Apri il menu principale
Mandy Patinkin a Washington nel 2008

Mandy Patinkin, pseudonimo di Mandel Bruce Patinkin (Chicago, 30 novembre 1952), è un attore e cantante statunitense.

Apprezzato, oltre che per le doti recitative, anche per le sue qualità di cantante di musical (nel registro tenorile), è stato premiato con il Tony Award (per la sua performance in Evita) e l'Emmy Award, relativamente alla partecipazione al serial della CBS Television Chicago Hope.

Indice

BiografiaModifica

Patinkin fin da piccolo ha vantato doti vocali non comuni, cantando nelle sinagoghe della sua città e in feste familiari. Ha in seguito frequentato la Kenwood High School, l'Università del Kansas e la Juilliard School of Drama. Il suo debutto nel mondo dello spettacolo avvenne a cavallo fra il 1978 ed il 1979 con l'interpretazione sui palcoscenici di Broadway del ruolo del Che nel musical Evita (interpretazione che gli è valsa il Tony Award). Nei decenni successivi interpretò alcuni importanti musical, tra cui le produzioni originali di Sunday in the Park with George di Stephen Sondheim e The Secret Garden.

È conosciuto al grande pubblico, oltre che per il ruolo di Avigdor nel film Yentl diretto da Barbra Streisand nel 1983, anche per quello di Inigo Montoya ricoperto nel 1987 in La storia fantastica, per il ruolo del Dr. Jeffrey Geiger nella serie tv Chicago Hope, per la sua interpretazione, nel 2005, dell'agente speciale Jason Gideon, capo dell'Unità di Analisi Comportamentale nel serial televisivo Criminal Minds, telefilm da lui abbandonato all'inizio della terza serie.

Nel 1990 ha partecipato al film Dick Tracy, di Warren Beatty, ed inciso la canzone What can you lose, in duetto con la popstar Madonna, presente nell'album I'm Breathless. Occorre ricordare che Patinkin venne preso in considerazione da Giuliano Montaldo per il ruolo principale nel Marco Polo televisivo e che, in un'intervista al regista sul set, quest'ultimo lo presenta come tale alla stampa. Per qualche motivo, poi, il ruolo sarà affidato a Ken Marshall. Dal 2011 è nel cast della serie televisiva Homeland - Caccia alla spia, in cui interpreta il ruolo di Saul Berenson, al fianco di Claire Danes e Damian Lewis.

Vita privataModifica

È sposato con l'attrice Kathryn Grody da cui ha avuto due figli, di nome Isaac e Gideon. Nonostante i suoi critici lo considerino un carattere rude, Patinkin è particolarmente amato nel mondo dello show business per il suo attivismo e le sue partecipazioni ad attività benefiche, come la New York bike ride, corsa ciclistica benefica che si tiene a New York.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DiscografiaModifica

  • 1979: Evita (cast album)
  • 1984: Sunday in the Park with George (cast album)
  • 1986: South Pacific (London Studio Cast)
  • 1989: Mandy Patinkin Self Titled Album
  • 1990: Dress Casual
  • 1991: The Secret Garden (cast album)
  • 1994: Experiment
  • 1995: Oscar & Steve
  • 1996: Man of La Mancha (with Plácido Domingo)
  • 1998: Mamaloshen
  • 1999: Myths and Hymns (cast album)
  • 2000: The Wild Party (cast album)
  • 2001: Kidults
  • 2002: Mandy Patinkin Sings Sondheim
  • 2018: Diary: January 27, 2018
  • 2018: Diary: April/May 2018
  • 2019: Diary: December 2018

Premi e riconoscimentiModifica

Tony AwardModifica

Premio EmmyModifica

  • 1995 - Miglior attore in una serie drammatica per Chicago Hope
  • 1996 - Nomination al miglior attore ospite in una serie comica o commedia per The Larry Sanders Show
  • 1999 - Nomination al miglior attore ospite in una serie drammatica per Chicago Hope
  • 2013 - Nomination al miglior attore non protagonista in una serie drammatica per Homeland - Caccia alla spia
  • 2014 - Nomination al miglior attore non protagonista in una serie drammatica per Homeland - Caccia alla spia
  • 2017 - Nomination al miglior attore non protagonista in una serie drammatica per Homeland - Caccia alla spia
  • 2018 - Nomination al miglior attore non protagonista in una serie drammatica per Homeland - Caccia alla spia

Golden GlobeModifica

AltriModifica

Doppiatori italianiModifica

Da doppiatore è sostituito da:

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN2660747 · ISNI (EN0000 0001 2019 8788 · LCCN (ENn80143870 · GND (DE134480929 · BNF (FRcb139385409 (data) · WorldCat Identities (ENn80-143870