Papa

capo della Chiesa Cattolica
(Reindirizzamento da Pontificato)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Papa (disambigua).

Il Papa (formalmente Romano pontefice o Sommo pontefice) è il vescovo di Roma, massima autorità religiosa riconosciuta nella Chiesa cattolica. I suoi trattamenti possono essere Santo Padre[1], Sua Santità, Vostra Santità o semplicemente Santità[2].

Francesco, papa della Chiesa cattolica dal 13 marzo 2013
Emblema del Papato

Secondo il diritto canonico è il vescovo della diocesi di Roma, capo del Collegio dei vescovi, primate d'Italia, vicario di Cristo e pastore in terra della Chiesa universale[3], possedendo anche i titoli di sommo pontefice della Chiesa cattolica[4][Nota 1], patriarca della Chiesa latina, nonché, a seguito dei Patti Lateranensi, sovrano assoluto dello Stato della Città del Vaticano.[5]

Il titolo di papa può essere ed è spesso abbreviato con la formula PP. nei documenti scritti in lingua latina.[6][7]

L'ufficio del papa prende il nome di papato, mentre la sua giurisdizione ha il nome di Santa Sede (o Sede Apostolica) ed è ente di diritto internazionale. Egli viene eletto dal Collegio dei cardinali durante il conclave[8], e de facto il papa eletto è sempre un cardinale che partecipa al conclave stesso[9].

La particolare preminenza del papa sulla Chiesa cattolica deriva dall'essere considerato successore dell'apostolo Pietro, al quale, secondo l'interpretazione cattolica dei Vangeli, Cristo ha conferito l'incarico di pastore della Chiesa universale[10]. Pietro, secondo la tradizione, avrebbe retto negli ultimi anni di vita la comunità cristiana di Roma, divenendone il primo vescovo e subendovi il martirio nell'anno 67.

Con il nome pontificale di Francesco, dal 13 marzo 2013 il papa è Jorge Mario Bergoglio, 266º vescovo di Roma[11]. Secondo i dati della Chiesa cattolica, il soglio di Pietro ha visto 47 pontefici provenire da oltre gli odierni confini politici italiani.

Storia del titolo

Il termine «papa» deriva dal greco πάππας (pàppas)[12][13][14], espressione familiare per "padre". Il titolo era già diffuso nell'antichità: in Oriente era usato indifferentemente per rivolgersi a qualsiasi membro del clero, mentre in Occidente fu usato inizialmente per rivolgersi ai soli vescovi, e in seguito esclusivamente al vescovo di Roma.[9]

Il primo capo di una Chiesa a ricevere il titolo di papa fu in realtà non un vescovo di Roma, ma Eraclio di Alessandria (232-248). Scrive Eusebio di Cesarea:

(GRC)

«τοῦτον ἐγὼ τὸν κανόνα καὶ τὸν τύπον παρὰ τοῦ μακαρίου πάπα ἡμῶν Ἡρακλᾶ παρέλαβον»

(IT)

«Ho ricevuto questa regola e questo modello dal nostro beato papa Eraclio»

(Eusebio di Cesarea, Historia Ecclesiastica, VII, 7, 4)

La prima attestazione del titolo di "papa" riferito al vescovo di Roma è invece databile alla fine del III secolo, periodo a cui è fatta risalire un'epigrafe nelle catacombe di San Callisto in Roma, nella quale un certo diacono Severo, avendo scavato un cubicolo doppio per sé e la sua famiglia poiché gli era morta la figlia di dieci anni, dice di essere stato autorizzato da «p(a)p(ae) sui Marcellini», ossia il suo papa Marcellino (296-304)[15]:

(LA)

«Cubiculum duplex cum arcisoliis et luminare / iussu p(a)p(ae) sui Marcellini diaconus iste / Severus fecit mansionem in pace quietam / sibi suisque...»

(IT)

«Il diacono Severo fece questo doppio cubiculum, con i suoi arcosolia e luminaria per ordine del suo papa Marcellino come quieta residenza di pace per sé e per la sua famiglia»

(AE 2007, 159)

In realtà anche dopo l'affermazione in Occidente del titolo di papa in riferimento al vescovo di Roma, in Oriente e nei territori bizantini dell'Italia meridionale esso verrà ancora usato, col significato di "padre", per rivolgersi anche ai semplici sacerdoti[9]. In questa accezione il titolo è usato anche dal patriarca di Alessandria dei Copti e dal patriarca greco-ortodosso di Alessandria.

Storia

 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del papato, Storia del cristianesimo, Stato Pontificio e Città del Vaticano.

Attestazioni nella Chiesa delle origini

Vi sono diverse ipotesi sull'esistenza di una forma di primato petrino nella Chiesa antica, sebbene alcuni storici sostengano che prima della metà del II secolo, e forse anche più tardi, non venisse riconosciuto alcun primato al vescovo di Roma.[16]

Ireneo di Lione nell'Adversus haereses stila una lista di quelli che furono a capo di quella Chiesa «somma e antichissima ed a tutti nota, fondata e costituita in Roma dai gloriosissimi Apostoli Pietro e Paolo. A questa Chiesa, per la sua peculiare principalità, è necessario che convenga ogni Chiesa, cioè i fedeli dovunque sparsi, poiché in essa la tradizione degli Apostoli è stata sempre conservata».[17][18]

Ambrogio da Milano coniò invece la famosa espressione Ubi Petrus, ibi Ecclesia (la Chiesa esiste unicamente ove è riconosciuto il primato di Pietro, cioè del papa).[19]

Papa Stefano I sull'amministrazione dei sacramenti

Contestualmente all'antipontificato di Novaziano (251-258), sorse in seno alla Chiesa il dibattito sulla validità dei sacramenti, in particolare il battesimo, amministrati dall'antipapa e dai suoi seguaci: mentre generalmente le chiese africane e asiatiche ritennero invalido il sacramento, il vescovo di Roma Stefano ritenne che esso fosse valido e che fosse necessaria per gli eretici riconvertiti la sola imposizione delle mani. In merito a ciò è giunto a noi uno scambio di lettere tra Stefano e Cipriano di Cartagine, in cui il papa tentò di imporre l'uso romano e minacciò di scomunica la Chiesa d'Africa qualora essa non si fosse conformata al suo volere, richiamandosi anche al celebre passo di Matteo (« [...] Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa...») per imporre il primato della Chiesa di Roma: questo è il primo caso nella storia in cui un vescovo di Roma invocò un primato su tutta Chiesa in quanto successore di Pietro.[20]

Riconoscimento nei primi Concilii ecumenici

Tale primazia è indicata già nei primissimi Concili della Chiesa: al Primo concilio di Nicea (19 giugno 325) venne riconosciuta la preminenza di alcune sedi patriarcali in modo canonico tra le quali Roma ha un particolare primato:

«In Egitto, nella Libia e nella pentapoli cirenaica siano mantenute le antiche consuetudini per cui il vescovo di Alessandria abbia autorità su tutte queste province; anche al vescovo di Roma infatti è riconosciuta una simile autorità. Ugualmente ad Antiochia e nelle altre province siano conservati alle chiese gli antichi privilegi.»[21]

Durante il primo concilio di Costantinopoli (tenutosi dal maggio al luglio del 381) si decise che «Il vescovo di Costantinopoli avrà il primato d'onore dopo il Vescovo di Roma, perché tale città è la nuova Roma».[22] Il medesimo canone venne ribadito dal Concilio di Calcedonia[23], ma non venne accettato dai papi Damaso I, Leone I e Gregorio I in quanto ritennero che l'affermazione del primato papale rispetto al patriarca di Costantinopoli fosse troppo debole. I papi cioè ritennero che la supremazia del vescovo di Roma non dovesse essere determinata da cause storiche, ma da motivazioni teologiche e dottrinali, le stesse che poi porteranno allo Scisma d'Oriente del 1054.

Il patriarcato d'Occidente

 Lo stesso argomento in dettaglio: Patriarca d'Occidente.

Il titolo di Patriarca d'Occidente, attribuito prima a papa Leone I, detto Magno, nel 450 dall'imperatore d'Oriente Teodosio II e poi adottato formalmente per la prima volta da papa Teodoro I (642-649), comportò un'ulteriore emancipazione della figura del vescovo di Roma rispetto alle altre sedi patriarcali[24], ubicate tutte nei territori dell'impero bizantino, a Oriente[25].

Medioevo

Età moderna

Età contemporanea

Titoli e ruoli

L'Annuario pontificio del 2010 elenca questi titoli dei papi e nell'ordine che segue:

«Vescovo di Roma, Vicario di Cristo, Successore del Principe degli Apostoli, Pontefice Massimo della Chiesa cattolica universale, Patriarca della chiesa latina, Primate d'Italia, Arcivescovo metropolitano della provincia romana, Sovrano dello Stato della Città del Vaticano, Servo dei servi di Dio.[26]»

Nella Chiesa cattolica il Papa ha compiti, titoli ed autorità, sia a livello locale sia universale:

  • il Papa è Vescovo di Roma, per quanto il governo pastorale della diocesi di Roma venga delegato al Cardinale vicario. Secondo la tradizione cattolica Gesù conferì a Pietro il primato di giurisdizione sull'intera Chiesa di Dio[10], da cui ne consegue che chiunque succeda a Pietro nella sua cattedra eredita il suo primato su tutta la Chiesa, così come definito dalla costituzione dogmatica Pastor Aeternus approvata ed emanata durante il concilio Vaticano I convocato da papa Pio IX[27], L'autorità stessa del Papa, come scrive Giovanni Paolo I, deriva dall'essere «vescovo di Roma, cioè successore di Pietro in questa città».[Nota 2]
     
    La basilica di San Giovanni in Laterano a Roma, la sede del papa quale vescovo dell'Urbe.
  • L'appellativo Sommo Pontefice o Romano pontefice indica, in modo particolare nel diritto canonico, il papa, il quale, come successore di Pietro sulla cattedra di Roma, detiene "la potestà piena e suprema" di guida pastorale della Chiesa cattolica, che si fonda nella Scrittura e nella sacra Tradizione. Il termine pontefice, mutuato dall'ambiente culturale e religioso dell'epoca romana (Pontifex maximus), è l'appellativo per il quale lo si designa come "costruttore di ponti" (pontem facere) fra i fedeli e Cristo in virtù della sua funzione vicaria di Pastore. Questo aspetto è stato sottolineato da papa Francesco, nel suo primo discorso al corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede (22 marzo 2013): «Uno dei titoli del Vescovo di Roma è Pontefice, cioè colui che costruisce ponti, con Dio e tra gli uomini». Nell'uso e nella documentazione pontificia spesso il termine Romano pontefice viene interscambiato con quello di Sommo pontefice, benché quest'ultima espressione sia spesso accompagnata dall'espressione complementare: della Chiesa universale. L'aggettivo Romano fa riferimento alla diocesi di Roma, sede propria dei Pontefici;
  • il Papa è arcivescovo metropolita della provincia ecclesiastica romana, una delle antiche sedi apostoliche;
  • il Papa è anche il primate d'Italia;
  • nella storia della Chiesa cattolica, è anche il Patriarca della Chiesa latina, la più estesa fra le Chiese cattoliche particolari. Questo ruolo è riconosciuto anche dalle Chiese ortodosse separate da Roma. Da questo ruolo patriarcale derivano i titoli condivisi con altri patriarchi di «Sua Santità» o «Santo Padre». Il titolo di Patriarca d'Occidente è stato omesso da papa Benedetto XVI nel 2005. Il Papa ha così deciso, sia per tentare un riavvicinamento con le Chiese separate che non riconoscono questo titolo, sia perché l'Occidente a cui il titolo fa riferimento si è esteso anche all'America e all'Oceania, uscendo così dal significato originario che esso aveva in riferimento alla sola Europa[28];
  • nella Chiesa cattolica, al Papa è assegnato un ruolo universale, non accettato dalle altre Chiese. Poiché secondo la tradizione Pietro fu a capo della Chiesa di Roma, dove fu martirizzato, il Papa è anche detto successore di Pietro, il «principe degli apostoli». I cattolici ritengono che il primato che Pietro avrebbe esercitato sugli apostoli si sia trasmesso anche ai suoi successori, così come il ministero del sacerdozio. Egli è pertanto il capo del collegio episcopale ed è una fonte del magistero della Chiesa cattolica che può esercitare da solo o con i vescovi nel Concilio ecumenico; in particolare, egli è infallibile quando definisce ex cathedra verità essenziali circa la fede e la morale. Nell'esercizio del suo potere il Papa è coadiuvato dal collegio dei cardinali e dalla Curia romana;
  • fra gli altri titoli usati dal Papa, che in realtà non sono specifici del papato ma comuni a tutti i vescovi, vi è quello di "pontefice" (termine derivato dal latino che indica il ruolo di sacerdote) e «vicario di Cristo», che indica il compito di governo della Chiesa proprio di ogni vescovo;
  • secondo il Codice di diritto canonico, il Papa, in quanto «capo del Collegio dei Vescovi, Vicario di Cristo e Pastore qui in terra della Chiesa universale», «ha potestà ordinaria suprema, piena, immediata e universale sulla Chiesa, potestà che può sempre esercitare liberamente»[29], e in lui si assommano i poteri legislativo, esecutivo e amministrativo; oggetto della sua giurisdizione sono: la fede, i costumi e la disciplina ecclesiastica; la sua giurisdizione si estende a tutte le singole chiese, a tutta la gerarchia ecclesiastica e a tutti i fedeli. In questa veste viene anche chiamato "sommo pontefice della Chiesa Universale" e "servo dei servi di Dio";
  • il Papa riveste anche un ruolo secolare in quanto sovrano dello Stato della Città del Vaticano, che è una monarchia assoluta elettiva, l'ultima in Europa e una delle poche rimaste nel mondo.

Nell'Annuario Pontificio 2020 tutti i titoli del papa, eccetto quello di vescovo di Roma, sono considerati "storici".[30]

Autorità del Papa sulla Chiesa cattolica

 
Gesù dona a Pietro le chiavi sacre.
« E io ti dico: «Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli, e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli» »   (Matteo 16, 18-19[32])

Il primato papale

 Lo stesso argomento in dettaglio: Primato papale e Primato di Pietro.

Il primato papale è l'autorità apostolica del vescovo della diocesi di Roma su tutte le chiese particolari della Chiesa cattolica, sia di rito latino che di riti orientali. Conferisce al Papa "la potestà piena e suprema" di guida pastorale della Chiesa cattolica.

La Chiesa ortodossa riconosce un primato di onore al Vescovo di Roma, ma non di giurisdizione.

Le Chiese protestanti non riconoscono alcuna autorità superiore poiché la ritengono non conforme alle Sacre Scritture. Al giorno d'oggi molte Chiese protestanti mantengono questa opinione, mentre altre non escludono una forma di ministero papale, in prospettiva ecumenica, sostanzialmente diversa dal primato papale attuale.[non chiaro] La chiesa anglicana ritiene che "Entro il suo più ampio ministero, il vescovo di Roma offre un ministero specifico riguardante il discernimento della verità, come un'espressione del primato universale." Tuttavia "Questo servizio particolare è stato fonte di difficoltà e di fraintendimenti tra le chiese."[33]

La Curia Romana

 Lo stesso argomento in dettaglio: Curia romana.

«Nell'esercizio della sua suprema, piena ed immediata potestà sopra tutta la Chiesa, il romano Pontefice si avvale dei dicasteri della Curia romana, che perciò compiono il loro lavoro nel suo nome e nella sua autorità, a vantaggio delle Chiese e al servizio dei sacri pastori.»

(Christus Dominus, 9)

La Curia romana è l'insieme degli organi che competono all'amministrazione e al governo, temporale e spirituale, della Chiesa cattolica, coadiuvando il Papa, nel nome di cui agiscono e a cui sono sottoposti.

Il Collegio dei Vescovi

 Lo stesso argomento in dettaglio: Collegio episcopale.

Il Collegio episcopale, o Collegio dei Vescovi, è l'assemblea di tutti i vescovi della Chiesa cattolica, che ha a capo il Papa

In materia normativa e dottrinale

Documenti emanati dal Papa

 Lo stesso argomento in dettaglio: Documento pontificio.

L'infallibilità papale

 Lo stesso argomento in dettaglio: Infallibilità papale.

Il dogma dell'infallibilità papale, contenuto nella costituzione dogmatica della Chiesa Pastor Aeternus approvato dal Concilio Vaticano I il 18 luglio 1870, nell'imminenza della fine del potere temporale, afferma che il magistero del papa deve essere considerato infallibile quando viene espresso ex cathedra, cioè solo quando il papa esercita il «suo supremo ufficio di Pastore e di Dottore di tutti i cristiani» e «[...] definisce una dottrina circa la fede e i costumi». Pertanto, quanto da lui stabilito «vincola tutta la Chiesa cattolica».

Finora il dogma dell'infallibilità è stato utilizzato due volte, da papa Pio IX per affermare l'Immacolata Concezione di Maria, e da papa Pio XII per affermare l'Assunzione della Vergine Maria.

Elezione

 Lo stesso argomento in dettaglio: Conclave.
 
La fumata bianca, che annuncia ai fedeli l'avvenuta elezione del papa.

Le modalità di elezione del papa hanno subìto numerose trasformazioni nel corso dei secoli. Inizialmente veniva eletto dal popolo e dal clero romano. Alcuni vennero nominati dall'imperatore del Sacro Romano Impero, che si avvaleva di questa facoltà attraverso il Privilegium Othonis, un documento stipulato il 1º febbraio del 962 dall'imperatore Ottone I e del quale si avvalsero anche i suoi successori, fino a Enrico III. Nel caso di papa Fabiano, l'elezione avvenne allorché una colomba si posò sul suo capo. Questo venne considerato come un inequivocabile segno della designazione divina.

Nella chiesa delle origini il papa veniva eletto come tutti gli altri vescovi, con il concorso del clero e della comunità locale. Col passare degli anni la componente laica venne eliminata dall'elettorato attivo. Ciò nonostante l'influenza del potere temporale non venne meno, si pensi al fatto che la nomina del vicario di Pietro era ratificata con proprio placet dall'imperatore[Nota 3]. Solo con il Decreto di Niccolò II del 1059 il clero e il popolo romano vengono definitivamente espulsi dal processo di elezione del papa e l'elettorato attivo viene riservato ai cardinali-vescovi.

L'elezione del papa viene decisa dai cardinali riuniti in conclave (diritto risalente al 1059, stabilito con un sinodo in Laterano voluto da papa Niccolò II) tramite votazione segreta che richiede la maggioranza dei due terzi. Il conclave si riunisce non prima di quindici giorni e non oltre i venti dall'inizio della sede apostolica vacante[34]. I cardinali durante tutta la durata del conclave non possono avere alcun contatto con l'esterno. Per gli scrutini si tengono quattro votazioni al giorno e il loro esito è segnalato ai fedeli all'esterno con una fumata, nera se negativo, bianca se positivo. Qualsiasi maschio battezzato celibe, secondo il diritto canonico, cioè che non sia sposato, può essere eletto papa (sebbene l'elezione di un non vescovo sia avvenuta raramente) e se non ha ancora ricevuto gli ordini sacri gli vengono subito conferiti e viene consacrato vescovo. Le norme in vigore per la sede vacante, per lo svolgimento del conclave e per l'elezione del nuovo papa sono state promulgate nella costituzione apostolica Universi Dominici Gregis da papa Giovanni Paolo II nel 1996.

Benedetto XVI con un motu proprio del 26 giugno 2007 ha stabilito che la maggioranza necessaria all'elezione del papa sarà di due terzi dei votanti per tutti gli scrutini e che a partire dal tredicesimo giorno di conclave si debba procedere al ballottaggio, sempre mantenendo la maggioranza dei due terzi per la validità dell'elezione, tra i due cardinali più votati nell'ultimo scrutinio. Questi ultimi perdono il diritto di voto: è stata così abolita la norma stabilita da Giovanni Paolo II, che prevedeva una riduzione del quorum alla maggioranza assoluta dei votanti a partire dal trentaquattresimo scrutinio (o trentacinquesimo se si era votato anche il giorno di apertura del Conclave).

 
Papa Francesco si affaccia sul balcone della Basilica di San Pietro dopo la sua elezione, il 13 marzo 2013

Inizio del pontificato e presa di possesso della diocesi

Alla presentazione del nuovo pontefice, eseguita attraverso il tradizionale annuncio dell'Habemus Papam, segue, solitamente dopo pochi giorni, la solenne cerimonia di inizio del ministero petrino del vescovo di Roma, nella basilica di San Pietro in Vaticano, caratterizzato, secondo il nuovo Ordo rituum pro ministerii petrini initio Romae episcopi (in italiano: Rituale per l'inizio del ministero petrino del vescovo di Roma) promulgato da papa Benedetto XVI il 20 aprile 2005[35], dalla imposizione del pallio e la consegna dell'anello del Pescatore. Il nuovo Ordo non prevede più l'incoronazione papale.

Questa celebrazione dà avvio al complesso delle cerimonie di insediamento, che comprendono, nei giorni successivi, le visite alle basiliche patriarcali di San Paolo fuori le mura e Santa Maria Maggiore e che si concludono con la solenne cerimonia di presa di possesso dell'Arcibasilica lateranense, cattedrale della diocesi di Roma.

Rinuncia all'ufficio di Romano Pontefice

 Lo stesso argomento in dettaglio: Rinuncia all'ufficio di romano pontefice.

Come stabilito dal codice di diritto canonico, Libro II "Il popolo di Dio", parte seconda "La suprema autorità della Chiesa", capitolo I "Il Romano Pontefice e il Collegio dei Vescovi" è contemplata la rinuncia all'ufficio di romano pontefice[36][37][38]:

«Can. 332 - §2. Nel caso che il Romano Pontefice rinunci al suo ufficio, si richiede per la validità che la rinuncia sia fatta liberamente e che venga debitamente manifestata, non si richiede invece che qualcuno la accetti.»

I casi storici di rinuncia ci sono stati soprattutto nei tempi più remoti del papato: san Clemente, arrestato ed esiliato per ordine di Nerva nel lontano Chersoneso, abdicò dal sommo pontificato indicando come suo successore Evaristo, affinché i fedeli non restassero senza pastore. Verso la prima metà del III secolo, Ponziano lo imitò poco prima di essere spedito in esilio in Sardegna; al suo posto venne eletto Antero. Silverio, deposto da Belisario, in punto di morte rinunciò in favore di Vigilio, fino ad allora considerato un usurpatore. Vi sono poi molti altri casi, più problematici, in cui si discute se vi sia stata rinuncia o addirittura rinuncia tacita, come nel caso di Martino[39]. Altro caso più difficilmente inquadrabile è quello di Benedetto IX, che prima venne deposto in favore di Silvestro III, salvo poi riassumere la carica per poi rivenderla a Gregorio VI, il quale, accusato di simonia, fece atto di rinuncia dopo aver ammesso le sue colpe.

Il più celebre caso di rinuncia all'ufficio di Romano Pontefice fu quello di Celestino V, detto anche "il papa del gran rifiuto", che portò all'elezione di Bonifacio VIII; poiché quest'ultimo fu un pontefice non affine a Dante Alighieri, egli nella sua Divina Commedia pone, probabilmente, Celestino V nell'Antinferno tra gli ignavi: non è però certo chi volesse trattare il Sommo Poeta nel seguente passo, potrebbe trattarsi infatti, secondo alcuni critici di Ponzio Pilato, Esaù, Giano della Bella oppure Matteo Rubeo Orsini che nel conclave del 1294 venne eletto al primo scrutinio ma rinunciò, portando appunto all'elezione di Bonifacio VIII:

«Poscia ch'io v'ebbi alcun riconosciuto,
vidi e conobbi l'ombra di colui
che fece per viltade il gran rifiuto.»

(Dante Alighieri, Inferno III, 58-60)

Celestino, prima di abdicare, si consultò con il cardinale Benedetto Caetani, e si fece confermare dal concistoro dei cardinali che un'abdicazione dal soglio pontificio era possibile, quindi, in data 10 dicembre 1294, emanò una costituzione sull'abdicazione del papa, confermò la validità delle disposizioni in materia di Conclave anche in caso di rinuncia, ed appena tre giorni dopo rese note le sue intenzioni ed abdicò[40].

Nel 1415 un altro papa, Gregorio XII, eletto all'epoca dello Scisma d'Occidente a Roma, dopo molti anni di lotte e di contese giuridiche, belliche e diplomatiche, fece atto di sottomissione ai decreti emessi dai padri conciliari, durante il Concilio di Costanza, che era stato convocato dall'antipapa Giovanni XXIII e presieduto dall'Imperatore Sigismondo per dirimere ogni questione. Uno di questi decreti intimava a tutti i contendenti di abdicare, nel caso che non si trovasse una soluzione e non si raggiungesse l'accordo fra i tre pretendenti al Soglio. Davanti al rifiuto di Benedetto XIII (rappresentante dell'obbedienza avignonese) e alla fuga di Giovanni XXIII (poi ricondotto in Concilio e deposto), alla fine Gregorio XII acconsentì ad abdicare, dopo aver riconvocato con una sua bolla il medesimo Concilio. All'abdicazione però non seguì l'elezione di un nuovo papa, che si verificò passati due anni e solo successivamente alla scomparsa di Gregorio, dopo la quale venne convocata un'assemblea mista di cardinali e di padri conciliari, che elesse Martino V[41][42].

In epoca moderna l'unico papa che ha rinunciato all'ufficio di romano pontefice è stato Benedetto XVI che, l'11 febbraio 2013, ha annunciato di lasciare vacante la sede di Pietro con effetto dalle ore 20:00 del giorno 28 febbraio 2013[43].

Il nome dei papi

 Lo stesso argomento in dettaglio: Nome pontificale.

È tradizione che il nuovo papa scelga per sé un nuovo nome. Il primo a cambiare il suo nome di battesimo fu, nel 533, Giovanni II che in realtà si chiamava Mercurio e ritenne perciò inappropriato che il vescovo di Roma avesse il nome di una divinità pagana. Dopo di lui anche altri papi scelsero un nuovo nome, o perché avevano nomi sgradevoli o perché non italiani. Nessuno di nome Pietro, come Giovanni XIV o Sergio IV, volle poi chiamarsi Pietro II in segno di rispetto verso Pietro apostolo. Il cambio del nome divenne una regola, la quale ebbe tuttavia qualche eccezione; ad esempio, Adriaan Florenszoon Boeyens scelse il nome di Adriano VI, Marcello Cervini quello di Marcello II.

Antipapi

 Lo stesso argomento in dettaglio: Antipapa.

Moltissimi nella storia sono stati gli uomini che affermarono di essere legittimi pontefici della Chiesa cattolica, in realtà in opposizione a coloro che erano i legittimi papi, eletti secondo il diritto canonico: questi uomini sono detti antipapi.

Onorificenze pontificie

 Lo stesso argomento in dettaglio: Onorificenze pontificie.

Il papa concede varie onorificenze, appartenenti a ordini e non.

Degli ordini il pontefice è il capo in quanto sovrano, mentre il gran magistero delle singole onorificenze può essere mantenuto direttamente dal pontefice o concesso ad una persona di fiducia, solitamente un cardinale.

Per antica tradizione al sommo pontefice non si conferiscono titoli (di alcun genere né cavallereschi né nobiliari), ciò perché la sua carica è al di sopra di ogni onore, anzi da lui tutti gli onori discendono (il pontefice, assieme al Sacro Romano Imperatore, era uno dei due poteri universali, ma al primo competeva incoronare il secondo). Come tale il papa non indossa mai le decorazioni di cui pure è sovrano e non è mai insignito di nessun grado.

Un cardinale che, avendo ricevuto onorificenze, diventa pontefice, automaticamente decade da tutte le onorificenze ricevute in quanto esse vengono soppiantate dal titolo di sommo pontefice.

Cronotassi dei papi

 Lo stesso argomento in dettaglio: Lista dei papi.

Note

  1. ^

    «The office of the pope is described in the Annuario pontificio (official directory of the HOLY SEE) by the following titles: ‘‘Bishop of Rome, Vicar of Jesus Christ, Successor of the Chief of the Apostles, Supreme Pontiff of the Universal Church, Patriarch of the West, Primate of Italy, Archbishop and Metropolitan of the Roman Province, Sovereign of the State of Vatican City.’’ Of these titles, the basis of all the rest is the third, Successor of the Chief of the Apostles. VATICAN COUNCIL I defined that Christ constituted St. PETER chief of all the APOSTLES and visible head of the whole Church militant, granting him a PRIMACY not merely of honor but of true jurisdiction; that Christ established that Peter should have perpetual successors in this primacy; and that the Roman bishops are these successors (Enchiridion symbolorum 3055, 3058).»

    (F. A. SULLIVAN. Pope in The New Catholic Encyclopedia, vol.11. NY, Gale, 2002, pag.495-6)
    Il titolo di patriarca d'Occidente è stato soppresso nel 2006; cfr. sito del Vaticano.
  2. ^ Ricca è la documentazione in materia. Alcuni testi: Discorso di papa Paolo VI in occasione della presentazione della costituzione apostolica Vicariae potestatis (AAS 69, 1977, p. 54): «Promulgando la nuova Costituzione, noi intendiamo attestare la nostra consapevolezza di Vescovo di Roma, che giustifica e sostiene quella Pontificia. È infatti proprio in quanto Successore del Beato Pietro in questa Sede romana che noi ci sappiamo investiti del compito formidabile di Vicario di Cristo in terra e perciò di Supremo Pastore e Capo visibile della Chiesa universale».
    Omelia di Giovanni Paolo I del 23 settembre 1978: «È noto a tutti che il Papa acquista autorità su tutta la Chiesa in quanto è vescovo di Roma, successore cioè, in questa città, di Pietro.»
    Costituzione dogmatica conciliare Pastor Aeternus, capitolo II (1870): «Egli (San Pietro), fino al presente e sempre, vive, presiede e giudica nei suoi successori, i vescovi della santa Sede Romana, da lui fondata e consacrata con il suo sangue. Ne consegue che chiunque succede a Pietro in questa Cattedra, in forza dell'istituzione dello stesso Cristo, ottiene il Primato di Pietro su tutta la Chiesa.»
    Discorso di Giovanni Paolo II al clero di Roma del 9 novembre 1978: «Desidero adempiere al fondamentale dovere del mio pontificato, cioè prendere possesso di Roma come diocesi, come Chiesa di questa Città, assumere ufficialmente la responsabilità di questa Comunità, di questa tradizione alle origini della quale sta San Pietro Apostolo. Sono profondamente consapevole di essere diventato Papa della Chiesa universale, perché Vescovo di Roma. Il ministero (“munus”) del Vescovo di Roma, quale Successore di Pietro, è la radice della universalità.»
    Omelia di Paolo VI in occasione della presa di possesso della cattedra di Roma (10 novembre 1963): «Oggi questa basilica accoglie … tutto l'Episcopato del mondo, quasi al completo, e si apre splendida e solenne all'ultimo dei suoi Pontefici, il più piccolo e il più umile fra quanti l'hanno preceduto, che non ha alcun merito per qui incedere maestro e signore, se non quello irrefragabile d'essere stato canonicamente eletto Vescovo di Roma. Vescovo di Roma: perciò successore di San Pietro, perciò Vicario di Cristo, Pastore della Chiesa Universale, Patriarca dell'Occidente e Primate d'Italia.»
    Costituzione apostolica Ecclesia in Urbe (1998): «Alla Chiesa di Roma appartengono a proprio titolo i membri del Collegio Cardinalizio, ai quali spetta di eleggere, a norma di diritto, il Vescovo di Roma.» (cfr. la medesima espressione nella Vicariae potestatis di Paolo VI del 1977).
    Primo saluto del nuovo papa Giovanni Paolo II al fedeli riuniti in piazza San Pietro (16 ottobre 1978): «Ed ecco che gli Eminentissimi Cardinali hanno chiamato un nuovo vescovo di Roma. Lo hanno chiamato da un paese lontano...»
    Catechesi di Giovanni Paolo II del 27 gennaio 1993: «Il Concilio Vaticano I ha pure definito che “il Romano Pontefice è successore del Beato Pietro nel medesimo primato”. Questa definizione vincola il primato di Pietro e dei suoi successori alla sede romana, che non può essere sostituita da nessun'altra sede.»
    Cfr. anche Codice di diritto canonico nn. 331-332 ([1]) e Catechismo della Chiesa cattolica n. 882 (Catechismo della Chiesa Cattolica - IntraText).
  3. ^ L'imperatore bizantino delegò questo potere all'esarca d'Italia.

Riferimenti

  1. ^ Lettera del Santo Padre Francesco a Sua Santità Benedetto XVI Papa emerito, per la morte del fratello, Mons. Georg Ratzinger (2 luglio 2020) | Francesco, su www.vatican.va. URL consultato il 23 agosto 2021.
  2. ^

    «3. a. Titolo che si usa comunemente parlando del papa o rivolgendosi a lui: Sua Santità, Vostra Santità (abbreviato in S.S., V.S.); anche seguito dal nome: Sua Santità Benedetto XVI.»

    santità in Vocabolario - Treccani
  3. ^ Codice Di Diritto Canonico, Libro II,Il Popolo Di Dio, Parte II, La Costituzione Gerarchica Della Chiesa, Sezione I, La Suprema Autorità Della Chiesa, (Cann. 330 – 367), Capitolo I (Cann. 331- 335), Il Romano Pontefice E Il Collegio Dei Vescovi, Articolo 1,
  4. ^ Organigramma Stato Città del Vaticano Archiviato il 2 giugno 2012 in Internet Archive.
  5. ^ vedasi l'articolo 1 della Legge Fondamentale del 26 novembre 2000
  6. ^ Contractions and Abbreviations | Incunabula - Dawn of Western Printing, su web.archive.org, 10 dicembre 2011. URL consultato il 20 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2011).
  7. ^ ad esempio all'inizio dell'enciclica Ecclesia de Eucharistia ci si riferisce così a Giovanni Paolo II (...Ioannis Pauli PP. II...) vedi il testo ufficiale dell'enciclica: Ecclesia de Eucaristia, Litterae Encyclicae de Eucharistia eiusque necessitudine cum Ecclesia, 17 Aprilis MMIII, Ioannes Paulus PP. II | Ioannes Paulus II
  8. ^ Così la dicitura nel Can. 349 CIC
  9. ^ a b c papa in "Dizionario di Storia", su www.treccani.it. URL consultato il 1º agosto 2021.
  10. ^ a b Mt16,17-19;Lc21,31-32;Gv21,15-18, su laparola.net.
  11. ^ Repubblica.it. URL consultato il 10 marzo 2013.
  12. ^ papa in "Sinonimi e Contrari", su www.treccani.it. URL consultato il 17 luglio 2021.
  13. ^ Etimologia : papa;, su www.etimo.it. URL consultato il 17 luglio 2021.
  14. ^ papa¹ in Vocabolario - Treccani, su www.treccani.it. URL consultato il 1º agosto 2021.
  15. ^ CATHOLIC ENCYCLOPEDIA: Luminare, su www.newadvent.org. URL consultato il 13 luglio 2021.
  16. ^ Cambridge History of Christianity, volume 1, 2006, p. 418
  17. ^ Udienza Generale del 10 maggio 2006: La Successione Apostolica | Benedetto XVI, su www.vatican.va. URL consultato il 1º agosto 2021.
  18. ^ Adversus haereses, III, 3, 2 (PG 7, 848).
  19. ^ In Psalmum XL enarratio, 30 (PL 14, 1082).
  20. ^ STEFANO I papa, santo in "Enciclopedia Italiana", su www.treccani.it. URL consultato il 1º agosto 2021.
  21. ^ Concilio di Nicea I, canone VI.
  22. ^ Concilio di Costantinopoli I, canone III.
  23. ^ Canone 28 del concilio di Calcedonia (cfr. testo in italiano dei canoni conciliari).
  24. ^ papa in "Sinonimi e Contrari", su www.treccani.it. URL consultato il 21 agosto 2021.
  25. ^ COMUNICATO DEL PONTIFICIO CONSIGLIO PER L’UNITÀ DEI CRISTIANI CIRCA LA SOPPRESSIONE DEL TITOLO "PATRIARCA D’OCCIDENTE" NE L’ANNUARIO PONTIFICIO, su press.vatican.va. URL consultato il 2 agosto 2021.
  26. ^ Annuario Pontificio, Libreria Editrice Vaticana, p. 23. ISBN 978-88-209-8722-0.
  27. ^ capitolo I e II
  28. ^ Sulla recente rinuncia al titolo di «patriarca», in L'Annuario Pontificio. URL consultato il 3 maggio 2010 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2008).
  29. ^ Codice di diritto canonico, canone n. 331.
  30. ^ (EN) Other than ‘bishop of Rome,’ yearbook lists papal titles as ‘historic’, su Crux Now. URL consultato il 20 agosto 2021.
  31. ^ La Sacra Bibbia - Mt16, 18-19 (C.E.I., Nuova Riveduta, Nuova Diodati), su www.laparola.net. URL consultato il 23 agosto 2021.
  32. ^ Mt 16, 18-19, su laparola.net.
  33. ^ Mark Santer e Cormac Murphy-O'Connor, Il Dono dell'Autorità – Dichiarazione dei copresidenti (PDF), su anglicani.it, ARCIC, 1999. URL consultato l'11 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2010).
  34. ^ Universi Dominici Gregis, n. 37
  35. ^ Presentazione del nuovo Ordo.
  36. ^ Codice di Diritto Canonico, su vatican.va. URL consultato il 3-5-2010.
  37. ^ Franck Barretti, Ancora viaggi ma si parla di dimissioni, su rassegna.it. URL consultato il 3-5-2010.
  38. ^ Franck Barretti, Se il Papa non governa più, su rassegna.it. URL consultato il 3-5-2010.
  39. ^ Che cosa succede quando muore il papa, di José-Apeles Santolaria, edito da PIEMME a Casale Monferrato nel 2001, Parte I, Cap. "Papi che hanno deposto la tiara", pagg. 106-107
  40. ^ Storia della Chiesa, di Hans Wolter ed Hans-Georg Beck, Edito da Verlag Herder KG, Friburgo in Brisgovia 1968, Edizione Italiana Editoriale Jaca Book, Milano 1972, Vol. V/1, Cap. XXXV Celestino V e Bonifacio VIII, pag. 388
  41. ^ Storia della Chiesa, di Ludwig Hertling ed Angiolino Bulla, edito da Città Nuova a Milano nel 2001, Cap. IX "L'esilio di Avignone e il Grande Scisma", pag. 273
  42. ^ Che cosa succede quando muore il papa, di José-Apeles Santolaria, edito da PIEMME a Casale Monferrato nel 2001, Parte I, Cap. "La via cessionis", pp. 109-110
  43. ^ Concistoro ordinario pubblico - declaratio del santo padre Benedetto xvi sulla sua rinuncia al ministero di vescovo di Roma, successore di san Pietro, 11.02.2013 Archiviato il 15 febbraio 2013 in Internet Archive.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN137124612 · Thesaurus BNCF 4021 · LCCN (ENsh85104870 · GND (DE4044561-6 · BNF (FRcb11975974j (data) · BNE (ESXX525846 (data) · NDL (ENJA00569669 · WorldCat Identities (ENlccn-n80009898