Michael Caine

attore e produttore cinematografico britannico (1933-)
Disambiguazione – Se stai cercando il singolo dei Madness, vedi Michael Caine (singolo).

Sir Michael Caine, nato Maurice Joseph Micklewhite[1] (Rotherhithe, 14 marzo 1933), è un attore e produttore cinematografico britannico.

Michael Caine agli European Film Awards 2015
Statuetta dell'Oscar Oscar al miglior attore non protagonista 1987
Statuetta dell'Oscar Oscar al miglior attore non protagonista 2000

Apparso in oltre cento pellicole e attivo sul grande schermo dal 1956, è uno dei volti più noti del cinema britannico, grazie alla versatilità in ruoli da protagonista e da caratterista[2]: tra le sue interpretazioni più note, quella nel ruolo della spia inglese Harry Palmer in Ipcress (1965), Funerale a Berlino (1966), Il cervello da un miliardo di dollari (1967), All'inseguimento della morte rossa (1995) e Intrigo a San Pietroburgo (1996), personaggio descritto come "agente segreto ombroso, silenzioso […] antitesi del coevo James Bond"[3].

Raggiunge la notorietà internazionale negli anni sessanta con Alfie (1966) di Lewis Gilbert, e bissa il successo nel decennio successivo con pellicole quali Carter (1971), L'uomo che volle farsi re (1975) e Quell'ultimo ponte (1978). In età matura, dagli anni ottanta, ha ricevuto i principali riconoscimenti della carriera, mentre negli anni 2000 ha iniziato un sodalizio artistico col regista Christopher Nolan: ha infatti interpretato Alfred Pennyworth, il maggiordomo di Bruce Wayne/Batman nella trilogia del cavaliere oscuro, e ha recitato in The Prestige (2006), Inception (2010), Interstellar (2014), Dunkirk (2017; solo un cameo vocale) e in Tenet (2020). Ha annunciato il ritiro dalle scene nel 2023.[4][5]

È stato insignito di due Oscar al miglior attore non protagonista, per i suoi ruoli in Hannah e le sue sorelle di Woody Allen e in Le regole della casa del sidro di Lasse Hallström; ha inoltre vinto un BAFTA Award e un Golden Globe per Rita, Rita, Rita ed è stato candidato altre quattro volte ai Premi Oscar, sempre nella categoria Miglior attore. Insieme a Jack Nicholson e a Paul Newman è uno dei soli attori nella storia a essere stati candidati ai premi Oscar per film prodotti in cinque decenni: negli anni sessanta, settanta, ottanta, novanta e duemila.

Nel 1992 Caine è stato insignito del titolo di Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico dalla regina Elisabetta II come riconoscimento al suo contributo nella storia del cinema. Nel 2000 è stato nominato cavaliere.

Per il proprio nome d'arte si ispirò al titolo del film L'ammutinamento del Caine[6].

Biografia modifica

 
Michael Caine nel 1967

Caine nasce a Rotherhithe, un quartiere residenziale di Southwark (Londra), il 14 marzo 1933, figlio di Maurice Joseph Micklewhite Sr., uno scaricatore portuale inglese di religione cattolica e d'origini per metà irlandesi e per metà pavee[7][8][9], e di Ellen Frances Marie Burchell, una cuoca e domestica inglese di religione protestante[10]. Ha un fratellastro materno, David William Burchell, e un fratello, Stanley Micklewhite, anch'egli attore. Dopo un'infanzia difficile, a diciotto anni lascia la scuola e per qualche tempo intraprende la carriera militare come fuciliere nei Royal Fusiliers durante la Guerra di Corea dal 1952 al 1954[11]. Deciso a diventare attore, frequenta una scuola di recitazione e fa una breve gavetta in teatro.

Debutta nel cinema alla fine degli anni cinquanta in ruoli spesso non accreditati e ottiene il suo primo successo accanto a Stanley Baker e Ulla Jacobsson in Zulu (1964) di Cy Endfield, nel quale interpreta il tenente Gonville Bromhead. Seguirà Ipcress (1965) di Sidney J. Furie, nel ruolo della spia Harry Palmer, il laconico agente segreto protagonista di una breve saga spionistica che conquista grande notorietà, pur con caratteristiche molto lontane dal personaggio del suo coevo James Bond[12]. Caine riprende subito il ruolo di Harry Palmer nei film Funerale a Berlino (1966) di Guy Hamilton e Il cervello da un miliardo di dollari (1967) di Ken Russell, e molti anni dopo nel televisivo All'inseguimento della morte rossa (1995) di George Mihalka e in Intrigo a San Pietroburgo (1996) di Douglas Jackson. Con i film Alfie (1966) di Lewis Gilbert, Gambit - Grande furto al Semiramis (1966) di Ronald Neame e Sette volte donna (1967) di Vittorio De Sica, questi ultimi al fianco di Shirley MacLaine, dimostra una grande attitudine per la commedia, mentre riconferma il suo talento drammatico in pellicole come E venne la notte (1967) di Otto Preminger, I lunghi giorni delle aquile (1969) di Guy Hamilton, Non è più tempo d'eroi (1970) di Robert Aldrich e L'ultima valle (1970) di James Clavell.

 
Michael Caine nel 2002

Durante il decennio appare in film importanti e in genere di successo, come Carter (1971) di Mike Hodges, X Y e Zi (1972) di Brian G. Hutton, accanto a Elizabeth Taylor e Susannah York, Gli insospettabili (1972) di Joseph L. Mankiewicz, in cui recita al fianco di Laurence Olivier, Il seme dell'odio (1975) di Ralph Nelson, L'uomo che volle farsi re (1975) di John Huston, Una romantica donna inglese (1975) di Joseph Losey, La notte dell'aquila (1976) di John Sturges, Quell'ultimo ponte (1977) di Richard Attenborough, fino a California Suite (1978) di Herbert Ross, in coppia con Maggie Smith, Swarm (1978) di Irwin Allen e Vestito per uccidere (1980) di Brian De Palma, con coprotagonista Angie Dickinson.

Per tutti gli anni ottanta e novanta alterna ruoli di livello in film di prestigio - come quello del pigmalione di una parrucchiera in Rita, Rita, Rita (1983) di Lewis Gilbert o del commediografo in crisi in Trappola mortale (1982) di Sidney Lumet - ad altri più convenzionali. Si aggiudica due premi Oscar, il primo per il ruolo dell'adultero marito di una delle protagoniste (Mia Farrow) in Hannah e le sue sorelle (1986) di Woody Allen, e il secondo per quello del medico abortista in Le regole della casa del sidro (1999) di Lasse Hallström. Ottiene inoltre numerose altre candidature agli Oscar, l'ultima delle quali per la sua partecipazione al film The Quiet American (2002) di Phillip Noyce, tratto dal romanzo di Graham Greene. Tra gli altri film di successo ai quali lavora sono da ricordare Batman Begins (2005) e The Prestige (2006), entrambi di Christopher Nolan, e The Weather Man - L'uomo delle previsioni (2005) di Gore Verbinski.

Nel 2007 recita al fianco di Jude Law in Sleuth - Gli insospettabili di Kenneth Branagh, remake de Gli insospettabili del 1972, dove interpreta la parte che fu di Olivier nell'originale. Nel 2008 ritorna nel sequel di Batman Begins, Il cavaliere oscuro, e ancora con Nolan partecipa a Inception (2010) di Christopher Nolan. Nell'ottobre 2010 pubblica la sua autobiografia, The Elephant to Hollywood[13]. Nel 2012 recita al fianco di Dwayne Johnson in Viaggio nell'isola misteriosa di Brad Peyton e torna a interpretare il maggiordomo Alfred nel terzo capitolo della saga di Batman diretta da Nolan, Il cavaliere oscuro - Il ritorno. Nel 2015 è protagonista del film Youth - La giovinezza, diretto da Paolo Sorrentino, presentato in concorso al Festival di Cannes[14]. Nel luglio 2016 decide di cambiare ufficialmente il suo nome in Michael Caine per semplificare le procedure di sicurezza agli aeroporti[1].

Il 13 ottobre 2023, dopo aver girato, con Glenda Jackson, il suo ultimo film da protagonista The Great Escaper, diretto da Oliver Parker, nel quale impersonava il veterano Bernie Jordan, durante il programma della BBC Radio 4's Today, annuncia il suo ritiro definitivo dalle scene.[4][5]

Vita privata modifica

Nel 1955 sposa Patricia Haines, da cui divorzia tre anni dopo; i due hanno avuto una figlia, Dominique[15]. Negli anni settanta si risposa con Shakira Baksh, da cui ha una figlia, Natasha[16].

Filmografia modifica

 
Michael Caine alla prima de Il cavaliere oscuro (2008)

Attore modifica

Cinema modifica

Televisione modifica

Doppiatore modifica

Produttore modifica

Riconoscimenti modifica

Onorificenze modifica

Onorificenze britanniche modifica

«Per servizi all'arte drammatica»
— 19 giugno 2000

Onorificenze straniere modifica

«Per servizi all'arte drammatica»
— 6 gennaio 2011[17]

Doppiatori italiani modifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Michael Caine è stato doppiato da:

  • Dario Penne in Jekyll & Hyde, Ghiaccio blu, Sfida tra i ghiacci, Little Voice - È nata una stella, Le regole della casa del sidro (entrambi i doppiaggi), Austin Powers in Goldmember, Quicksand - Accusato di omicidio, The Statement - La sentenza, Batman Begins, The Weather Man - L'uomo delle previsioni, I figli degli uomini, Un colpo perfetto, Il cavaliere oscuro, Harry Brown, Inception, Il cavaliere oscuro - Il ritorno, Mister Morgan, Interstellar, Kingsman - Secret service, Youth - La giovinezza, The Last Witch Hunter - L'ultimo cacciatore di streghe, Insospettabili sospetti, My Generation, Caro dittatore, Alice e Peter, Tenet, L'ultimo libro, Medieval
  • Sergio Graziani in Zulu[18], I sette senza gloria, L'ultima valle, X Y e Zi, Colpiscono senza pietà, Contratto marsigliese, Il seme dell'odio, Rita, Rita, Rita, Il ritorno delle aquile, Mistery, Lo squalo 4 - La vendetta, Due figli di..., Dietro l'angolo, Vita da strega
  • Michele Kalamera in Gioco perverso, Acqua in bocca, Quarto protocollo, Come far carriera... molto disonestamente, All'inseguimento della morte rossa, Intrigo a San Pietroburgo, L'ultimo bicchiere, The Prestige
  • Gino La Monica ne I lunghi giorni delle aquile, Non è più tempo d'eroi, Balordi & Co. - Società per losche azioni capitale interamente rubato $ 1.000.000, Now You See Me - I maghi del crimine, Stonehearst Asylum, Now You See Me 2, Twist
  • Pino Colizzi ne Gli insospettabili, Quell'ultimo ponte, Swarm, Ashanti, Il console onorario, Senza indizio
  • Oreste Rizzini in L'isola, Hannah e le sue sorelle, Mi arrendo... e i soldi?, Shiner, Sleuth - Gli insospettabili
  • Cesare Barbetti ne I due volti del Generale Ombra, Fuga per la vittoria, Sweet Liberty - La dolce indipendenza, La vera storia di Jack lo squartatore
  • Nando Gazzolo in Gambit - Grande furto al Semiramis, Quills - La penna dello scandalo, Miss Detective, La vendetta di Carter
  • Giuseppe Rinaldi in Alfie, Funerale a Berlino, E venne la notte, Il cervello da un miliardo di dollari
  • Adalberto Maria Merli in Carter, Il caso Drabble, La mano, The Quiet American
  • Carlo Marini in L'inferno sommerso, Vestito per uccidere, Quel giorno a Rio
  • Luciano Melani in L'uomo che volle farsi re, Blood and Wine, Amori e ripicche
  • Pino Locchi in Un colpo all'italiana, La notte dell'aquila
  • Stefano Carraro in Uomini d'argento, Mr. Destiny
  • Pietro Biondi in California Suite, Investigazione letale
  • Franco Zucca in Rumori fuori scena, Viaggio nell'isola misteriosa
  • Renato Cortesi in Doppia coppia all'otto di picche, King of Thieves
  • Ennio Coltorti in Festa in casa Muppet, Zona d'ombra
  • Renzo Palmer in Ipcress
  • Arturo Dominici in ...e la Terra prese fuoco
  • Massimo Turci ne La cassa sbagliata
  • Ugo Pagliai ne Il ribelle di Scozia
  • Sandro Iovino in Trappola mortale
  • Massimo Foschi in Mona Lisa
  • Fabrizio Temperini in Mandela e De Klerk
  • Sergio Di Stefano in Actors

Da doppiatore è sostituito da

Note modifica

  1. ^ a b (EN) Sir Michael Caine Changes Name By Deed Poll, su Sky News, 21 luglio 2016. URL consultato il 21 luglio 2016.
  2. ^ Enciclopedia Britannica - Consultato il 23 ottobre 2012
  3. ^ Le Garzantine - Universale Cinema, Garzanti. Ediz. spec. per Il Giornale, 2003, p. 159
  4. ^ a b Michael Caine dice addio al cinema: "Adesso la mia preoccupazione è arrivare vivo all’ora di pranzo”, su ilfattoquotidiano.it, 17 ottobre 2023. URL consultato il 17 ottobre 2023.
  5. ^ a b (EN) Michael Caine confirms retirement from acting after The Great Escaper, 17 ottobre 2023. URL consultato il 17 ottobre 2023.
  6. ^ (EN) Barry Norman, Michael Caine (I), in The Guardian, 6 novembre 1998. URL consultato il 16 novembre 2014.
  7. ^   "Michael Caine – Inside the Actors Studio", su YouTube.. Bravo
  8. ^ Michael Caine Family Tree (PDF), su timedetectives.co.uk. URL consultato il 26 aprile 2013.
  9. ^ My father was half gypsy so there’s the gypsy thing in it, Archiviato il 22 giugno 2018 in Internet Archive.
  10. ^ Lifestyle – Caine's magical performance in Is Anybody Out There?, su walesonline.co.uk, WalesOnline, 1º maggio 2009. URL consultato il 6 luglio 2012.
  11. ^ Mao: The Unknown Story by Jung Chang and Jon Halliday, pub 2005, p446, ch35
  12. ^ Il cinema, grande storia illustrata, De Agostini, 1982, Vol. VII, p. 64
  13. ^ Michael Caine interview - for his autobiography The Elephant to Hollywood - Telegraph
  14. ^ Michael Caine stregato da Rachel Weisz nel trailer di Youth, su sorrisi.com. URL consultato il 17 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2015).
  15. ^ John Hind, This Much I Know, an Interview with Michael Caine, in The Observer, UK, 13 settembre 2009. URL consultato il 14 novembre 2010. Michael Caine – Biography, su talktalk.co.uk, Talk Talk. URL consultato il 14 novembre 2010.
  16. ^ Mark Duff, Michael Caine's Important dates, su michaelcaine.com. URL consultato il 17 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2009).
  17. ^ Getty Images
  18. ^ Nelle scene aggiunte per l'edizione estesa, la voce è di Lorenzo Scattorin

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN54331998 · ISNI (EN0000 0001 2133 6708 · SBN RAVV090083 · LCCN (ENn81118987 · GND (DE122251970 · BNE (ESXX975212 (data) · BNF (FRcb13892070g (data) · J9U (ENHE987007428435705171 · NDL (ENJA00464124 · CONOR.SI (SL11604323 · WorldCat Identities (ENlccn-n81118987