Apri il menu principale

Augusta Dorotea di Brunswick-Wolfenbüttel (1749-1810)

Augusta Dorotea di Brunswick-Wolfenbüttel
AugusteDorotGandersheim.jpg
Badessa di Gandersheim
In carica 1756-1758
Nascita Wolfenbüttel, 2 ottobre 1749
Morte Bad Gandersheim, 10 marzo 1810
Padre Carlo I, Duca di Brunswick-Wolfenbüttel
Madre Filippina Carlotta di Prussia

Augusta Dorotea di Brunswick-Wolfenbüttel (Wolfenbüttel, 2 ottobre 1749[1]Bad Gandersheim, 10 marzo 1810) fu una principessa discendente dalla casata dei Guelfi, del ramo di Brunswick-Wolfenbüttel ed una badessa del libero e laicizzato convento imperiale dell'odierna Bad Gandersheim.

Indice

BiografiaModifica

Augusta Dorotea era la figlia più giovane del duca Carlo I di Brunswick-Wolfenbüttel (1713–1780) e di sua moglie, la principessa Filippina Carlotta di Prussia (1716–1801)[2], figlia del re Federico Guglielmo I di Prussia.

Nel 1776 la principessa divenne decana nell'abbazia di Quedlinburg e poco dopo decana nel convento di Gandersheim[3] Due anni dopo, con la morte di sua zia Teresa, occorsa nel 1778, le successe come principessa-badessa di Gandersheim, governando il convento pur soggiornando frequentemente nella corte di Brunswick.

Nel 1802 Augusta Dorotea rinunciò al proprio rango di principessa-badessa, con un contratto immediatamente efficace nel Sacro Romano Impero Germanico, per sfuggire alla imminente secolarizzazione dei principati ecclesiastici, ed inglobò il suo convento nei territori del principato di Brunswick-Wolfenbüttel. Ella era inizialmente fuggita, ma poi le fu permesso, con il consenso di Napoleone di continuare a svolgere le funzioni di badessa e di vivere nel convento.[4]

Dopo la sua morte, non venne più eletta una nuova badessa, che potesse succederle, perché il convento venne assegnato al Regno di Vestfalia, assegnato a Girolamo Bonaparte, mentre le abitanti del Convento ottennero un risarcimento. L'ultima decana, Carolina Ulrica Amalia di Sassonia-Coburgo-Saalfeld[5], ottenne, tra le altre cose, il Vangelo di Gandersheim, che portò con sé a Coburgo.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Martin Hoernes und Hedwig Röckelein (Hrsg.): Gandersheim und Essen. Vergleichende Untersuchungen zu sächsischen Frauenstiften, (Essener Forschungen zum Frauenstift, Band 4), Essen 2006
  • C. Römer: Braunschweig-Bevern, Ein Fürstenhaus als europäische Dynastie 1667–1884, Braunschweig (1997)
  • Kurt Kronenberg: Äbtissinnen des Reichstiftes Gandersheim 1981

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN171304518 · GND (DE1012618994 · CERL cnp01293715
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie