Apri il menu principale
Mafia III
videogioco
Mafia III logo.svg
Logo del gioco
PiattaformaPlayStation 4, Xbox One, Microsoft Windows, macOS
Data di pubblicazionePlayStation 4, Xbox One, Windows:
Giappone 27 ottobre 2016
Mondo/non specificato 7 ottobre 2016
macOS:
Mondo/non specificato 11 maggio 2017
GenereAzione, Avventura dinamica
TemaMondo reale
OrigineStati Uniti
SviluppoHangar 13
Pubblicazione2K Games
DirezioneHaden Blackman
ProduzioneMike Orenich
DesignMatthias Worch
ProgrammazioneLaurent Gorga
Direzione artisticaDavid Smith
SceneggiaturaWilliam Harms
MusicheJim Bonney, Jesse Harlin
SerieMafia
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputGamepad, tastiera, DualShock 4
SupportoBlu-ray Disc, DVD, download
Distribuzione digitaleSteam, PlayStation Network, Xbox Live, Mac App Store
Requisiti di sistemaMinimi: Windows 7 64-bit, CPU Core i5-2500K o CPU AMD: AMD FX-8120, RAM 6 GB, Scheda video compatibile AMD Radeon HD 7870 o NVIDIA GeForce GTX 660, HD 50 GB, Memoria video: 2GB
Consigliati: Windows 7 64-bit, CPU Core i7-3770 o CPU AMD: AMD FX 8350, RAM 8 GB, Scheda video compatibile AMD Radeon R9 290X o NVIDIA GeForce GTX 780 o GeForce GTX 1060, HD 50 GB, Memoria video: 4GB
Fascia di etàCEROZ · ESRBM · OFLC (AU): R · PEGI: 18 · USK: 18
Preceduto daMafia II

Mafia III è un videogioco action-adventure del 2016, sviluppato da Hangar 13 e pubblicato da 2K Games per PlayStation 4, Xbox One e Microsoft Windows.[1] Si tratta del terzo capitolo della saga di videogiochi

Il 5 agosto 2015 venne presentato alla Gamescom 2015 un trailer nel quale il protagonista, Lincoln Clay, un ragazzo afro-americano di ritorno dalla guerra del Vietnam, diretto con la sua macchina verso una palude; pochi istanti dopo, la telecamera inquadra un uomo immobilizzato. Arrivato a destinazione, Lincoln scende dall'auto e trascina l'uomo immobilizzato vicino all'acqua della palude piena di coccodrilli, i quali lo divoreranno vivo. Ad assistere a quella scena vi sono anche i tre compagni di Lincoln: Burke, Cassandra e Vito Scaletta (protagonista di Mafia II).

TramaModifica

Il gioco è ambientato a New Bordeaux (controparte fittizia di New Orleans) nel 1968 e tratta le vicende di Lincoln Clay, un ragazzo afro-americano (in realtà di etnia mista) che dopo essere stato abbandonato dalla madre ed aver vissuto in un orfanotrofio entra a far parte della mafia nera del Sud, comandata da Sammy Robinson, che, insieme al figlio Ellis, diventano per Lincoln rispettivamente un padre e un fratello adottivo.

Dopo che Lincoln torna dalla Guerra del Vietnam (dove ha combattuto prima in fanteria e poi nelle Forze Speciali) scopre che Sammy ha diversi debiti, dapprima con gli haitiani, dei quali eliminerà il capo Baka, e poi con la mafia italiana, capeggiata da Salvatore "Sal" Marcano, che per permettere a Sammy di risanare i debiti propone a Lincoln di rapinare la Louisiana Federal Reserve insieme al figlio Giorgi: alla rapina partecipano, oltre che Ellis ed altri, anche Danny Burke, figlio del meccanico e contrabbandiere irlandese Thomas Burke. Dopodiché Marcano propone a Lincoln di entrare nella sua organizzazione ma il ragazzo rifiuta. Quando Marcano e i suoi si presentano al bar di Sammy per dividere i guadagni, improvvisamente Giorgi spara in testa a Lincoln. Dopo di ché Marcano e i suoi uccideranno tutti gli altri, tra cui Sammy, Ellis e Danny, mentre Lincoln, inerme ma vivo, potrà soltanto stare a guardare.

Alla fine Giorgi dà fuoco al locale e Lincoln viene salvato da Padre James, il prete del quartiere e amico di Sammy e Lincoln. James riabilita in segreto Lincoln, che non appena riprende conoscenza chiede di chiamare John Donovan, un ex agente della CIA che faceva da supervisore per Lincoln quando era nelle Forze Speciali in Vietnam, con il quale deciderà di eliminare Sal Marcano e tutta la sua famiglia, e prendere il controllo della città, avvalendosi dell'aiuto di altri criminali desiderosi di controllarla: il già citato Thomas Burke, l'haitiana Cassandra (che non si fida di Lincoln perché ha assassinato il suo predecessore), e Vito Scaletta (esiliato da Empire Bay dopo i fatti di Mafia II e diventato uomo di Marcano). Comunque, mentre le motivazioni di Burke, Scaletta e Cassandra sono chiare, quelle di Donovan sono più misteriose.

La prima mossa di Lincoln è eliminare alcuni luogotenenti di Marcano: Ritchie Doucet, Roman "Macellaio" Barbieri e Michael Grecco; i rispettivi territori vanno ai suoi 3 alleati, e man mano che altri quartieri cadranno sotto il suo controllo, il giocatore sceglierà a quale di loro affidare ciascuna zona (se un alleato non riceve nuovi territori per un certo periodo, dichiarerà guerra a Lincoln). Da qui, Lincoln risale la catena di comando della famiglia Marcano, grazie alle informazioni di Donovan: i bersagli successivi sono il responsabile del racket Enzo Conti (che Lincoln risparmierà perché era amico di Sammy), il contabile Tony Derazio (che ricicla denaro sporco per Marcano), il contrabbandiere Frank Pagani.

Intanto Sal Marcano progetta di legittimare gli affari della famiglia aprendo un casinò; le spese sono pagate con denaro contraffatto, e il progetto è supportato da Remy Duvall, noto affarista nonché supremazista bianco; uccidendo Duvall, Lincoln mette in cattiva luce la sua alleata Olivia Marcano, che viene uccisa da Giorgi per impedirle di parlare; tocca poi ai fratelli di Sal, Lou e Tommy. A questo punto Sal ordina un attentato alla vita di Lincoln che scampa al tentativo; Sal riunisce tutti gli uomini rimasti al casinò in costruzione per l'ultima resistenza, e Lincoln va a chiudere i conti; prima uccide Giorgi e poi affronta Sal nel suo ufficio. Sal chiede scusa a Lincoln, sostenendo che voleva solo proteggere il figlio e non desiderava la strage; pentito, Sal lascia che Lincoln decida il suo destino: se il giocatore preme il pulsante di azione, Lincoln lo pugnalerà e lo butterà fuori dalla finestra; se il giocatore aspetta senza premere, dopo un certo periodo Sal si suiciderà con un colpo di pistola.

Uscito dal casinò, Lincoln incontra il mafioso italiano Leo Galante, un tempo protettore di Vito Scaletta; Galante è venuto per conto della Commissione poiché Marcano era sotto il loro comando; Lincoln spiega che la sua guerra contro i Marcano era una faida personale e non ha intenzione di andare oltre; Galante accetta l'offerta di pace a condizione che Lincoln onori il vecchio accordo tra Sal e la Commissione, inviarle il 20% dei guadagni. Ora Lincoln deve scegliere cosa fare della sua vita: padre James lo consiglia di lasciare New Bordeaux e il crimine alle sue spalle; Donovan lo spinge a sbarazzarsi di Burke, Scaletta e Cassandra per comandare da solo; l'ultima alternativa è guidare il crimine organizzato con i 3 alleati come luogotenenti. Il giocatore può fare liberamente una di queste scelte.

