Clay Regazzoni

pilota automobilistico svizzero
Clay Regazzoni
Anefo 924-6609 Clay Reggazoni, Catherine Blaton, Jacky Ickx Zandvoort 18 06 1971 - Cropped.jpg
Regazzoni nel 1971 ai box di Zandvoort
Nazionalità Svizzera Svizzera
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Categoria Formula 2, Formula 1, Sport Prototipo, 24 Ore di Le Mans
Termine carriera 30 marzo 1980
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1970-1980
Scuderie Ferrari 1970-1972
BRM 1973
Ferrari 1974-1976
Ensign 1977
Shadow 1978
Williams 1979
Ensign 1980
Miglior risultato finale 2º (1974)
GP disputati 139 (132 partenze)
GP vinti 5
Podi 28
Pole position 5
Giri veloci 15
Carriera in Formula 2
Esordio 7 aprile 1968
Stagioni 1968-1971, 1977-1979
Scuderie Tecno 1968
Ferrari 1969
Tecno 1969-1970
Francia Shell-Arnold Team 1971
Regno Unito Project Four Racing 1977
Nuova Zelanda Ardmore Racing 1977
Minardi 1978-1979
Mondiali vinti 1 (1970)
GP disputati 26 (25 partenze)
GP vinti 4
Podi 8
Pole position 3
Giri veloci 1
Carriera nella 24 Ore di Le Mans
Esordio 13 giugno 1970
Stagioni 1970
Scuderie Ferrari 1970
GP disputati 1
 

«Viveur, danseur, calciatore, tennista e, a tempo perso, pilota: così ho definito Clay Regazzoni, il brillante, intramontabile Clay, ospite d'onore ideale per le più disparate manifestazioni alla moda, grande risorsa dei rotocalchi femminili. Lo contattai fin dal 1969 [...]. L'anno dopo vinse un memorabile Gran Premio d'Italia a Monza. Poi si affinò, come stile e temperamento, che era fra i più audaci, fino a diventare un ottimo professionista. Gli avversari lo hanno sempre rispettato.»

(Enzo Ferrari[1])

Gianclaudio Giuseppe "Clay" Regazzoni (Lugano, 5 settembre 1939Fontevivo, 15 dicembre 2006) è stato un pilota automobilistico svizzero.

Pilota istintivo e dalla guida aggressiva, aveva un'ottima capacità nella messa a punto delle vetture, dovuta alle conoscenze di meccanica acquisite nell'officina di famiglia.[2] Durante la sua carriera vinse il titolo di campione europeo di Formula 2 nel 1970 e conquistò 5 Gran Premi iridati in Formula 1, sfiorando la vittoria del mondiale nel 1974.

CarrieraModifica

Gli esordiModifica

Vantò brevi trascorsi giovanili da calciatore nelle file del Noranco.[3] Dopo l'apprendistato di carrozziere nella ditta dello zio a Mendrisio, e spinto dall'amico Silvio Moser,[4] nel 1963, all'età di 24 anni, esordì nelle corse disputando alcune cronoscalate con una Austin-Healey Sprite 950.[5] Prosegue l'attività sportiva l'anno successivo al volante di una Mini Cooper S 1071.[5] Nel 1965 prese parte al corso di pilotaggio di Jim Russell e risultò essere il migliore, guadagnandosi l'ingaggio in Formula 3 su una Brabham-Ford.[5]

Disputò la sua prima gara di Formula 2 nel 1966 a Siracusa, sempre con una Brabham, dove colse la pole position.[6] Nel 1967 continuò in Formula 3, passando alla Tecno e vincendo il XV Gran Premio de España per F2 e F3 a Jarama:[7] a fine stagione si classificò secondo nella Coppa Europa disputatasi in gara unica a Hockenheim,[8] piazzamento che consegnò la Coppa delle Nazioni alla Svizzera.[9]

L'anno seguente Regazzoni disputò varie gare in F3, facendo stavolta sua la Coppa Europa a Hockenheim, contribuendo con questa vittoria alla seconda affermazione consecutiva della nazione elvetica nella Coppa delle Nazioni,[10] e salvandosi miracolosamente in un incidente occorsogli sul circuito di Monte Carlo: all'uscita della chicane dopo il tunnel, Regazzoni perse il controllo della sua Tecno 68 andando a sbattere violentemente contro le barriere. Le ridotte dimensioni della monoposto fecero sì che essa s'infilasse sotto il guard rail, con la lama di metallo che passò sopra l'abitacolo: lo svizzero si rannicchiò istintivamente, riuscendo ad abbassarsi quel tanto che gli bastò per evitare la decapitazione, e la vettura si fermò quando il roll-bar dietro la sua testa andò a incastrarsi sotto la barriera.[11]

 
La Ferrari 312 PB di Regazzoni nel 1971 alla 1000 km del Nürburgring

Il suo impegno principale fu però il Campionato Europeo di Formula 2 con lo stesso team, dove saltò tre delle nove gare e conquistò due podi, per poi terminare la stagione in Sudamerica disputando la XVII Temporada Argentina, sempre con la Tecno di F2[12] Nel 1969 fu attivo ancora nell'Europeo dove cominciò la stagione con una Ferrari Dino 166 F2, ritornando poi a metà campionato sulla Tecno 68-Cosworth FVA con cui conquistò il suo migliore risultato, il quarto posto al Gran Premio di Enna.

L'anno della sua definitiva affermazione fu il 1970, quando diventò campione europeo di Formula 2 sempre con la Tecno, vincendo quattro delle otto gare della serie e riuscendo solo alla penultima gara (grazie alla regola degli "scarti" all'epoca in vigore) ad avere la meglio del più regolare Derek Bell.[13] Prese parte nello stesso anno anche alla 24 Ore di Le Mans,[14] la sua prima gara con vetture Sport Prototipo, al volante della Ferrari 512 S ufficiale in coppia con Arturo Merzario, nell'edizione dello scontro frontale Ferrari-Porsche; Merzario aveva mantenuto la loro vettura tra le prime posizioni fino al cambio, quando Regazzoni fu costretto al ritiro dopo sole due ore di gara a causa dell'incidente sotto la pioggia con la 512 S di Reine Wisell, che procedeva lentamente in pista dopo un'uscita di strada[15] (probabilmente causata da un'incomprensione con l'Alfa Romeo T33/3 di Andrea De Adamich).[16]

In seguito avrebbe ancora partecipato a gare del Campionato Mondiale Marche con la Ferrari 312 PB nel 1971 e 1972,[17] vincendo in quest'ultima stagione la 1000 km di Monza assieme a Jacky Ickx[18] e la 9 Ore di Kyalami in coppia con Merzario[19][20] (fuori campionato), contribuendo così al successo della Scuderia Ferrari nella classifica finale. Nel 1973 fu ingaggiato dall'Autodelta e con la nuova Alfa Romeo Tipo 33 TT/12 disputò la Targa Florio, la 1000 km del Nürburgring e la 1000 km di Zeltweg, ma un incidente in prova nella gara siciliana (dove l'equipaggio Regazzoni/Facetti aveva ottenuto il terzo tempo in qualifica) e due ritiri nelle altre due gare chiusero la parentesi con la casa milanese.[17] Prese anche parte ad alcune gare del Campionato ProCar del 1979.[21]

La Formula 1Modifica

 
Regazzoni sul podio del Gran Premio del Brasile 1974, secondo dietro al vincitore Fittipaldi.

Regazzoni fece un esordio sensazionale in Formula 1 con la Scuderia Ferrari nel 1970, invertendosi con Ignazio Giunti alla guida della seconda vettura.[2] All'esordio giunse subito a punti ottenendo il quarto posto al Gran Premio d'Olanda e, dopo sole quattro gare, riuscì ad aggiudicarsi il Gran Premio d'Italia (nonostante negli ultimi giri la sua vettura perdesse benzina),[22] terminando poi il campionato al terzo posto, alle spalle dell'iridato Jochen Rindt e del compagno di squadra Jacky Ickx.

Nel biennio successivo, a causa dello stato di crisi in cui cadde la squadra italiana,[4] ottenne magri risultati, salendo sul podio solo quattro volte e centrando una sola pole position. Si accordò quindi con la BRM per la stagione 1973, facendo squadra con Jean-Pierre Beltoise e con il promettente Niki Lauda. Proprio con quest'ultimo farà ritorno in Ferrari l'anno successivo, suggerendo peraltro a Enzo Ferrari l'ingaggio del giovane austriaco[4] e andando a formare, con il direttore sportivo Luca Cordero di Montezemolo e il direttore tecnico Mauro Forghieri, la base del gruppo che riporterà la Scuderia ai vertici mondiali. In un triennio la coppia di piloti dette a Maranello due titoli costruttori (nel 1975 e nel 1976), mentre da par suo Regazzoni raggiunse nel 1974 il suo migliore piazzamento nel mondiale piloti, secondo a sole tre lunghezze dall'iridato Emerson Fittipaldi (quando, dopo essere arrivato a pari punti col brasiliano alla vigilia dell'ultima gara, dovette arrendersi a causa di problemi alle sospensioni[4]).

Tuttavia, dopo aver perso il campionato del '74 Regazzoni venne messo in secondo piano dalla Ferrari, che a partire dalla stagione seguente puntò sull'emergente Lauda. Ciò causò un deterioramento dei rapporti con la squadra, ma il peggio venne con la primavera del 1976, dopo la partecipazione dello svizzero a un varietà televisivo della RAI, che ebbe come conseguenza una dichiarazione del Drake che lo definì: «Viveur, danseur, calciatore, tennista e, a tempo perso, pilota»; da quel momento Regazzoni capì che la sua storia nella Scuderia era finita, giacché per la stessa stampa era diventato un «pilota a tempo perso».[23]

Cercò quindi un nuovo ingaggio e, in seguito al fallito accordo con la Brabham dovuto al veto posto da Carlos Pace,[4] passò dapprima alla neonata Ensign nel 1977 e poi alla Shadow nel 1978. Regazzoni fu protagonista di un paio di stagioni incolori fino al 1979, anno in cui Frank Williams lo assunse nella sua squadra per fare coppia con Alan Jones; lo svizzero regalò alla squadra inglese la sua prima vittoria a Silverstone e diversi buoni piazzamenti (tra cui un secondo posto conquistato a Monte Carlo, rimontando dalle ultime file dello schieramento), ma nonostante questo fu esonerato a fine stagione in favore di Carlos Reutemann (il quale già aveva preso il suo posto nel 1977 alla Ferrari).

Tornato all'Ensign, la carriera di Regazzoni terminò il 30 marzo 1980 in seguito a un incidente nel Gran Premio degli Stati Uniti d'America-Ovest a Long Beach: la sua vettura uscì di pista al 51º giro a causa di un'avaria all'impianto frenante[4] e si schiantò a 270 km/h contro la Brabham di Ricardo Zunino, che era stata abbandonata dai commissari nella via di fuga dopo il ritiro dell'argentino. Le gravi ferite che il pilota riportò alle gambe e alla spina dorsale lo resero paraplegico per il resto della vita, e un successivo intervento, che avrebbe dovuto essere risolutore, ne peggiorò ancora più le condizioni.

Dopo il ritiroModifica

 
Regazzoni (a destra) in un'intervista durante gli ultimi anni di vita

Pur costretto su una sedia a rotelle, Regazzoni non abbandonò il mondo dei motori partecipando ad alcune gare rallystiche su vetture con comandi modificati per l'occasione, e rivelandosi un assai apprezzato commentatore sportivo oltre che promotore dell'inserimento dei disabili nello sport; in questo senso, è stato nel 1993 uno dei fondatori, insieme con Luca Pancalli, della Federazione Italiana Sportiva Automobilismo Patenti Speciali (FISAPS).

Regazzoni perse la vita il 15 dicembre 2006, all'età di 67 anni, a causa di un incidente stradale lungo l'Autostrada A1, all'altezza dello svincolo di Fontevivo con l'A15 Parma-La Spezia;[24][25] inizialmente si pensò a un malore alla guida all'origine del decesso, ipotesi smentita dall'autopsia.[26]

I funerali si svolsero nella chiesa del Sacro Cuore di Lugano. Regazzoni venne tumulato nel cimitero di Porza, a nord di Lugano.[27]

RisultatiModifica

Formula 1Modifica

1970 Scuderia Vettura                           Punti Pos.
Ferrari 312 B 4 4 Rit 2 1 2 13 2 33
1971 Scuderia Vettura                       Punti Pos.
Ferrari 312 B e 312 B2 3 Rit Rit 3 Rit Rit 3 Rit Rit Rit 6 13
1972 Scuderia Vettura                         Punti Pos.
Ferrari 312 B2 4 13 3 Rit Rit 2 Rit Rit 5 8 15
1973 Scuderia Vettura                               Punti Pos.
BRM 160D e 160E 7 6 Rit 9 10 Rit 9 12 7 8 Rit 6 Rit 8 2 17º
1974 Scuderia Vettura                               Punti Pos.
Ferrari 312 B3-74 3 2 Rit 2 4 4 Rit 2 3 4 1 5 Rit 2 11 52
1975 Scuderia Vettura                             Punti Pos.
Ferrari 312 B3-74 e 312 T 4 4 16 NC Rit 5 3 3 Rit 13 Rit 7 1 Rit 25
1976 Scuderia Vettura                                 Punti Pos.
Ferrari 312 T e 312 T2 7 Rit 1 11 2 14 6 Rit Rit 9 2 2 6 7 5 31
1977 Scuderia Vettura                                   Punti Pos.
Ensign MN177 6 Rit 9 Rit Rit NQ Rit 7 7 NQ Rit Rit Rit 5 5 Rit Rit 5 17º
1978 Scuderia Vettura                                 Punti Pos.
Shadow DN8 e DN9 15 5 NQ 10 NQ Rit 15 5 Rit Rit NQ NC NQ NC 14 NQ 4 16º
1979 Scuderia Vettura                               Punti Pos.
Williams FW06 e FW07 10 15 9 Rit Rit Rit 2 6 1 2 5 Rit 3 3 Rit 29 (32)
1980 Scuderia Vettura                             Punti Pos.
Ensign MN180 NC Rit 9 Rit 0
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti/Non class. Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Squalificato Ritirato Non partito Non qualificato Solo prove/Terzo pilota

24 Ore di Le MansModifica

Anno Classe Gomme Vettura Squadra Co-piloti Giri Pos.
Assol.
Pos. di
Classe
1970 S
5.0
8 F Ferrari 512 S
Ferrari 5.0L V12
Ferrari   Arturo Merzario 38 DNF DNF

Formula 2Modifica

Stagione Team 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 Punti Pos.
1968 Tecno HOC THR JAR
4
ZOL CRY
2
TUL ZAN
Rit
PER
3
HOC
Rit
VAL
NC
13
1969 Scuderia Ferrari SEFAC SpA
Tecno
THR
6
HOC
NP
NÜR
Rit
JAR
11
TUL PER
3
VAL 5 10º
1970 Tecno THR
5
HOC
1
MON
8
CRY
1
PER
1
TUL
Rit
IMO
1
HOC
2
44
1971 Shell-Arnold Team HOC THR NÜR JAR CRY ROU MAN TUL ALB VAL VAL
Rit
0 NC
1977 Project Four Racing
Ardmore Racing
SIL THR HOC NÜR
Rit
VAL PAU MUG ROU NOG PER MIS
6
EST DON 0‡ NC
1978 Minardi THR HOC NÜR PAU MUG VAL ROU DON NOG PER MIS
Rit
HOC
Rit
0 NC
1979 Minardi SIL
Rit
HOC THR NÜR VAL MUG
Rit
PAU HOC ZAN PER MIS
Rit
DON 0 NC

‡ È stato assegnato metà punteggio in quanto è stata completata meno del 75% della distanza di gara.

Clay Regazzoni nella cultura di massaModifica

Nel film Rush del 2013, diretto da Ron Howard e incentrato sulla rivalità sportiva nella Formula 1 degli anni 1970 tra James Hunt e Niki Lauda, è presente nel cast principale anche la figura di Clay Regazzoni (all'epoca compagno di squadra di Lauda in Ferrari), interpretato dall'attore italiano Pierfrancesco Favino.[28]

NoteModifica

  1. ^ Ferrari, p. 118.
  2. ^ a b Clay Regazzoni: Don Chisciotte, su autosprint.corrieredellosport.it, 20 maggio 2010. URL consultato il 26 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2014).
  3. ^ Quando Clay era (quasi) un... Pelé, in Autosprint, n. 26, 26 giugno - 3 luglio 1972, p. 24.
  4. ^ a b c d e f Orefici, pp. 19-22.
  5. ^ a b c Gli esordi, su clayregazzoni.com. URL consultato il 26 luglio 2014.
  6. ^ http://www.clayregazzoni.com/gare.asp?Anno=1966
  7. ^ Formula 3 1967 - Jarama 12.11
  8. ^ http://www.clayregazzoni.com/gare.asp?Anno=1967
  9. ^ European F3 Challenge 1967
  10. ^ Formula 3 1968 - Hockenheim 11.08
  11. ^ (EN) David Tremayne, Obituary - Clay Regazzoni, in The Independent, 18 dicembre 2006. URL consultato il 1º agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2007).
  12. ^ Formula 2 1968 - Championship Tables.
  13. ^ Formula 2 1970 - Table
  14. ^ http://www.clayregazzoni.com/gare.asp?Anno=1970
  15. ^ Articolo su Le Mans 1970 su slotrace.dk - La gara - parte 1, su slotrace.dk. URL consultato il 21 luglio 2010.
  16. ^ I racconti di Pedro - Seconda parte - Da Spa alla 24 Ore di Le Mans 1970, su gpx.it. URL consultato il 13 aprile 2014.
  17. ^ a b Clay Regazzoni - All Results, su racingsportscars.com. URL consultato il 13 aprile 2014.
  18. ^ World Championship 1972
  19. ^ http://www.clayregazzoni.com/gare.asp?Anno=1972
  20. ^ Kyalami 9 Hours 1972 - Photo Gallery - Racing Sports Cars
  21. ^ Clay Regazzoni - Complete Archive - Racing Sports Cars
  22. ^ Nestore Morosini, La Ferrari vittoriosa perdeva benzina, in Corriere dello Sport, 7 settembre 1970, p. 11 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2013).
  23. ^ Regazzoni, De Agostini, p. 224.
  24. ^ Incidente sulla A1, muore Clay Regazzoni - Grande dentro e fuori dai circuiti
  25. ^ Clay Regazzoni muore in un incidente d'auto
  26. ^ Regazzoni, niente malore, su gazzetta.it, 19 dicembre 2006.
  27. ^ Addio Clay, su motorzone.it. URL consultato il 7 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2013).
  28. ^ Rush - Pierfrancesco Favino accanto a Chris Hemsworth e Daniel Bruhl, su cineblog.it, 8 maggio 2012. URL consultato il 13 aprile 2014.

BibliografiaModifica

  • Clay Regazzoni, È questione di cuore, con Cesare De Agostini, Milano, Sperling & Kupfer, 1982, ISBN 88-200-0213-2.
  • Oscar Orefici, Clay Regazzoni, campione di cuore, in Fuorigiri - Storia, leggende, eroi dell'automobilismo sportivo, vol. 1, 1992.
  • Enzo Ferrari, Piloti, che gente..., supplemento ad Autosprint nº 15 del 15-21 aprile 2003, Bologna, Conti Editore, 2003 [1985], SBN IT\ICCU\UBO\2174365.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN71401735 · ISNI (EN0000 0000 5509 6602 · LCCN (ENn83018055 · GND (DE132574322 · BNF (FRcb12012378w (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n83018055