Ludovico Gonzaga-Nevers

diplomatico francese
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri omonimi, vedi Ludovico Gonzaga.
Ludovico Gonzaga-Nevers
Louis IV de Gonzague-Nevers.jpg
Ludovico Gonzaga-Nevers, ritratto di anonimo.
Duca di Nevers e Duca di Rethel
Stemma
In carica 1565-1595
Predecessore Enrichetta di Nevers
Successore Carlo I
Altri titoli Signore di Solarolo
Nascita Mantova, 18 settembre 1539
Morte Nesle, 23 ottobre 1595
Dinastia Gonzaga
Padre Federico II Gonzaga
Madre Margherita Paleologa
Consorte Enrichetta di Cléves
Figli Caterina
Maria Enrichetta
Federico
Francesco

Carlo

Religione cattolica
Ducato di Mantova
Gonzaga
Great coat of arms of the House of Gonzaga (post 1530).svg

Federico II
Francesco III
Guglielmo
Vincenzo I
Figli
Francesco IV
Figli
Ferdinando
Figli
Vincenzo II
Modifica

Ludovico Gonzaga, alias Luigi IV, (Mantova, 18 settembre 1539Nesle, 23 ottobre 1595), fu signore de La Guerche poi duca di Nevers dal 1565 e duca di Rethel dal 1581 fino alla morte.

BiografiaModifica

Figlio terzogenito di Federico II Gonzaga, duca di Mantova e marchese di Monferrato, e di Margherita Paleologo di Monferrato (deceduta nel 1566).

Si recò giovanissimo (10 anni) a Parigi per prendere possesso dei beni che la nonna materna, Anna d'Alençon, vedova di Guglielmo IX Paleologo, Marchese del Monferrato, gli aveva lasciato in eredità. Dal padre ereditò la signoria di Solarolo ma la vendette alla Santa Sede nel 1574.

 
Ludovico Gonzaga e Enrichetta di Cléves, duchi di Nevers, litografia del XIX secolo.

Entrato nell'esercito di Enrico II di Francia, combatté nella Battaglia di San Quintino ove fu fatto prigioniero dagli spagnoli.

Sposò quindi il 4 marzo 1565 Enrichetta di Cléves, erede della casata di Nevers e Rethel che la sposa gli portò in dote, cosicché divenne Duca di Nevers e Rethel[1].

Confidente di Caterina de' Medici, consorte del re Enrico II, fu uno degli organizzatori della Strage di San Bartolomeo, avvenuta nel 1572.[2]
Fu dignitario e diplomatico dei re di Francia Enrico III ed Enrico IV.

Nel 1580 istituì l'Ordine cavallaresco del Cordone Giallo in occasione della nascita del primogenito Carlo I, venne dallo stesso riconfermato nel 1599 in occasione del matrimonio con Caterina di Lorena[3]. fece da padrino a Francesco IV Gonzaga il giorno del suo battesimo, in rappresentanza agli altri due padrini Filippo II e Enrico III[4].

Da Ludovico ebbe origine il ramo dei Gonzaga di Nevers.

Priorato di SionModifica

Ludovico Gonzaga è stato indicato come il 15ª Gran Maestro (dal 1575 al 1595) del leggendario Priorato di Sion, secondo la prima lista compilata da Pierre Plantard.

DiscendenzaModifica

Ludovico ed Enrichetta ebbero cinque figli:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Federico I Gonzaga Ludovico III Gonzaga  
 
Barbara di Brandeburgo  
Francesco II Gonzaga  
Margherita di Baviera Alberto III di Baviera  
 
Anna di Braunschweig-Grubenhagen  
Federico II Gonzaga  
Ercole I d'Este Niccolò III d'Este  
 
Ricciarda di Saluzzo  
Isabella d'Este  
Eleonora d'Aragona Ferdinando I di Napoli  
 
Isabella di Chiaromonte  
Ludovico Gonzaga-Nevers  
Bonifacio III del Monferrato Giovanni Giacomo del Monferrato  
 
Giovanna di Savoia  
Guglielmo IX del Monferrato  
Maria Branković Stefan III Branković  
 
Angelina Arianit Komneni  
Margherita Paleologa  
Renato d'Alençon Giovanni II d'Alençon  
 
Maria d'Armagnac  
Anna d'Alençon  
Margherita di Lorena Federico II di Vaudémont  
 
Iolanda d'Angiò  
 

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine dello Spirito Santo
  Cavaliere dell'Ordine di San Michele
  Gran Maestro del Priorato di Sion
— 1575

NoteModifica

  1. ^ Cronaca universale della città di Mantova.
  2. ^ Treccani.it - Ludovico Gonzaga duca di Nevers.
  3. ^ Giovan Battista di Crollalanza, Ordini cavallereschi della famiglia Gonzaga, in Giornale Araldico genealogico diplomatico italiano, tomo I, Fermo, Giornale araldico, 1874, pp. 52-57.
  4. ^ Nascita di Francesco IV Gonzaga

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN14892486 · ISNI (EN0000 0000 6130 8720 · LCCN (ENn79142640 · GND (DE124502938 · BNF (FRcb126281123 (data) · BNE (ESXX5181048 (data) · BAV (EN495/23266 · CERL cnp01354458 · WorldCat Identities (ENlccn-n79142640