Apri il menu principale
Diego Fusaro

Diego Fusaro (Torino, 15 giugno 1983) è un saggista, opinionista ed editorialista italiano.

Indice

BiografiaModifica

Diplomato al liceo classico statale Vittorio Alfieri di Torino, Fusaro ha conseguito la laurea triennale in filosofia della storia e successivamente la laurea magistrale con una tesi in storia della filosofia moderna su Karl Marx presso l'Università degli Studi di Torino.[1][2] Dopo aver conseguito un dottorato di ricerca presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano in filosofia della storia è stato ricercatore a tempo determinato di tipo A in storia della filosofia presso la stessa università dal 2011 al 2016.[3] È docente presso l'Istituto Alti Studi Strategici e Politici di Milano.

Dal 2000 è il curatore del sito internet Filosofico.net[4] e dal 20 giugno 2015 cura un blog per Il Fatto Quotidiano..[5] Per un breve periodo poco prima della sua chiusura ha scritto per il settimanale Tempi.[6][7]

Dal gennaio 2018 è titolare della rubrica Lampi del pensiero su Affaritaliani.it e da maggio dello stesso anno della rubrica settimanale La ragion populista su Il Primato Nazionale, giornale ufficiale del movimento di estrema destra CasaPound.[8]

PosizioniModifica

Fusaro si considera «allievo indipendente» di pensatori come Georg Wilhelm Friedrich Hegel e Karl Marx mentre tra gli italiani predilige Antonio Gramsci e Giovanni Gentile e tra i moderni cita Baruch Spinoza e Johann Gottlieb Fichte con un'attenzione costante per le origini greche della filosofia.[9] Si occupa inoltre di storia delle idee e tra gli autori studiati da Fusaro ci sono Reinhart Koselleck, Hans Blumenberg, oltre ai già citati Marx, Hegel, Gramsci, Gentile, Spinoza e Fichte.[3]

Nelle sue pubblicazioni ha trattato del pensiero di Marx nell'ottica dell'idealismo tedesco, accostando alla critica del sistema capitalistico elementi tratti dalla tradizione comunitarista e sovranista.[10] Segue le orme del filosofo italiano Costanzo Preve.[11][12]

OpereModifica

  • Filosofia e speranza. Ernst Bloch e Karl Löwith interpreti di Marx, Il Prato, 2005. ISBN 88-89566-17-5.
  • La farmacia di Epicuro. La filosofia come terapia dell'anima, Il Prato, 2006. ISBN 88-89566-45-0.
  • Marx e l'atomismo greco. Alle radici del materialismo storico, Il Prato, 2007. ISBN 978-88-89566-75-6.
  • Karl Marx e la schiavitù salariata. Uno studio sul lato cattivo della storia, Il Prato, 2007. ISBN 978-88-89566-77-0.
  • Bentornato Marx! Rinascita di un pensiero rivoluzionario, Bompiani, 2009. ISBN 978-88-452-6394-1.
  • Essere senza tempo. Accelerazione della storia e della vita, Bompiani, 2010. ISBN 978-88-452-6604-1.
  • Minima mercatalia. Filosofia e capitalismo, Bompiani, 2012. ISBN 978-88-452-7013-0.
  • L'orizzonte in movimento. Modernità e futuro in Reinhart Koselleck, Il Mulino, 2012. ISBN 978-88-15-23703-3.
  • Coraggio, Cortina, 2012. ISBN 978-88-6030-467-4.
  • Idealismo e prassi. Fichte, Marx e Gentile, Il Melangolo, 2013. ISBN 978-88-7018-889-9.
  • Pensiero in rivolta. Dissidenza e spirito di scissione, Barney, 2014 (con Lorenzo Vitelli, Sebastiano Caputo)
  • Il futuro è nostro. Filosofia dell'azione, Bompiani, 2014. ISBN 978-88-452-7717-7.
  • Fichte e l'anarchia del commercio. Genesi e sviluppo del concetto di "Stato commerciale chiuso", Il Melangolo, 2014. ISBN 978-88-7018-941-4.
  • Antonio Gramsci. La passione di essere nel mondo, Feltrinelli, 2015. ISBN 978-88-07-22701-1.
  • Europa e capitalismo. Per riaprire il futuro, Mimesis, 2015.
  • Fichte e la compiuta peccaminosità. Filosofia della storia e critica del presente nei «Grundzüge», Il Melangolo, 2017.
  • Pensare altrimenti. Filosofia del dissenso, Einaudi, 2017. ISBN 978-88-06-22831-6.
  • Storia e coscienza del precariato, Bompiani, 2018. ISBN 978-88-45-29750-2.
  • Il nuovo ordine erotico. Elogio dell'amore e della famiglia, Rizzoli, 2018. ISBN 978-88-17-10321-3.
  • Processo alla Rivoluzione Russa, Il Ponte Vecchio, 2018 (con Marcello Flores, Maurizio Ridolfi, Luciano Canfora)
  • Marx idealista. Per una lettura eretica del materialismo storico, Mimesis, 2018. ISBN 8857550516.

Traduzioni, curatele e commentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Diego Fusaro - ESE, su www.uniese.it. URL consultato il 27 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2018).
  2. ^ Diego Fusaro arriva al Teatro Giordano - Foggia ZON, in Foggia ZON, 2 dicembre 2017. URL consultato il 27 settembre 2018.
  3. ^ a b Curriculum, su unisr.it (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).
  4. ^ Rai Filosofia, Diego Fusaro presenta Filosofico.net, su Il portale di RAI Cultura dedicato alla filosofia. URL consultato il 22 gennaio 2016.
  5. ^ Diego Fusaro, Il Fatto Quotidiano
  6. ^ Diego Fusaro passa dal marxismo 2.0 alla rivista più vicina ai cattolici conservatori di CL, in Giornalettismo, 17 luglio 2017. URL consultato il 25 novembre 2017.
  7. ^ Chiude Tempi, licenziamento immediato per redazione e dipendenti, in L’Huffington Post, 24 novembre 2017. URL consultato il 25 novembre 2017.
  8. ^ Diego Fusaro, la conversione del filosofo comunista: scriverà per la rivista di estrema destra, su liberoquotidiano.it, 4 maggio 2018. URL consultato il 30 maggio 2018.
  9. ^ [Il ritratto] Fusaro, il filosofo bello che difende in tv il governo del cambiamento. E sogna la guerra tra popolo ed élite, in Tiscali Notizie. URL consultato il 27 settembre 2018.
  10. ^ Diego Fusaro, Il «Capitale» di Karl Marx. Un trionfo dell'idealismo tedesco, Consorzio Festivalfilosofia, 2013, ISBN 978-88-6703-025-5. URL consultato il 27 settembre 2018.
  11. ^ Carmelo Caruso, Ritratto di Diego Fusaro, il filosofo populista - Panorama, in Panorama, 23 aprile 2018. URL consultato il 27 settembre 2018.
  12. ^ (EN) In memoria di Preve. URL consultato il 22 novembre 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN232651417 · ISNI (EN0000 0003 6762 4136 · SBN IT\ICCU\PARV\361509 · LCCN (ENno2006134822 · BNF (FRcb155849197 (data)