Yuda
Yuda.png
UniversoKen il guerriero
Nome orig.ユダ (Yuda)
Lingua orig.Giapponese
Autori
1ª app. in
  • Manga: Capitolo 75
  • Anime: Episodio 51
Voci orig.
Voci italiane
SpecieUmano
SessoMaschio
Data di nascita17 a.O.
Poteri

«Io sono il più forte in questo mondo. E anche... il più bello!»

(Yuda)

Yuda (ユダ?) è un personaggio del manga e anime Ken il guerriero di Buronson e Tetsuo Hara.

Il personaggioModifica

Yuda appartiene alla Sacra Scuola di Nanto ed è maestro dello Stile della Gru Rossa; è protetto dalla Stella Traditrice (裏切りの星 Uragiri no Hoshi?), che però lui definisce Stella Incantatrice (妖星 Yōsei?): malgrado il destino di chi ne è protetto è legato al tradimento, Yuda afferma che invece essa è sinonimo di bellezza, fascino, intelligenza, astuzia e sete di potere.

Yuda è un personaggio crudele, che non esita a gettare le sue donne in mezzo alla strada pur di perseguire i suoi ideali della perfezione estetica. Infatti vive nel suo palazzo accerchiato da bellissime fanciulle, da cui vuole essere costantemente adorato per la sua bellezza, oltre a pretendere da esse un aspetto perennemente impeccabile; si ritiene un essere perfetto ed è ossessionato dalla propria immagine: proprio per questo motivo, infatti, si trucca pesantemente come una donna.

StoriaModifica

Yuda è un uomo che trova affascinante solo ed esclusivamente se stesso. La sicurezza nella propria bellezza inizia ad incrinarsi durante l'addestramento per diventare un maestro della scuola Nanto, in cui osserva Rei mentre compie una serie di esercitazioni e con la sua tecnica salva un uccellino dall'attacco di un rapace. Affascinato da Rei e dalla sua tecnica, scappa via giurando di fargliela pagare umiliandolo allo stesso modo. Una volta diventato uno dei sei Sacri Guerrieri di Nanto, dopo l'olocausto nucleare, è lui l'artefice della divisione di Nanto, facendo un patto con Raoul, il Re di Hokuto, e portando con sé le sue 23 fazioni. La sua storia si intreccia poi con quella della bella Mamiya, la quale viene rapita da Yuda e privata per sempre dei suoi genitori, nel giorno del suo ventesimo compleanno. Il breve periodo da schiava di Yuda segnerà profondamente la sua esistenza, marchiata sul corpo e nell'anima. Proprio dopo la scoperta della cicatrice UD sulla schiena di Mamiya entra in gioco Rei, che, prossimo alla morte, si pone come ultimo obiettivo quello di vendicare l'amata.

Yuda fa la sua apparizione nella storia, quasi completamente senza vestiti, al cospetto delle tante donne rapite, decantando la sua bellezza. All'arrivo di Dagar, il suo vice, chiede notizie del Re di Hokuto e quando viene informato che questi non ha fatto ancora ritorno al castello, preferisce agire con cautela piuttosto che uscire allo scoperto come invece vorrebbe Dagar. La sua ossessione per la bellezza viene messa in luce quando manda via una ragazza dal suo castello solo perché ha una diversa acconciatura dei capelli (nel manga invece, perché la donna ha un graffio sulla fronte). Quando Rei e Kenshiro giungono al palazzo di Yuda per eliminarlo, trovano però solo Dagar, che viene messo facilmente KO da Kenshiro, al quale rivela che Yuda si è recato a Buldan (Blue Town nel manga). Solo nella serie TV i due si recano a Buldan perdendo un altro giorno di tempo, solo per scoprire che in realtà Yuda non si è mai allontanato dal palazzo, avendo mandato solo un impostore nella città indicata, non ritenendo necessario lo scontro con Rei che sta per morire. Sentendosi tradito, Dagar si ribella, ma Yuda lo uccide con il Colpo del Sangue Rosso delle Sei Stelle Nanto. Per Rei sembra arrivata quindi la fine, ma grazie all'abilità di Toki (e soprattutto alla propria volontà), l'uomo di Nanto può allungare di qualche giorno la sua esistenza. Nel frattempo, Yuda decide di portare via a Rei anche la donna amata: dopo un primo tentativo fallito dei suoi uomini (questo solo nell'anime), decide di intervenire personalmente. Lo scontro decisivo tra Yuda e Rei avviene nel villaggio di Mamiya, dove, dopo aver preso in ostaggio la donna, Yuda manda due suoi uomini contro Rei per testarne la forza. Dopo la loro morte, ritenendo che Mamiya sia la fonte della determinazione di Rei, gli rivela che la donna che ama ha visto la Stella della Morte, per cui la sua battaglia è vana (questo solo nel manga). Rei accetta comunque di affrontarlo e nel primo scontro in volo, Yuda riesce a ferire Rei ma a prezzo di una ferita sul suo volto tanto amato. Yuda sferra poi un secondo attacco che Rei evita con un salto provocandogli un secondo taglio sulla fronte. Quando poi si accorge che uno dei suoi uomini è rimasto affascinato dal colpo di Rei, lo uccide tagliandogli il volto. Un terzo tentativo di Yuda va a vuoto e riceve una gomitata dal suo avversario. Yuda, nettamente in difficoltà, si stupisce per la determinazione di Rei, ma ricorre ad uno stratagemma: fa esplodere infatti la diga del villaggio, inondandolo, con l'intento di bloccare le gambe di Rei. Inizia così a colpire ripetutamente l'avversario, sfruttando lo spostamento d'aria come una lama tagliente e provocando numerose ferite al corpo di Rei; a questo punto tutto sembra pronto per uno dei suoi colpi della Gru Rossa di Nanto, ovvero il Becco Truccato di Sangue (血粧嘴 Kesshō Shi?). Improvvisamente, però, Rei si libera dalla presa del fango e si alza in volo; Yuda resta ammaliato di fronte alla bellezza di quel gesto atletico e viene trafitto dalle mani di Rei senza nemmeno accorgersene: ha appena assistito al Volo dello Splendore Bianco (飛翔白麗 Hishō Hakurei?), il colpo più spettacolare di Rei. Negli ultimi istanti di vita, Yuda confessa la sua grande ammirazione per Rei, che considera superiore per bellezza e abilità e verso il quale ha avuto un complesso di inferiorità fin dal giorno in cui l'ha conosciuto, afferra le mani del suo avversario liberandole dalle ferite e se le pianta nel proprio corpo (nel manga rivela anche un'attrazione per Rei dicendo di diventare impotente di fronte alla bellezza, motivo per il quale non è riuscito a fare nulla a Mamiya) e si dice contento di morire fra le sue braccia.

Yuda in altre opereModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Raoh - Il conquistatore del cielo.

Yuda appare anche nella serie TV Raoh - Il conquistatore del cielo dove estende il proprio dominio sfruttando le belle ragazze rapite. Quando Dagar e Komaku rapiscono Reina e Raoul interviene a salvarla, appare scusandosi per il comportamento dei suoi uomini e lascia passare Raoul sul proprio territorio, innervosendosi dopo che il Re di Hokuto esprime parole di disprezzo sul suo conto. Tempo dopo suggerisce a Souther di non combattere apertamente contro Raoul, ma stipulare un trattato di non belligeranza, mentre nel frattempo egli con il suo esercito attacca il castello di Raoul che viene strenuamente difeso da Reina e Sakuya con le guardie rimaste. All'arrivo di Raoul al castello, Yuda lo affronta provocando diversi tagli sulla sua armatura, ma viene colpito da Raoul al corpo, poi tenta di ucciderlo con un cannone, ma anche questo tentativo fallisce miseramente; a lui, però, non importa siccome il suo obiettivo era quello di guadagnare tempo fino all'arrivo di Souther che, con il suo esercito, ha anticipato quello del Re di Hokuto. In questa serie tuttavia, la potenza di Yuda sembra essere notevolmente ridotta rispetto all'originale.

Stile di combattimentoModifica

Come stile di combattimento, quello di Yuda è quello che, rispetto agli altri guerrieri Nanto, fa meno uso delle gambe. Nonostante sia il più debole dei cinque Sacri Guerrieri di Nanto, resta un avversario di tutto rispetto nonché un temibile combattente, essendo comunque il maestro di una delle sei scuole principali di Nanto.

Juda è maestro del Pugno della Gru Rossa di Nanto (南斗紅鶴拳 Nanto Kōkaku Ken?), che prevede colpi a lungo raggio utilizzando principalmente le dita e le braccia per effettuare profondi colpi di taglio, anche effettuati a distanza grazie allo spirito combattivo. Le tecniche di Yuda mostrate nella serie sono:

  • Becco truccato di sangue (血粧嘴 Kesshō Shi?): una mossa classica di Yuda, che prevede le dita della mano posizionate a forma di "becco" e le utilizza per effettuare potenti attacchi perforanti.
  • Onda leggendaria tagliente (伝衝裂波 Denshō Reppa?): tecnica a distanze che consiste nel lanciare efficaci fendenti di vento grazie all'energia combattiva e ad ampi movimenti delle braccia.
  • Colpo del sangue rosso (南斗鷹爪破斬 Nanto Yōsō Hazan?): la tecnica più potente di Yuda, si tratta di un taglio netto verticale effettuato con il solo dito indice su tutto il corpo del nemico che, nonostante lo colpisca frontalmente, parte a squarciarlo dalla schiena, dividendone il corpo in due parti perfettamente simmetriche.

CuriositàModifica

  • Il suo nome è un riferimento a colui che, per il Cristianesimo, è "il traditore per eccellenza": Giuda (chiamato appunto Yuda in giapponese)
  • Secondo molti, il suo aspetto ha avuto qualche possibile influenza da quello di alcune figure iconografiche ambigue, come i cantanti Boy George e Dee Snider. A sua volta, il suo aspetto è stato poi fonte di ispirazione per altri personaggi, come Vega di Street Fighter e Valtome di Fire Emblem.
  • Yuda è l'unico dei nemici principali a non essere sconfitto da Kenshiro, viene infatti ucciso da Rei.

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) Yuda, su MyAnimeList.