Apri il menu principale
Adolfo Leoni
Adolfo Leoni (1950).png
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 1952
Carriera
Squadre di club
1938-1944 Bianchi
1945 Bianchi
Mag Sibertiani
1946-1947 Bianchi
1948-1949 Legnano
Alcyon-Dunlop
1950-1951 Legnano
1952 Girardengo-Clément
Nazionale
1937 Italia Italia
Carriera da allenatore
1958Ignis
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Copenaghen 1937 In linea dil.
 

Adolfo Leoni (Gualdo Tadino, 13 gennaio 1917Massa, 19 ottobre 1970) è stato un ciclista su strada italiano, professionista tra il 1938 e il 1952. Era un velocista, vinse la Milano-Sanremo nel 1942 e la Classica Sarda nel 1948, diciassette tappe al Giro d'Italia e una al Tour de France. Da dilettante vinse i campionati del mondo a Copenaghen nel 1937.

Indice

BiografiaModifica

Nato a Gualdo Tadino in provincia di Perugia, si trasferì ben presto a Rieti (all'epoca in Umbria, oggi nel Lazio) per esigenze di lavoro del padre. Qui Adolfo lavorava in un'officina meccanica e iniziò a sviluppare la passione per il ciclismo, divenendo a 17 anni allievo per la Sportiva Rieti.[1]

Corse per la Bianchi, la Alcyon, la Tebro, la Legnano e la Girardengo, distinguendosi come velocista.

Partecipò nove volte al Giro d'Italia vincendo in totale diciassette tappe e classificandosi quarto nel 1949, dopo aver vestito la maglia rosa per 8 giorni. Vinse una tappa anche al Tour de France 1950.

Nelle classiche, le principali vittorie furono il campionato italiano nel 1941, la Milano-Sanremo nel 1942, la Coppa Bernocchi e il Giro del Veneto nel 1939, il Giro del Lazio nel 1941, la Tre Valli Varesine nel 1945, il Giro dell'Emilia nel 1942 e del 1946 e il Giro del Piemonte nel 1949.

Si ritirò dalla carriera agonistica nel 1951; negli anni successivi aprì un negozio di biciclette a Milano e seguì la carriera della moglie, il soprano Maria Luisa Cioni. Morì nel 1970 a soli 53 anni a causa di un infarto, mentre si trovava nella sala d'aspetto del cardiochirurgo Gaetano Azzolina.[1][2]

Rieti gli ha dedicato una piazzale (situato nella parte del quartiere Città Giardino che ospita stadio Guidobaldi, piscina comunale e campi da tennis), dove è presente anche una sua statua. Era dedicato a lui anche il palazzetto dello sport ivi presente (PalaLeoni), oggi noto come PalaCordoni.

PalmarèsModifica

Campionati del mondo, Prova in linea dilettanti
  • 1938 (Bianchi, quattro vittorie)
9ª tappa Giro dei Tre Mari (Catanzaro > Reggio Calabria)
2ª tappa Giro di Campania (Salerno > Napoli)
7ª tappa Giro d'Italia (Chianciano > Rieti)
Coppa dei Due Mari
  • 1939 (Bianchi, quattro vittorie)
Trofeo Moschini
Giro del Veneto
7ª tappa Giro d'Italia (Rieti > Pescara)
Coppa Bernocchi
  • 1940 (Bianchi, sette vittorie)
1ª tappa Grand Prix Leptis Magna
Classifica generale Grand Prix Leptis Magna
4ª tappa Giro d'Italia (Pisa > Grosseto)
5ª tappa Giro d'Italia (Grosseto > Roma)
12ª tappa Giro d'Italia (Modena > Ferrara)
20ª tappa Giro d'Italia (Verona > Milano)
Trofeo Moschini
  • 1941 (Bianchi, una vittoria)
Giro del Lazio (valido come Campionati italiani, Prova in linea)
  • 1942 (Bianchi, due vittorie)
Milano-Sanremo
Giro dell'Emilia
  • 1945 (Bianchi & Mag Sibertiani, cinque vittorie)
Tre Valli Varesine
Grand Prix d'Ouverture La Marseillaise
Gran Premio Orte Natella
Gran Premio Gallarello
Coppa Gelsomini
1946 (Bianchi, quattro vittorie)
3ª tappa Giro d'Italia (Genova > Montecatini Terme)
4ª tappa Monaco-Paris (Aix-les-Bains > Digione)
5ª tappa Monaco-Paris (Digione > Parigi)
Giro dell'Emilia
  • 1947 (Bianchi, sei vittorie)
Grand Prix de l'Europe
Circuito del Valentino
14ª tappa Giro d'Italia (Padova > Vittorio Veneto)
17ª tappa Giro d'Italia (Trento > Brescia)
19ª tappa Giro d'Italia (Lugano > Milano)
Grand Prix Morvat
  • 1948 (Legnano & Alcyon-Dunlop, tre vittorie)
Sassari-Cagliari
5ª tappa Giro d'Italia (Viareggio > Siena)
8ª tappa Giro d'Italia (Pescara > Bari)
  • 1949 (Legnano & Alcyon-Dunlop, quattro vittorie)
Giro del Piemonte
7ª tappa Giro d'Italia (Roma > Pesaro)
9ª tappa Giro d'Italia (Venezia > Udine)
13ª tappa Giro d'Italia (Modena > Montecatini Terme)
  • 1950 (Legnano, due vittorie)
11ª tappa Giro d'Italia (Milano > Ferrara)
2ª tappa Tour de France (Metz > Liegi)
  • 1951 (Legnano, una vittoria)
14ª tappa Giro d'Italia (Bologna > Brescia)

Altri successiModifica

Rovigo (Circuito)
Lucca (Circuito)
Cesena (Circuito)
Mantova (Circuito)
Parma (Circuito)
Rieti (Circuito)
Pérouse (Circuito)
Bologna (Circuito)
Rieti (Circuito)
  • 1945 (Bianchi & Mag Sibertiani)
Trento (Circuito)
Prato (Circuito)
Savona (Circuito)
Legnano (Circuito)
Alassio (Circuito)
Bologna (Circuito)
Ginevra (Circuito)
Daumesnil (Circuito)
Bologna (Circuito)
Bollate (Circuito)
  • 1948 (Legnano & Alcyon-Dunlop)
Lausanne (Circuito)
Portomaggiore (Circuito)
Vercelli (Circuito)
Lucca (Circuito)
Voghera (Circuito)
  • 1949 (Legnano & Alcyon-Dunlop)
Gallarate (Circuito)
Prato (Circuito)
Wavre (Circuito)

PiazzamentiModifica

Grandi GiriModifica

1938: ritirato
1939: 22º
1940: 28º
1946: ritirato
1947: 21º
1948: ritirato
1949: 4º
1950: ritirato
1951: 62º
1950: ritirato (12ª tappa)

Classiche monumentoModifica

1938: 32º
1940: 22º
1941: 14º
1942: vincitore
1943: 13º
1946: 7º
1948: 25º
1949: 13º
1951: 21º
1952: 37º
1948: 8º
1949: 12º
1951: 34º
1939: 2º
1940: 4º
1941: 20º
1942: 33º
1945: 4º
1946: 16º
1947: 6º
1948: 2º
1949: 16º
1950: 32º

Competizioni mondialiModifica

Copenaghen 1937 - In linea Dilettanti: vincitore
Zurigo 1946 - In linea: 8º
Reims 1947 - In linea: ritirato
Moorslede 1950 - In linea: ritirato

OnorificenzeModifica

  Medaglia d'Oro al Valore Atletico
«Per la vittoria al Campionato del Mondo di ciclismo su strada per dilettanti»
— Roma, 1937[3]

NoteModifica

  1. ^ a b Adolfo Leoni, su Sito istituzionale del comune di Gualdo Tadino. URL consultato il 28 marzi 2016.
  2. ^ Leonardo Bossi, Adolfo Leoni - L'uomo e il campione, su Made in Gualdo. URL consultato il 6 giugno 2019.
  3. ^ Associazione Medaglie d'Oro al Valore Atletico

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo