Gran Premio di Abu Dhabi 2019

Emirati Arabi Uniti Gran Premio di Abu Dhabi 2019
1018º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 21 di 21 del Campionato 2019
Circuit Yas-Island.svg
Data 1º dicembre 2019
Nome ufficiale XI Etihad Airways Abu Dhabi Grand Prix
Luogo Circuito di Yas Marina
Percorso 5,554 km / 3,451 US mi
Pista permanente
Distanza 55 giri, 305,355 km/ 189,738 US mi
Clima Sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Lewis Hamilton Regno Unito Lewis Hamilton
Mercedes in 1'34"779 Mercedes in 1'39"283
(nel giro 53)
Podio
1. Regno Unito Lewis Hamilton
Mercedes
2. Paesi Bassi Max Verstappen
Red Bull Racing-Honda
3. Monaco Charles Leclerc
Ferrari

Il Gran Premio di Abu Dhabi 2019 si è corso domenica 1º dicembre sul circuito di Yas Marina, posto sull'isola omonima, ventunesima e ultima prova della stagione 2019 del campionato mondiale di Formula 1. La gara è stata vinta dal britannico Lewis Hamilton su Mercedes, all'ottantaquattresimo successo nel mondiale; Hamilton ha preceduto all'arrivo l'olandese Max Verstappen su Red Bull Racing-Honda e il monegasco Charles Leclerc su Ferrari.

Lewis Hamilton festeggia il suo sesto Grand Chelem in carriera (pole position, vittoria, giro veloce e gara comandata per tutti i giri).[1]

Questo Gran Premio segna l'ultima gara in Formula 1 per Robert Kubica.

VigiliaModifica

Sviluppi futuriModifica

La Honda prolunga per l'intera stagione 2021 il rapporto di fornitura delle power unit per la Red Bull Racing e la Scuderia Toro Rosso. La casa nipponica aveva inizialmente messo in dubbio la continuazione della sua partecipazione al campionato mondiale, stanti le spese necessarie per addivenire al nuovo regolamento tecnico, originariamente fissato al 2021 ma poi slittato al 2022.[2][3]

L'attuale terzo pilota della Williams, Nicholas Latifi, viene promosso a far coppia con George Russell per la stagione successiva, sostituendo così Robert Kubica.[4]

Aspetti tecniciModifica

La Pirelli, fornitrice unica degli pneumatici, per questa gara porta le mescole denominate C3, C4 e C5, le tre più morbide della gamma tra quelle disponibili.[5]

La FIA conferma due zone nelle quali i piloti possono utilizzare il DRS: la prima zona è fissata sul lungo rettilineo posto tra le curve 7 e 8, con detection point stabilito prima della curva 7; la seconda zona è fissata tra le curve 10 e 11, con punto di rilevamento del distacco fra piloti stabilito dopo la curva 9.[6]

La Mercedes monta, sulla monoposto di Valtteri Bottas, la quarta power unit della stagione.[7]

Aspetti sportiviModifica

Il campionato mondiale di Formula 1 torna a disputare una gara nel mese di dicembre. Gli altri precedenti appuntamenti sono stati il Gran Premio degli Stati Uniti d'America 1959 e le edizioni 1962 e 1963 del Gran Premio del Sudafrica.

Il Gran Premio rappresenta l'ultima gara per la Scuderia Toro Rosso con questa denominazione. Dal 2020, infatti, prenderà il nome di Scuderia AlphaTauri per promuovere il marchio di moda creato nel 2016 come estensione del distintivo Red Bull, abbandonando così dopo 14 anni la denominazione attuale. Il nome deriva dalla stella rossa della costellazione del Toro e rende omaggio alla società fondatrice.[8]

Per il pilota polacco della Williams, Robert Kubica, si tratta della sua ultima gara in Formula 1, dopo aver fatto ritorno nella massima serie proprio in questa stagione. Kubica ha disputato 97 Gran Premi, uno dei quali vinto (il Gran Premio del Canada 2008), conquistando una pole position, un giro veloce e 12 podi.

Il Gran Premio è la duecentocinquantesima gara nel campionato mondiale di Formula 1 per Lewis Hamilton.[9]

L'ex pilota di Formula 1, il britannico Derek Warwick, è nominato commissario aggiunto per la gara. Ha svolto già in passato tale funzione, l'ultima al Gran Premio degli Stati Uniti d'America.[10]

ProveModifica

ResocontoModifica

Valtteri Bottas è stato il pilota più rapido nella prima sessione di prove libere. Il finlandese della Mercedes, dotato di una monoposto con motore nuovo, ha ottenuto la prestazione, con gomme medie, di oltre un secondo e mezzo migliore rispetto al miglior tempo della prima sessione della stagione 2018. Ha preceduto di oltre mezzo secondo Max Verstappen, e di sei decimi l'altro pilota della scuderia tedesca, Lewis Hamilton; entrambi hanno utilizzato gomme morbide. Hamilton ha sfoggiato, nella prima parte di sessione, il numero 1, da campione del mondo, in luogo del suo tradizionale numero 44.

Le due Ferrari hanno chiuso col quinto e settimo tempo, staccate di due secondi dal tempo di Bottas. Sebastian Vettel è stato anche autore di un incidente, nel finale di sessione, con la sua vettura che ha colpito, nella zona posteriore, le barriere, nella zona lenta del terzo settore. L'incidente ha provocato l'interruzione della sessione, con bandiera rossa. La scuderia è dovuta intervenire sulla monoposto, sostituendo la trasmissione.[11]

La sessione era già stata interrotta, a circa mezz'ora dal termine, dopo l'esplosione del motore sulla Renault di Daniel Ricciardo. Il motore aveva inondato la pista d'olio, oltre che perdere dei pezzi di metallo.[12]

Bottas si è confermato anche nella seconda sessione. Il pilota finnico ha sfruttato ancora la potenza del nuovo motore, cogliendo un tempo di un secondo migliore rispetto alla miglior prestazione, nell'analoga sessione del 2018. A tre decimi si è classificato Lewis Hamilton, maggiormente impegnato nella ricerca di soluzioni valide per la gara. Bottas è stato protagonista di un incidente con Romain Grosjean: alla curva 11 ha ritardato la staccata, tanto da non essere visto dal pilota della Haas. Le vetture sono danneggiate, ma i piloti sono capaci a guidarle fino ai box. La sessione è stata comunque interrotta con bandiera rossa. La direzione di gara ha avvisato Valtteri Bottas con una reprimenda, per la manovra.[13]

Al terzo posto ha chiuso invece Charles Leclerc su Ferrari, a pochi millesimi dal tempo di Hamilton. Il monegasco ha commesso un errore di guida simile a quello a cui era andato incontro il suo compagno di team, Vettel, nella prima sessione. La sua monoposto ha strisciato le barriere alla curva 19, ma senza gravi danni, tanto che ha potuto riportare la vettura ai box, autonomamente. Le vetture di Maranello, grazie al quarto tempo di Vettel, sono riuscite a prevalere sulle Red Bull Racing, che chiudono con il quinto e sesto tempo.

Ha nuovamente sperimentato un problema al motore della sua monoposto Daniel Ricciardo, mentre Antonio Giovinazzi è stato autore di un testacoda alla curva 11. Ha preso regolarmente il via alla sessione George Russell, che al mattino era stato limitato da un problema fisico.[14]

Al termine della prima giornata di prove, a causa di un problema idraulico, i meccanici della Mercedes decidono di montare la quinta power unit stagionale sulla monoposto di Valtteri Bottas, la seconda del weekend di gara. Il pilota finlandese è così penalizzato in totale di 35 posizioni sulla griglia di partenza, per la sostituzione di varie componenti delle due power unit.[15]

Max Verstappen coglie il miglior rilievo cronometrico nella sessione del sabato. L'olandese della Red Bull Racing, dopo aver risolto alcuni problemi all'elettronica, ha ottenuto il tempo con l'utilizzo di gomme soft; ha preceduto di pochi millesimi Lewis Hamilton che, a sua volta, ha avuto la meglio sul compagno di scuderia Valtteri Bottas.

L'altro pilota della Red Bull, Alexander Albon, ha chiuso col quarto tempo, davanti alle due Ferrari, che hanno optato per l'impiego di gomme a mescola media. Le due vetture hanno anche presentato un assetto diverso rispetto a quello provato al venerdì.[16]

Al termine della terza sessione di prove, Nico Hülkenberg viene convocato dai commissari per aver danneggiato, nel corso della stessa sessione, Alexander Albon. Non vengono presi provvedimenti nei suo confronti.[17]

RisultatiModifica

Nella prima sessione del venerdì[18] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 77   Valtteri Bottas   Mercedes 1'36"957 23
2 33   Max Verstappen   Red Bull Racing-Honda 1'37"492 +0"535 22
3 44   Lewis Hamilton   Mercedes 1'37"591 +0"634 20

Nella seconda sessione del venerdì[19] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 77   Valtteri Bottas   Mercedes 1'36"256 29
2 44   Lewis Hamilton   Mercedes 1'36"566 +0"310 33
3 16   Charles Leclerc   Ferrari 1'36"642 +0"386 30

Nella sessione del sabato mattina[20] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 33   Max Verstappen   Red Bull Racing-Honda 1'36"566 15
2 44   Lewis Hamilton   Mercedes 1'36"640 +0"074 18
3 77   Valtteri Bottas   Mercedes 1'36"655 +0"089 17

QualificheModifica

ResocontoModifica

Il pilota della Red Bull Racing Alexander Albon è il primo a far segnare un tempo, ma molto alto. Viene battuto da Lando Norris, poi dall'altro pilota della scuderia anglo-austriaca Max Verstappen, in 1'36"390. L'olandese precede Charles Leclerc, che sale secondo.

Sebastian Vettel commette un errore di guida nel suo primo tentativo, tanto da andare in testacoda, mentre Lewis Hamilton abbassa il tempo a 1'36"231. Valtteri Bottas s'intercala in terza posizione, e Vettel sale quinto, pur ancora con gli pneumatici rovinati nel primo tentativo. Successivamente i due piloti della Mercedes migliorano ancora. Nel frattempo Daniil Kvjat e Romain Grosjean rischiano un contatto, col pilota della Haas che deve frenare per evitare di tamponare la vettura del russo.

Pierre Gasly sale fino al sesto posto. L'altro francese, Grosjean, segna il quindicesimo tempo, ultimo utile per il passaggio alla seconda fase; la classifica viene rivoluzionata negli ultimi istanti, coi miglioramenti di Lance Stroll, Daniel Ricciardo e Sergio Pérez. Albon si porta fino alla seconda posizione. Gli eliminati sono, oltre a Grosjean, i piloti dell'Alfa Romeo Racing e quelli della Williams.

Albon è ancora il primo pilota a far segnare un tempo nella seconda sessione (1'36"718). Hamilton batte, presto, il tempo del thailandese, con 1'35"634. Il neocampione del mondo impiega gomme medie, a differenza della Ferrari, che opta per gomme morbide. Opta per le medie anche Valtteri Bottas, penalizzato in griglia, che strappa il secondo tempo. Più dietro, realizza un ottimo tempo Carlos Sainz Jr., ponendosi in mezzo i tempi delle due Red Bull. Completano il quadro dei primi dieci provvisori le due Renault e Sergio Pérez.

Poco dopo Gasly sale al decimo posto, Ricciardo si migliora poco, mentre resta più staccato Kvjat. Lando Norris scala ottavo, eliminando così Gasly. Verstappen cerca, senza successo, di far segnare un tempo con gomme morbide, a differenza di Leclerc, che si migliora usando un treno di gomme soft, che diventa così la mescola con cui il monegasco partirà in gara. Nico Hülkenberg si migliora nell'ultimo tentativo. Non passano alla fase finale Pérez, Gasly, Stroll, Kvjat e Magnussen.

Il tedesco della Renault è anche il primo a far segnare un tempo nella Q3, battuto poi dalle due McLaren. Lewis Hamilton si piazza al comando, con 1'34"828. Il britannico precede Bottas, a due decimi, e Vettel, a mezzo secondo. L'ultimo settore sembra penalizzare le Ferrari: Charles Leclerc è quarto, prima dell'arrivo di Verstappen, che chiude col secondo tempo.

Nella parte finale di sessione Daniel Ricciardo, che sfrutta un solo tentativo veloce, è settimo. Con gli altri piloti che tentano un secondo giro veloce, si verifica un'incomprensione tra le due Ferrari: Vettel, troppo lento, rallenta anche Leclerc, che prende la bandiera a scacchi, e non può così completare il suo secondo giro.

Hamilton abbassa il tempo a 1'34"779, registrando il nuovo record della pista. Bottas, comunque penalizzato, resta col secondo crono; alle sue spalle si piazzano Verstappen e Vettel che, proprio grazie alla penalizzazione del finnico, scalano di una posizione in griglia, come tutti gli altri piloti.[17] Hamilton conquista la sua ottantottesima pole position nel mondiale, dopo un digiuno di nove gare che durava dal Gran Premio di Germania.

Al termine delle qualifiche, la FIA multa di 5 000 euro la Scuderia Toro Rosso per unsafe release, in quanto Daniil Kvjat è stato mandato in pista mentre stava sopraggiungendo Romain Grosjean. I due piloti non sono andati al contatto.

RisultatiModifica

Nella sessione di qualifica[21] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Q1 Q2 Q3 Griglia
1 44   Lewis Hamilton   Mercedes 1'35"851 1'35"634 1'34"779 1
2 77   Valtteri Bottas   Mercedes 1'36"200 1'35"674 1'34"973 20[15]
3 33   Max Verstappen   Red Bull Racing-Honda 1'36"390 1'36"275 1'35"139 2
4 16   Charles Leclerc   Ferrari 1'36"478 1'35"543 1'35"219 3
5 5   Sebastian Vettel   Ferrari 1'36"963 1'35"786 1'35"339 4
6 23   Alexander Albon   Red Bull Racing-Honda 1'36"102 1'36"718 1'35"682 5
7 4   Lando Norris   McLaren-Renault 1'37"545 1'36"764 1'36"436 6
8 3   Daniel Ricciardo   Renault 1'37"106 1'36"785 1'36"456 7
9 55   Carlos Sainz Jr.   McLaren-Renault 1'37"358 1'36"308 1'36"459 8
10 27   Nico Hülkenberg   Renault 1'37"506 1'36"859 1'36"710 9
11 11   Sergio Pérez   Racing Point-BWT Mercedes 1'36"961 1'37"055 N.D. 10
12 10   Pierre Gasly   Scuderia Toro Rosso-Honda 1'37"198 1'37"089 N.D. 11
13 18   Lance Stroll   Racing Point-BWT Mercedes 1'37"528 1'37"103 N.D. 12
14 26   Daniil Kvjat   Scuderia Toro Rosso-Honda 1'37"683 1'37"141 N.D. 13
15 20   Kevin Magnussen   Haas-Ferrari 1'37"710 1'37"254 N.D. 14
16 8   Romain Grosjean   Haas-Ferrari 1'38"051 N.D. N.D. 15
17 99   Antonio Giovinazzi   Alfa Romeo Racing-Ferrari 1'38"114 N.D. N.D. 16
18 7   Kimi Räikkönen   Alfa Romeo Racing-Ferrari 1'38"383 N.D. N.D. 17
19 63   George Russell   Williams-Mercedes 1'38"717 N.D. N.D. 18
20 88   Robert Kubica   Williams-Mercedes 1'39"236 N.D. N.D. 19
Tempo limite 107%: 1'42"561

In grassetto sono indicate le migliori prestazioni in Q1, Q2 e Q3.

GaraModifica

ResocontoModifica

Prima della gara la FIA mette sotto indagine la vettura di Charles Leclerc, in quanto la quantità di benzina presente è differente da quanto dichiarato dalla Ferrari.

Al via Lewis Hamilton scatta dalla pole position e rimane al comando; il britannico precede Max Verstappen, Charles Leclerc, Sebastian Vettel, Alexander Albon e le due McLaren. Nel corso del primo giro Leclerc ha la meglio su Verstappen, che resiste all'attacco dell'altro ferrarista Vettel. Il tedesco, nel secondo giro, riesce a passare l'olandese, che però si riprende subito la terza posizione. Nelle retrovie si fa largo Valtteri Bottas: partito ultimo, già alla fine del secondo giro è salito al quattordicesimo posto.

Hamilton amplia subito il margine su Leclerc, tanto che al decimo giro il neocampione del mondo ha già oltre 5 secondi di vantaggio sul monegasco, 8 su Verstappen e 12 su Vettel. Bottas risale ancora, entrando in zona punti, scavalcando anche Sergio Pérez, dopo qualche giro di attesa. La rimonta del finnico è limitata dal fatto che la direzione di gara, nei primi minuti, non concede l'uso del DRS, per un problema tecnico.

Al dodicesimo giro le due Ferrari, una dietro l'altra, procedono al pit stop, passando a gomme dure. Al momento della sostituzione degli pneumatici di Vettel c'è una piccola imprecisione che costa al tedesco qualche secondo. Il giro successivo è il turno del passaggio ai box per Alexander Albon. Hamilton conduce ora su Verstappen, Leclerc, Nico Hülkenberg, Valtteri Bottas (che non hanno ancora cambiato gomme), Vettel, Albon e Pérez.

Vettel attacca Bottas, ma senza riuscire a passare il pilota della Mercedes. Poco dopo, al giro 18, la direzione di gara comunica che il DRS è nuovamente utilizzabile. Ne approfitta Bottas che passa Hülkenberg. Subito dopo il pilota della Renault va al cambio gomme. Al venticinquesimo giro si ferma Max Verstappen, che monta gomme di mescola dura. L'olandese rientra in gara alle spalle di Leclerc.

Lewis Hamilton attende il giro 26 per montare gomme nuove, optando anch'egli per gomme dure. Il britannico mantiene comodamente il comando della gara, con oltre 7 secondi di vantaggio su Charles Leclerc, oltre 12 su Max Verstappen, 26 su Bottas e 30 su Vettel. Al giro 29 si ferma anche l'altro pilota della Mercedes, Bottas. Il finlandese segue la stessa strategia degli altri piloti di testa, montando gomme hard. Dopo il pit stop Bottas è sesto, alle spalle di Albon.

Verstappen si avvicina a Leclerc, passandolo al giro 31. Il monegasco non sembra avere un bel ritmo, tanto che al trentottesimo giro c'è un nuovo pit stop per le due Ferrari, ancora una dietro l'altra. Leclerc opta per gomme medie, mentre Vettel monta un treno di gomme soft. Leclerc rientra in pista nuovamente terzo, precedendo di poco sia Albon che Bottas. Vettel, invece, cede due posizioni, rimanendo alle spalle di questi due piloti.

Al giro 39 Valtteri Bottas prende la posizione ad Alexander Albon. Nei giri finali il thailandese deve vedersi dalla rimonta di Vettel, che passa il pilota della Red Bull al giro 53. Anche Bottas riesce ad avvicinarsi a Leclerc, senza aver però l'opportunità di un sorpasso.[22]

Lewis Hamilton conquista la sua ottantaquattresima vittoria nel mondiale di Formula 1.[9] Il britannico festeggia anche il suo sesto Grand Chelem in carriera (pole position, vittoria, giro veloce e gara comandata per tutti i giri).[1] Hamilton tocca i 413 punti in stagione, nuovo record per un pilota in un'annata.[23] Il neocampione del mondo ottiene anche il nuovo record di numero di gran premi con almeno un giro in testa nel corso di una singola stagione, con 19.[24]

RisultatiModifica

I risultati del Gran Premio[25] sono i seguenti:

Pos Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 44   Lewis Hamilton   Mercedes 55 1h34'05"715 1 26
2 33   Max Verstappen   Red Bull Racing-Honda 55 +16"772 2 18
3 16   Charles Leclerc   Ferrari 55 +43"435 3 15
4 77   Valtteri Bottas   Mercedes 55 +44"379 20 12
5 5   Sebastian Vettel   Ferrari 55 +1"04"357 4 10
6 23   Alexander Albon   Red Bull Racing-Honda 55 +1'09"205 5 8
7 11   Sergio Pérez   Racing Point-BWT Mercedes 54 +1 giro 10 6
8 4   Lando Norris   McLaren-Renault 54 +1 giro 6 4
9 26   Daniil Kvjat   Scuderia Toro Rosso-Honda 54 +1 giro 13 2
10 55   Carlos Sainz Jr.   McLaren-Renault 54 +1 giro 8 1
11 3   Daniel Ricciardo   Renault 54 +1 giro 7
12 27   Nico Hülkenberg   Renault 54 +1 giro 9
13 7   Kimi Räikkönen   Alfa Romeo Racing-Ferrari 54 +1 giro 17
14 20   Kevin Magnussen   Haas-Ferrari 54 +1 giro 14
15 8   Romain Grosjean   Haas-Ferrari 54 +1 giro 15
16 99   Antonio Giovinazzi   Alfa Romeo Racing-Ferrari 54 +1 giro 16
17 63   George Russell   Williams-Mercedes 54 +1 giro 18
18 10   Pierre Gasly   Scuderia Toro Rosso-Honda 53 +2 giri 11
19 88   Robert Kubica   Williams-Mercedes 53 +2 giri 19
Rit 18   Lance Stroll   Racing Point-BWT Mercedes 45 Freni 12

Lewis Hamilton riceve un punto addizionale per aver segnato il giro più veloce della gara.

Classifiche mondialiModifica

Decisioni della FIAModifica

Al termine della gara, la FIA multa di 50 000 euro la Ferrari, per la dichiarazione inappropriata di 4,88 kg di carburante in meno che erano stati imbarcati nel serbatoio della vettura di Charles Leclerc, prima della partenza del gran premio.[26]

NoteModifica

  1. ^ a b (FR) Statistiques Pilotes-Divers-Grand chelem-Hamilton Lewis, su statsf1.com. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  2. ^ Giacomo Rauli, F1: Honda si lega a Red Bull e Toro Rosso fino al 2021, su it.motorsport.com, 27 novembre 2019. URL consultato il 27 novembre 2019.
  3. ^ Formula 1: il nuovo regolamento tecnico slitta al 2022, su Automoto.it. URL consultato il 16 aprile 2020.
  4. ^ Matteo Nugnes, Ufficiale: la Williams promuove Latifi accanto a Russell nel 2020, su it.motorsport.com, 28 novembre 2019. URL consultato il 28 novembre 2019.
  5. ^ F1, GP Abu Dhabi 2019: le gomme Pirelli scelte da Ferrari, Red Bull e Mercedes. Le possibili strategie per qualifiche e gara, su oasport.it, 26 novembre 2019. URL consultato il 26 novembre 2019.
  6. ^ (EN) FORMULA 1 ETIHAD AIRWAYS ABU DHABI GRAND PRIX 2019, su formula1.com. URL consultato il 26 novembre 2019.
  7. ^ Roberto Chinchero, Mercedes: quarto motore per Bottas ad Abu Dhabi, su it.motorsport.com, 27 novembre 2019. URL consultato il 27 novembre 2019.
  8. ^ Stefano Ollanu, Nel 2020 la Toro Rosso si chiamerà Scuderia Alpha Tauri, su formulapassion.it, 16 ottobre 2019. URL consultato il 26 novembre 2019.
  9. ^ a b (FR) 21. Abou Dhabi 2019, su statsf1.com. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  10. ^ (EN) Abu Dhabi Grand Prix – Event&Timing Information, su fia.com, 27 novembre 2019. URL consultato il 27 novembre 2019.
  11. ^ Franco Nugnes e Giorgio Piola, Ferrari: a Vettel nel crash si è rotto anche il cambio, su it.motorsport.com, 29 novembre 2019. URL consultato il 29 novembre 2019.
  12. ^ Franco Nugnes, F1 Abu Dhabi, Libere 1: Bottas domina, Vettel sbatte!, su it.motorsport.com, 29 novembre 2019. URL consultato il 29 novembre 2019.
  13. ^ Giacomo Rauli, F1: reprimenda a Bottas dopo l'incidente con Grosjean nelle FP2, su it.motorsport.com, 29 novembre 2019. URL consultato il 29 novembre 2019.
  14. ^ Franco Nugnes, F1 Abu Dhabi, Libere 2: Bottas fa il vuoto e urta Grosjean, su it.motorsport.com, 29 novembre 2019. URL consultato il 29 novembre 2019.
  15. ^ a b Valtteri Bottas penalizzato di 35 posizioni sulla griglia di partenza, per la sostituzione di diverse componenti di due power unit. Roberto Chinchero, Mercedes: Bottas partirà in fondo, power unit tutta nuova, su it.motorsport.com, 28 novembre 2019. URL consultato il 28 novembre 2019. Giacomo Rauli, Mercedes: Bottas, power unit KO: la 5 sarà meno estrema, su it.motorsport.com, 30 novembre 2019. URL consultato il 30 novembre 2019.
  16. ^ Franco Nugnes, F1 Abu Dhabi, Libere 3: Verstappen si presenta, su it.motorsport.com, 30 novembre 2019. URL consultato il 30 novembre 2019.
  17. ^ a b (FR) Emmanuel Touzot, Hamilton en pole devant Verstappen à Abu Dhabi, su motorsport.nextgen-auto.com, 30 novembre 2019. URL consultato il 30 novembre 2019.
  18. ^ Prima sessione di prove libere del venerdì
  19. ^ Seconda sessione di prove libere del venerdì
  20. ^ Sessione di prove libere del sabato, su formula1.com.
  21. ^ Sessione di qualifica, su formula1.com.
  22. ^ Yas Marina - La cronaca-Netto dominio Hamilton-Mercedes, su italiaracing.net, 1º dicembre 2019. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  23. ^ (FR) Statistiques Pilotes-Points-Grand chelem-Dans une année, su statsf1.com. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  24. ^ (FR) Statistiques Pilotes-En tête-Dans une année, su statsf1.com. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  25. ^ Risultati del Gran Premio, su formula1.com.
  26. ^ Franco Nugnes, Caso benzina Leclerc: Ferrari multata di 50 mila dollari!, su it.motorsport.com, 1º dicembre 2019. URL consultato il 1º dicembre 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2019
                                         
   

Edizione precedente:
2018
Gran Premio di Abu Dhabi Edizione successiva:
2020
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1