Forza Nuova

partito politico italiano
Forza Nuova
Forza Nuova.svg
SegretarioRoberto Fiore
StatoItalia Italia
SedeVia Giovanni Paisiello, 40 - 00198 Roma
AbbreviazioneFN
Fondazione29 settembre 1997
IdeologiaNeofascismo[1][2][3]
Ultranazionalismo[4]
Conservatorismo sociale[5][6][7]
Integralismo cattolico[8]
Nazionalismo rivoluzionario[3][9][10][11]
Terza posizione[12]
Identitarismo[13]
Corporativismo[14]
Omofobia
Euroscetticismo forte
CollocazioneEstrema destra[15][16]
CoalizioneAlternativa Sociale (2003-2006)
Italia agli Italiani (2018)
Partito europeoAlleanza per la Pace e la Libertà[17]
Seggi Camera
0 / 630
 (2018)
Seggi Senato
0 / 320
 (2018)
Seggi Europarlamento
0 / 76
 (2019)
Seggi Consiglio regionale
0 / 897
 (2019)
TestataOrdine Futuro[18] (2013 - 2020)
L'Italia Mensile (2020)
Organizzazione giovanileLotta Studentesca
Iscritti2.500[19] (2001)
ColoriNero, tricolore italiano
Sito webwww.forzanuova.eu/

Forza Nuova (FN) è un partito politico neofascista[1][2] e nazionalista[20] di estrema destra,[15][16][21] fondato nel 1997 da Roberto Fiore e Massimo Morsello.[22]

Dal 2008 è presente, anche abusivamente, con proprie sedi in tutte le regioni d'Italia.[23] Nel periodo 2003–2006 ha collaborato con il cartello di Alternativa Sociale guidato da Alessandra Mussolini, stringendo inoltre collaborazioni con la Casa delle Libertà, ma mantenendo una propria linea politica autonoma dalle restanti formazioni politiche. Alle elezioni politiche del 2008 e del 2013 Forza Nuova si è presentata con il proprio simbolo, indipendente da altri schieramenti.[24][25]

Il “partito” è stato talvolta criticato per le sue posizioni e per atti di violenza che hanno visto coinvolti taluni simpatizzanti; in merito, il partito ha espresso "totale solidarietà ai camerati arrestati"[26]. Spesso è stato accusato di xenofobia ed omofobia[27][28][29][30]; è stato inoltre protagonista di campagne politiche apertamente contrarie alla massoneria[31] e alle misure sull'utilizzo del certificato COVID digitale.[32]

Ideologia e posizioni

Forza Nuova dichiara di puntare alla "ricostruzione nazionale" mediante il raggiungimento di diciotto obiettivi[33].

Il movimento di Roberto Fiore si contraddistingue anche per il dichiarato euroscetticismo e dichiara di volersi opporre «con ogni possibile mezzo legale all'entrata in vigore del "Trattato di Lisbona"»[34]. Secondo Fiore, infatti, con tale Trattato, la sovranità nazionale sull'imposizione fiscale sarebbe minacciata, i salari dei lavoratori diminuirebbero, verrebbe meno l'indipendenza militare del Paese, aumenterebbe l'immigrazione, le legislazioni più favorevoli all'aborto, all'eutanasia, alle coppie gay, alla ricerca scientifica (come ad esempio sulla clonazione umana), militare e medica, dovrebbero essere accettate da ogni Stato e ciò sarebbe pertanto incompatibile con l'ideologia nazionalista che ispira il movimento.

Forza Nuova inoltre invoca la nazionalizzazione delle banche congiuntamente all'emissione di moneta da parte dello Stato[35].

Nel marzo 2012 il partito ha rivendicato l'appoggio nei confronti del movimento No TAV, fino ad allora costituito esclusivamente da esponenti di estrema sinistra e dell'area antagonista[36]. Il partito dispone inoltre di una propria struttura dedicata all'informazione, un'emittente, Radio FN, una rivista, Ordine Futuro[37] (poi ribattezzata L'Italia Mensile), un omonimo circolo culturale, e collabora con la casa editrice Ferrogallico[38][39].

Il movimento rifiuta di essere etichettato «neofascista», si autodefinisce «nazional popolare»[40] e dichiara «superate […] le definizioni di destra e sinistra»[41].

Opposizione ai matrimoni gay e all'aborto

Forza Nuova difende la cosiddetta "famiglia tradizionale" (uomo, donna, figli)[42][43] e si oppone a unioni civili, matrimoni e adozioni gay[44].

Particolari polemiche hanno scatenato alcuni manifesti di FN con slogan come: "l'Italia ha bisogno di figli, non di gay"[45][46] o "basta froci"[47][48]. Forza Nuova ha replicato spiegando che i manifesti non sono omofobi: "la nostra omofobia sta nel fatto che proviamo ribrezzo e repulsione. Per i gay l'omosessualità è normale, per noi è una patologia". Tuttavia FN afferma di non attaccare la sessualità privata di ognuno, ma di schierarsi invece sulla discriminazione giuridica delle coppie di fatto: "noi rispettiamo la sessualità privata pur non comprendendo lo stare insieme tra persone dello stesso sesso perché siamo per l'ordine naturale delle cose, ma con il manifesto esprimiamo la nostra più totale contrarietà alle unioni civili, ai matrimoni e alle adozioni".

Il partito è anche contrario all'aborto, ritenendolo "un omicidio"[49][50][51].

Storia

 
Una manifestazione di Forza Nuova di fronte al Castelvecchio di Verona (2006)

Le origini correntizie

Forza Nuova si formò inizialmente all'interno della Fiamma Tricolore come un suo movimento di base, per poi iniziare l'iter che lo ha portato ad essere partito. I suoi fondatori e finanziatori furono due nomi conosciuti dagli anni di piombo per la militanza in movimenti della destra radicale romana e per il loro credo politico neofascista.

La scissione dalla Fiamma Tricolore avvenne quando Pino Rauti iniziò a osteggiare la distribuzione fra i suoi iscritti del bollettino Foglio di Lotta di Fiore e Morsello[52].

Profilo dei fondatori

 
Il simbolo di Terza Posizione, ispirato alla runa Wolfsangel o runa dente di lupo

Roberto Fiore fu uno dei fondatori di Terza Posizione; fu condannato dalla magistratura italiana per il reato di associazione sovversiva e banda armata nel 1985.[53][54][55] Secondo un articolo del magazine antifascista inglese Searchlight, Fiore risulterebbe essere stato protetto durante gli anni della latitanza dall'MI6, in qualità di "agente del servizio segreto britannico".[56] La Commissione europea d'inchiesta su razzismo e xenofobia del 1991 conferma la sua affiliazione all'MI6 fin dai primi anni '80.[57]

Cofondatore del movimento fu il cantautore Massimo Morsello, il quale sempre nel 1985 fu ritenuto membro dei NAR e venne anch'egli condannato per i medesimi reati[55][58].

La loro latitanza iniziò nel 1980 a seguito di una serie di mandati di cattura emanati a margine delle indagini sui fatti della strage di Bologna; i due furono ritenuti estranei alla strage, pur appartenendo, secondo la magistratura, ai Nuclei Armati Rivoluzionari[59]. Entrambi latitarono in Inghilterra durante il primo governo presieduto da Margaret Thatcher con lo status di rifugiati politici per vent'anni[60][61]. Arrestati e trattenuti in carcere per alcune settimane dalle autorità inglesi, furono in seguito rilasciati. Nel 1985 il Ministro dell'Interno inglese Leon Brittan rispose negativamente alla richiesta del deputato laburista Duns di espellere Fiore e gli altri quattro ricercati rimasti all'epoca, osservando che la intervenuta condanna pareva "riferirsi ad un reato per il quale difficilmente potrebbe applicarsi il trattato di estradizione"[62]. Secondo la legge britannica, infatti, non si può procedere all'estradizione di un rifugiato politico nel caso in cui sul processo pendano dei sospetti di legittimità.