  1. Nel primo caso, Lincoln sparisce per non essere più visto in pubblico, mandando di tanto in tanto cartoline a padre James da parecchi posti del mondo; quello tra i suoi alleati che ha più distretti controllerà la città.
  2. Nel secondo caso, Lincoln si sbarazza dei 3 luogotenenti e prende il controllo diretto della malavita, ma verrà ucciso con una bomba in auto dal prete, pentitosi di averlo salvato.
  3. Nel terzo caso; Lincoln condivide il potere con i 3 luogotenenti e riesce a espandere la sua influenza nel Sud; si costruirà una immagine di filantropo, ma sarà disprezzato pubblicamente da padre James.

Dopo i titoli di coda, una scena mostra John Donovan parlare durante una udienza del Senato riguardo il suo ruolo nell'ascesa al potere di Lincoln; Donovan rivela che il suo obiettivo segreto era colpire Salvatore Marcano per aver partecipato alla cospirazione che portò all'assassinio di John Fitzgerald Kennedy; tra i documenti di Sal, l'ex agente CIA ha trovato informazioni sugli altri componenti, tra cui il presidente della commissione che lo ascolta, il senatore democratico Richard Blake della Louisiana; Donovan uccide il senatore con una pistola silenziata nascosta e dichiara che rintraccerà tutti i responsabili dell'attentato per ucciderli.

Modalità di giocoModifica

Mafia III è un open world nel quale si dovrebbero eliminare tutte le bande consociate alla mafia in tutti i quartieri di New Bordeaux (New Orleans). Il gioco permetterà al giocatore di completare le missioni nel modo a lui più congeniale: ad esempio egli potrebbe distruggere il racket di un quartiere attaccando i criminali oppure fare in modo che il camion con il carico non arrivi o distruggendolo. Si potrebbero interrompere le linee telefoniche nel quartiere rendendo vulnerabili gli informatori che chiamerebbero i rinforzi e così via.

DoppiaggioModifica

Personaggio Doppiatore originale Doppiatore italiano
Lincoln Clay Alex Hernandez Andrea Bolognini
John Donovan Lane Compton Andrea Oldani
Padre James Gordon Greene Matteo Zanotti
Vito Scaletta Rick Pasqualone Lorenzo Scattorin
Cassandra Erica Tazel Gea Riva
Thomas Burke Barry O'Rourke Domenico Brioschi
Nicki Burke Dana Blasingame ?
Danny Burke Jeff Schine ?
Sammy Robinson Leith M. Burke Stefano Albertini
Ellis Robinson Justice Nnanna Alessandro Germano
Sal Marcano Jay Acovone ?
Giorgi Marcano Mercer Boffey ?
Lou Marcano Brad Leland Diego Sabre
Tommy Marcano Christopher Corey Smith Pino Pirovano
Olivia Marcano Erin Matthews ?
Ritchie Doucet Matt Lowe Federico Zanandrea
Enzo Conti Matt Gottlieb Mario Scarabelli
Tony Derazio Gibson Frazier Claudio Moneta
Frank Pagani Jack Conley Marco Pagani
Roman Barbieri Joey Diaz ?
Michael Grecco Marrick Smith ?
Nino Santangelo Jordi Caballero ?
Remy Duvall Nolan North Gabriele Calindri
Alma Danay García ?
Emmanuel Lazare Lyriq Bent ?
Jonathan Maguire Cully Fredricksen
Leo Galante Frank Ashmore Natale Ciravolo
Baka Asante Jones ?
Alvarez Alex Ruiz Diego Baldoin
Senatore Walter Jacobs Cris D'Annunzio ?
Senatore Richard Blake Gino Scandur Claudio Colombo

NoteModifica

  1. ^ (EN) Ben Hanson, Who The Hell Is Mafia III Developer Hangar 13, su Game Informer, 14 ottobre 2015. URL consultato l'8 ottobre 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàBNF (FRcb171061888 (data)
  Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi