Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari

organo del Senato della Repubblica Italiana

La Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari è un organo del Senato della Repubblica Italiana.

Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari
StatoBandiera dell'Italia Italia
TipoOrgano del Senato della Repubblica
Istituito9 giugno 1948
Operativo dal9 giugno 1948
PresidenteDario Franceschini (PD)
VicepresidentiManfredi Potenti (Lega)
Ivan Scalfarotto (Az-IV)
SedeSenato della Repubblica
Sito webGiunta elezioni e immunità parlamentari

Ha il compito di valutare i titoli di ammissibilità, cioè di verificare l'assenza di cause di ineleggibilità e di incandidabilità, di ciascun componente dell'assemblea legislativa, di verificarne la regolarità dell'elezione e di accertare quali siano i candidati subentranti nell'ipotesi che un parlamentare cessi dal mandato prima della fine della legislatura: il completo di tali funzioni va sotto il nome di verifica dei poteri.

Alla Camera dei deputati queste funzioni sono svolte da due organi diversi: la Giunta delle elezioni e la Giunta per le autorizzazioni.

Composizione

modifica

La giunta è composta da 19 senatori.[1] I componenti non sono scelti dai gruppi parlamentari, come accade per le commissioni parlamentari, ma sono tutti nominati dal presidente di ciascuna assemblea di propria iniziativa. La giunta, poiché la sua composizione deve tenere conto dell'equilibrio politico esistente nell'assemblea, viene nominata successivamente alla costituzione dei gruppi parlamentari.

Tuttavia, dato che può essere richiesto alla giunta di operare già durante la prima seduta, per accertare quale sia il candidato subentrante ad un parlamentare, eletto in più circoscrizioni, che abbia esercitato l'opzione per una di queste, il regolamento parlamentare prevede la costituzione di una giunta per le elezioni provvisoria. In questo caso ne fanno parte coloro che componevano le giunte della precedente legislatura nello stesso ramo del parlamento. In caso non si riesca a raggiungere un numero minimo di componenti (7 senatori[2]) applicando questo criterio spetta al presidente provvisorio delle assemblee estrarre a sorte i nomi di tanti parlamentari quanti sono quelli richiesti per raggiungere la composizione prescritta.

I parlamentari chiamati a far parte delle giunte non possono né rifiutare la nomina né dimettersi.

Funzioni

modifica

Il funzionamento della giunta è regolato dai regolamenti parlamentari e dai regolamenti interni dell'organo. È l'articolo 19 del regolamento del Senato a regolare i procedimenti nella camera alta del parlamento italiano.

L'organo svolge una duplice funzione: da un lato svolge una funzione formale, nel momento in cui si deve procedere alla sostituzione di un parlamentare, in quanto si limita a prendere visione dei verbali, trasmessi dai competenti uffici elettorali, per accertare quale sia il candidato subentrante, dall'altro procede alla verifica dei poteri, nella fase successiva alla proclamazione del risultato dell'elezione. In questa ultima fase, infatti, alla giunta spetta il compito di verificare che il candidato potesse essere eletto, che l'elezione sia stata regolare e che non sono sopravvenute cause che impediscano al parlamentare di esercitare il suo mandato legittimamente. In questo secondo caso la giunta opera come organo giurisdizionale, grazie ad un'apposita riserva di giurisdizione, prevista dalla Costituzione che assegna alle due assemblee legislative il diritto esclusivo di giudicare su queste materie[3].

La giunta, nel caso dell'accertamento dei subentranti, si limita dare comunicazione al presidente dell'assemblea che provvede alla proclamazione. Nel caso invece della verifica dei poteri le giunte possono tenere udienze, controllare schede e verbali elettorali, ascoltare testimoni nell'ambito di un'attività istruttoria che si conclude con una relazione all'assemblea a cui spetta la decisione sulla convalida dell'elezione dei singoli parlamentari. La stessa procedura si osserva anche nel caso in cui dopo la convalida dovessero sorgere nuove cause di incompatibilità con il mandato parlamentare, come ad esempio successe a seguito della conferma definitiva della condanna all'interdizione perpetua dai pubblici uffici a Cesare Previti.

Presidenti

modifica
Presidente Gruppo parlamentare Mandato Legislatura
Inizio Fine
Giunta delle elezioni
1   Giovanni Bertini
(1878-1949)
Democratico Cristiano 9 giugno 1948 29 dicembre 1949  
I (1948)
2   Antonio Azara
(1883-1967)
Democratico Cristiano 9 febbraio 1950 24 giugno 1953
25 giugno 1953 17 agosto 1953  
II (1953)
3   Adone Zoli
(1887-1960)
Democratico Cristiano 21 agosto 1953 18 febbraio 1956
4   Giuseppe Magliano
(1883-1971)
Democratico Cristiano 2 marzo 1956 11 giugno 1958
5   Umberto Tupini
(1889-1973)
Democratico Cristiano 13 giugno 1958 14 febbraio 1959  
III (1958)
-   Adone Zoli
(1887-1960)
Democratico Cristiano 5 marzo 1959 20 febbraio 1960
6   Tiziano Tessitori
(1895-1973)
Democratico Cristiano 12 maggio 1960 25 luglio 1960
-   Umberto Tupini
(1889-1973)
Democratico Cristiano 23 novembre 1960 15 maggio 1963
16 maggio 1963 4 giugno 1968  
IV (1963)
7   Francescopaolo D'Angelosante
(1922-1997)
Comunista 6 giugno 1968 30 settembre 1971  
V (1968)
  Tiziano Tessitori
(1895-1973)
Democratico Cristiano 23 giugno 1968
  Giuseppe Trabucchi
(1904-1975)
Democratico Cristiano 16 luglio 1968 30 settembre 1971
Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari
7   Francescopaolo D'Angelosante
(1922-1997)
Comunista 1º ottobre 1971 24 maggio 1972  
V (1968)
  Giuseppe Trabucchi
(1904-1975)
Democratico Cristiano
8   Giuseppe Bettiol
(1907-1982)
Democratico Cristiano 11 luglio 1972 4 luglio 1976  
VI (1972)
9   Mario Venanzi
(1913-1995)
Comunista 27 luglio 1976 19 giugno 1979  
VII (1976)
6 luglio 1979 11 luglio 1983  
VIII (1979)
10   Gianfilippo Benedetti
(1928-2008)
Comunista 11 agosto 1983 1º luglio 1987  
IX (1983)
11   Francesco Macis
(1936)
Comunista-PDS 9 luglio 1987 22 aprile 1992  
X (1987)
12   Giovanni Pellegrino
(1939)
Partito Democratico della Sinistra 12 maggio 1992 14 aprile 1994  
XI (1992)
13   Marco Preioni
(1950)
Lega Forza Nord Padania 12 maggio 1994 8 maggio 1996  
XII (1994)
26 giugno 1996 29 maggio 2001  
XIII (1996)
14   Giovanni Crema
(1947)
Misto-Rosa nel Pugno 27 giugno 2001 27 aprile 2006  
XIV (2001)
15   Domenico Nania
(1950)
Alleanza Nazionale 6 giugno 2006 28 aprile 2008  
XV (2006)
16   Marco Follini
(1954)
Partito Democratico 22 maggio 2008 14 marzo 2013  
XVI (2008)
17   Dario Stefano
(1963)
Misto-Sinistra Ecologia Libertà (2013-2015)
Misto-La Puglia in Più-SEL (2015-2016)
Misto-Movimento La Puglia in Più (2016-2018)
6 giugno 2013 22 marzo 2018  
XVII (2013)
18   Maurizio Gasparri
(1956)
Forza Italia Berlusconi Presidente-UDC 18 luglio 2018 12 ottobre 2022  
XVIII (2018)
19   Dario Franceschini
(1958)
Partito Democratico - Italia Democratica e Progressista 15 novembre 2022 in carica  
XIX (2022)

Linea temporale

modifica
Dario FranceschiniMaurizio GasparriDario StefanoMarco FolliniDomenico NaniaGiovanni CremaMarco PreioniGiovanni PellegrinoFrancesco MacisGianfilippo BenedettiMario VenanziGiuseppe BettiolGiuseppe TrabucchiFrancescopaolo D'AngelosanteTiziano TessitoriUmberto TupiniGiuseppe MaglianoXIX legislatura della Repubblica ItalianaXVIII legislatura della Repubblica ItalianaXVII legislatura della Repubblica ItalianaXVI legislatura della Repubblica ItalianaXV legislatura della Repubblica ItalianaXIV legislatura della Repubblica ItalianaXIII legislatura della Repubblica ItalianaXII legislatura della Repubblica ItalianaXI legislatura della Repubblica ItalianaX legislatura della Repubblica ItalianaIX legislatura della Repubblica ItalianaVIII legislatura della Repubblica ItalianaVII legislatura della Repubblica ItalianaVI legislatura della Repubblica ItalianaV legislatura della Repubblica ItalianaIV legislatura della Repubblica ItalianaIII legislatura della Repubblica ItalianaII legislatura della Repubblica ItalianaI legislatura della Repubblica ItalianaDario FranceschiniMaurizio GasparriDario StefanoMarco FolliniDomenico NaniaGiovanni CremaMarco PreioniGiovanni PellegrinoFrancesco MacisGianfilippo BenedettiMario VenanziGiuseppe BettiolGiuseppe TrabucchiFrancescopaolo D'AngelosanteTiziano TessitoriUmberto TupiniGiuseppe MaglianoAdone ZoliAntonio AzaraGiovanni Bertini (politico)Legislature della Repubblica Italiana

Composizione nella XIX legislatura (2022 - in corso)

modifica

Elenco dei membri a aprile 2023[4]:

Gruppo parlamentare Senatore
Partito Democratico - Italia Democratica e Progressista Dario Franceschini (presidente)
Lega Salvini Premier - Partito Sardo d'Azione Manfredi Potenti (vicepresidente)
Azione - Italia Viva - Renew Europe Ivan Scalfarotto (vicepresidente)
Fratelli d'Italia Paola Ambrogio (segretaria)
MoVimento 5 Stelle Concetta Damante (segretaria)
Fratelli d'Italia Andrea Augello
Alberto Balboni
Costanzo Della Porta
Sergio Rastrelli
Salvatore Sallemi
Partito Democratico - Italia Democratica e Progressista Alfredo Bazoli
Anna Rossomando
Lega Salvini Premier - Partito Sardo d'Azione Nicoletta Spelgatti
Erika Stefani
MoVimento 5 Stelle Ada Lopreiato
Forza Italia - Berlusconi Presidente - PPE Adriano Paroli
Per le Autonomie (SVP-Patt, Campobase, Sud chiama Nord) Meinhard Durnwalder
Civici d'Italia - Noi Moderati (UDC - Coraggio Italia - Noi con l'Italia - Italia al Centro) - MAIE Giorgio Salvitti
Misto-Alleanza Verdi e Sinistra Ilaria Cucchi
  1. ^ Articolo 19 del Regolamento del Senato della Repubblica Archiviato il 28 ottobre 2008 in Internet Archive., URL consultato il 20-09-2008
  2. ^ Articolo 3 del Regolamento del Senato della Repubblica Archiviato il 28 ottobre 2008 in Internet Archive., URL consultato il 20-09-2008
  3. ^ Si veda l'articolo 66 della Costituzione. La Cassazione ha recentemente confermato in una sentenza che questa riserva di giurisdizione è assoluta e si estende anche all'ambito del processo elettorale preparatorio.
  4. ^ senato.it - Giunta delle elezioni e delle immunita' parlamentari - Composizione - legislatura 19, su www.senato.it. URL consultato il 14 novembre 2022.

Voci correlate

modifica

Collegamenti esterni

modifica