Nel 1986, grazie all'amicizia con Nick Griffin, Fiore e Morsello fondano l'agenzia Meeting Point, collegata con l'italiana Easy London[60][63][64][65] (presente con quindici filiali in Italia), che conta circa 1300 appartamenti in Inghilterra[66], una catena di ristoranti, negozi con merce rigorosamente made in Italy, una casa discografica, un'agenzia che organizza concerti e alcune scuole di lingua[67].

I primi anni del movimento (1997-1998)

Forza Nuova fu fondata il 29 settembre 1997 a Cave, in provincia di Roma, in occasione di un meeting organizzato da Francesco Pallottino, leader del gruppo di musica alternativa di destra Intolleranza. Non era una data casuale perché è quella dedicata a san Michele Arcangelo, simbolo fra l'altro della Guardia di Ferro rumena, alla quale Forza Nuova storicamente si rifà. Si caratterizzò ben presto per il forte richiamo al fascismo storico, al peronismo e al tradizionalismo cattolico, aggregando il dissenso giovanile della Fiamma Tricolore, frange di skinhead e nuclei autonomi.

I fondatori Fiore e Morsello erano ancora latitanti a Londra e avrebbero potuto rimpatriare solo nel 1999, quando ormai la magistratura non li poteva più perseguire perché i 66 mesi di carcere di Fiore erano oramai prescritti, e i 98 di Morsello inapplicabili in quanto quest'ultimo era in fin di vita per un cancro (morì poi nel marzo 2001).

L'11 novembre 1997 fu creato il sito internet forzanuova.org.

Il lancio nazionale del gruppo avvenne con un convegno a Latina nell'aprile del 1998. Intervennero Piero Vassallo, presidente del movimento (già tra i figli del sole e poi al fianco di Gianni Baget Bozzo nella battaglia anticonciliare), Agostino Sanfratello (cofondatore di Alleanza Cattolica[68] e poi fondatore del Circolo Lepanto, nonché animatore del Comitato di difesa per i detenuti politici), Sergio Gozzoli e Alessandro Ambrosini.

Forza Nuova si collocava sullo scenario politico con l'obiettivo, a livello locale, di allargare i propri contatti su campagne concrete contro l'immigrazione, l'aborto, la criminalità e di tenere insieme l'ala della destra conservatrice-tradizionalista con quella sociale-antagonista.

Le prime campagne elettorali e il ritorno in Italia dei fondatori (1999)

Il 25 marzo 1999 Massimo Morsello rientrò in Italia[69][70] e altrettanto fece Roberto Fiore il 21 aprile successivo.[71] Ad accogliere Morsello all'aeroporto c'erano deputati di Alleanza Nazionale e Forza Italia come Francesco Storace, Enzo Fragalà, Alberto Simeone, Carlo Taormina, Ernesto Caccavale e Teodoro Buontempo, quest'ultimo più volte presente a iniziative di FN dalla prima ora.[72]

Per le elezioni europee del 1999, Forza Nuova presentò propri candidati all'interno della Lista Cito.

Nel giugno del 1999 una nota del Sisde segnalò una collaborazione tra FN e i cattolici di Militia Christi per iniziative contro l'aborto e l'american way of life (cioè manifestazioni di boicottaggio a Roma contro multinazionali come McDonald's, Blockbuster, Planet Hollywood).[73]

La visibilità: Gay Pride, CL e il caso Insabato (2000)

 
Manifesto omofobo esposto dalla sede di Forza Nuova di Perugia contro il Primo ministro spagnolo Zapatero

Alle elezioni amministrative della primavera 2000 Forza Nuova raccolse l'1% in Basilicata con una lista civica, il 2,5% al comune di Lodi (dove aderì in blocco l'intera sezione della Fiamma Tricolore) e il 2% a Faenza.[73]

A favorire la grande visibilità del giovane movimento contribuì il Gay Pride che si tenne a Roma il 1º luglio 2000, anno del giubileo. Per Forza Nuova fu l'occasione per poter manifestare le proprie posizioni contro questo evento con un corteo parallelo in difesa della famiglia tradizionale.[74]

Il 23 agosto Roberto Fiore fu invitato dall'editore Effedieffe a partecipare ad un dibattito sull'aborto all'interno del tradizionale meeting di Comunione e Liberazione.[75][76][77][78]

Il 22 dicembre Andrea Insabato, simpatizzante di estrema destra, fece scoppiare una bomba nella sede de Il Manifesto. Alcuni giornalisti lo ricollegarono al partito di Fiore, che però ne smentì categoricamente l'appartenenza;[79] le polemiche successive fecero conquistare a Forza Nuova le prime pagine dei maggiori quotidiani nazionali. A seguito di questa vicenda più parti sollecitarono il governo a sciogliere il movimento.[80]; fu fra queste la richiesta del Comune di Bologna al ministero dell'interno della messa al bando di Forza Nuova[81] A tal proposito il 29 gennaio 2003 così rispose in Parlamento Alfredo Mantovano a nome del governo Berlusconi II: «Quanto alla misure che il Ministero dell'interno può adottare nei confronti di movimenti politici estremisti e, in particolare, quanto alla sanzione estrema dello scioglimento del movimento politico di Forza Nuova, ricordo che l'ordinamento vigente consente l'adozione di un provvedimento di scioglimento di organizzazioni fasciste "sotto qualsiasi forma" (XII disposizione transitoria e finale della Costituzione) solo a seguito di una sentenza penale irrevocabile che abbia accertato l'avvenuta "riorganizzazione del disciolto partito fascista" (art. 3 della legge 20 giugno 1952, n. 645, così come successivamente modificato), ovvero che abbia accertato un'attività, da parte dell'organizzazione destinataria del provvedimento di scioglimento, volta a favorire reati in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa (art. 7, decreto-legge 26 aprile 1993, n. 122, convertito in legge dalla legge 25 giugno 1993, n. 205). Nello specifico, per quanto riguarda Forza Nuova, il Ministero dell'Interno non è al momento a conoscenza di pronunce giurisdizionali che legittimino l'adozione di un provvedimento di tale natura»[82].

Ciò non impedì al movimento di candidarsi alle elezioni amministrative bolognesi del 2006 e del 2011, ottenendo rispettivamente lo 0,2% e lo 0,3% delle preferenze per la sua candidata sindaco Elisabetta Avanzi.[83][84]

L'esordio alle elezioni politiche

All'inizio del 2001 il movimento poteva contare su appena 2500 iscritti e quaranta sezioni sparse in tutta Italia.[19]

Alle elezioni politiche del 2001 Forza Nuova si presentò nella quota proporzionale della Camera nelle circoscrizioni Veneto 1 e Campania 1, e in un certo numero di collegi uninominali del Senato di Lombardia, Lazio e Campania, con risultati quasi ovunque inferiori all'1% dei voti.

La stagione di Alternativa Sociale (2003-2006)

Dal 2003 al 2006 Forza Nuova strinse una collaborazione elettorale con due movimenti di destra radicale. Con la guida di Alessandra Mussolini fu creato il cartello di Alternativa Sociale[85], al quale aderirono, oltre Forza Nuova, anche Libertà di Azione ed il Fronte Sociale Nazionale. Col simbolo di AS partecipò alle elezioni europee del 2004,[86] alle regionali del 2005[87] e alle elezioni politiche del 2006.[88][89] In quest'ultimo caso, AS raggiunse un accordo con la coalizione della Casa delle Libertà, che pose però il veto alla candidatura dello stesso Roberto Fiore, considerato come personalità "impresentabile" per il suo passato sovversivo; Forza Nuova tornò così alla propria linea politica autonoma.[66][90]

L'esperienza elettorale fu deludente. Alternativa Sociale ottenne un risultato scoraggiante, che non gli garantì l'attribuzione di alcun seggio in Parlamento: i voti raccolti furono 255 000 alla Camera (0,7%)[88] e 214 000 al Senato (0,6%).[89]

Nascita del "Patto d'Azione"

Per le amministrative del 2007 Forza Nuova strinse una serie di accordi con Azione Sociale, col Movimento Idea Sociale e coi Volontari Nazionali.[91]

In occasione dell'elezioni politiche 2008 Forza Nuova presentò liste appoggiate dal Movimento Idea Sociale[92], mentre Azione Sociale era confluita nel Popolo della Libertà. Il MIS si fece portavoce di alcune istanze sociali, inserite nel programma di Forza Nuova.

I punti cardine di questa campagna elettorale furono:

Alle elezioni politiche del 2008 il partito ottenne lo 0,30% alla Camera[24] e lo 0,26% al Senato[25]. Non fu eletto alcun parlamentare presentatosi nelle liste del partito. In seguito alle dimissioni obbligatorie di Alessandra Mussolini, eletta alla Camera italiana, Roberto Fiore divenne europarlamentare.[95]

Nel corso del 2008 il regista Claudio Lazzaro realizzò un controverso documentario, Nazirock - Come sdoganare la svastica e i saluti romani nel quale, a detta di Fiore, si dava un'immagine totalmente distorta di Forza Nuova; il leader sostenne che fosse stato montato ad arte per screditare il movimento. Il rischio di azioni legali ai danni di Claudio Lazzaro ne ha minato la distribuzione.[96][97][98]

Le elezioni europee 2009

 Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni europee del 2009.

Nel 2009 Forza Nuova si presentò alle elezioni europee con un programma improntato su politiche protezioniste, a favore dell'incremento demografico e sull'opposizione all'ingresso della Turchia nell'UE.[99]

Fra i candidati celebri vi era Mario Sossi, magistrato che indagò sul Gruppo XXII Ottobre e che fu rapito dalle Brigate Rosse, candidato per la circoscrizione Nord-Ovest.[100] Nel Nord-Est fu candidato il sacerdote tradizionalista don Giulio Maria Tam, noto per la sua vicinanza al movimento lefebvriano e per le sue simpatie neofasciste[101][102][103][104], che nel 2004 era stato invece candidato nel Nord-Ovest.[105]

L'europarlamentare uscente Roberto Fiore era capolista in tutte le circoscrizioni[106].

Il partito raccolse lo 0,48% dei voti, non eleggendo alcun eurodeputato.

Le elezioni regionali 2010

 Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni regionali italiane del 2010.

Forza Nuova presentò propri candidati alla presidenza in Lombardia, Veneto e Toscana, mentre era in coalizione con il candidato Renzo Rabellino del movimento No Euro in Piemonte.

Nel Lazio il listino collegato a FN fu respinto dalla Corte d'appello di Roma per la mancanza della delega autenticata da un notaio alla presentazione della lista, nonché per l'assenza di rappresentanza dei due sessi in pari misura a causa della netta maggioranza della componente femminile.[107][108] Nonostante il ricorso al Tar, furono comunque respinte le richieste di riammissione.[109] Complessivamente FN raccolse lo 0,7% in Toscana (7 980 voti), lo 0,6% in Lombardia (27 670 voti), lo 0,4% in Veneto (9 151 voti) e ottenne un risultato di 1,7% con la coalizione nel Piemonte.[110]

Nel 2010 si tenne la manifestazione contro le banche del 22 maggio a Milano, alla presenza di Nikólaos Michaloliákos, leader di Alba Dorata.

Le elezioni politiche 2013

 Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni politiche italiane del 2013.

Nel 2013 Forza Nuova, avente come leader Roberto Fiore, si presentò autonomamente alle elezioni politiche del 2013 ottenendo lo 0,26% dei voti alla Camera e lo 0,27% al Senato (rispettivamente 90 047[111] e 81 578 voti).[112] Il partito non riuscì dunque a superare le soglie di sbarramento del 4% alla Camera e dell'8% al Senato e non elesse alcun parlamentare.

Alle contemporanee elezioni regionali nel Lazio raccolse lo 0,3%.

Le elezioni regionali 2015

 Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni regionali in Umbria del 2015.

Alle elezioni regionali generali del 2015 FN si presentò solo in Umbria, dove il candidato Fulvio Carlo Maiorca ottenne lo 0,3%.

Le elezioni politiche del 2018 ed europee del 2019

 Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni politiche italiane del 2018.

In vista delle elezioni del 2018 Forza Nuova si accordò col Movimento Sociale Fiamma Tricolore, creando la lista Italia agli Italiani.[113]

Il 20 gennaio la senatrice Paola De Pin (ex M5S, ex Verde, ed ex Riscossa Italia) annunciò la sua adesione al partito e a Italia agli Italiani.[114]

Italia agli Italiani ricevette lo 0,38% dei voti alla Camera e lo 0,50% al Senato[115].

Alle Europee del 2019 Forza Nuova presentò il suo simbolo insieme a quello del partito europarlamentare APF (Alliance for Peace and Freedom), fondato dallo stesso Fiore. Tuttavia il movimento raccogliendo 40.781 voti (0,15%) non elesse alcun eurodeputato, non superando la soglia del 4%. Fiore, capolista in tutte le circoscrizioni, raccolse 5375 preferenze complessive.

La scissione del 2020

A maggio 2020 alcune sezioni si sono staccate dal movimento in polemica con la gestione del partito da parte di Roberto Fiore e di Giuliano Castellino.[116] [117][118][119] [120] La neocostituita rete di sezioni dimissionarie, nel frattempo federatesi, dà vita al Movimento Nazionale - La Rete dei Patrioti il 10 ottobre 2020 a Montecatini Terme.[121][122]

Il 14 dicembre 2020 il segretario del partito Roberto Fiore ha annunciato l'adesione di Forza Nuova alla coalizione Italia Libera insieme a movimenti No Mask e i Gilet Arancioni dell'ex generale dei carabinieri Antonio Pappalardo.[123]

Legami con altre associazioni

Forza Nuova ha diversi legami con altre associazioni con cui ha obiettivi almeno parzialmente in comune.

ProVita onlus

Provita è una onlus che si batte per la famiglia tradizionale[124] e che si autoproclama apartitica e apolitica. Nonostante ciò, l'associazione possiede numerosi legami con Forza Nuova e, in particolare, con la famiglia del suo segretario, Roberto Fiore. Malgrado tentativi di minimizzazione da parte di Toni Brandi, presidente di ProVita (che ha sminuito il peso di tali legami riconducendoli alla storica amicizia personale che lo lega a Roberto Fiore), tra le due organizzazioni si riscontrano diversi punti di contatto e di intersezione, a partire dal portavoce della onlus, Alessandro Fiore, figlio maggiore di Roberto. Inoltre, l'azienda che distribuisce il notiziario di PV (Notizie Pro Vita) nella sua fase di avvio era la Rapida Vis s.r.l., con sede legale allo stesso indirizzo[125] della locale sede di FN[126]. L'azienda, inoltre, è guidata da Carmen e Beatriz Fiore, anch'esse figlie di Fiore. La società M.P., una «Società Cooperativa Giornalistica Arl» di Merano, già nel 2012 era l'editore dell'allora nascente notiziario di PV; nel 2011 fu rilevata da un gruppo di giovani di Benevento, che chiedevano anche all'Agcom l'erogazione di fondi pubblici[126], fra i quali Beniamino Iannace, poi candidato per FN[127].

Christus Rex

Christus Rex è un circolo cattolico di Verona, fondato nel 2007, aderente al Sedevacantismo il cui responsabile nazionale è Matteo Castagna[128]. Il circolo è legato a Forza Nuova grazie alla moglie di Castagna, che ne è stata anche candidata,[129] inoltre non è raro vedere le due associazioni sfilare assieme. I membri di CR definiscono se stessi Cattolici Apostolici Romani Integrali, si dichiarano disponibili a collaborare con partiti o movimenti non dichiaratamente ostili al Cattolicesimo e che si schierano generalmente a destra. Il gruppo aderisce ad una versione attualizzata del Sodalitium Pianum perciò si oppone a qualsiasi forma di modernismo, cristianesimo liberale e liberalismo.

Critiche e controversie

Accuse di antisemitismo

Atti intimidatori

Il 24 gennaio 2014 Ernesto Moroni, ventinovenne romano fondatore di Azione Frontale[130] e vicino a Forza Nuova, spedì delle teste di maiale all'ambasciata di Israele, al Museo della Memoria e alla Sinagoga di Roma, firmando i pacchi con il nominativo Giovanni Preziosi, nome del ministro fascista che firmò il Manifesto della razza. L'uomo fu indagato per istigazione all'odio razziale. Inoltre, nella sua abitazione si trovarono una scimitarra, alcune magliette di Forza Nuova e il testo «Giudaismo, bolscevismo, plutocrazia e massoneria» di Preziosi edito nel 1941.[131]

Negazionismo della Shoah

Il 6 febbraio 2014 tre uomini di Aprilia, rispettivamente di 25, 27 e 33 anni sono stati denunciati per l'affissione di uno striscione con la scritta: «Ricordati di non ricordare» sulla recinzione perimetrale dell'istituto di via Carroceto intitolato ai Fratelli Rosselli, dove si era tenuta una giornata dedicata alla memoria della Shoah. Alcuni giorni prima sempre ad Aprilia era stato esposto un altro striscione recante la scritta: «Ufficio tributi, usura di stato». In entrambi erano presenti simboli riconducibili all'estrema destra quali FN, che ne prese le distanze[132] e la Croce Celtica.[133]

Il 28 ottobre[134] 2018 la militante di Forza Nuova Selene Ticchi fu fotografata mentre si trovava in visita alla tomba di Benito Mussolini a Predappio indossando una maglietta con la scritta "Auschwitzland"; a seguito del clamore suscitato dall'evento, Selene Ticchi fu sospesa dal partito, venendo comunque reintegrata il giugno dell'anno seguente nel ruolo di coordinatore del dipartimento femminile di Bologna e responsabile bolognese per l'Associazione Evita Perón di Forza Nuova. [135]

Aggressioni

Tra il novembre 2012 e il novembre 2013 i frequentatori del circolo di Forza Nuova in via Lidia a Roma si resero responsabili di cinquanta o più aggressioni razziste, a danno di cittadini bengalesi, scelti come vittime perché ritenuti dagli aggressori immigrati inermi e restii a denunce. In tredici furono indagati dalla procura di Roma che li definì[136] «accomunati da una vocazione ideologica di estrema destra nazionalsocialista» caratterizzata «dal propugnare sia le tesi negazioniste dell'Olocausto sia quella della superiorità della razza bianca», accusandoli di associazione a delinquere finalizzata all'incitamento, alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali, minacce, lesioni, detenzione di armi da sparo e altri reati.

Oltre ai raid razzisti, il gruppo fu accusato di aver aggredito alcuni oppositori politici e di aver malmenato militanti ritenuti responsabili di uno stupro e dell'uso di droghe. Secondo l'accusa i quattro presunti capi del gruppo, avrebbero istigato i frequentatori della sede di Forza Nuova a commettere vari atti razzisti come cori inneggianti al suprematismo bianco, striscioni negazionisti e spedizioni punitive nei confronti di cittadini del Bangladesh.[137][138][139]

Il 28 settembre 2017, quattro manifestanti di Forza Nuova sono stati arrestati con l'accusa di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale, nonché di manifestazione non autorizzata, per aver lanciato contro degli agenti della polizia municipale di Roma dei sampietrini, nel tentativo di impedire lo sgombero di un edificio popolare occupato abusivamente che doveva essere assegnato a un cittadino eritreo.[140]

Accuse di xenofobia

L'8 luglio 2016 la sezione di Forza Nuova di Vicenza ha pubblicato un post sulla sua pagina Facebook attaccando i profughi nigeriani in fuga da Boko Haram, con toni violenti e razzisti additandoli come codardi, violenti e meritevoli di morte:

«In Nigeria Boko Haram riempie di esplosivo i bambini e li manda a fare stragi, ma tu sei un eroe e scappi in Italia. A Fermo uno ti insulta e tu lo aggredisci fisicamente, ma le prendi e muori… la tipica fine di un verme.[141][142]»

Il 2 novembre 2017 viene pubblicata sulle principali testate nazionali la notizia che, secondo un'informativa dei Carabinieri, nella sede di Forza Nuova a Roma si praticava un autentico indottrinamento di minori per spingerli all'odio e alla violenza razziale.[143]

Accuse di omofobia

Nel luglio del 2001, in vista del Gay Pride previsto quel mese nella Capitale, furono affissi per le piazze della città di Roma dei manifesti contro l'iniziativa recanti le scritte "Dietro un omosessuale si nasconde un pedofilo". L'azione venne criticata da numerose associazioni e partiti.[144]

Nella notte del 20 ottobre 2016 militanti di FN hanno esposto manichini impiccati e affisso uno striscione con scritto "State uccidendo la famiglia, nogaywedding" nei pressi dell'hotel Ergife di Roma, dove nel fine settimana successivo si sarebbe tenuto il Gaywedding, la kermesse dedicata alle unioni civili.

Il blitz è stato condannato dal portavoce del Gay Center, Fabrizio Marrazzo, con le seguenti parole:

«Forza Nuova in galera. Non perché siamo dei fanatici della reclusione, ma per una sana rieducazione alla civiltà, cosa che manca all'omofobia manifesta di alcune organizzazioni estremiste che non perdono occasione per manifestare pensieri violenti nella forma e nella sostanza [...]»

La vicenda è stata condannata anche dall'associazione Gaynet, mentre la Croce Rossa ha espresso solidarietà nei confronti del Gay Wedding.[145][146]

Nel giugno del 2018, Salvatore Pacella, responsabile napoletano di Forza Nuova, fu citato in giudizio dall'Arcigay Napoli per aver minacciato l'associazione stessa con un post sui social in cui prometteva specifiche "punizioni" fisiche nel caso avessero partecipato al Gay Pride previsto per il 30 giugno davanti al Santuario di Pompei[147]. Pacella e Forza Nuova parteciparono con diverse associazioni ultra-cattoliche per una preghiera di riparazione contro il Gay Pride, il quale avvenne comunque senza violenze[148].

Blitz al quotidiano La Repubblica

Il 6 dicembre 2017, alcuni militanti di Forza Nuova a volto mascherato effettuarono un blitz con lancio di fumogeni sotto le sedi di Roma e (qualche giorno dopo) di Napoli del quotidiano La Repubblica. Fu inoltre esposto un cartello che recitava "Boicotta Repubblica e L'Espresso".[149]

Il fatto è stato definito da Roberto Fiore come "il primo atto di una guerra politica contro il gruppo Espresso di Carlo De Benedetti e contro il PD".[150]

Sostegno alla teoria del complotto sul piano Kalergi

 Lo stesso argomento in dettaglio: Teoria del complotto del piano Kalergi.

Il partito asserisce l'esistenza del piano Kalergi, elaborato dal negazionista dell'Olocausto Gerd Honsik, come un progetto migratorio di massa programmato dall'Africa all'Italia per la distruzione del popolo italiano al fine di «controllare meglio la popolazione».[151][152]

Sostegno alla teoria del complotto sull'ideologia gender

 Lo stesso argomento in dettaglio: Teoria del gender.

Il partito ha tra i suoi punti programmatici il contrasto di una presunta "ideologia gender"[153][154]; la teoria in questione è una bufala nata a metà degli anni '90 negli ambienti dell'Opus Dei al fine di ostracizzare ogni posizione sociale differente da quella conservatrice della Chiesa apostolica romana.[155][156]

Assalto alla CGIL

Durante la manifestazione dei No Green Pass del 9 ottobre 2021,[157] un gruppo di forzanovisti ha assaltato la sede nazionale della Confederazione Generale Italiana del Lavoro in corso d'Italia a Roma.[158] Nella notte vengono fermate 12 persone ritenute responsabili dell'assalto, tra cui il leader nazionale di FN Roberto Fiore e il capo della sezione romana del partito, Giuliano Castellino.[159]

Comunicazione online

Il 9 settembre 2019, i social network Facebook e Instagram hanno cancellato la pagina ufficiale di Forza Nuova e quella di Casapound, nonché diversi profili personali collegati; l'azienda statunitense ha affermato che "le persone e le organizzazioni che diffondono odio" non possono essere presenti sulle sue piattaforme.[160][161]

In data 11 ottobre 2021 la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma ha imposto il blocco del sito di FN ai sensi del comma 3 articolo 321 del Codice di procedura penale. L'oscuramento è stato immediatamente reso esecutivo a cura della Polizia postale.

Congressi Nazionali

  • I Congresso - Chieti, 22-24 marzo 2002
  • II Congresso - Tivoli (RM), 10-11 dicembre 2011

Assemblee Nazionali

  • I Assemblea Programmatica - Roma, dicembre 2000
  • I Assemblea Nazionale - Roma, 21 febbraio 2004
  • II Assemblea Nazionale - Orvieto, luglio 2009

Segretari nazionali

Risultati elettorali

Elezione Voti % Seggi
Politiche 2001 Camera 13.622 0,04
0 / 630
Senato 39.545 0,12
0 / 315
Europee 2004 a 399.073 1,23
1 / 78
Politiche 2006 a Camera 255.354 0,67
0 / 630
Senato 214.526 0,63
0 / 315
Politiche 2008 Camera 108.837 0,30
0 / 630
Senato 85.630 0,26
0 / 315
Europee 2009 146.619 0,47
0 / 72
Politiche 2013 Camera 90.047 0,26
0 / 630
Senato 81.578 0,26
0 / 315
Politiche 2018 b Camera 126.543 0,39
0 / 630
Senato 149.907 0,50
0 / 315
Europee 2019 40.781 0,15
0 / 76
a Nella lista Alternativa Sociale
b Nella Lista Italia agli Italiani, con Movimento Sociale Fiamma Tricolore

Note

  1. ^ a b Gian Guido Vecchi, Forza Nuova: il 25 aprile fiori in piazzale Loreto, in Corriere della Sera, 22 aprile 2001, p. 44. URL consultato il 4 maggio 2008 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2008).
  2. ^ a b Marco de las Preve, Assalto alla sede di Forza Nuova, domani i neofascisti in piazza, in la Repubblica, Genova, 18 maggio 2007, p. 7. URL consultato il 4 maggio 2008.
  3. ^ a b Reggio Emilia - Contro ogni nazionalismo, per un'Europa di diritti e dignità|Global Project
  4. ^ Reggio Emilia - Contro ogni nazionalismo, per un'Europa di diritti e dignità - Global Project, su globalproject.info.
  5. ^ No aborto, su forzanuova.org, Forza Nuova, 29 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2008).
  6. ^ Aborto: Forza Nuova lancia palloncini 'Aborto=omicidio', A tutta Destra, 21 maggio 2011. URL consultato il 20 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2013).
  7. ^ Palermo, Forza nuova contro l'aborto, bambole insanguinate ai giornali, la Repubblica, 19 novembre 2008.
  8. ^ https://roma.fanpage.it/laltare-e-la-celtica-estrema-destra-e-integalismo-cattolico-allombra-di-papa-francesco/
  9. ^ No aborto, su forzanuova.org, Forza Nuova. URL consultato il 4 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2008).
  10. ^ Aborto: Forza Nuova lancia palloncini 'Aborto=omicidio', in A tutta Destra, 21 maggio 2011. URL consultato il 6 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2013).
  11. ^ Palermo, Forza nuova contro l'aborto, bambole insanguinate ai giornali, in la Repubblica, 19 novembre 2008. URL consultato il 6 aprile 2013.
  12. ^ La Dottrina Forzanovista, Manifesto politico d'Opposizione Nazionale (PDF), su forzanuovapalermo.org. URL consultato il 23 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2007).
  13. ^ https://contropiano.org/documenti/2017/09/10/fascisti-identitari-un-reticolo-mazzieri-razzisti-al-servizio-della-ue-095447
  14. ^ https://www.ordinefuturo.it/2019/07/18/le-corporazioni-del-futuro/?fbclid=IwAR3A05DIF0qrzQ74Rx238AfHSGVeZszD1WMbYXhmeBbTYMRdJE1Tbo7Wxgc
  15. ^ a b Alessandro Trocino, «Candideremo alle elezioni gli arrestati», in Corriere della Sera, 13 gennaio 2003, p. 18. URL consultato il 4 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2009).
  16. ^ a b Assaltata una sede di Forza Nuova, in la Repubblica, 17 maggio 2007, p. 30. URL consultato il 4 maggio 2008.
  17. ^ Fronte Nazionale Europeo, su europeannationalfront.org. URL consultato il 4 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 23 maggio 2008).
  18. ^ Sito ufficiale di Ordine Futuro, su ordinefuturo.info. URL consultato il 22 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2011).
  19. ^ a b Forza nuova, 2500 iscritti e 40 sezioni, in Corriere della Sera, 26 aprile 2001, p. 3. URL consultato il 6 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2013).
  20. ^ Modica, sabato assemblea regionale del movimento nazionalista Forza Nuova., su radiortm.it. URL consultato il 4 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 2 agosto 2017).
  21. ^ Federico Fornaro, Antisemitismo: demone sempre in agguato, su articolo21.info, Articolo 21, liberi di..., 10 febbraio 2008. URL consultato il 5 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2009).
  22. ^ Fiorenza Sarzanini, Forza nuova, Bianco valuta lo scioglimento. Militante aggredisce un giornalista, i partiti insorgono. Al Viminale rapporto dell'Antiterrorismo, in Corriere della Sera, 28 dicembre 2000, p. 13. URL consultato il 4 maggio 2008.
  23. ^ Sezioni, su forzanuova.org, Forza Nuova. URL consultato il 4 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2012).
  24. ^ a b Risultati delle elezioni della Camera dei Deputati del 13-14 aprile 2008, su elezionistorico.interno.it, Ministero dell'Interno. URL consultato il 15 aprile 2008.
  25. ^ a b Risultati delle elezioni del Senato della Repubblica del 13-14 aprile 2008, su elezionistorico.interno.it, Ministero dell'Interno. URL consultato il 15 aprile 2008.
  26. ^ "Cercavano scontro con la polizia" Arrestati 20 estremisti di destra, in la Repubblica, 26 febbraio 2008. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  27. ^ La Cassazione: "Forza Nuova equiparabile a una formazione antisemita", su blitzquotidiano.it. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  28. ^ Lumezzane: rimosse le megascritte abusive e xenofobe di Forza Nuova., su L'Altracittà, 29 dicembre 2009. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  29. ^ "Acciacca lo zingaro": su Facebook spunta il "gioco" shock, su tg24.sky.it, Sky TG24, 10 febbraio 2011. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  30. ^ «Basta gay». Rimossi i manifesti di Forza nuova, su archiviostorico.corriere.it, Corriere della Sera, 15 giugno 2007, p. 7. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  31. ^ Manifestazione di Forza Nuova: "Fuori i massoni da Rimini", su RiminiToday. URL consultato il 27 luglio 2019.
  32. ^ Green pass, Forza Nuova espelle i suoi iscritti che lo scaricano: "Inconciliabile con le nostre lotte", su Il Fatto Quotidiano, 6 agosto 2021. URL consultato il 1º settembre 2021.
  33. ^ Forza Nuova Archiviato il 29 marzo 2014 in Internet Archive.
  34. ^ Comunicato a tutti i deputati e senatori eletti in Italia Archiviato il 10 aprile 2009 in Internet Archive.
  35. ^ Le nostre tesi: politica monetaria e creditizia - Forza Nuova, su forzanuova.eu.
  36. ^ No Tav, blitz di Forza Nuova a Il Giornale, su milano.corriere.it, 19 marzo 2012.
  37. ^ Paolo Berizzi, Nazitalia. Viaggio in un Paese che si è riscoperto fascista, Baldini & Castoldi, 2018, p. 180.
  38. ^ Davide Falcioni, Sindaco di Ascoli regala agli studenti fumetti dell’editore di estrema destra per la Giornata del Ricordo, su fanpage.it, 9 febbraio 2021.
  39. ^ Paolo Berizzi, L'eroe Mussolini e gli immigrati assassini: i fascio-fumetti invadono le scuole, su repubblica.it, 30 marzo 2021.
  40. ^ Paola Alagia, «Forza nuova è l'alba di un'altra fase politica», in Lettera43, 25 maggio 2012. URL consultato il 22 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2012).
  41. ^ Forza Nuova ha qualcosa da replicare a Figueras a proposito dell'incontro con Corbisiero, su ilmessaggioteano.it, Il Messaggio. URL consultato il 23 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2012).
  42. ^ Difesa della Famiglia - Forzanuova.org Archiviato l'11 agosto 2014 in Internet Archive.
  43. ^ Manifestazione per la famiglia - forzanuovanapoli.it Archiviato il 7 aprile 2014 in Internet Archive.
  44. ^ Manifesti di Forza Nuova contro il Gay Pride a Roma, su repubblica.it, repubblica.it, 6 luglio 2011. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  45. ^ Gay, manifesto choc di Forza Nuova: all'Italia non servono gli omosessuali
  46. ^ "L'Italia ha bisogno di figli, non di gay": il manifesto di Forza Nuova a Ortona
  47. ^ Antonio Camodeca, "BASTA FROCI". PAROLA DI FORZA NUOVA [collegamento interrotto], su ccsnews.it, CCSNEWS, 14 giugno 2007. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  48. ^ «Basta froci». Rimossi i manifesti di Forza nuova, su archiviostorico.corriere.it, archiviostorico.corriere.it, 15 giugno 2007, p. 7. URL consultato il 23 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2013).
  49. ^ No aborto, su forzanuova.org, Forza Nuova, 29 settembre 2008 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2008).
  50. ^ Aborto: Forza Nuova lancia palloncini 'Aborto=omicidio', A tutta Destra, 21 maggio 2011. URL consultato il 20 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2013).
  51. ^ Palermo, Forza nuova contro l'aborto, bambole insanguinate ai giornali, la Repubblica, 19 novembre 2008.
  52. ^ Giovanni Maria Bellu, Forza Nuova e i suoi ragazzi, su ricerca.repubblica.it, la Repubblica, 23 dicembre 2000. URL consultato il 23 novembre 2008.
  53. ^ Alessandro Trocino, Fiore e il «contagio fascista»: un passato che non passa nonostante il doppio petto, su corriere.it, Corriere della Sera, 21 marzo 2008. URL consultato il 23 novembre 2008.
  54. ^ Francesco Merlo, L'università chiuda le porte agli ultrà della destra, su repubblica.it, la Repubblica, 5 giugno 2008. URL consultato il 23 novembre 2008.
  55. ^ a b I (servizi) segreti di Forza Nuova, su carmillaonline.com, Carmilla on line, 26 maggio 2004. URL consultato il 23 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2008).
  56. ^ Strategy of Tension: The Case of Italy, di Claudio Celani, Executive Intelligence Review magazine, aprile 2004
  57. ^ European Parliament's Committee of Inquiry into Racism and Xenophobia pagina 39: "2.12.11. Their connection with italian far right terrorist exile Roberto Fiore only did them harm when it was revealed that he had been an agent of British Intelligence Section MI6 since the early 1980s." (The Ford Report, 1991)
  58. ^ Gabriele Vecchione, Iustitia Omnibus/2, su centomovimenti.com, Centomovimenti, 27 gennaio 2006. URL consultato il 23 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2008).
  59. ^ Intervista a Massimo Morsello su Frammenti di CuoreArchiviato il 16 novembre 2012 in Internet Archive.
  60. ^ a b Fiore e Morsello i padri neri esiliati a Londra, su ricerca.repubblica.it, la Repubblica, 26 maggio 1998. URL consultato il 15 febbraio 2015.
  61. ^ Giovanni Maria Bellu, I nuovi ultrà della destra alle urne contro Rauti e Fini, su ricerca.repubblica.it, la Repubblica, 7 dicembre 1999. URL consultato il 15 febbraio 2015.
  62. ^ Seduta della Camera dei Deputati del 18 aprile 1986 pag 41372
  63. ^ Michele Zacchi (a cura di), Vita e opere di Roberto Fiore, leader di Forza Nuova, su questotrentino.it, Questotrentino, 27 gennaio 2001. URL consultato il 5 maggio 2008.
  64. ^ (EN) Paul Kelso, Charities told to sever link to far-right nationalists, su guardian.co.uk, The Guardian, 21 maggio 2001. URL consultato il 4 maggio 2008.
  65. ^ Sarzanini Fiorenza, Così Forza Nuova finanziava Freda, in Corriere della Sera, 30 dicembre 2000. URL consultato il 15 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2015).
  66. ^ a b Ugo Maria Tassinari, La Forza nuova della fede antica - II parte, su carmillaonline.com, Carmilla on line, 7 luglio 2007. URL consultato il 4 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2008).
  67. ^ Ugo Maria Tassinari, La Forza nuova della fede antica - I parte, su carmillaonline.com, Carmilla on line, 2 luglio 2007. URL consultato il 4 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2008).
  68. ^ "Una menzogna cento volte ripetuta": Introvigne, Cantoni e la TFP
  69. ^ Morsello (ex Nar) torna in Italia
  70. ^ Morto a Londra Morsello fondatore di Forza Nuova, su archiviostorico.corriere.it.
  71. ^ Roma, naziskin a giudizio
  72. ^ U.M. Tassinari Naufraghi. Da Mussolini alla Mussolini: 60 anni di storia della destra radicale per la collana tutti i colori del nero, Edizioni immaginapoli, pp. 223-240 (Cfr)
  73. ^ a b La Forza nuova della fede antica Archiviato il 4 luglio 2008 in Internet Archive.
  74. ^ Roma, parte il Gay Pride. I gesuiti: sfilino pure nei limiti del buon senso
  75. ^ Aborto: il genocidio del XX secolo, su meetingrimini.org. URL consultato il 1º maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2013).
  76. ^ Forza Nuova pronta a sostenere il Polo, su newrassegna.camera.it.
  77. ^ Forza Nuova: pronti a votare il Cavaliere se promuove un referendum sull'aborto
  78. ^ E il neo-fascista Fiore dice Forza Nuova sta con Silvio
  79. ^ Giovanni Bianconi, Il sospetto degli investigatori: dietro potrebbe esserci un mandante, su archiviostorico.corriere.it, Corriere della Sera, 23 dicembre 2000, p. 3 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2009).
  80. ^ Forza nuova, dossier in procura per decidere sullo scioglimento
  81. ^ Bologna: il consiglio comunale chiede a Maroni la messa al bando di Forza Nuova
  82. ^ Allegato B Seduta n. 548 del 17/11/2004
  83. ^ Giovane e precaria, ecco la candidata di Forza Nuova - Corriere di Bologna
  84. ^ RISULTATI ELEZIONI COMUNALI 2011/ Bologna, Forza nuova: i voti di preferenza (dati definitivi)
  85. ^ Enrico Del Mercato, La destra incorona la Mussolini, su ricerca.repubblica.it, la Repubblica, 29 febbraio 2004. URL consultato il 4 maggio 2008.
  86. ^ Elezioni Europee del 12 giugno 2004, su elezionistorico.interno.it, Ministero dell'Interno. URL consultato il 4 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2009).
  87. ^ Alternativa sociale strappa il 3%, su ricerca.repubblica.it, la Repubblica, 5 aprile 2005. URL consultato il 4 maggio 2008.
  88. ^ a b Elezioni della Camera dei Deputati del 9 aprile 2006, su elezionistorico.interno.it, Ministero dell'Interno. URL consultato il 4 maggio 2008.
  89. ^ a b Elezioni del Senato della Repubblica del 9 aprile 2006, su elezionistorico.interno.it, Ministero dell'Interno. URL consultato il 4 maggio 2008.
  90. ^ Lorenzo Fuccaro, Berlusconi: i neofascisti fuori dalle liste, su archiviostorico.corriere.it, Corriere della Sera, 16 febbraio 2006. URL consultato il 5 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2009).
  91. ^ Il "Patto" si incontra a l'Aquila, su misconrauti.it, Movimento Idea Sociale, febbraio 2007. URL consultato il 4 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2007).
  92. ^ Giovanni Mazzei, Ha funzionato l'accordo politico tra MIS con Rauti e Forza Nuova., su misconrauti.it, Movimento Idea Sociale, 10 marzo 2008. URL consultato il 4 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2009).
  93. ^ Roberto Fiore, Forza Nuova per il futuro d'Italia, su forzanuova.org, Forza Nuova. URL consultato il 4 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2008).
  94. ^ Elezioni in Sicilia 2008, su forzanuova.org, Forza Nuova. URL consultato il 4 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2008).
  95. ^ In Europa sbarca il «nero» Fiore, leader di Forza Nuova
  96. ^ Federico Capitoni, Forza Nuova blocca "Nazirock": "Montato ad arte per screditarci", su repubblica.it, la Repubblica, 3 aprile 2008. URL consultato il 21 novembre 2008.
  97. ^ Alessandro Chetta, Film «Nazirock», Forza Nuova pronta a diffidare l'università Orientale, su corrieredelmezzogiorno.corriere.it, Corriere del Mezzogiorno, 22 aprile 2008. URL consultato il 23 novembre 2008.
  98. ^ Boris Sollazzo, "Nazirock" censurato in sala. Silenzio bipartisan di stampa e tv, su liberazione.it, Liberazione, 9 aprile 2008. URL consultato il 23 novembre 2008 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2009).
  99. ^ Programma FORZA NUOVA europee 2009 Archiviato il 23 gennaio 2010 in Internet Archive.
  100. ^ Europee Mario Sossi si candida con Forza Nuova, su ilgiornale.it.
  101. ^ Don Tam: «La mia tonaca? Una camicia nera taglia XXL», articolo di Gian Antonio Stella sul Corriere della Sera, 8 giugno 2004.
  102. ^ Bergamo, il saluto fascista del prete lefebvriano, da La Repubblica, 4 marzo 2009.
  103. ^ Bergamo: al corteo di Forza Nuova il saluto fascista del prete lefebvriano
  104. ^ Bergamo, bufera sul sacerdote del saluto romano a Forza Nuova
  105. ^ Europee, prova di forza tra i leader
  106. ^ Per Bruxelles in campo 19 liste: è record Archiviato il 19 gennaio 2012 in Internet Archive.
  107. ^ Regionali: respinta richiesta lista FN, su La Gazzetta del Mezzogiorno, 8 marzo 2010. URL consultato il 10 ottobre 2021 (archiviato dall'url originale il 7 settembre 2012).
  108. ^ Forza Nuova respinta per le quote rosa - ParvapoliS
  109. ^ Regionali: no del Tar alla lista Pdl nel Lazio, su sordionline.com, Articolo stampa, 9 marzo 2010. URL consultato il 10 ottobre 2021 (archiviato dall'url originale il 9 settembre 2012).
  110. ^ Elezioni regionali italiane del 2010#Risultati elettorali
  111. ^ Risultati elezioni 2013 alla Camera, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  112. ^ Risultati elezioni 2013 al Senato, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato il 3 febbraio 2019.
  113. ^ isimbolidelladiscordia.it, http://www.isimbolidelladiscordia.it/2018/01/italia-agli-italiani-forza-nuova-e.html?m=1.
  114. ^ Paola De Pin, la senatrice ex M5S (che appoggiò Tsipras) in campo con Forza Nuova, su giornalettismo.com, 20 gennaio 2018.
  115. ^ Risultati elezioni, su ilsole24ore.com. URL consultato l'11 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2018).
  116. ^ I fuoriusciti di Forza Nuova lanciano 'La Rete', su larampa.it, maggio 2010.
  117. ^ Claudio Bernieri, Forza Nuova, scissione all'ombra del virus. Parlano i militanti delusi, Affaritaliani, 12 maggio 2020.
  118. ^ Guido Caldiron, Crepuscolo nero. Da nord a sud è fuga di massa da Forza Nuova, in Il Manifesto, 10 maggio 2020 (archiviato dall'url originale).
  119. ^ Carlo Valeri, Forza Nuova Pride Dietro l’adunata neofascista al Circo Massimo c’è un’espulsione per «indegnità» gay, Linkiesta, 8 giugno 2020.
  120. ^ Nasce il Movimento Nazionale - La Rete dei Patrioti, su larampa.it, ottobre 2010.
  121. ^ Andrea Balli, montecatini. È NATO IL «MOVIMENTO NAZIONALE — LA RETE DEI PATRIOTI», LineaLibera, 14 ottobre 2020.
  122. ^ Fascinazione, 11 ottobre 2020, http://www.fascinazione.info/2020/10/i-fuoriusciti-di-forza-nuova-fondano-la.html.
  123. ^ Forza Nuova si scioglie: nasce Italia Libera con gilet arancioni e no mask contro la "dittatura sanitaria". Dentro anche l'avvocato Taormina, su Il Fatto Quotidiano, 14 dicembre 2020. URL consultato il 14 dicembre 2020.
  124. ^ Missione - ProVita, in Notizie Pro Vita. URL consultato l'11 ottobre 2017.
  125. ^ Roma, via Cadlolo 90
  126. ^ Di questo gruppo faceva parte anche Beniamino Iannace, beneventano di San Leucio del Sannio, allora giovane attivista di Forza Nuova (nel giugno 2009 era stato anche candidato di FN alle elezioni europee), molto vicino a Roberto Fiore, che diventa presidente della M.P. per un lasso di tempo tra il 2012 e il 2013. Lo stesso Iannace ha confermato di essere stato coinvolto sia nella cooperativa MP (assieme a Fiore e Brandi) sia in Rapida Vis, e ha ammesso l'esistenza di rapporti tra le due associazioni: «Tra Pro Vita e Roberto Fiore c'è un rapporto, una conoscenza di base nota a tutti, non te lo devo dire io, ma sono cose a parte…». Ha affermato anche di essersi poi allontanato da FN, ma, nonostante ciò, tra i soci della sua azienda, la Italiana Servizi Postali, figura Fabio Infante (candidato alla Camera dei deputati per Forza Nuova nelle elezioni politiche del 2013)
  127. ^ www.agerecontra.it, su www.agerecontra.it. URL consultato il 22 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2017).
  128. ^ Dentro la propaganda sotterranea dell'estrema destra italiana, su news.vice.com.
  129. ^ Marco Pasqua, Spedì le teste di maiale, parla Ernesto Moroni: «Il mio gesto estremo era per provocare», Il Messaggero, 12 febbraio 2014.
  130. ^ Minacce agli ebrei, l'autore legato a Forza Nuova «Era pronto a fondare un gruppo antisemita», su roma.corriere.it.
  131. ^ Striscione antisemita nel Giorno della memoria, Forza Nuova prende le distanze, h24notizie.com, 29 gennaio 2014.
  132. ^ Tre simpatizzanti del partito di estrema destra Forza Nuova accusati per atti di antisemitismo, su osservatorioantisemitismo.it.
  133. ^ Anniversario della Marcia su Roma
  134. ^ Indossò maglietta con scritta "Auschwitzland", Selene Ticchi a processo il 20 marzo, in Sky TG24, 28 ottobre 2019. URL consultato il 28 marzo 2020.
  135. ^ Così riportato sul decreto di perquisizione dei Carabinieri
  136. ^ I raid di Forza Nuova contro i bengalesi: «Pestaggi terapeutici», su roma.corriere.it.
  137. ^ Spedizioni punitive e raid razzisti: 13 indagati. "Regia in sede Forza Nuova". Minori reclutati per violenze su stranieri, su ilfattoquotidiano.it.
  138. ^ Raid razzisti a Roma, «regia aggressioni in una sezione di Forza Nuova», su m.ilmessaggero.it.
  139. ^ Rinaldo Frignani, Roma, Forza Nuova contro casa a eritrei al Trullo: arrestati il leader e 3 militanti neofascisti, in Corriere della Sera. URL consultato il 29 settembre 2017.
  140. ^ Razzismo e violenza,forza nuova passa ogni limite, su vicenzareport.it.
  141. ^ Fermo, il post di Forza Nuova scatena la polemica in rete, in ilGiornale.it. URL consultato il 19 settembre 2017.
  142. ^ Federica Angeli e Giuseppe Scarpa, La scuola di razzismo nella sede di Forza Nuova a Roma: "Picchiate i bengalesi", in Repubblica.it.
  143. ^ Manifesti di Forza Nuova contro il Gay Pride a Roma, su repubblica.it.
  144. ^ Roma, blitz di Forza Nuova contro la kermesse Gaywedding. Il Gay center: "Omofobia manifesta", su roma.repubblica.it.
  145. ^ Blitz di Forza Nuova: manichini impiccati contro le "nozze gay", in ilGiornale.it. URL consultato il 7 ottobre 2017.
  146. ^ Gaia Martignetti, Forza Nuova, parole pesanti contro il Gay Pride a Pompei, in ANSA, 20 marzo 2018. URL consultato il 27 marzo 2020.
  147. ^ Gay Pride, a Pompei il corteo sfila davanti alla basilica: estrema destra e cittadini in preghiera per protesta, su ilfattoquotidiano.it.
  148. ^ Fascismo, spedizione di Forza Nuova sotto la sede di Repubblica: militanti mascherati lanciano fumogeni, in Repubblica.it, 6 dicembre 2017. URL consultato il 6 dicembre 2017.
  149. ^ Blitz FN,Fiore: I atto guerra contro Pd, in rainews. URL consultato il 6 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2017).
  150. ^ Benito Andrea Amilcare Mussolini, Roberto Fiore (FN) - Piano Kalergi già applicato in Basilicata, 1º febbraio 2017. URL consultato il 10 novembre 2017.
  151. ^ Convegno su Salò nella sala "Allende"? Si, grazie al comune targato Pd | Left, in Left, 30 agosto 2017. URL consultato il 10 novembre 2017.
  152. ^ Propaganda Gender Archivi ~ Forza Nuova, su Forza Nuova. URL consultato il 2 febbraio 2018.
  153. ^ [Il retroscena] "Stop case e lavoro agli stranieri" e "l'Italia agli italiani": i programmi politici da brivido delle estreme destre, in Tiscali Notizie. URL consultato il 2 febbraio 2018.
  154. ^ Gender, tra bufale e false credenze: così viene creato il pregiudizio, in Repubblica.it, 1º ottobre 2015. URL consultato il 2 febbraio 2018.
  155. ^ Elena Tebano, La teoria del gender? Non esiste. URL consultato il 2 febbraio 2018.
  156. ^ No green pass, in diecimila in piazza a Roma: cariche e scontri con la polizia, occupata sede Cgil, su fanpage.it.
  157. ^ Assalto Cgil Roma: il rilancio di Forza Nuova, il vero obiettivo e le prossime date cerchiate in rosso sul calendario, su today.it.
  158. ^ Violenze a Roma, 12 arresti: in manette anche i vertici di Forza Nuova Fiore e Castellino, in TGCOM24, 10 ottobre 2021. URL consultato il 10 ottobre 2021.
  159. ^ Casapound e Forza Nuova fuori dai social, Facebook: "Diffondono odio", su Il Secolo XIX, 9 settembre 2019. URL consultato il 10 settembre 2019.
  160. ^ Cancellati profili social di Forza Nuova, su it.notizie.yahoo.com. URL consultato il 10 settembre 2019.

Bibliografia

  • Mario Coglitore, Claudia Cernigoi, La memoria tradita. L'estrema destra da Salò a Forza Nuova, Ed. Zero in Condotta, 2003.
  • Saverio Ferrari, Da Salò ad Arcore. La mappa della destra eversiva, Nuova Iniziativa Editoriale, 2006.
  • Ugo Maria Tassinari, Naufraghi. Da Mussolini alla Mussolini: 60 anni di storia della destra radicale, Immaginapoli, 2007.
Documentari

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni