Paul Van Himst

allenatore di calcio, ex calciatore e dirigente sportivo belga
Paul Van Himst
Paul Van Himst.jpg
Van Himst nel 1964 con il Belgio al torneo calcistico olimpico di Tokyo
Nazionalità Belgio Belgio
Altezza 181 cm
Peso 83 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Termine carriera 1977 - giocatore
1996 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1959-1975RSC Anderlechtois457 (333)
1975-1976RWD Molenbeek21 (10)
1976-1977Eendracht Aalst1 (0)
Nazionale
1960-1974Belgio Belgio81 (30)
Carriera da allenatore
1978-1982RSC AnderlechtoisGiovanili
1983-1986Anderlecht
1987-1988RWD Molenbeek
1991-1996Belgio Belgio
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Bronzo Belgio 1972
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Paul Guillaume Van Himst (Sint-Pieters-Leeuw, 2 ottobre 1943) è un allenatore di calcio, ex calciatore e dirigente sportivo belga.

Van Himst ha giocato per anni come attaccante dell'RSC Anderlecht e della nazionale belga. Aveva una tecnica eccellente e segnava regolarmente. Per questo motivo, a volte veniva paragonato al suo contemporaneo Pelé. Ha vinto la Scarpa d'Oro quattro volte ed è arrivato quarto nel pallone d'oro del 1965 come Calciatore europeo dell'anno.[1]

Come allenatore, Van Himst ha vinto la finale di Coppa UEFA e un titolo nazionale con l'RSC Anderlecht nel 1983. Nel 1984 ha perso la finale di Coppa UEFA. Nel 1994 ha guidato i Red Devils come allenatore della nazionale ai Mondiali negli Stati Uniti.

Nel 2005 si è classificato al numero 89 nella versione fiamminga della De Grootste Belg-verkiezing.

BiografiaModifica

Paul Van Himst è nato a Sint-Pieters-Leeuw ed è cresciuto nel distretto di Negenmanneke, dove è entrato per la prima volta in contatto con il calcio. Al Sint-Niklaas Institute dove è andato a scuola, ha ricevuto la formazione dal britannico Bill Gormlie, allora allenatore della nazionale del Belgio.

All'età di 8 anni, Van Himst è andato al complesso giovanile dell'RSC Anderlecht insieme a un cugino. Lì, Van Himst è stato notato da Constant Vanden Stock, il futuro presidente dell'Anderlecht che era allora responsabile del centro giovanile. Vanden Stock fece firmare al giovane Van Himst una tessera associativa, sebbene ciò fosse ufficialmente consentito solo dall'età di dieci anni. Per questo motivo la tessera di affiliazione è stata inizialmente trattenuta per altri due anni.

All'età di sedici anni è passato alla prima squadra dell'Anderlecht.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Da calciatore ha militato per quasi tutta la sua carriera nell'Anderlecht (1959-1975), salvo una breve parentesi finale nel RWD Molenbeek (1975-1976), e nell'Eendracht Aalst (1976-1977), l'anno del ritiro definitivo dal calcio giocato.

Il suo esordio con i biancomalva è datato 27 dicembre 1959[2]. Con la squadra della capitale Van Himst ottenne le maggiori soddisfazioni della sua carriera, conquistando a soli vent'anni il suo primo titolo di capocannoniere belga[2] e facendo incetta di titoli e coppe nazionali.

Arretrato verso il termine della carriera nella posizione di regista, riuscì a prolungare la sua carriera ad alti livelli, venendo eletto nel 1974 giocatore belga dell'anno per la quarta volta, a nove anni di distanza dall'ultima[2].

NazionaleModifica

Nella Nazionale belga vanta 81 presenze con 30 goal: esordio a Stoccolma il 19 ottobre 1960, Svezia - Belgio 2-0, ultima partita a Lipsia (nella Germania dell'Est) il 7 dicembre 1974, in una partita con la compagine di casa conclusasi a rete inviolate. Ha vestito per 36 volte la fascia da capitano della sua nazionale, legando il suo nome ad alcuni dei migliori momenti della rappresentativa, quali la conquista del terzo posto nell'edizione casalinga dell'Europeo nel 1972[2].

AllenatoreModifica

Come allenatore, Paul Van Himst ha guidato le giovanili dell'Anderlecht dal 1978 al 1982 e poi ne ha guidato la prima squadra dal 1982 al 1985; dal 1987 al 1989 ha allenato il citato RWD di Molenbeek; dal 1990 si è dedicato a ruoli dirigenziali sia nei club che nella federcalcio belga.

Riconoscimenti e esperienza da attoreModifica

Esempio di fair-play e di longevità atletica, Paul Van Himst è stato insignito varie volte del premio di "sportivo dell'anno" nel suo paese, ed è effettivamente il personaggio sportivo più famoso del Belgio, nonché uno dei suoi personaggi pubblici più conosciuti: nella sua carriera non è mancata nemmeno una parte da attore. Fu quando John Huston lo diresse nel 1981, insieme ad altri calciatori famosi come Pelé, John Wark, Osvaldo Ardiles, Bobby Moore e attori professionisti come Sylvester Stallone, Michael Caine e Max von Sydow nel film Fuga per la vittoria, storia di un incontro di calcio tra alleati e tedeschi sullo sfondo della Francia occupata dal Terzo Reich. È considerato uno dei più forti giocatori belgi della storia, se non il migliore in assoluto.

Nel maggio del 2010 Paul Van Himst ha fatto parte della delegazione ufficiale che rimise alla FIFA il dossier di candidatura congiunta del Belgio e dei Paesi Bassi per l'organizzazione del Campionato mondiale di calcio 2018. Lo accompagnavano Harry Been (segretario generale della Federazione calcistica dei Paesi Bassi), Michael van Praag, (presidente della Federazione), François De Keersmaecker (presidente dell'Unione Reale belga delle associazioni calcistiche), Johan Cruijff e Ruud Gullit[3].

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Anderlecht: 1961-1962, 1963-1964, 1964-1965, 1965-1966, 1966-1967, 1967-1968, 1971-1972, 1973-1974
Anderlecht: 1964-1965, 1971-1972, 1972-1973, 1974-1975

IndividualeModifica

1960, 1961, 1965, 1974
1963-1964, 1965-1966, 1967-1968
1969-1970 (10 gol)

AllenatoreModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica
Anderlecht: 1984-1985
Anderlecht: 1985
Competizioni internazionaliModifica
Anderlecht: 1982-1983

NoteModifica

  1. ^ (EN) "European Footballer of the Year ("Ballon d'Or") 1965" op rsssf.com
  2. ^ a b c d Carlo F. Chiesa, We are the champions - I 150 fuoriclasse che hanno fatto la storia del calcio, in Calcio 2000, n. 26, Milano, Action Group S.r.l., gennaio 2000, p. 59.
  3. ^ Belga, Mondial 2018 : le dossier belgo-néerlandais de candidature a été déposé à la FIFA, su lalibre.be, 14 maggio 2010. URL consultato il 29 maggio 2010.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica