Apri il menu principale
Mostro di Frankenstein
Frankenstein's monster (Boris Karloff).jpg
Boris Karloff nei panni del mostro di Frankenstein
UniversoFrankenstein
Soprannomela creatura/il mostro/Adam
AutoreMary Shelley
1ª app. inFrankenstein (romanzo 1818)
Interpretato da
Specieumana
SessoMaschio
Abilità
  • forza e resistenza sovrumane
  • immortalità

Il Mostro di Frankenstein (o la Creatura) è un personaggio immaginario ideato dalla scrittrice Mary Shelley nel romanzo Frankenstein, o il moderno Prometeo del 1818. Il personaggio, oltre che nel romanzo d'esordio, è comparso come protagonista o comprimario in molteplici opere derivate come lungometraggi cinematografici, serie televisive, fumetti e narrativa di genere.

Nell'immaginario collettivo la creatura è ricordata per il suo aspetto caratteristico che venne codificato nel film omonimo, Frankenstein, di James Whale del 1931 nel quale venne impersonificato da Boris Karloff (faccia squadrata, bulloni che sporgono dal collo, cicatrice lungo la fronte e altro) con caratteristiche che non erano presenti nel romanzo originale; nel film, il mostro viene animato tramite un fulmine, mentre nel romanzo, lo scienziato non rivela mai particolari sulla creazione. È spesso chiamato impropriamente Frankenstein, che è invece il cognome del suo creatore Victor Frankenstein; questo uso si trova già dal secondo film di James Whale, La moglie di Frankenstein (Bride of Frankenstein, 1935).

Indice

Concezione del personaggioModifica

Presso il Lago di Ginevra, nell'estate piovosa del 1816, P.B. Shelley, la sua futura moglie Mary Godwin, Lord Byron e il suo segretario John Polidori discutevano e leggevano racconti gotici. Nacque un gioco per ingannare il tempo: ognuno doveva scrivere il racconto più terrificante che fosse riuscito a concepire. P.B. Shelley e Byron presto abbandonarono l'impresa. Polidori scrisse Il vampiro (The Vampyre, lungamente e erroneamente attribuito a Byron), mentre Mary, inizialmente in difficoltà, trovò finalmente in un sogno l'ispirazione per scrivere il suo capolavoro Frankenstein: Mary sognò infatti la "nascita" della Creatura. Mary Shelley rivedrà la storia per pubblicare il romanzo nel 1831.

La narrazione del concepimento letterario di Frankenstein è stata messa in scena (molto liberamente) nei film La moglie di Frankenstein (1935) e Gothic (1986). In Frankenstein oltre le frontiere del tempo (tratto dal romanzo Frankenstein liberato di Brian Aldiss del 1973) si immagina che l'ispirazione alla futura scrittrice sarebbe giunta addirittura da un viaggiatore temporale.

Biografia del personaggioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Frankenstein.

Il personaggio della creatura nel romanzo è stato "creato" dal filosofo naturale Victor Frankenstein, unendo insieme parti scelte di cadaveri prese da cimiteri, obitori e mattatoi. È alto più di due metri e fisicamente deforme, ha una forza sovrumana, resiste al freddo intenso e sopravvive con un'alimentazione minima.

A Ingolstadt in Germania, il mostro fugge dal suo creatore (che lo aborriva); arriva a Ginevra, in Svizzera, e la sua prima vittima è il fratello minore di questi, William. Del delitto viene ingiustamente incolpata e portata a morte per impiccagione la giovane Justine Moritz (domestica dei Frankenstein).

La creatura nel frattempo impara ad esprimersi in lingua umana ascoltando i dialoghi di una famiglia che aiutava di nascosto, di notte, ad esempio portando loro legna da ardere, per poi decidere di mostrarsi fisicamente e venire cacciato via per il suo aspetto orrendo. Il mostro confessa l'omicidio a Victor e pretende per sé una compagna. In un primo momento Victor acconsente, ma poi la distrugge prima di darle vita, terrorizzato all'idea che possa diventare anch'essa malvagia, o che abbandoni il mostro, oppure che i due possano procreare.

