Apri il menu principale

Gran Premio motociclistico degli Stati Uniti d'America 1991

Stati Uniti GP degli Stati Uniti d'America 1991
467º GP della storia del Motomondiale
3ª prova su 15 del 1991
Laguna Seca.svg
Data 21 aprile 1991
Nome ufficiale 1991 United States International Grand Prix
Luogo Laguna Seca
Percorso 3,534 km
Risultati
Classe 500
422º GP nella storia della classe
Distanza 35 giri, totale 123,69 km
Pole position Giro veloce
Stati Uniti Wayne Rainey Stati Uniti Wayne Rainey
Yamaha in 1'26.464 Yamaha in 1'27.040
Podio
1. Stati Uniti Wayne Rainey
Yamaha
2. Australia Mick Doohan
Honda
3. Stati Uniti Kevin Schwantz
Suzuki
Classe 250
429º GP nella storia della classe
Distanza 30 giri, totale 106,02 km
Pole position Giro veloce
Italia Luca Cadalora Italia Luca Cadalora
Honda in 1'29.030 Honda in 1'28.912
Podio
1. Italia Luca Cadalora
Honda
2. Paesi Bassi Wilco Zeelenberg
Honda
3. Italia Loris Reggiani
Aprilia
Classe sidecar
Distanza 30 giri, totale 106,02 km
Pole position Giro veloce
Francia Michel - Birchall Francia Michel - Birchall
LCR - Krauser in 1'32.023 LCR - Krauser in 1'32.212
Podio
1. Regno Unito Webster - Simmons
LCR - Krauser
2. Francia Michel - Birchall
LCR - Krauser
3. Regno Unito D. Dixon - S. Dixon
LCR - Krauser

Il Gran Premio motociclistico degli Stati Uniti d'America 1991 è stato la terza prova del motomondiale del 1991. Si tratta della nona edizione nella storia di questo GP, la sesta valevole per il motomondiale.

La gara della classe 500 viene vinta da Wayne Rainey, per lo statunitense del Marlboro Team Roberts, autore anche della pole e del giro veloce, si tratta della seconda vittoria stagionale e del terzo piazzamento a podio in tre gare corse. Secondo a quasi sette secondi di ritardo dal vincitore giunge l'australiano Mick Doohan su Honda NSR 500, terzo si posiziona invece Kevin Schwantz con la Suzuki RGV Γ 500 del team Lucky Strike Suzuki.[1][2] La classifica di campionato vede i piloti giunti sul podio di questa gara nelle prime tre posizioni, con Rainey in testa con 55 punti, Doohan secondo con 51 e Schwantz terzo con 46.

Così come già accaduto al GP d'Australia, anche in questo GP sono solamente sedici i piloti titolari iscritti alla gara della classe 500. L'esiguo numero di partecipanti viene incrementato a 18 piloti, grazie all'assegnazione di wild card a due piloti: Richard Oliver e Robbie Petersen, ambedue corrono nel campionato statunitense con il team Roberts.

La gara della classe 250 viene divisa in due frazioni, in quanto è stata interrotta al 17 giro a causa della caduta del pilota britannico Kevin Mitchell, costringendo i commissari di gara a fermare temporaneamente la corsa per rimuovere la motocicletta. I risultati vengono pertanto stabiliti dalla sommatoria dei tempi delle due fasi di gara. In entrambe le manche risulta tagliare per primo il traguardo la Honda NSR 250 guidata da Luca Cadalora, che nel computo dei trenta giri totali sopravanza di 6 secondi Wilco Zeelenberg, con Loris Reggiani terzo staccato di oltre 15 secondi.[1][2] Cadalora, giunto così alla sua terza vittoria stagionale in tre gare di campionato corse, mantiene la leadership della graduatoria piloti a punteggio pieno con 60 punti, al secondo posto si trovano Zeelenberg e Carlos Cardús, entrambi appaiati a 34 punti.

GP d'esordio per la classe sidecar, la prima gara stagionale viene vinta dall'equipaggio composto da Steve Webster e Gavin Simmons. Rolf Biland chiude la gara al quarto posto, nonostante una caduta in prova gli abbia procurato la frattura della clavicola.

Non prevista in questo GP la presenza della gara della classe 125.

Classe 500Modifica

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Squadra Motocicletta Giri Tempo Griglia Punti
1   Wayne Rainey Marlboro Team Roberts Yamaha YZR 500 35 51'19.361 20
3   Mick Doohan Rothmans Honda Honda NSR 500 35 +6.974 17
34   Kevin Schwantz Lucky Strike Suzuki Suzuki RGV Γ 500 35 +16.603 15
8   Jean-Philippe Ruggia Yamaha Sonauto Mobil 1 Yamaha YZR 500 35 +19.931 10º 13
7   Eddie Lawson Cagiva Cagiva C591 35 +21.851 11
12   Alex Barros Cagiva Cagiva C591 35 +25.091 10
5   Wayne Gardner Rothmans Honda Honda NSR 500 35 +35.069 9
6   Juan Garriga Ducados Yamaha Yamaha YZR 500 35 +43.188 8
20   Adrien Morillas Yamaha Sonauto Mobil 1 Yamaha YZR 500 35 +53.613 7
10º 27   Didier de Radiguès Lucky Strike Suzuki Suzuki RGV Γ 500 35 +1'03.059 13º 6
11º 97   Richard Oliver Marlboro Team Roberts Yamaha YZR 500 34 +1 giro 14º 5
12º 46   Robbie Petersen Marlboro Team Roberts Yamaha YZR 500 34 +1 giro 15º 4
13º 17   Eddie Laycock Millar Racing Yamaha YZR 500 34 +1 giro 16º 3
14º 16   Cees Doorakkers HEK-Bauwmachines Honda RS 500 32 +3 giri 17º 2
15º 13   Niggi Schmassman Technotron Honda RS 500 31 +4 giri 18º 1

RitiratiModifica

Pilota Squadra Motocicletta Giri Griglia
21   Doug Chandler Team Roberts Yamaha Castrol Yamaha YZR 500 22 11º
10   Sito Pons Campsa Honda Honda NSR 500 10 12º
19   John Kocinski Marlboro Team Roberts Yamaha YZR 500 6

Classe 250Modifica

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Costruttore Giri Tempo Griglia Punti
3   Luca Cadalora Honda 30 45'07.590 20
5   Wilco Zeelenberg Honda 30 +6.074 17
13   Loris Reggiani Aprilia 30 +15.044 15
2   Carlos Cardús Honda 30 +19.352 13
7   Masahiro Shimizu Honda 30 +25.933 11
18   Andreas Preining Aprilia 30 +38.725 10
6   Martin Wimmer Suzuki 30 +50.153 9
4   Helmut Bradl Honda 30 +53.263 8
11   Àlex Crivillé JJ Cobas 30 +59.804 11º 7
10º 8   Jochen Schmid Honda 30 +1'03.512 12º 6
11º 51   Jean Pierre Jeandat Honda 30 +1'18.138 5
12º 15   Carlos Lavado Yamaha 30 +1'25.047 10º 4
13º 20   Doriano Romboni Honda 30 +1'29.149 3
14º 30   Harald Eckl Aprilia 30 +1'29.756 14º 2
15º 33   Stefan Prein Honda 30 +1'37.767 1
16º 23   Jim Filice Yamaha 30 +1'39.633 15º
17º 32   Bernard Haenggeli Aprilia 30 +1'40.754
18º 47   Urs Jücker Yamaha 30 +1'46.428
19º 21   Leon van der Heijden Honda 30 +1'50.358
20º   Jaime Mariano Aprilia 30 +2'03.170
21º   Nick Ienatsch Aprilia 30 +2'18.819
22º   Chris D'Aluisio Aprilia 30 +2'22.648
23º   Rick Kirk Honda 30 +2'32.444
24º 45   Corrado Catalano Honda 30 +2'38.468
25º 26   John Cornwell Yamaha 30 +2'50.182
26º 74   Mike Sullivan Yamaha 29 +1 giro
27º   Ian Newton Honda 28 +2 giri

RitiratiModifica

Pilota Costruttore Giri Griglia
9   Pierfrancesco Chili Aprilia 24
16   Alberto Puig Yamaha 17
  Frédéric Protat Aprilia 16
  Kevin Mitchell Yamaha 15
  Allan Scott Yamaha 10
  Rick Tripodi Yamaha 7
17   Paolo Casoli Yamaha 1 13º

Classe sidecarModifica

Fonte:[3]

Arrivati al traguardoModifica

Pos. Pilota Passeggero Costruttore Giri Tempo Griglia Punti
3   Steve Webster   Gavin Simmons LCR - Krauser 30 47'03.220 20
1   Alain Michel   Simon Birchall LCR - Krauser 30 +9.465 17
17   Darren Dixon   Sean Dixon LCR - Krauser 30 +29.100 15
4   Rolf Biland   Kurt Waltisperg LCR - Honda 30 +32.018 13
8   Markus Egloff   Urs Egloff SMS - Krauser 30 +40.265 11
6   Steve Abbott   Shaun Smith LCR - Krauser 30 +43.759 10
  Ralph Bohnhorst   Bruno Hiller LCR - Krauser 30 +53.794 10º 9
  Paul Güdel   Charly Güdel LCR - Krauser 30 +1'17.234 11º 8
  René Progin   Ivan Hunziker LCR - Krauser 30 +1'26.511 7
10º   Masato Kumano   Eckart Rösinger LCR - Yamaha 30 +1'26.781 13º 6
11º   Barry Brindley   Graham Rose LCR - Yamaha 29 +1 giro 12º 5
12º   Frank Voigt   Holger Voigt LCR - Krauser 28 +2 giri 4
13º   Alfred Zurbrügg   Martin Zurbrügg LCR - Yamaha 27 +3 giri 15º 3

RitiratiModifica

Pilota Passeggero Costruttore Giri Griglia
  Barry Smith   David Smith Windle - ADM 23
  Theo van Kempen   Jan Kuyt LCR - Krauser 20
  Tony Baker   Simon Prior LCR - Krauser 18
  Derek Brindley   Nick Roche LCR - Krauser 15 14º
  Egbert Streuer   Pete Essaf LCR - Krauser 10
  Yoshisada Kumagaya   Brian Houghton LCR - Krauser 9
  Werner Kraus   Thomas Schröder Busch - ADM 9
  Gary Thomas   Gary Twenstrup LCR - Krauser 3

NoteModifica

  1. ^ a b g.d.f., Cadalora inarrestabile Primo anche negli Usa, su archiviolastampa.it, 22 aprile 1991, p. 14.
  2. ^ a b Motomondiale Cadalora domina il Gp degli Usa Molti incidenti E Rayney non ha rivali nella gara delle 500 (PDF), su archiviostorico.unita.it, 22 aprile 1991, p. 24 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2016).
  3. ^   Sidecarshop, Fim sidecar world championship USA 1991, su YouTube, 7 gennaio 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica