimbalzi a partita
APG  Assist a partita SPG  Palle rubate a partita BPG Stoppate a partita
PPG  Punti a partita  Grassetto  Career high

NBAModifica

Massimi in carrieraModifica

Regular seasonModifica

Anno Squadra PG PI MPG FG% 3P% FT% OFF DIF RPG APG SPG BPG PPG
2001-2002 Memphis Grizzlies 82 79 36,7 51,8 20,0 70,9 2,9 6,0 8,9 2,7 0,5 2,1 17,6
2002-2003 Memphis Grizzlies 82 82 36,0 51,0 10,0 73,6 2,3 6,4 8,8 2,8 0,4 1,8 19,0
2003-2004 Memphis Grizzlies 78 78 31,5 48,2 26,7 71,4 2,6 5,1 7,7 2,5 0,6 1,7 17,7
2004-2005 Memphis Grizzlies 56 53 32,0 51,4 16,7 76,8 2,3 5,0 7,3 2,4 0,7 1,7 17,8
2005-2006 Memphis Grizzlies 80 80 39,2 50,3 25,0 68,9 2,4 6,5 8,9 4,6 0,6 1,9 20,4
2006-2007 Memphis Grizzlies 59 59 36,2 53,8 27,3 74,8 2,5 7,3 9,8 3,4 0,5 2,1 20,8
2007-2008 Memphis Grizzlies 39 39 36,7 50,1 26,7 81,9 2,4 6,4 8,8 3,0 0,4 1,4 18,9
2007-2008 L.A. Lakers 27 27 34,0 58,9 0,0 78,9 2,3 5,6 7,8 3,5 0,5 1,6 18,8
2008-2009 L.A. Lakers 81 81 37,0 56,7 50,0 78,1 3,2 6,4 9,6 3,5 0,6 1,0 18,9
2009-2010 L.A. Lakers 65 65 37,0 53,6 0,0 79,0 3,7 7,6 11,3 3,4 0,6 1,7 18,3
2010-2011 L.A. Lakers 82 82 37,0 52,9 33,3 82,3 3,3 6,9 10,2 3,3 0,6 1,6 18,8
2011-2012 L.A. Lakers 65 65 37,4 50,1 25,9 78,2 2,8 7,6 10,4 3,7 0,6 1,4 17,4
2012-2013 L.A. Lakers 49 42 33,8 46,6 28,6 70,2 2,3 6,3 8,6 4,1 0,5 0,5 13,7
2013-2014 L.A. Lakers 60 60 31,4 48,0 28,6 73,6 2,1 7,6 9,7 3,4 0,5 1,5 17,4
2014-2015 Chicago Bulls 78 78 34,4 49,4 46,2 80,3 2,8 9,0 11,8 2,7 0,3 1,9 18,5
2015-2016 Chicago Bulls 72 72 31,8 46,9 34,8 79,2 2,2 8,9 11,0 4,1 0,6 2,0 16,5
2016-2017 San Antonio Spurs 64 39 25,4 50,2 53,8 70,7 1,7 6,2 7,8 2,3 0,4 1,1 12,4
2017-2018 San Antonio Spurs 77 63 23,5 45,8 35,8 75,6 1,7 6,4 8,0 3,1 0,3 1,0 10,1
2018-2019 San Antonio Spurs 27 6 12,2 46,6 50,0 71,1 0,8 3,9 4,7 1,9 0,2 0,5 4,2
2018-2019 Milwaukee Bucks 3 0 10,0 16,7 33,3 50,0 0,0 3,3 3,3 0,7 0,0 0,3 1,3
Carriera 1.226 1.150 33,4 50,7 36,8 75,3 2,5 6,7 9,2 3,2 0,5 1,6 17,0
All-Star 6 1 19,3 56,5 0,0 84,6 4,0 4,3 8,7 1,2 0,7 0,7 10,5

PlayoffsModifica

Anno Squadra PG PI MPG FG% 3P% FT% OFF DIF RPG APG SPG BPG PPG
2004 Memphis Grizzlies 4 4 33,5 57,1 0,0 90,0 1,0 4,0 5,0 2,5 1,0 1,5 18,5
2005 Memphis Grizzlies 4 4 33,3 48,7 100 50,0 3,8 3,8 7,5 2,5 0,5 1,8 21,3
2006 Memphis Grizzlies 4 4 39,5 43,3 0,0 76,7 1,0 5,8 6,8 3,0 0,5 1,2 20,3
2008 L.A. Lakers 21 21 39,8 53,0 0,0 69,2 2,6 6,7 9,3 4,0 0,5 1,9 16,9
2009 L.A. Lakers 23 23 40,5 58,0 0,0 71,4 3,0 7,9 10,8 2,5 0,8 2,0 18,3
2010 L.A. Lakers 23 23 39,7 53,9 0,0 75,9 4,0 7,1 11,1 3,5 0,4 2,1 19,6
2011 L.A. Lakers 10 10 35,8 42,0 50,0 80,0 3,2 4,6 7,8 3,8 0,4 1,7 13,1
2012 L.A. Lakers 12 12 37,0 43,4 40,0 82,8 3,2 6,3 9,5 3,7 0,5 1,9 12,5
2013 L.A. Lakers 4 4 36,5 48,1 0,0 54,5 1,8 9,8 11,6 6,5 0,5 0,8 14,0
2015 Chicago Bulls 10 10 31,7 48,7 0,0 76,2 1,7 7,7 9,4 3,1 0,5 2,1 14,4
2017 San Antonio Spurs 16 7 22,8 43,9 33,3 70,8 2,4 4,7 7,1 1,9 0,4 0,9 7,7
2018 San Antonio Spurs 5 0 18,0 50,0 33,3 90,0 0,4 4,4 4,8 2,8 0,0 0,2 6,0
Carriera 136 122 35,5 50,8 29,7 74,1 2,7 6,4 9,2 3,2 0,5 1,7 15,4

EuropaModifica

Liga ACB[165]Modifica

Anno Squadra PG PI MPG FG% 3P% FT% OFF DIF RPG APG SPG BPG PPG
1998-1999 Barcellona 2 5,0 50,0 33,3 33,3 1,0 0,0 1,0 0,5 0,5 0,5 3,0
1999-2000 Barcellona 26 14,8 50,6 30,0 52,3 1,0 1,7 2,6 0,5 0,4 0,5 4,2
2000-2001 Barcellona 30 23,9 54,9 34,9 58,8 1,5 3,7 5,2 0,8 1,3 1,1 11,4
Carriera 58 19,2 53,8 33,3 56,6 1,2 2,7 3,9 0,6 0,9 0,8 7,9

EurolegaModifica

Anno Squadra PG PI MPG FG% 3P% FT% OFF DIF RPG APG SPG BPG PPG
2000-2001 Barcellona 6 5 25,7 66,7 50,0 73,8 1,7 4,3 6,0 0,7 0,8 0,7 18,5

Cronologia presenze e punti in NazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e dei punti in Nazionale -   Spagna
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Punti Note
15-8-2001 San Fernando Spagna   84 - 79   Grecia Amichevole 20
17-8-2001 Algeciras Spagna   81 - 72   Israele Amichevole 15
19-8-2001 Chiclana de la Frontera Spagna   98 - 91   Francia Amichevole 18
21-8-2001 Chiclana de la Frontera Spagna   56 - 73   Russia Amichevole 11
23-8-2001 Chiclana de la Frontera Spagna   73 - 75   Croazia Amichevole 20
31-8-2001 Ankara Slovenia   61 - 85   Spagna EuroBasket 2001 - 1º turno 12
1-9-2001 Ankara Spagna   106 - 77   Lettonia EuroBasket 2001 - 1º turno 15
2-9-2001 Ankara Turchia   84 - 79   Spagna EuroBasket 2001 - 1º turno 21
3-9-2001 Ankara Spagna   71 - 67   Israele EuroBasket 2001 - 2º turno 13
6-9-2001 Istanbul Russia   55 - 62   Spagna EuroBasket 2001 - Quarti di finale 7
8-9-2001 Istanbul Jugoslavia   78 - 65   Spagna EuroBasket 2001 - Semifinale 22
9-9-2001 Istanbul Germania   90 - 99   Spagna EuroBasket 2001 - Finale 3º posto 31
29-8-2002 Indianapolis Canada   54 - 85   Spagna Mondiali 2002 - 1º turno 19
30-8-2002 Indianapolis Jugoslavia   69 - 71   Spagna Mondiali 2002 - 1º turno 25
31-8-2002 Indianapolis Canada   55 - 88   Spagna Mondiali 2002 - 1º turno 16
2-9-2002 Indianapolis Turchia   64 - 87   Spagna Mondiali 2002 - 2º turno 19
3-9-2002 Indianapolis Spagna   65 - 73   Porto Rico Mondiali 2002 - 2º turno 16
4-9-2002 Indianapolis Spagna   84 - 67   Brasile Mondiali 2002 - 2º turno 23
5-9-2002 Indianapolis Germania   70 - 62   Spagna Mondiali 2002 - Quarti di finale 14
6-9-2002 Indianapolis Spagna   105 - 89   Brasile Mondiali 2002 - Semifinale 5º posto 21
7-9-2002 Indianapolis Stati Uniti   75 - 81   Spagna Mondiali 2002 - Finale 5º posto 19
15-8-2003 Huelva Spagna   84 - 79   Giappone Amichevole 18
16-8-2003 San Fernando Spagna   87 - 76   Grecia Amichevole 19
22-8-2003 Salamanca Spagna   97 - 81   Lituania Amichevole 25
25-8-2003 Torrevieja Spagna   96 - 56   Ucraina Amichevole 15
26-8-2003 Torrevieja Spagna   97 - 81   Lituania Amichevole 19
28-8-2003 El Ejido Spagna   95 - 56   Polonia Amichevole 21
29-8-2003 El Ejido Spagna   89 - 73   Lettonia Amichevole 26
5-9-2003 Södertälje Svezia   61 - 85   Spagna EuroBasket 2003 - 1º turno 25
6-9-2003 Södertälje Russia   77 - 89   Spagna EuroBasket 2003 - 1º turno 35
7-9-2003 Södertälje Serbia e Montenegro   67 - 75   Spagna EuroBasket 2003 - 1º turno 20
11-9-2003 Stoccolma Spagna   78 - 64   Israele EuroBasket 2003 - Quarti di finale 25
13-9-2003 Stoccolma Spagna   81 - 79   Italia EuroBasket 2003 - Semifinale 14
14-9-2003 Stoccolma Lituania   93 - 84   Spagna EuroBasket 2003 - Finale 36
23-7-2004 Maiorca Spagna   97 - 70   Croazia Amichevole 22
24-7-2004 Maiorca Spagna   83 - 78   Serbia e Montenegro Amichevole 12
27-7-2004 Granada Spagna   76 - 60   Serbia e Montenegro Amichevole 8
2-8-2004 Alicante Spagna   97 - 70   Brasile Amichevole 26
4-8-2004 Alicante Spagna   113 - 62   Porto Rico Amichevole 20
6-8-2004 Madrid Spagna   80 - 70   Grecia Amichevole 24
7-8-2004 Madrid Spagna   98 - 90   Argentina Amichevole 26
15-8-2004 Atene Cina   58 - 83   Spagna Olimpiadi 2004 - 1º turno 21
17-8-2004 Atene Spagna   87 - 76   Argentina Olimpiadi 2004 - 1º turno 26
19-8-2004 Atene Italia   63 - 71   Spagna Olimpiadi 2004 - 1º turno 16
21-8-2004 Atene Spagna   76 - 68   Serbia e Montenegro Olimpiadi 2004 - 1º turno 14
23-8-2004 Atene Spagna   88 - 84   Nuova Zelanda Olimpiadi 2004 - 1º turno 14
26-8-2004 Atene Spagna   94 - 102   Stati Uniti Olimpiadi 2004 - Quarti di finale 29
28-8-2004 Atene Cina   76 - 92   Spagna Olimpiadi 2004 - Finale 7º posto 37
26-7-2006 Cordova Spagna   96 - 49   Cina Amichevole 10
29-7-2006 Castellón de la Plana Spagna   97 - 63   Cina Amichevole 22
30-7-2006 Valencia Spagna   97 - 73   Angola Amichevole 17
31-7-2006 Alicante Spagna   83 - 62   Serbia Amichevole 15
5-8-2006 Madrid Spagna   89 - 57   Polonia Amichevole 15
6-8-2006 Madrid Spagna   79 - 67   Argentina Amichevole 2
11-8-2006 Kallang Spagna   96 - 85   Slovenia Amichevole 16
12-8-2006 Kallang Spagna   80 - 65   Serbia Amichevole 10
13-8-2006 Madrid Spagna   87 - 66   Argentina Amichevole 13
19-8-2006 Hiroshima Spagna   86 - 70   Nuova Zelanda Mondiali 2006 - 1º turno 16
20-8-2006 Hiroshima Panama   57 - 101   Spagna Mondiali 2006 - 1º turno 26
21-8-2006 Hiroshima Germania   71 - 92   Spagna Mondiali 2006 - 1º turno 16
23-8-2006 Hiroshima Spagna   93 - 83   Angola Mondiali 2006 - 1º turno 28
24-8-2006 Hiroshima Giappone   55 - 104   Spagna Mondiali 2006 - 1º turno 21
26-8-2006 Saitama Spagna   87 - 75   Serbia Mondiali 2006 - Ottavi di finale 19
29-8-2006 Saitama Spagna   89 - 67   Lituania Mondiali 2006 - Quarti di finale 25
1-9-2006 Saitama Spagna   75 - 74   Argentina Mondiali 2006 - Semifinale 19
8-8-2007 Jerez de la Frontera Spagna   93 - 69   Venezuela Amichevole 15
14-8-2007 Logroño Spagna   82 - 65   Portogallo Amichevole 8
16-8-2007 Gijón Spagna   95 - 75   Lituania Amichevole 19
18-8-2007 Ourense Spagna   97 - 74   Lituania Amichevole 11
21-8-2007 Castellón de la Plana Spagna   79 - 55   Rep. Ceca Amichevole 18
22-8-2007 Valencia Spagna   79 - 55   Germania Amichevole 13
28-8-2007 Maiorca Spagna   72 - 56   Germania Amichevole 14
29-8-2007 Alicante Spagna   87 - 72   Francia Amichevole 20
3-9-2007 Siviglia Spagna   82 - 56   Portogallo EuroBasket 2007 - 1º turno 19
4-9-2007 Siviglia Spagna   93 - 77   Lettonia EuroBasket 2007 - 1º turno 26
5-9-2007 Siviglia Spagna   84 - 85   Croazia EuroBasket 2007 - 1º turno 26
7-9-2007 Madrid Spagna   76 - 58   Grecia EuroBasket 2007 - 2º turno 15
9-9-2007 Madrid Spagna   81 - 69   Russia EuroBasket 2007 - 2º turno 13
11-9-2007 Madrid Spagna   99 - 73   Israele EuroBasket 2007 - 2º turno 26
13-9-2007 Madrid Spagna   83 - 55   Germania EuroBasket 2007 - Quarti di finale 7
15-9-2007 Madrid Spagna   82 - 77   Grecia EuroBasket 2007 - Semifinale 23
16-9-2007 Madrid Spagna   59 - 60   Russia EuroBasket 2007 - Finale 14
20-7-2008 Cáceres Spagna   91 - 56   Russia Amichevole 16
22-7-2008 Madrid Spagna   90 - 88   Argentina Amichevole 11
24-7-2008 Ourense Spagna   90 - 88   Lituania Amichevole 8
26-7-2008 Ourense Spagna   87 - 62   Argentina Amichevole 5
28-7-2008 Saragozza Spagna   103 - 45   Ungheria Amichevole 32
30-7-2008 Castellón de la Plana Spagna   90 - 88   Lettonia Amichevole 17
10-8-2008 Pechino Spagna   81 - 66   Grecia Olimpiadi 2008 - 1º turno 11
12-8-2008 Pechino Cina   75 - 85   Spagna Olimpiadi 2008 - 1º turno 29
14-8-2008 Pechino Germania   59 - 72   Spagna Olimpiadi 2008 - 1º turno 13
16-8-2008 Pechino Spagna   82 - 119   Stati Uniti Olimpiadi 2008 - 1º turno 13
18-8-2008 Pechino Angola   50 - 98   Spagna Olimpiadi 2008 - 1º turno 31
20-8-2008 Pechino Spagna   72 - 59   Croazia Olimpiadi 2008 - Quarti di finale 20
22-8-2008 Pechino Lituania   86 - 91   Spagna Olimpiadi 2008 - Semifinale 19
24-8-2008 Pechino Spagna   107 - 118   Stati Uniti Olimpiadi 2008 - Finale 21
3-9-2009 Vilnius Lituania   94 - 72   Spagna Amichevole 0
7-9-2009 Varsavia Serbia   66 - 57   Spagna EuroBasket 2009 - 1º turno 9
8-9-2009 Varsavia Spagna   84 - 76   Regno Unito EuroBasket 2009 - 1º turno 27
9-9-2009 Varsavia Spagna   90 - 84 dts   Slovenia EuroBasket 2009 - 1º turno 13
12-9-2009 Łódź Turchia   63 - 60   Spagna EuroBasket 2009 - 2º turno 16
14-9-2009 Łódź Spagna   84 - 70   Lituania EuroBasket 2009 - 2º turno 19
16-9-2009 Łódź Polonia   68 - 90   Spagna EuroBasket 2009 - 2º turno 20
17-9-2009 Katowice Francia   66 - 96   Spagna EuroBasket 2009 - Quarti di finale 28
19-9-2009 Katowice Spagna   82 - 64   Grecia EuroBasket 2009 - Semifinale 18
20-9-2009 Katowice Spagna   85 - 63   Serbia EuroBasket 2009 - Finale 18
9-8-2011 Almería Spagna   77 - 53   Francia Amichevole 19
13-8-2011 Madrid Spagna   90 - 78   Lituania Amichevole 17
15-8-2011 Guadalajara Spagna   96 - 59   Bulgaria Amichevole 15
18-8-2011 Kaunas Lituania   90 - 78   Spagna Amichevole 18
20-8-2011 Malaga Spagna   73 - 61   Slovenia Amichevole 15
21-8-2011 Granada Spagna   79 - 57   Slovenia Amichevole 19
25-8-2011 Murcia Spagna   79 - 57   Australia Amichevole 16
26-8-2011 Valencia Spagna   97 - 58   Australia Amichevole 17
31-8-2011 Panevėžys Polonia   78 - 83   Spagna EuroBasket 2011 - 1º turno 29
1-9-2011 Panevėžys Portogallo   73 - 87   Spagna EuroBasket 2011 - 1º turno 20
2-9-2011 Panevėžys Regno Unito   69 - 86   Spagna EuroBasket 2011 - 1º turno 21
4-9-2011 Panevėžys Lituania   79 - 91   Spagna EuroBasket 2011 - 1º turno 17
7-9-2011 Vilnius Germania   68 - 77   Spagna EuroBasket 2011 - 2º turno 19
9-9-2011 Vilnius Spagna   84 - 59   Serbia EuroBasket 2011 - 2º turno 26
11-9-2011 Vilnius Francia   69 - 96   Spagna EuroBasket 2011 - 2º turno 11
14-9-2011 Kaunas Spagna   86 - 64   Slovenia EuroBasket 2011 - Quarti di finale 19
16-9-2011 Kaunas Spagna   92 - 80   Macedonia EuroBasket 2011 - Semifinale 22
18-9-2011 Kaunas Spagna   98 - 85   Francia EuroBasket 2011 - Finale 17
9-7-2012 Valladolid Spagna   78 - 74   Regno Unito Amichevole 16
10-7-2012 Madrid Spagna   81 - 65   Francia Amichevole 11
13-7-2012 Salamanca Spagna   96 - 56   Tunisia Amichevole 16
15-7-2012 Bercy Francia   70 - 75   Spagna Amichevole 22
17-7-2012 Granada Spagna   75 - 69   Australia Amichevole 22
18-7-2012 Malaga Spagna   81 - 75   Australia Amichevole 16
20-7-2012 A Coruña Spagna   105 - 85   Argentina Amichevole 17
24-7-2012 Barcellona Spagna   78 - 100   Stati Uniti Amichevole 19
29-7-2012 Londra Cina   81 - 97   Spagna Olimpiadi 2012 - 1º turno 21
31-7-2012 Londra Australia   70 - 82   Spagna Olimpiadi 2012 - 1º turno 20
2-8-2012 Londra Regno Unito   78 - 79   Spagna Olimpiadi 2012 - 1º turno 17
4-8-2012 Londra Russia   77 - 74   Spagna Olimpiadi 2012 - 1º turno 20
6-8-2012 Londra Spagna   82 - 88   Brasile Olimpiadi 2012 - 1º turno 25
8-8-2012 Londra Francia   59 - 66   Spagna Olimpiadi 2012 - Quarti di finale 10
10-8-2012 Londra Spagna   67 - 59   Russia Olimpiadi 2012 - Semifinale 16
12-8-2012 Londra Stati Uniti   107 - 100   Spagna Olimpiadi 2012 - Finale 24
6-8-2014 A Coruña Spagna   82 - 70   Canada Amichevole 20
10-8-2014 Siviglia Spagna   79 - 70   Angola Amichevole 17
12-8-2014 Granada Spagna   79 - 70   Turchia Amichevole 9
14-8-2014 Istanbul Turchia   63 - 70   Spagna Amichevole 13
17-8-2014 Las Palmas Spagna   88 - 49   Senegal Amichevole 20
20-8-2014 Badalona Spagna   82 - 64   Croazia Amichevole 18
21-8-2014 Badalona Spagna   71 - 63   Ucraina Amichevole 12
25-8-2014 Madrid Spagna   86 - 53   Argentina Amichevole 13
30-8-2014 Granada Spagna   90 - 60   Iran Mondiali 2014 - 1º turno 33
31-8-2014 Granada Spagna   91 - 54   Egitto Mondiali 2014 - 1º turno 12
1-9-2014 Granada Spagna   82 - 63   Brasile Mondiali 2014 - 1º turno 26
3-9-2014 Granada Spagna   88 - 64   Francia Mondiali 2014 - 1º turno 15
4-9-2014 Granada Spagna   89 - 73   Serbia Mondiali 2014 - 1º turno 20
6-9-2014 Madrid Spagna   89 - 56   Senegal Mondiali 2014 - Ottavi di finale 17
10-9-2014 Madrid Spagna   52 - 65   Francia Mondiali 2014 - Quarti di finale 17
11-8-2015 Gijón Spagna   67 - 64   Belgio Amichevole 3
15-8-2015 Santander Spagna   71 - 64   Polonia Amichevole 7
16-8-2015 Santander Spagna   96 - 49   Senegal Amichevole 15
18-8-2015 Burgos Spagna   82 - 80   Venezuela Amichevole 15
22-8-2015 Madrid Spagna   94 - 63   Macedonia Amichevole 8
25-8-2015 Logroño Spagna   88 - 54   Macedonia Amichevole 26
30-8-2015 Saragozza Spagna   81 - 68   Rep. Ceca Amichevole 18
5-9-2015 Berlino Spagna   70 - 80   Serbia EuroBasket 2015 - 1º turno 16
6-9-2015 Berlino Turchia   77 - 104   Spagna EuroBasket 2015 - 1º turno 21
8-9-2015 Berlino Spagna   98 - 105   Italia EuroBasket 2015 - 1º turno 34
9-9-2015 Berlino Islanda   73 - 99   Spagna EuroBasket 2015 - 1º turno 21
10-9-2015 Berlino Germania   76 - 77   Spagna EuroBasket 2015 - 1º turno 16
12-9-2015 Lilla Spagna   80 - 66   Polonia EuroBasket 2015 - Ottavi di finale 30
15-9-2015 Lilla Spagna   73 - 71   Grecia EuroBasket 2015 - Quarti di finale 27
17-9-2015 Lilla Francia   75 - 80 dts   Spagna EuroBasket 2015 - Semifinale 40
20-9-2015 Lilla Spagna   80 - 63   Lituania EuroBasket 2015 - Finale 25
21-7-2016 Malaga Spagna   76 - 78   Lituania Amichevole 10
23-7-2016 Madrid Spagna   80 - 65   Venezuela Amichevole 14
25-7-2016 Valladolid Spagna   91 - 55   Venezuela Amichevole 14
28-7-2016 Saragozza Spagna   100 - 61   Costa d'Avorio Amichevole 10
7-8-2016 Rio de Janeiro Croazia   72 - 70   Spagna Olimpiadi 2016 - 1º turno 26
9-8-2016 Rio de Janeiro Brasile   66 - 65   Spagna Olimpiadi 2016 - 1º turno 13
11-8-2016 Rio de Janeiro Nigeria   87 - 96   Spagna Olimpiadi 2016 - 1º turno 16
13-8-2016 Rio de Janeiro Spagna   109 - 59   Lituania Olimpiadi 2016 - 1º turno 23
15-8-2016 Rio de Janeiro Spagna   92 - 73   Argentina Olimpiadi 2016 - 1º turno 19
17-8-2016 Rio de Janeiro Spagna   92 - 73   Francia Olimpiadi 2016 - Quarti di finale 5
19-8-2016 Rio de Janeiro Spagna   76 - 82   Stati Uniti Olimpiadi 2016 - Semifinale 23
21-8-2016 Rio de Janeiro Australia   88 - 89   Spagna Olimpiadi 2016 - Finale 3º posto 31
8-8-2017 Tenerife Spagna   71 - 45   Tunisia Amichevole 11
9-8-2017 Tenerife Spagna   71 - 89   Belgio Amichevole 12
15-8-2017 Madrid Spagna   90 - 44   Venezuela Amichevole 2
18-8-2017 Melilla Spagna   80 - 69   Senegal Amichevole 9
20-8-2017 Malaga Spagna   90 - 62   Venezuela Amichevole 21
23-8-2017 Bruxelles Belgio   72 - 88   Spagna Amichevole 8
25-8-2017 Vilnius Lituania   78 - 79   Spagna Amichevole 24
1-9-2017 Cluj-Napoca Spagna   99 - 60   Montenegro EuroBasket 2017 - 1º turno 10
2-9-2017 Cluj-Napoca Rep. Ceca   56 - 63   Spagna EuroBasket 2017 - 1º turno 26
5-9-2017 Cluj-Napoca Croazia   73 - 79   Spagna EuroBasket 2017 - 1º turno 11
7-9-2017 Cluj-Napoca Ungheria   64 - 87   Spagna EuroBasket 2017 - 1º turno 20
10-9-2017 Istanbul Turchia   56 - 73   Spagna EuroBasket 2017 - Ottavi di finale 11
12-9-2017 Istanbul Germania   72 - 84   Spagna EuroBasket 2017 - Quarti di finale 19
14-9-2017 Istanbul Spagna   72 - 92   Slovenia EuroBasket 2017 - Semifinale 13
17-9-2017 Istanbul Spagna   93 - 85   Russia EuroBasket 2017 - Finale 3º posto 26
Totale Presenze 198 Punti 3612


PalmarèsModifica

 
Gasol alla presentazione del suo libro Bajo el Aro

GiovaniliModifica

  •   Campionato spagnolo maschile juniores: 1
Barcellona: 1997-98
  Bulgaria 1998
  Lisbona 1999
  Macedonia 2000

ClubModifica

Barcellona: 1998-1999, 2000-2001
Barcellona: 2001
Los Angeles Lakers: 2009, 2010

NazionaleModifica

IndividualeModifica

NazionaleModifica

ClubModifica

EuropaModifica
NBAModifica
Second Team: 2011, 2015
Third Team: 2009, 2010
2006, 2009, 2010, 2011, 2015, 2016
2002, 2003
Altri premiModifica

Premi e riconoscimentiModifica

FilmografiaModifica

Gasol vanta anche alcune apparizioni nel mondo dello spettacolo: tra queste apparì in Numb3rs e CSI: Miami.

 
Gasol mentre riceve la Medaglia al merito al lavoro nel 2017

OnorificenzeModifica

Premio Rey Felipe come migliore sportivo spagnolo dell'anno
— 2001[171]
  Ordine reale del merito sportivo
— 2007[172]
  Premio Principessa delle Asturie per lo sport
— Oviedo, 3 giugno 2015[173]
  Medaglia al merito al lavoro
— Madrid, 9 giugno 2017[174]

OpereModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Brett Pollakoff, The NBA’s 20 best international players of all time, ranked, su FOX Sports. URL consultato il 5 marzo 2019.
  2. ^ (EN) Ranking 10 Greatest European Players in NBA History, su Orlando Magic. URL consultato il 5 marzo 2019.
  3. ^ (EN) Top 10 Best International Players In NBA History, su NBA News Rumors Trades Stats Free Agency, 18 settembre 2018. URL consultato il 5 marzo 2019.
  4. ^ (ES) Diario AS, Pau Gasol en la NBA: 23 días en la leyenda del número 16, su AS.com, 6 novembre 2017. URL consultato il 5 marzo 2019.
  5. ^ (ES) Pau Gasol, una vida en números: así se compara el mejor español con la historia, su El Confidencial, 27 dicembre 2017. URL consultato il 13 marzo 2019.
  6. ^ a b c d e f Higgins.
  7. ^ a b (ES) Diario AS, ALL STAR NBA: Los seis All-Star de Pau Gasol en imágenes, su AS.com, 10 febbraio 2016. URL consultato il 5 marzo 2019.
  8. ^ (EN) Memphis Grizzlies Career Leaders, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 5 marzo 2019.
  9. ^ a b Pau Gasol joins rare NBA company with 20,000th career point, su Sporting News, 13 aprile 2017. URL consultato il 6 marzo 2019.
  10. ^ (EN) NBA & ABA Career Leaders and Records for Points, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 13 marzo 2019.
  11. ^ a b Basketball: Pau Gasol Profile and Information., su www.thebasketballworld.com. URL consultato il 5 marzo 2019.
  12. ^ (EN) Pau Gasol Olympic Stats, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 5 marzo 2019.
  13. ^ a b c EuroBasket. Il "triplete" di Pau Gasol, Oro-MVP-Miglior Quintetto. Nessuno come lui negli eventi FIBA, su Basketinside.com, 20 settembre 2015. URL consultato il 5 marzo 2019.
  14. ^ a b c VIDEO - Pau Gasol è leggenda: è lui il miglior marcatore all-time di Eurobasket, superato Parker, su Eurosport, 7 settembre 2017. URL consultato il 5 marzo 2019.
  15. ^ a b ubitennis.com, Olimpiadi: Pau Gasol come portabandiera della Spagna, su ubitennis.com, 20 luglio 2012. URL consultato il 23 luglio 2012.
  16. ^ (ES) Pau Gasol, un jugador comprometido socialmente | | JGBasket, su JGBasket. Aprender, entrenar y mejorar baloncesto desde 1999, 21 maggio 2012. URL consultato il 13 aprile 2019.
  17. ^ a b c d e f (EN) IESE Insight Pau Gasol: Courting a Successful Career, su www.ieseinsight.com. URL consultato il 5 marzo 2019.
  18. ^ (EN) Pau Gasol Wins 2011-12 J. Walter Kennedy Citizenship Award, su Los Angeles Lakers. URL consultato l'8 marzo 2019.
  19. ^ (EN) Pau Gasol Awarded NBA’s Season Long Community Assist Award, su Los Angeles Lakers. URL consultato il 13 marzo 2019.
  20. ^ a b (EN) Friend: Pau Gasol scrubs in, su ESPN.com, 6 agosto 2010. URL consultato il 13 marzo 2019.
  21. ^ (EN) An Open Letter About Female Coaches | By Pau Gasol, su The Players' Tribune. URL consultato il 13 marzo 2019.
  22. ^ a b c (EN) Rafael Canton, Ten Years After Pau Gasol Trade to Lakers Changed NBA, Deal Makes Sense Now, su Bleacher Report. URL consultato il 5 marzo 2019.
  23. ^ James Dator, Marc and Pau Gasol's younger brother looks eerily like Mike Conley, and they all love it, su SBNation.com, 13 luglio 2017. URL consultato il 5 marzo 2019.
  24. ^ SN names the 20 smartest athletes in sports - MLB - Sporting News, su web.archive.org, 23 settembre 2010. URL consultato il 5 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 23 maggio 2013).
  25. ^ (ES) NBA: 'Bajo el aro', las reflexiones más personales de Pau Gasol, su Marca.com, 5 settembre 2018. URL consultato il 26 luglio 2019.
  26. ^ Bryant.
  27. ^ a b c d e f g (EN) William Van Noll, Pau Gasol vs. Marc Gasol: Tale of the Tape, su Bleacher Report. URL consultato il 6 marzo 2019.
  28. ^ (EN) Nicholas Goss, Pau Gasol, and The 10 Best Los Angeles Lakers Big Men Of All Time, su Bleacher Report. URL consultato il 5 marzo 2019.
  29. ^ Felice Caporaso, Pau Gasol, l’ultimo artista del post-basso, su NBAPASSION, 30 settembre 2016. URL consultato il 5 marzo 2019.
  30. ^ Bruno Passos, Behold the Spurs’ 77-year-old pick-and-roll machine, su Pounding The Rock, 5 dicembre 2017. URL consultato il 5 marzo 2019.
  31. ^ (EN) J. M. Poulard, Why Pau Gasol Is Steve Nash's Ideal Pick-and-Roll Partner for LA Lakers, su Bleacher Report. URL consultato il 5 marzo 2019.
  32. ^ a b Pau Gasol: "A San Antonio trend negativo da inizio stagione. Warriors? Non vedo nessuno al loro livello, su BasketUniverso, 19 gennaio 2018. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  33. ^ (EN) A. Bell, Pau Gasol could become the most lethal three-point shooter in NBA history, su MARCA in English, 11 aprile 2017. URL consultato il 12 marzo 2019.
  34. ^ (EN) Pau Gasol Game Finder, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 7 marzo 2019.
  35. ^ (EN) Jovan Buha, Ranking Kobe Bryant's 10 best Lakers teammates -- can anyone top Shaq?, su FOX Sports. URL consultato il 5 marzo 2019.
  36. ^ Previa LEB Plata: Cornellá - Clínicas Rincón Axarquía - BasketMe, su www.basketme.com. URL consultato il 6 marzo 2019.
  37. ^ a b c Biografía de Pau Gasol, su paugasol.com:80. URL consultato il 6 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2015).
  38. ^ (ES) Gasol debutó en Cáceres, su Hoy, 18 luglio 2008. URL consultato il 7 marzo 2019.
  39. ^ a b (EN) Daniel Merida, Pau Gasol: 10 Years of Pau in the NBA, 2 Teams, 2 Rings and 820 Games Later, su Bleacher Report, 28 giugno 2011. URL consultato il 13 marzo 2019.
  40. ^ a b c Jasikevičius.
  41. ^ a b (EN) Tyler Sellers 2 years ago, The Five Worst Trades in Atlanta Hawks History, su Soaring Down South, 31 agosto 2016. URL consultato il 5 marzo 2019.
  42. ^ Spain NBA Players - RealGM, su basketball.realgm.com. URL consultato il 5 marzo 2019.
  43. ^ (ES) ROBERT ÁLVAREZ, El tercer puesto de Gasol en el 'draft', un hito histórico en el baloncesto español, in El País, 28 giugno 2001. URL consultato il 5 marzo 2019.
  44. ^ GASOL, ROOKIE DEL AÑO, su web.archive.org, 3 maggio 2008. URL consultato il 29 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2008).
  45. ^ a b c d e f g h i (EN) Pau Gasol, su NBA Stats. URL consultato il 31 marzo 2019.
  46. ^ a b Nba, Pau Gasol simbolo dei Grizzlies per “30 squadre, 30 campioni”, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 31 marzo 2019.
  47. ^ (EN) 2005 NBA Western Conference First Round - Memphis Grizzlies vs. Phoenix Suns, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 31 marzo 2019.
  48. ^ NBA.com Grizzlies Charge Behind Gasol’s Triple-Double, su www.nba.com. URL consultato l'8 marzo 2019.
  49. ^ andytobo, Long reads: Dirk vs. the best in the Playoffs, su Mavs Moneyball, 11 giugno 2013. URL consultato il 31 marzo 2019.
  50. ^ (EN) Grizzlies vs. Raptors - Box Score - March 7, 2007 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato l'8 marzo 2019.
  51. ^ ACB.COM - Pau Gasol ya es el máximo anotador de la historia de los Memphis Grizzlies, su www.acb.com. URL consultato l'8 marzo 2019.
  52. ^ (EN) Hispanosnba.com, Memphis Grizzlies: All-time leaders, su hispanosnba.com. URL consultato l'8 marzo 2019.
  53. ^ (EN) Andrew Pierluissi, NBA's Best European Big Man: Pau Gasol Or Dirk Nowitzki, su Bleacher Report. URL consultato il 31 marzo 2019.
  54. ^ Gasol no quiere dejar Memphis y sueña con volver a ser 'All Star' - Marca.com, su archivo.marca.com, 23 ottobre 2007. URL consultato il 31 marzo 2019.
  55. ^ a b (EN) Lakers Acquire Gasol From Grizzlies | THE OFFICIAL SITE OF THE LOS ANGELES LAKERS, su www.nba.com. URL consultato il 13 agosto 2017.
  56. ^ Heisler.
  57. ^ NBA.com Gasol Powers Lakers Past Nuggets, su www.nba.com. URL consultato il 5 marzo 2019.
  58. ^ a b (EN) Adande: Pau's a playoff winner, at last, su ESPN.com, 19 aprile 2008. URL consultato il 6 marzo 2019.
  59. ^ a b (EN) Lakers Gameday | 05/16/08 | Lakers 108, Jazz 105 (Lakers Win Series 4-2), su Los Angeles Lakers. URL consultato il 5 marzo 2019.
  60. ^ (EN) Pau Gasol becomes first Spaniard to reach NBA final, su thinkSPAIN. URL consultato il 5 marzo 2019.
  61. ^ (EN) Howard Beck, Celtics’ Rally Stuns the Lakers and Puts N.B.A. Title Within Reach, in The New York Times, 13 giugno 2008. URL consultato il 6 marzo 2019.
  62. ^ Le pagelle delle Finals, su Eurosport, 18 giugno 2008. URL consultato l'8 marzo 2019.
  63. ^ a b c d e f g h i Fabbri, Caianiello.
  64. ^ Pau Gasol, primer español en ganar un anillo de la NBA, su www.marca.com. URL consultato il 12 marzo 2019.
  65. ^ (EN) Year-by-year All-NBA Teams, su NBA.com. URL consultato il 31 marzo 2019.
  66. ^ a b c d e f Shmelter.
  67. ^ a b (EN) May: Celtics couldn't run with Lakers in fourth, su ESPN.com, 18 giugno 2010. URL consultato il 6 marzo 2019.
  68. ^ (EN) stephen riley, 2010 NBA Finals: Once-Soft Pau Gasol Too Strong for Celtics in Opener, su Bleacher Report. URL consultato il 6 marzo 2019.
  69. ^ Nba, la dolce vendetta dei Lakers: sedicesimo trionfo, su web.archive.org, 20 agosto 2016. URL consultato il 5 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2016).
  70. ^ (EN) Hayk Jernazian, L.A. Lakers: The Mindset of Pau Gasol in the NBA Playoffs 2011, su Bleacher Report. URL consultato il 12 marzo 2019.
  71. ^ (EN) Adande: Searching for answers in L.A., su ESPN.com, 12 maggio 2011. URL consultato il 12 marzo 2019.
  72. ^ (EN) NBA nixes trade of Hornets G Paul to Lakers, su ESPN.com, 8 dicembre 2011. URL consultato il 12 marzo 2019.
  73. ^ (EN) Keown: Kobe Bryant's message for Pau Gasol, su ESPN.com, 21 febbraio 2012. URL consultato il 31 marzo 2019.
  74. ^ (EN) D'Antoni hopes to get Gasol, Howard involved, su ESPN.com, 25 novembre 2012. URL consultato il 12 marzo 2019.
  75. ^ (EN) Eric Edelman, Mike D'Antoni, Not Pau Gasol Is LA Lakers' Biggest Problem, su Bleacher Report. URL consultato il 12 marzo 2019.
  76. ^ Drew Garrison, It's over: Spurs sweep Lakers out of the playoffs, su SBNation.com, 28 aprile 2013. URL consultato il 12 marzo 2019.
  77. ^ Kevin Zimmerman, Pau again says he doesn't fit under D'Antoni, su SBNation.com, 13 dicembre2013. URL consultato il 12 marzo 2019.
  78. ^ (EN) D'Antoni fires back at Pau: 'Keep it in-house', su ESPN.com, 27 febbraio 2014. URL consultato il 12 marzo 2019.
  79. ^ (EN) Bryan Kalbrosky, Gasol wanted to play with Kobe forever but felt disrespected by Lakers, su FOX Sports, 29 marzo 2016. URL consultato il 13 marzo 2019.
  80. ^ (EN) Bulls sign forward/center Pau Gasol | Chicago Bulls, in Chicago Bulls, 18 luglio 2014. URL consultato il 13 agosto 2017.
  81. ^ a b c d e f (EN) NBA Rumors: Best Landing Spots for Pau Gasol, su Hoops Habit, 8 aprile 2016. URL consultato il 6 aprile 2019.
  82. ^ NBA, Pau Gasol Dominates Nuggets with Career-High 9 Blocks, 1º gennaio 2015. URL consultato il 5 marzo 2019.
  83. ^ (EN) Bucks at Bulls, su NBA.com. URL consultato il 5 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2015).
  84. ^ (EN) MARCA.com, Gasol, highest Hispanic scorer in the NBA, su MARCA, 6 marzo 2015. URL consultato il 6 marzo 2019.
  85. ^ (EN) NBA Top 10 International Scorers of All-Time: Pau Gasol Now First Place Among Hispanics in Points Scored in NBA History, su Latin Post, 8 marzo 2015. URL consultato il 26 luglio 2019.
  86. ^ a b (EN) Pau Gasol 2014-15 Game Log, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 5 marzo 2019.
  87. ^ Double-Doubles in the 2014-15 NBA Regular Season, su www.landofbasketball.com. URL consultato il 5 marzo 2019.
  88. ^ (EN) Hawks at Bulls, su NBA.com. URL consultato il 5 marzo 2019.
  89. ^ (EN) Hoiberg confident he can succeed with Bulls, su ESPN.com, 2 giugno 2015. URL consultato l'8 marzo 2019.
  90. ^ (EN) Hornets vs. Bulls - Game Preview - December 6, 2015 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato l'8 marzo 2019.
  91. ^ (EN) NBA on ESPN, Pau Gasol after 1Q: 13 Pts & 10 Reb Pau is the 1st player this season to record a double-double in the 1st Q.pic.twitter.com/7HXASJmJqn, su @ESPNNBA, 26 gennaio 2016. URL consultato il 9 marzo 2019.
  92. ^ La Redazione, All-Star Game: al posto di Jimmy Butler ci sarà Pau Gasol, su Basketinside.com, 9 febbraio 2016. URL consultato il 9 marzo 2019.
  93. ^ (EN) Miami Heat at Chicago Bulls Box Score, January 25, 2016, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 9 marzo 2019.
  94. ^ (EN) Bulls fall to Portland 103-95, su Chicago Bulls. URL consultato il 9 marzo 2019.
  95. ^ (EN) Trail Blazers vs. Bulls - Box Score - February 27, 2016 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato il 9 marzo 2019.
  96. ^ Butler admits he, ex-teammates weren't on same page, su NBC Sports Chicago, 4 novembre 2016. URL consultato l'8 marzo 2019.
  97. ^ (EN) Brett Pollakoff, Jimmy Butler explains last year's locker room problems with the Bulls, su FOX Sports, 21 ottobre 2016. URL consultato l'8 marzo 2019.
  98. ^ Chicago Bulls: la cronaca di un disastro, su Eurosport, 29 marzo 2016. URL consultato l'8 marzo 2019.
  99. ^ Nba, Chicago Bulls preview: tornare super con Butler leader, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato l'8 marzo 2019.
  100. ^ (EN) 2015-16 NBA Standings, su ESPN. URL consultato l'8 marzo 2019.
  101. ^ Pau Gasol All But Assured To Leave The Bulls In Free Agency, su clutchpoints.com. URL consultato il 22 dicembre 2016.
  102. ^ Pau Gasol confirms 'new chapter' with Spurs, su espn.go.com. URL consultato il 7 luglio 2016.
  103. ^ (EN) Spurs vs. Jazz - Game Recap - April 12, 2017 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato il 5 marzo 2019.
  104. ^ Spurs, Pau Gasol raggiunge quota 20.000 punti in carriera, su NBA24. URL consultato il 5 marzo 2019.
  105. ^ Nicolò Basso, Pau Gasol vicino all'accordo con gli Spurs, su NBARELIGION.COM, 19 luglio 2017. URL consultato il 5 marzo 2019.
  106. ^ I Golden State Warriors scrivono la storia dei Playoffs: 12-0 e ora la Finale! | Nba Passion, su www.nbapassion.com. URL consultato il 9 marzo 2019.
  107. ^ a b Luigi Ricciardiello, Gasol disposto a rifiutare l'opzione pur di rimanere agli Spurs, su NBARELIGION.COM, 20 giugno 2017. URL consultato il 5 marzo 2019.
  108. ^ (EN) SPURS RE-SIGN PAU GASOL, su San Antonio Spurs. URL consultato il 5 marzo 2019.
  109. ^ (ES) NBA: Pau Gasol sigue la senda de Karl Malone: desgrandando los números del mito español, su Marca.com, 24 dicembre 2017. URL consultato il 26 luglio 2019.
  110. ^ (ES) Guía NBA 2018-19: Pau Gasol, el banquillo y un año complicado en San Antonio Spurs | NBA.com, su El sitio oficial de la NBA | NBA.com. URL consultato il 4 aprile 2019.
  111. ^ Successo in volata degli Warriors, fuori gli Spurs, su sport.sky.it. URL consultato il 5 aprile 2019.
  112. ^ (EN) Pau Gasol 2018-19 Game Log, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 5 marzo 2019.
  113. ^ (EN) Celtics vs. Spurs - Game Recap - December 31, 2018 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato il 5 marzo 2019.
  114. ^ (ES) Sport, Pau Gasol: 1.150 partidos de titular en la NBA, su sport, 28 gennaio 2019. URL consultato l'11 marzo 2019.
  115. ^ a b Francesco Grisanti, Pau Gasol smentisce di aver chiesto una trade o il buyout, su NBARELIGION.COM, 13 febbraio 2019. URL consultato il 5 marzo 2019.
  116. ^ NBA - Pau Gasol "rimborsa" gli Spurs e rinuncia al buyout, su www.pianetabasket.com. URL consultato il 5 marzo 2019.
  117. ^ Sky Sport, Pau Gasol lascia San Antonio e va a Milwaukee, su sport.sky.it. URL consultato il 5 marzo 2019.
  118. ^ (EN) Veteran center Pau Gasol to sign with Bucks after Spurs buyout, clearing waivers, su Milwaukee Journal Sentinel. URL consultato il 5 marzo 2019.
  119. ^ (ES) Pau Gasol debuta en los Bucks con derrota en Phoenix, su AS.com, 5 marzo 2019. URL consultato il 6 marzo 2019.
  120. ^ (EN) Tyler Conway, Bucks' Pau Gasol Reportedly Expected to Miss 1 Month Because of Ankle Injury, su Bleacher Report, 24 marzo 2019. URL consultato il 24 marzo 2019.
  121. ^ (EN) Paul Kasabian, Kawhi Leonard, Raptors Beat Bucks in Game 6, Advance to NBA Finals vs. Warriors, su Bleacher Report, 26 maggio 2019. URL consultato il 14 giugno 2019.
  122. ^ (EN) Jeff Smith, Marc Gasol Is Pau Gasol’s Brother and They Have Unique NBA History, su Heavy.com, 11 giugno 2019. URL consultato il 14 giugno 2019.
  123. ^ Los Gasol, primeros hermanos campeones de la NBA, su Mundo Deportivo, 14 giugno 2019. URL consultato il 14 giugno 2019.
  124. ^ (EN) Official release, Pau Gasol signs deal with Trail Blazers, su NBA.com. URL consultato il 26 luglio 2019.
  125. ^ Schedule & results | 1998 European Championship for Junior Men | ARCHIVE.FIBA.COM, su archive.fiba.com. URL consultato il 14 marzo 2019.
  126. ^ archive.fiba.com: 1999 World Championship for Junior Men, su archive.fiba.com. URL consultato il 14 marzo 2019.
  127. ^ Schedule & results | 2000 European Championship for Young Men | ARCHIVE.FIBA.COM, su archive.fiba.com. URL consultato il 14 marzo 2019.
  128. ^ Eurobasket 2001 - Turkey, su web.archive.org, 6 ottobre 2008. URL consultato il 20 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2008).
  129. ^ Spain accumulated statistics | 2002 World Championship for Men | ARCHIVE.FIBA.COM, su archive.fiba.com. URL consultato il 5 marzo 2019.
  130. ^ (ES) EFE, España vence en el Mundial al 'ogro' yugoslavo por 71-69, in El País, 30 agosto 2002. URL consultato il 5 marzo 2019.
  131. ^ España se cae del podio del Mundial - Baloncesto, su www.elmundo.es. URL consultato il 20 maggio 2019.
  132. ^ archive.fiba.com: 2003 European Championship for Men (Sweden vs. Spain), su archive.fiba.com. URL consultato il 12 marzo 2019.
  133. ^ archive.fiba.com: 2003 European Championship for Men (Russia vs. Spain), su archive.fiba.com. URL consultato il 12 marzo 2019.
  134. ^ archive.fiba.com: 2003 European Championship for Men (Spain vs. Israel), su archive.fiba.com. URL consultato il 20 maggio 2019.
  135. ^ (ES) El Periódico de Aragón, España pierde con Lituania la final del Europeo (93-84), su El Periódico de Aragón. URL consultato il 20 maggio 2019.
  136. ^ Pau Gasol profile, Olympic Games: Tournament for Men 2004, su FIBA.COM. URL consultato il 5 marzo 2019.
  137. ^ a b archive.fiba.com: 2004 Olympic Games: Tournament for Men, su archive.fiba.com. URL consultato il 5 marzo 2019.
  138. ^ archive.fiba.com: 2004 Olympic Games: Tournament for Men:, su archive.fiba.com. URL consultato il 12 marzo 2019.
  139. ^ a b Basket, la Spagna schianta la Grecia e conquista il primo titolo mondiale - sport - Repubblica.it, su www.repubblica.it. URL consultato il 4 marzo 2019.
  140. ^ (ES) EFE, Gasol se perderá por lesión la final del Mundial de baloncesto de Japón, in El País, 2 settembre 2006. URL consultato il 4 marzo 2019.
  141. ^ (ES) Comunicado médico oficial sobre la lesión de Pau Gasol, su FEB. URL consultato il 4 marzo 2019.
  142. ^ Mamoli.
  143. ^ Spain | 2007 EuroBasket | ARCHIVE.FIBA.COM, su archive.fiba.com. URL consultato il 9 marzo 2019.
  144. ^ Rusia gana el Eurobasket de España - Marca.com, su archivo.marca.com. URL consultato il 9 marzo 2019.
  145. ^ archive.fiba.com: 2008 Olympic Games: Tournament Men, su archive.fiba.com. URL consultato il 5 marzo 2019.
  146. ^ archive.fiba.com: 2008 Olympic Games: Tournament Men:, su archive.fiba.com. URL consultato l'8 marzo 2019.
  147. ^ Sky Sport, Basket, Spagna campione d'Europa: Serbia travolta 85 a 63, su sport.sky.it. URL consultato il 5 marzo 2019.
  148. ^ Al igual que Ginóbili en Argentina, Gasol no jugará el Mundial para España, su Ambito. URL consultato l'8 marzo 2019.
  149. ^ España gana el Eurobasket a Francia, su La Vanguardia, 18 settembre 2011. URL consultato l'8 marzo 2019.
  150. ^ a b archive.fiba.com: 2012 Olympic Men, su archive.fiba.com. URL consultato l'8 marzo 2019.
  151. ^ (EN) ESP - Pau skips EuroBasket, eyes 2014 FIBA Basketball World Cup, su FIBA.basketball. URL consultato il 5 marzo 2019.
  152. ^ Mundial Baloncesto 2014, su MARCA.com, Lunes, 22/09/2014. URL consultato il 5 marzo 2019.
  153. ^ Europa Press, España se despide de 'su' Mundial tras caer ante Francia en cuartos de final, su www.europapress.es, 10 settembre 2014. URL consultato il 25 marzo 2019.
  154. ^ Basket, Europeo: Spagna-Lituania 80-63. Gasol e, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 4 marzo 2019.
  155. ^ Luca Chiabotti, Basket, Europei: Francia-Spagna 75-80. Gasol, su La Gazzetta dello Sport, 17 settembre 2015. URL consultato il 12 marzo 2019.
  156. ^ a b Simone Sandri, Olimpiadi, basket, Usa-Spagna 82-76, Thompson 22 punti, su La Gazzetta dello Sport, Simone Sandri. URL consultato il 12 marzo 2019.
  157. ^ (EN) Rio 2016: Spain beat Australia 89-88 to earn dramatic basketball bronze, in The Guardian, 21 agosto 2016. URL consultato il 13 agosto 2017.
  158. ^ Sky Sport, Eurobasket, la Slovenia domina la Spagna: 92-72, su sport.sky.it. URL consultato l'8 marzo 2019.
  159. ^ Sky Sport, Europei, è una Spagna da bronzo: Russia ko 93-85, su sport.sky.it. URL consultato l'8 marzo 2019.
  160. ^ Mirko Spadaro, NBA - Pau Gasol non abbandona la sua Spagna: "voglio giocare i Mondiali! Aiuterò la Roja per Tokyo 2020", su SPORTFAIR, 8 settembre 2018. URL consultato il 24 marzo 2019.
  161. ^ (ES) Robert Álvarez, Scariolo confirma que Pau Gasol no irá al Mundial de China, in El País, 15 maggio 2019. URL consultato il 25 maggio 2019.
  162. ^ Emiliano Carchia, Pau Gasol conferma: Non potrò giocare il Mondiale con la Spagna, in Sportando, 22 maggio 2019. URL consultato il 25 maggio 2019.
  163. ^ ACB.COM - Pau Gasol confirma que no estará en la Copa del Mundo, su www.acb.com, 22 maggio 2019. URL consultato il 25 maggio 2019.
  164. ^ Pau Gasol - NBA Career Bests, su basketball.realgm.com. URL consultato il 13 febbraio 2019.
  165. ^ (EN) Pau Gasol Europe Stats (Club Competition), su Basketball-Reference.com. URL consultato il 12 marzo 2019.
  166. ^ Los Angeles Times, Pau Gasol on Dallas game, Numb3rs appearance, 14 marzo 2009. URL consultato il 9 marzo 2019.
  167. ^ Sky Sport, Nba, Gasol dal campo al set: attore in CSI Miami, su sport.sky.it. URL consultato il 5 marzo 2019.
  168. ^ Europa Press, Pau Gasol vuelve a la TV en 'Modern Family', su www.europapress.es, 4 marzo 2010. URL consultato il 9 marzo 2019.
  169. ^ Pau Gasol actuará en la telenovela 'Eva Luna' | Gentes! | elmundo.es, su www.elmundo.es. URL consultato il 9 marzo 2019.
  170. ^ (ES) 'Hazte extranjero': una defensa de 'lo nuestro', su ELMUNDO, 16 dicembre 2013. URL consultato il 5 marzo 2019.
  171. ^ Premios nacionales del deporte, su csd.gob.es. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2016).
  172. ^ Gasol será galardonado con la Medalla de Oro al Mérito Deportivo
  173. ^ Acta del Jurado, su fpa.es.
  174. ^ CEOE, María Teresa Campos, Pau Gasol y Teresa Perales, medallas de Oro al Mérito en el Trabajo

BibliografiaModifica

  • Ron Higgins, Tales from the Memphis Grizzlies Hardwood, ed. illustrata, Sports Publishing LLC, 2006, ISBN 978-1-59670-020-8.
  • Mark Heisler, Madmen's Ball: The Continuing Saga of Kobe, Phil, and the Los Angeles Lakers, ed. riveduta, Triumph Books, 2008, ISBN 978-1-60078-198-8.
  • Šarūnas Jasikevičius, Vincere non basta, Add editore, 2015, ISBN 978-88-6783-087-9.
  • Richard J. Shmelter, The Los Angeles Lakers Encyclopedia, edizione illustrata, McFarland, 2016, ISBN 978-0-7864-9334-0.
  • Fabrizio Fabbri e Edoardo Caianiello, Il Morso del Mamba, seconda, Ultra Libri, 2016, ISBN 978-88-6776-453-2.
  • Kobe Bryant, The mamba mentality. Il mio basket, Rizzoli, 2018, ISBN 978-88-586-9537-1.

VideografiaModifica

  • Alessandro Mamoli, The History of the FIBA Basketball World Cup, Sky Sport, 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN87313776 · ISNI (EN0000 0000 7730 3713 · LCCN (ENno2010039333 · WorldCat Identities (ENno2010-039333