In seguito, Victor viene accusato dell'omicidio dell'amico Henry Clerval (in realtà seconda vittima del mostro). Scagionato, sposa sua cugina Elizabeth Lavenza, che diventerà la terza vittima della creatura, uccisa dal mostro proprio la notte del matrimonio.

Victor Frankenstein decide di affrontare il mostro e ucciderlo. In un viaggio al Polo Nord, muore senza riuscire a portare a termine il suo intento. Il mostro, affranto per la morte del suo creatore, come panacea del suo dolore, si suicida bruciandosi, in modo che non rimangano resti da cui qualcuno possa capire come creare un altro essere come lui.

Altri mediaModifica

Cinema

 Lo stesso argomento in dettaglio: Frankenstein nella cinematografia.

InterpretiModifica

Molti sono gli attori che hanno impersonato la creatura nei principali film sul mostro creato da Mary Shelley:

Influenze nella culturaModifica

Il personaggio del mostro di Frankenstein è stato oggetto di numerose citazioni e omaggi all'interno di altre opere, o fonte d'ispirazione per la creazione di giocattoli e merchandising.

CinemaModifica

GiocattoliModifica

FumettiModifica

  • Nel manga ed anime Soul Eater è presente un personaggio palesemente ispirato alla creatura, a cominciare dal nome, ovvero Dottor Franken Stein. Il suo aspetto è in tutto e per tutto simile a quello del mostro ed ha la personalità e le caratteristiche di uno scienziato pazzo, pur essendo un eroe dei "buoni".
  • Nel manga ed anime Fate/Apocrypha è presente, in una versione rivisitata, la creatura. La storia del personaggio è quasi identica a quella del mostro mentre la differenza riguardo all'aspetto fisico è notevole, infatti il mostro è una donna. Il suo ruolo all'interno della serie è quello di un Servant, essendo diventato uno spirito eroico per i suoi desideri ed ideali, ed aiutare il suo Master.
  • Nel manga Embalming - L'altra storia di Frankenstein, l'originale creazione di Victor Frankenstein crea origine ad un'Europa distopica dove le ricerche dello scienziato vengono proseguite in salsa steampunk creando una stirpe di cyborg, i Frankenstein, animati dall'elettricità e muniti di abilità speciali ottenute modificando i loro corpi prima di riportarli in vita. Un Frankenstein in ogni caso diviene diverso dall'umano che era: laddove la trasformazione in Frankenstein avviene unendo parti corporee diverse, si ottiene un bruto senza intelletto animato dall'istinto, mentre laddove viene usato un essere umano completo, questi può subire la completa perdita dei suoi ricordi umani oppure vedere la sua personalità focalizzarsi verso i desideri e le aspirazioni che aveva in vita trasformate in compulsioni. Più avanti nella storia serializzata riappare la Creatura, non più mostruosa e malevola, ma un antieroe dall'aspetto nobile e muscoloso, privo di ogni ricordo antecedente all'inizio delle vicende narrate e spinto dal desiderio di poter vivere un'esistenza tranquilla e incontrare una compagna.

Giochi di ruoloModifica

  • Nel gioco di ruolo Creepy Doctors, una categoria di mostri è quella dei Prometei, che come dice il nome rispecchiano le caratteristiche del mostro di Frankenstein (il Prometeo moderno), sono infatti creati artificialmente e temono il fuoco.

VideogiochiModifica

  • Nell'espansione Left Behind del videogioco The Last of Us, Ellie e Riley entrano in un negozio di articoli per Halloween abbandonato, dove, tra le maschere, trovano anche quella del Mostro di Frankenstein.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Frankenstein in Mego Museum
  2. ^ (EN) Frankenstein in Mego Museum Galleries
  3. ^ (EN) Diamond Universal Monsters EMCE Toys in Mego Museum

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica