Rio Grande do Sul

stato brasiliano

Il Rio Grande do Sul è uno Stato federato del Brasile, la cui capitale è Porto Alegre. Confina a nord con lo Stato brasiliano di Santa Catarina, a est con l'Oceano Atlantico, a sud con l'Uruguay e a ovest con l'Argentina. Lo Stato, che ha il 5,4% della popolazione brasiliana, genera il 6,6% del PIL brasiliano.[2]

Rio Grande do Sul
stato federato
Rio Grande do Sul – Stemma
Rio Grande do Sul – Bandiera
Localizzazione
StatoBrasile Brasile
Amministrazione
CapoluogoPorto Alegre
GovernatoreEduardo Leite (PSDB) dal 2023
Lingue ufficialiportoghese, talian.
Territorio
Coordinate
del capoluogo
30°01′58″S 51°13′48″W / 30.032778°S 51.23°W-30.032778; -51.23 (Rio Grande do Sul)
Altitudine121 m s.l.m.
Superficie281 748,538 km²
Abitanti10 770 603[1] (1º luglio 2012)
Densità38,23 ab./km²
Mesoregioni7
Microregioni35
Comuni496
Altre informazioni
Fuso orarioUTC-3
ISO 3166-2BR-RS
Nome abitantigaúchos o sul-rio-grandensi
PIL(nominale) 193,5 miliardi di R$
PIL procapite(nominale) 17.825 R$
Rappresentanza parlamentareCamera dei Deputati: 31
Senato Federale: 3
RegioneSud
InnoHino Rio-Grandense
MottoLiberdade, Igualdade, Humanidade
(IT) Libertà, Uguaglianza, Umanità
Cartografia
Rio Grande do Sul – Localizzazione
Rio Grande do Sul – Localizzazione
Sito istituzionale

La popolazione è composta prevalentemente da etnie europee (discendenti di immigrati italiani e tedeschi, soprattutto).[3][4]

StoriaModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Riduzioni gesuite e Guerra argentino-brasiliana.

Durante il periodo coloniale brasiliano, la provincia del Sud Rio Grande fu teatro di piccole guerre e schermaglie di confine tra Portogallo e Spagna per il controllo della regione, la Colonia del Sacramento e le Missioni Guaranì. Fu anche un punto focale per le ribellioni interne nel XIX e all'inizio del XX secolo.

Repubblica RiograndenseModifica

Durante la guerra di secessione brasiliana Giuseppe Garibaldi partecipò ai moti rivoluzionari, che però si conclusero con la vittoria del governo brasiliano. Dopo la seconda guerra mondiale divenne uno Stato federato del Brasile.

PopolazioneModifica

La popolazione dello Stato di Rio Grande do Sul fu costituita in origine da portoghesi, tedeschi, italiani, africani e indios e, in minor parte, da spagnoli e polacchi.[5] Esiste una numerosa comunità di origini italiane, la seconda più grande nel Brasile, dopo quella di San Paolo.

La principale area di emigrazione verso il Rio Grande do Sul, in Italia, fu il Veneto, dove la crisi era più grande intorno al 1875, in particolare nelle province di Vicenza, Treviso e Verona. Molti immigrati vennero anche dalle province lombarde di Cremona, Mantova e da parte di quella di Brescia e da quella di Bergamo. Erano presenti anche immigrati del Trentino-Alto Adige (unito all'Italia solo dopo la prima guerra mondiale e a quel tempo ancora parte dell'Impero Austrungarico) e del Friuli-Venezia Giulia (per lo più dalle zone montane vicine al Veneto). In un calcolo approssimativo, si stima che del totale di italiani che emigrarono nello Stato, il 54% era veneto, il 33% lombardo, il 7% trentino, il 4,5% friulano e il 1,5% di altre regioni. Si stima che fra il 1875 e il 1914 arrivarono fra 80 e 100 000 italiani nel Rio Grande do Sul.[6] La prima regione popolata da questi immigrati fu Caxias do Sul (oggi una città con più di 400 000 abitanti), Garibaldi e Bento Gonçalves. Comuni come Nova Bassano, Nova Bréscia e Nova Pádua indicano la provenienza italiana dei loro abitanti.[7] Alcuni residenti dello Stato parlano ancora una variante della lingua veneta, conosciuta con il nome di talian (o Vêneto Sul-Riograndense).

CulturaModifica

 
Festa dell'uva a Caxias do Sul.
 
Danza tipica in un CTG (Centro delle tradizioni Gaucho)
 
Un pasto tipico del Rio Grande do Sul con vino, pane, formaggio, pasta con manzo e salame.
 
Chimarrão è una bevanda tradizionale ottenuta immergendo le foglie essiccate della specie di agrifoglio Ilex paraguariensis in acqua calda.

Lo stato del Rio Grande do Sul è riconosciuto come uno degli stati culturalmente più ricchi del Brasile. La musica del Rio Grande è una miscela di molti stili (per lo più un continuum di ritmi che si trovano nei paesi vicini), tra cui Chamamé, Milonga, Polca e Chacarera. La moderna musica gaucho o tchê è popolare dalla fine degli anni 1980. I residenti dello stato sono noti nel paese per aver bevuto il chimarrão, una versione locale del mate ubriaco nei vicini Uruguay e Argentina, e per aver consumato molto regolarmente il churrasco (una pratica comune dovuta alle abbondanti fonti di carne di alta qualità), arrivando addirittura a considerarla uno degli elementi più importanti della vita quotidiana. Porto Alegre ospita lo Sport Club Internacional e il Gremio Foot-Ball Porto Alegrese. Sono rivali, una delle più grandi rivalità in Brasile.[8][9]

Ogni regione dello stato ha il proprio background culturale. Nella pampa (sud-ovest), la cultura è ancora largamente influenzata dagli antichi Gaúchos. Gaúcho è un termine che può descrivere chiunque sia nato nello stato del Rio Grande do Sul. Tuttavia, è anche usato per descrivere i lavoratori rurali della regione del XIX secolo. Altre parti dello stato hanno una cultura leggermente diversa, influenzata principalmente da immigrati tedeschi o italiani. Dopo alcune generazioni, i discendenti degli immigrati si sono integrati nella società locale, anche se le loro influenze culturali sono ancora forti, soprattutto nelle campagne. Nonostante queste differenze, il popolo Gaucho mantiene un particolare zelo per la propria cultura e le sue variazioni. Sebbene la cultura gaucho e la sua lingua portoghese prevalgano nel Rio Grande do Sul, lo stato più meridionale del Brasile, condividendo molte delle sue caratteristiche folcloristiche con i vicini allevamenti di cavalli, culture incentrate sui prati, come quelle che si trovano in Uruguay e Argentina, lo stato ha anche altri aree di forte, anche se meno importante, interesse culturale.[10]

Questi includono l'identità culturale tedesco-brasiliana e la lingua riograndenser Hunsrückisch (il numero di parlanti è stimato in circa 1.500.000), parlata nello stato dal 1824; è stato ufficialmente riconosciuto dalla Camera dei rappresentanti statale nel 2012 all'unanimità. Inoltre, come risultato dell'immigrazione europea dichiarata nel XIX secolo, lo stato ha una propria cultura e lingua italiana, la lingua taliana (lingua/dialetto veneto), parlata principalmente nella regione degli altipiani, presso le cosiddette Colonie Antiche Italiane al vertice dello stato.[11]

Tuttavia, ci sono molte altre minoranze culturali molto più piccole nello stato (pomerania, polacca, tedesco-ebraica, ecc.). Tuttavia, queste tre sono le espressioni culturali predominanti che si trovano nello stato, ciascuna con espressioni linguistiche viventi che ne attestano l'esistenza.[12]

Geografia fisicaModifica

 
Comuni dove dialetto talian è coufficiale in Rio Grande do Sul. Lo stato ha una grande colonia di italiani.

Il Rio Grande do Sul è delimitato a nord dallo Stato brasiliano di Santa Catarina, a est dall'Oceano Atlantico, a sud dall'Uruguay e ad ovest dall'Argentina.

La parte settentrionale dello Stato è adagiata sulle pendici meridionali dell'elevato pianoro che si estende a sud di San Paolo attraverso gli Stati del Paraná e Santa Catarina. Una catena di basse montagne si estende verso sud dalla Serra do Mar di Santa Catarina e attraversa lo Stato fino all'Uruguay. Ad ovest di questa catena è presente una vasta pianura erbosa che a nord presenta altitudini più elevate ed è vocata al pascolo ovino, mentre nel sud al pascolo bovino. Ad est della catena è presente una vasta zona costiera che si eleva di poco sopra il mare. Qui vi sono due grandi lagune, la Lagoa dos Patos a nord e la Lagoa Mirim più a sud al confine con l'Uruguay, separate dal mare da sterili penisole sabbiose. La costa sabbiosa è interrotta solo dal punto di uscita delle due lagune verso l'Oceano Atlantico, chiamato il Rio Grande, che offre un ingresso navigabile per i porti marittimi. Ci sono due distinti sistemi fluviali nel Rio Grande do Sul: quello del fianco orientale che drena le sue acque nelle due lagune; e quello occidentale che rientra nel bacino dell'Uruguay.

I principali fiumi del gruppo orientale sono Jacuí, Sinos, Caí, Gravataí e Camacuã, che si dirigono verso la Lagoa dos Patos, e il Jaguarão che sfocia nella Lagoa Mirim. Il Jacuí è uno dei fiumi più importanti dello Stato. In aggiunta alle Lagoa dos Patos e Lagoa Mirim ci sono una serie di piccoli laghetti costieri.

Dei tanti corsi d'acqua che scorrono verso nord e verso ovest per raggiungere il fiume Uruguay, i più grandi sono l'Ijuí, l'Ibicuí e il Quaraí, fiume che costituisce parte della linea di confine con l'Uruguay. A occidente il fiume Uruguay costituisce tutta la linea di confine tra Rio Grande do Sul e Argentina.

EconomiaModifica

L'economia statale si basa su agricoltura (soia, grano, riso e mais, tra gli altri), bestiame e industria (di cuoio e calzature, alimentare, tessile, del legno, metallurgico e chimico). Va sottolineata l'emergere di importanti poli tecnologici nello Stato nei decenni 1990 e all'inizio del 21 ° secolo, nelle aree petrolchimiche e nella tecnologia dell'informazione. L'industrializzazione nel Rio Grande do Sul sta aumentando la sua partecipazione all'anno PIL Brasile, portando investimenti, manodopera e infrastrutture allo Stato. Attualmente, il Rio Grande do Sul è al quarto posto nella lista degli stati più ricchi del Brasile.

 
Un'azienda vinicola a Bento Gonçalves. Il Rio Grande do Sul è il più grande produttore di vino del Brasile.
 
Tabacco a Rio Grande do Sul.
 
Piantagione di soia a Rio Grande do Sul.

In agricoltura, lo Stato si distingue per la produzione di soia, mais, grano, riso, tabacco, uva, mela, manioca e yerba mate, oltre a produrre avena, orzo, arancio, pesco, fico, mandarino, cachi e fragola.

Nel 2020 la Regione Meridionale ha prodotto il 32% del totale nazionale di cereali, ortaggi e semi oleosi. Sono state 77,2 milioni le tonnellate, il secondo posto in Brasile, perdendo solo nel Centro-Ovest. Rio Grande do Sul (14,3%) è stato il terzo maggior produttore del paese.[13]

Il Rio Grande do Sul è il più grande produttore di riso del paese, con il 70,5% della produzione brasiliana, quasi 7,3 milioni di tonnellate nel 2020.[13][14]

Il Rio Grande do Sul è il più grande produttore di tabacco in Brasile ed è il più grande esportatore al mondo. Il Brasile è il secondo produttore mondiale e leader nelle esportazioni di tabacco dagli anni '90, con il 98% della produzione brasiliana nella regione meridionale.[15]

Il Rio Grande do Sul è responsabile del 90% della produzione nazionale di uva e produce il 90% del vino prodotto nel paese, l'85% dello spumante e il 90% del succo d'uva, principalmente nel area di Caxias do Sul e dintorni: 664,2 mila tonnellate nel 2018.[16][17][18]

In io soia, Rio Grande do Sul è il terzo produttore più grande del paese, con circa il 16% della produzione nazionale. Ha prodotto 19,3 milioni di tonnellate.[13][19] Nel 2017 è stato anche il terzo produttore di mais.[20][21][22]

Il Rio Grande do Sul è anche il più grande produttore nazionale di grano, con 2,3 milioni di tonnellate nel 2019.[13][23][24]

La regione meridionale è anche il maggior produttore di avena in Brasile. Nel 2019 la produzione nazionale sfiorava le 800.000 tonnellate, quasi tutte realizzate nel Sud (Paraná e Rio Grande do Sul).[25][26]

I tre stati meridionali del paese sono responsabili del 95% della produzione nazionale di mela, e Santa Catarina appare in cima alla lista di produzione, contendendo il Rio Grande do Sul. Rio Grande do Sul raccoglie il 45% delle mele brasiliane ed è il più grande esportatore di mele del paese. La regione vicina a Vacaria è il punto forte: concentra l'88% della produzione statale e il 37% della produzione nazionale.[27][28]

Nella produzione di manioca, il Brasile ha prodotto un totale di 17,6 milioni di tonnellate nel 2018. Lo Stato è stato il quarto più grande produttore del paese, con quasi 1 milione di tonnellate.[29]

Per quanto riguarda le arance, Rio Grande do Sul è stato il quinto produttore brasiliano nel 2018, con un totale di 367.000 tonnellate.[30]

Il Rio Grande do Sul è il più grande produttore di pesche in Brasile, con metà del volume raccolto in Brasile nel 2018.[31] Secondo i dati del 2018, è anche il più grande produttore di fico nel paese.[32] Rio Grande do Sul è stato il terzo maggior produttore di mandarino in Brasile. Il Rio Grande do Sul è anche responsabile del 19% della produzione di cachi, essendo il secondo produttore nazionale.[33][34] Nel 2019, in Brasile, c'era una superficie di produzione totale di circa 4.000 ettari di fragola. Rio Grande do Sul è stato il terzo produttore più grande.[35]

Nel 2019, il Brasile ha prodotto circa 900.000 tonnellate di yerba mate all'anno. Il Paraná è il maggior produttore in volume e il Rio Grande do Sul nelle aree di piantagione (e dove il settore è più industrializzato). Secondo i dati del 2017, il Paraná ha raccolto 301.000 tonnellate di yerba mate con metodo estrattivo, mentre il Rio Grande do Sul ne ha raccolte 17.000. D'altra parte, mentre i gauchos raccoglievano 302.000 tonnellate di erba piantata, il Paraná ne raccoglieva 237.000 con questo metodo. Il potenziale produttivo dell'erba mate è ancora poco esplorato in Brasile, con buona parte della vendemmia svolta dal sistema estrattivo e con bassi livelli di produttività. Tuttavia, molti nuovi produttori stanno adottando sistemi di produzione più professionali ed efficienti, con acume di gestione tecnica e una visione del mercato globalizzata. Ciò tende ad aumentare le esportazioni brasiliane di questo prodotto.

 
Bestiame a Rio Grande do Sul.

Nel 2018, la mandria di bovini dello Stato aveva 12,5 milioni di capi, settimo nel paese, il 6,5% del bestiame brasiliano.[36]

Nel 2019, il Rio Grande do Sul ha prodotto un totale di 4,5 miliardi di litri di latte, diventando così il terzo produttore del paese, con il 13,0% del totale del paese.[37]

Nell'allevamento di pecore, nel 2017, la regione meridionale era la seconda più grande del paese, con 4,2 milioni di capi. Il Rio Grande do Sul ha il 94% della produzione lana del paese.[38]

Nella carne di maiale, i 3 stati meridionali sono i maggiori produttori del paese. Il Brasile aveva 41,1 milioni di capi nel 2017. Rio Grande do Sul (14,6%) è il terzo produttore.[38][39]

 
Ametista in Ametista do Sul.

La mandria brasiliana di uccelli, nel 2018, era dell'ordine di 1 500 milioni di capi. Nel 2017, i principali stati produttori di pollame in Brasile sono stati Paraná (25,3%), San Paolo (14,0%) e Rio Grande do Sul (11,0%). In termini di pollo, nel 2017 c'erano 242,8 milioni di capi nel paese. Tra gli stati che erano i maggiori produttori, San Paolo era in testa con il 21,9%, seguito da Paraná (10,1%) e Rio Grande do Sul (8,8%).[38] Nella produzione di uovo, lo stato è al quinto posto in Brasile, con l'8% della produzione nazionale. C'erano 354 milioni di dozzine nel 2018.[40]

La regione meridionale è stata il principale produttore di miele nel paese nel 2017, rappresentando il 39,7% del totale nazionale. Il Rio Grande do Sul era il più grande produttore del paese, con il 15,2%.[38]

Per quanto riguarda estrazione mineraria, lo Stato è un importante produttore di pietre preziose. Il Brasile è il più grande produttore mondiale di ametista e agata, e Rio Grande do Sul è il più grande produttore del paese. L'agata ha un'estrazione locale dal 1830. Il più grande produttore di ametista in Brasile è la città di Ametista do Sul. Questa pietra era molto rara e costosa in tutto il mondo, fino alla scoperta di grandi giacimenti in Brasile, che ne provocò un notevole calo di valore.[41][42][43][44][45]

 
Beira Rio, in Mato Leitão, uno dei più grandi calzaturifici del paese.
 
Sede Neugebauer ad Arroio do Meio
 
Marcopolo S.A. è un produttore mondiale di autobus con sede a Caxias do Sul.

Circa industria, il Rio Grande do Sul aveva un PIL industriale di 82,1 miliardi di R $ nel 2017, equivalente al 6,9% dell'industria nazionale. Impiega 762.045 lavoratori nel settore. I principali settori industriali sono: edilizia (18,2%), alimentare (15,4%), servizi pubblici di servizi industriali, quali elettricità e acqua (9,8%), prodotti chimici (6,8%) e macchinari e squadra (6,6%). Questi 5 settori concentrano il 56,8% dell'industria statale.[46]

Nel Industria automobilistica, lo Stato ha uno stabilimento GM.

Nel industria calzaturiera, spicca particolarmente in Novo Hamburgo, Sapiranga e Campo Bom, e praticamente in tutti gli altri comuni di Vale dos Sinos. Nel 2019, il Brasile ha prodotto 972 milioni di paia. Le esportazioni sono state intorno al 10%, raggiungendo quasi 125 milioni di paia. Il Brasile è al quarto posto tra i produttori mondiali, dietro a Cina (che produce oltre 10 miliardi di paia), India e Vietnam, e all'11 ° posto tra i maggiori esportatori. Il più grande hub di produzione in Brasile si trova qui. Lo Stato brasiliano che più esporta il prodotto è il Rio Grande do Sul: nel 2019 ha esportato 448,35 milioni di dollari. La maggior parte del prodotto va a Stati Uniti, Argentina e Francia. Il consumo interno assorbe gran parte della produzione. Lo Stato ha creato o creato alcune delle più importanti fabbriche del Brasile nel settore.[47][48]

Nel industria alimentare, nel 2019, il Brasile è stato il secondo esportatore mondiale di alimenti trasformati, con un valore di 34,1 miliardi di dollari in esportazioni. I ricavi dell'industria alimentare e delle bevande brasiliana nel 2019 sono stati di 699,9 miliardi di R $, il 9,7% del prodotto interno lordo del paese. Nel 2015, l'industria alimentare e delle bevande in Brasile comprendeva 34 800 aziende (senza contare i panifici), la stragrande maggioranza delle quali era piccola. Queste aziende impiegavano più di 1 600 000 lavoratori, rendendo l'industria alimentare e delle bevande il più grande datore di lavoro nel settore manifatturiero. Ci sono circa 570 grandi aziende in Brasile, che rappresentano una buona parte dei ricavi totali del settore. Il Rio Grande do Sul ha creato aziende alimentari di importanza nazionale come la fabbrica di cioccolato Neugebauer; Vinícola Aurora e Vinícola Salton, due delle più grandi aziende vinicole del paese. e Camil Alimentos, proprietario del marchio Açúcar União (il marchio di zucchero più famoso del paese), Arroz Carretero (uno dei marchi di riso più famosi in Brasile), tra gli altri.[49][50][51]

Anche l'industria meccanica e metallurgica raggiunge una notevole espressione, soprattutto in Porto Alegre, Novo Hamburgo, São Leopoldo e Canoas, oltre a Gravataí, Sapucaia do Sul, Esteio e Sapiranga, che hanno grandi aziende del settore e che appartengono anche alla regione metropolitana di Porto Alegre. A questi centri si unisce São Jerônimo, che ospita l'acciaieria di Charqueadas. L'acciaieria Aços Finos Piratini si trova a Charqueadas, che appartiene a Gerdau. È principalmente orientato a servire l'industria automobilistica.

Nel settore metallurgico, lo Stato ha una delle aziende più famose del paese, Tramontina, originaria del Rio Grande do Sul e un famoso produttore di coltelli, padelle, pale e utensili vari, che ha più di 8 500 dipendenti e 10 unità produttive. Altre aziende famose nello Stato sono Marcopolo, un produttore di carrozzerie per autobus, che nel 2015 aveva un valore di mercato di 2 782 miliardi di R $, e Randon, un gruppo di 9 società specializzate in soluzioni per il trasporto, che riunisce produttori di veicoli, ricambi auto e attrezzature stradali: impiega circa 11 000 persone e ha registrato un fatturato lordo nel 2017 di 4,2 miliardi di R $.

Un'altra area industriale è la cosiddetta regione dell'antica colonizzazione, in cui i comuni di Caxias do Sul, Garibaldi, Bento Gonçalves, Flores da Cunha, Farroupilha e Santa Cruz do Sul sono integrati. L'attività manifatturiera è caratterizzata dalla produzione di vino e dalla lavorazione di prodotti agro-pastorali, quali cuoio, burro, mais, grano e tabacco.

Nel resto dello Stato sono presenti diversi poli industriali dispersi, tutti legati alla lavorazione di materie prime agropastorali. In questo gruppo, Erechim, Passo Fundo, Santa Maria, Santana do Livramento, Rosário do Sul, Pelotas, Rio Grande e Bagé si distinguono.

TurismoModifica

 
Spiaggia di Guarita a Torres.
 
Gramado.
 
Enoturismo in Bento Gonçalves.
 
Neve di Caxias do Sul.

Il turismo di fascia alta è molto forte nelle città tedesche di Gramado (4ª città più visitata del paese in termini di turismo interno) e nella vicina Canela; il clima freddo, la gastronomia e le numerose strutture per il tempo libero sono tra le sue attrazioni per il turismo interno. Il turismo è importante anche nelle regioni vinicole dello stato, principalmente Caxias do Sul e Bento Gonçalves. Lo stato ospita anche la storica São Miguel das Missões, le rovine di una missione dei gesuiti del XVIII secolo. Lo Stato del Rio Grande do Sul e le sue città hanno sviluppato una serie di percorsi panoramici per attirare i turisti. La Strada Romantica è un popolare tour panoramico che mette in mostra la diversità della cultura germanica nelle regioni montuose dello stato conosciute come Serra Gaúcha. Puoi visitare le colonie italiane dello stato lungo i Caminhos da Colônia, visitare la regione vinicola lungo la Strada del Vino e dell'Uva e visitare una sottosezione della Strada Romantica chiamata Regione delle Ortensie, una regione piena di ortensie blu ogni primavera.[52]

La Vale do Paranhana, in comuni come Igrejinha, Parobé, Taquara, Riozinho, Rolante e Três Coroas, offre attività all'aria aperta come l'escursionismo ad attività estreme nel mezzo della Foresta Atlantica, come la canoa nei fiumi.[53]

La costa gaucho ha anche alcune località balneari molto visitate, come Torres, Capão da Canoa e Terra de Areia.[54]

InfrastruttureModifica

StradeModifica

 
BR-290 vicino a Porto Alegre, con 3 corsie in ciascuna direzione. Tratto noto come Freeway

Nel giugno 2022, il Rio Grande do Sul disponeva di 153.960 km di strade (sotto la giurisdizione nazionale, statale o municipale), di cui 13.056 km asfaltati e, di questi, 638 km erano autostrade.[55] Le strade principali sono: BR-101, BR-116, BR-153, BR-158, BR-163, BR-285, BR-287, BR-290, BR-293, BR-386, BR-392 e BR-471 . Dopo decenni di scarsi investimenti da parte dei governi successivi dello stato del Rio Grande do Sul, attualmente ha una delle reti stradali più deboli nella metà meridionale del paese: nel 2020 c'erano ancora 54 città senza accesso asfaltato (São Paulo, Rio de Janeiro, Santa Catarina e Mato Grosso do Sul avevano allo stesso tempo il 100% delle città con accesso asfaltato, Paraná e Minas Gerais ne avevano quasi il 100%).[56][57][58][59] Lo Stato ha anche poche autostrade duplicate, la maggior parte alla periferia della capitale Porto Alegre, la maggior parte delle quali appartiene al governo federale; Nonostante il gran numero di autostrade statali, il governo statale ha fatto poco in questo campo.[60] La situazione ha iniziato a cambiare solo nel 2019, quando lo Stato ha realizzato un piano di ripresa economica e finanziaria e avviato un programma specifico volto al recupero e all'evoluzione della rete stradale statale. Quest'anno 62 comuni non avevano ancora accesso all'asfalto: il progetto doveva arrivare nel 2023 con 22 comuni senza accesso. Le concessioni autostradali detenute dal Rio Grande do Sul, come BR-287 e BR-386, fatte contemporaneamente, mirano a raddoppiare le porzioni concesse di queste autostrade entro il 2035.[61][62][63] Attualmente, 211 km della BR-116 tra Guaíba e Pelotas vengono duplicati e nel 2021 ci saranno già a 131 km duplicato.[64]

PorteModifica

 
Porto di Rio Grande.

Il Porto di Rio Grande è di grande importanza per il Mercosur, e anche il principale punto di multimodalità nello stato, poiché fa concentrare parte del sistema stradale e ferroviario nel Porto di Rio Grande. I porti principali sono: Porto di Rio Grande, Porto di Porto Alegre, Porto di Pelotas e Porto di Estrela. I terminal portuali di Rio Grande, Porto Alegre e Pelotas hanno movimentato, nel 2021, 47,6 milioni di tonnellate di merci, 45,18 milioni nel solo porto di Rio Grande.[65][66]

Aeroporti internazionaliModifica

Porto AlegreModifica

 
Tramonto all'Aeroporto di Porto Alegre-Salgado Filho.
 
Aeroporto di Caxias do Sul
 
Autostrada BR-116 in Ivoti.

Con 37,6 mila metri quadrati di superficie costruita e quattro livelli, il terminal passeggeri Aeroporto di Porto Alegre-Salgado Filho può ricevere 28 grandi aerei contemporaneamente. Il terminal dispone di 32 banchi per il check-in, dieci ponti di imbarco, nove ascensori e dieci scale mobili. Dispone di un centro di controllo del movimento degli aeromobili completamente automatizzato e gli spazi principali sono climatizzati. La piattaforma, rivestita in cemento armato precompresso, può servire jumbo jet come il Boeing 747-400. La struttura del garage si sviluppa su otto livelli, 44mila mq e 1.440 posti auto. Un altro terminal, con 15.000 metri quadrati e una capacità di 1,5 milioni di passeggeri all'anno, serve l'aviazione generale, esecutiva e di terzo livello (aeromobili convenzionali a pistoni e turboelica). L'aeroporto di Porto Alegre è stato il primo aeroporto gestito da Infraero ad avere il check-in integrato. Questo servizio offre flessibilità nell'uso delle strutture e dei terminali, consentendo ai vettori di accedere ai propri data center tramite computer ad uso condiviso da qualsiasi postazione check-in. Ciò rende molto più facile allocare lo spazio sul bancone in base alle fluttuazioni della domanda, riducendo lo spazio inattivo. L'area Aeroshopping –centro commerciale e ricreativo – è attiva 24 ore su 24 con negozi, servizi, food court e un cinema triplex, il primo ad essere installato in un aeroporto brasiliano. L'aeroporto internazionale di Salgado Filho dispone anche di un terminal per le merci aviotrasportate, costruito nel 1974, con un'area di 9.500 mila metri quadrati e la capacità di gestire 1.500 tonnellate di merci in esportazione e 900 tonnellate di importazioni ogni mese. Il movimento medio giornaliero (arrivi e partenze) è di 174 aeromobili, su rotte di linea che collegano direttamente o indirettamente Porto Alegre con tutte le altre grandi città del Paese, nonché con le città minori dell'interno degli stati della Regione Sud e San Paolo. Ci sono anche voli internazionali con collegamenti diretti con le città del Cono Sud.[67]

PelotasModifica

Il Aeroporto Internazionale Pelotas è comunemente utilizzato dall'Força Aérea Brasileira come ultima tappa in Brasile sui suoi voli per la Base Antartica Brasiliana.[68]

BagéModifica

Il Aeroporto Comandante Gustavo Kraemer ha aperto i battenti il 5 luglio 1946. Questo aeroporto è stato gestito da Infraero il 27 ottobre 1980. Si trova nella periferia rurale di Bagé, a 60 km dal confine con Uruguay e 380 km (236 mi) da Porto Alegre. Il Comandante Gustavo Kraemer Airport non opera con regolari voli commerciali. Ci sono due voli giornalieri che trasportano borse bancarie, oltre a servizi di aerotaxi e jet esecutivo. La maggior parte degli utenti dell'aeroporto sono uomini d'affari della parte centrale del Brasile che hanno interessi nella regione nell'allevamento di cavalli purosangue inglesi e arabi, allevamento di bovini, frutticoltura, vinificazione, pasta di legno e produzione di energia.[69]

UruguaianaModifica

Situato al confine con Argentina (attraverso il fiume Uruguay dalla città argentina di Paso de los Libres), Uruguaiana è considerato il principale porto interno dell'America Latina, grazie alla sua strategia di posizione con i paesi del Mercosur. Il Aeroporto Internazionale Rubem Berta, invece, ha un solo volo, della Azul Linhas Aéreas, per Porto Alegre, situazione che Infraero intende cambiare, come confermato durante una visita ufficiale al aeroporto a dicembre dal 2004.

Con oltre 700 mila metri quadrati di superficie edificata, è il più grande aeroporto all'interno dello stato del Rio Grande do Sul.

 
Sistema Metropolitano della Grande Porto Alegre, in San Leopoldo

Ci sono due autostrade, BR-290 e BR-472, che passano vicino all'aeroporto, così come una ferrovia a circa 2.500 metri dal terminal. Situato a 9 km dal centro cittadino, questo aeroporto si trova a un'altezza di 78 metri e la temperatura media annuale è di 20 °C, con una grande variazione dall'estate all'inverno. Situato a 630 km dalla capitale dello stato (Porto Alegre), Uruguaiana è stata fondata il 29 maggio 1746 e ha una popolazione attuale di 126.936. L'agricoltura e l'allevamento sono le principali attività economiche della regione, che conta 1.509 fattorie rustiche.[70]

Aeroporti nazionaliModifica

Caxias do SulModifica

L'Aeroporto di Caxias do Sul (CXJ/SBCX) serve una vasta regione di importanti comuni economici e turistici nelle vicinanze di Caxias do Sul, per un totale di 34 comuni in questa zona della "Serra Gaúcha". Si trova a un'altitudine di 754 m (2.474 piedi) e ha una pista in cemento (15/33) con una lunghezza di 2.000 m (6.562 piedi) sebbene solo 1.650 m siano utilizzabili se atterri sulla pista 15 È servito quotidianamente da le compagnie aeree GOL e Azul che collegano Caxias do Sul con San Paolo. È dotato di un ausilio per l'approccio visivo VASIS ed è anche certificato per gli approcci IFR.

EnergiaModifica

 
Parco eolico di Osorio, il più grande parco eolico dell'America Latina.

Nel 2021, il Rio Grande do Sul aveva circa 7,2 GW di potenza elettrica installata, un numero relativamente basso rispetto al totale del Paese, che all'epoca era di circa 170 GW. Del totale, l'80,6% proveniva da fonti rinnovabili: il 49% corrispondeva a impianti idroelettrici, il 19,5% all'eolico e l'8,2% al solare fotovoltaico. Lo stato ha un alto potenziale per l'installazione di energia eolica a causa del fatto che la velocità media del vento è una delle più alte del paese. Sono attualmente in corso diversi nuovi progetti di parchi eolici, oltre agli investimenti nelle linee di trasmissione dell'energia dello Stato, che sono stati limitati. La maggior parte dei progetti di energia eolica offshore (al mare) in Brasile, nel 2021, erano nel Rio Grande do Sul, con installazione prevista per il 2030.[71][72][73][74]

Nel marzo 2022, Rio Grande do Sul è stato il terzo stato brasiliano con il maggior numero di energia solare installata nella modalità di microgenerazione distribuita individuale.[75]

La produzione di carbone in Brasile è stata di 13,6 milioni di tonnellate nel 2007. Santa Catarina ha prodotto 8,7 Mt (milioni di tonnellate); Rio Grande do Sul, 4,5 Mt; e Paraná, 0,4 Mt. Il Brasile ha riserve di torba, lignite e carbone. Il carbone ammonta a 32 miliardi di tonnellate di riserve e si trova principalmente nel Rio Grande do Sul (89,25% del totale). Solo il deposito di Candiota (nel Rio Grande do Sul) possiede il 38% di tutto il carbone nazionale. Essendo un carbone di qualità inferiore, viene utilizzato solo nella generazione di energia termoelettrica e nel sito del giacimento. La crisi petrolifera degli anni '70 ha portato il governo brasiliano a creare il Piano di mobilitazione energetica, con un'intensa ricerca per scoprire nuove riserve di carbone. Il Servizio geologico del Brasile, attraverso il lavoro svolto nel Rio Grande do Sul e Santa Catarina, ha notevolmente aumentato le riserve di carbone precedentemente conosciute tra il 1970 e il 1986 (principalmente tra il 1978 e il 1983). In diversi giacimenti nel Rio Grande do Sul (Morungava, Chico Lomã, Santa Teresinha) è stato scoperto carbone di buona qualità, adatto per l'uso in metallurgia e in grande volume (sette miliardi di tonnellate), ma a profondità relativamente grandi (fino a 1.200 m), che finora ne ha reso difficile l'utilizzo. Nel 2011 il carbone rappresentava solo il 5,6% dell'energia consumata in Brasile, ma è un'importante fonte strategica, che può essere attivata quando, ad esempio, i livelli dell'acqua nelle dighe sono molto bassi, riducendo eccessivamente la fornitura di energia idroelettrica.[76][77]

SportModifica

 
Stadio Beira-Rio, uno dei seggi della Coppa del Mondo FIFA 2014.
 
Arena do Grêmio.

Il Rio Grande do Sul conta attualmente con sette squadre di calcio appartenenti alle divisioni del Campionato di calcio brasiliano: Internacional, Grêmio, Juventude, Caxias, Brasil de Pelotas; Lajeadense e Ypiranga. Lo Sport Club Rio Grande, nel comune di Rio Grande, è il più antico del Brasile e attualmente gioca nella Campeonato Gaúcho de Segunda División.[78][79]

Il Rio Grande do Sul è anche un riferimento nazionale e mondiale nel futsal, con squadre come Inter/Ulbra a Porto Alegre, ACBF a Carlos Barbosa, Atlântico a Erechim, Ulbra a Canoas, Assoeva a Venâncio Aires y Enxuta a Caxias do Sul. Il comune di Carlos Barbosa è considerato la capitale del futsal in Brasile.[80][81]

Nello stato sono nati i seguenti medagliati olimpici: Mayra Aguiar e Daniel Cargnin (judo)[82][83]; Fernando Scheffer (nuoto)[84]; André Johannpeter (equestre)[85]; André Heller, Gustavo Endres, Murilo Endres, Renan Dal Zotto, Paulão, Fernanda Garay, Carol Albuquerque, Éder, Janelson, Jorge Édson, Lucão, Marcus Vinícius y Thiago Alves (pallavolo).[86][87][88] Anche dallo stato è Thomaz Koch, considerato uno dei migliori tennisti nella storia del Brasile[89][90] e Henrique Mecking, considerato il miglior scacchista brasiliano di tutti i tempi, diventato il 3° miglior giocatore al mondo[91][92]; oltre a medagliati ai campionati del mondo come Babi e Deonise nella pallamano[93], João Derly e Maria Portela nel judo[94], Daiane dos Santos nella ginnastica artistica[95] e Samuel de Bona nella maratona acquatica.[96]

CittàModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Comuni del Rio Grande do Sul.
 
Porto Alegre
 
Caxias do Sul
 
Pelotas
 
Canoas
 
Santa Maria
Le città più grandi del Rio Grande do Sul
(Censimento 2011 dell'Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística)
N. Città Mesoregioni Abitanti Superficie
(km²)
Microregione
Cens. 2011
1. Porto Alegre Porto Alegre 1 413 094 Porto Alegre
2. Caxias do Sul Nordeste Rio-Grandense 441 332 Caxias do Sul
3. Pelotas Sudeste Rio-Grandense 328 864 Pelotas
4. Canoas Porto Alegre 325 188 Porto Alegre
5. Santa Maria Centro Ocidental Rio-Grandense 262 368 Santa Maria
6. Gravataí Porto Alegre 257 428 Porto Alegre
7. Viamão Porto Alegre 240 302 Porto Alegre
8. Novo Hamburgo Porto Alegre 239 151 Porto Alegre
9. São Leopoldo Porto Alegre 215 664 Porto Alegre
10. Rio Grande Sudeste Rio-Grandense 198 048 Litoral Lagunar
11. Alvorada Porto Alegre 196 571 Porto Alegre
12. Passo Fundo Noroeste Rio-Grandense 186 082 783,421 Passo Fundo
13. Sapucaia do Sul Porto Alegre 131 587 58,309 Porto Alegre
14. Uruguaiana Sudoeste Rio-Grandense 125 320 5 715,763 Campanha Ocidental
15. Santa Cruz do Sul Centro Oriental Rio-Grandense 119 199 733,409 Santa Cruz do Sul
16. Cachoeirinha Porto Alegre 119 100 44,018 Porto Alegre
17. Bagé Sudoeste Rio-Grandense 116 944 4 095,534 Campanha Meridional
18. Bento Gonçalves Nordeste Rio-Grandense 108 490 274,070 Caxias do Sul
19. Erechim Noroeste Rio-Grandense 96 756 430,668 Erechim
20. Guaíba Porto Alegre 95 273 376,947 Porto Alegre

FiumiModifica

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ (PT) Dato Ibge (Instituto Brasileiro de Geografia e Estatistica) - Estimativas da população residente no Brasil e unidades da Federação..
  2. ^ População cresce menos do que a média nacional no último ano, diz IBGE.
  3. ^ Immigrazione tedesca e italiana nel Rio Grande do Sul.
  4. ^ Colonizzazione.
  5. ^ Dados do Rio Grande do Sul no Portal do Governo Estadual, su rs.gov.br. URL consultato il 3 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2013).
  6. ^ RS VIRTUAL - O Rio Grande do Sul na Internet - História - Colonização - Italianos - A maior parte veio do Vêneto (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2008).
  7. ^ ITALIANI ALL'ESTERO - PROGETTO "STORIE DI GENTE VENETA NEL MONDO". DAL RAPPORTO MIGRANTES ITALIANI NEL MONDO 2008: 260.849 I VENETI NEL MONDO, su italiannetwork.it. URL consultato il 24 aprile 2010.
  8. ^ Galpão Crioulo apresenta o Grande Encontro.
  9. ^ Chimarrão: Origem e mistérios da bebida símbolo do gaúcho.
  10. ^ 11 costumes do Rio Grande do Sul que só os gaúchos entendem.
  11. ^ Estudiosos querem transformar dialeto alemão falado na Serra em língua.
  12. ^ Imigrantes poloneses no Brasil em 1891.
  13. ^ a b c d IBGE prevê safra recorde de grãos em 2020.
  14. ^ Safra do arroz deve atingir mais de 1,14 milhão de toneladas em Santa Catarina.
  15. ^ Região Sul é responsável por 98% da produção de tabaco no Brasil.
  16. ^ Região Sul é responsável por mais de 90% das uvas produzidas para processamento no Brasil, su jvanguarda.com.br. URL consultato il 13 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2020).
  17. ^ Vale do Rio do Peixe produz 86% da uva em SC.
  18. ^ Produção de uva no Rio Grande do Sul cai quase 40% frente a 2018.
  19. ^ Confira como está a colheita da soja em cada estado do país.
  20. ^ Quatro estados concentram quase 70% da produção de grãos do país.
  21. ^ Produção de Milho no Nordeste, su bnb.gov.br. URL consultato il 13 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2020).
  22. ^ Produção de grãos cresce 14% e Piauí se consolida como 3º maior produtor do Nordeste.
  23. ^ Rio Grande do Sul deve superar Paraná na produção de trigo em 2019.
  24. ^ BRASIL - IMPORTAÇÃO DE TRIGO 2019 (POR PAÍS) (PDF).
  25. ^ Em abril, IBGE prevê alta de 2,2% na safra de grãos de 2019.
  26. ^ Alternativa ao trigo, cevada ganha espaço no Sul e projeta produção recorde.
  27. ^ Safra da maçã deve render 600 mil toneladas em Santa Catarina.
  28. ^ Qualidade da fruta marca abertura da colheita da maçã e da uva no RS.
  29. ^ Produção brasileira de mandioca em 2018 (PDF).
  30. ^ Produção brasileira de laranja em 2018 (PDF).
  31. ^ Como plantar pêssego.
  32. ^ Conheça o caminho do figo brasileiro, do campo ao Canadá.
  33. ^ Produção brasileira de tangerina em 2018 (PDF).
  34. ^ Caqui – Panorama nacional da produção.
  35. ^ Qual o panorama da produção de morango no Brasil?.
  36. ^ O RS possui 6,5% do rebanho bovino do Brasil.
  37. ^ Bovinocultura de Leite.
  38. ^ a b c d PPM 2017: Rebanho bovino predomina no Centro-Oeste e Mato Grosso lidera entre os estados.
  39. ^ REGIÃO SUL DO BRASIL É O MAIOR CENTRO PRODUTIVO DE PROTEÍNA ANIMAL DO MUNDO.
  40. ^ O RS é o 4º maior produtor de aves e de ovos do Brasil.
  41. ^ Algumas Gemas Clássicas.
  42. ^ Rio Grande do Sul: o maior exportador de pedras preciosas do Brasil.
  43. ^ Os alemães e as pedras preciosas gaúchas.
  44. ^ Maior pedra de água-marinha é brasileira e ficará exposta nos EUA.
  45. ^ http://g1.globo.com/rs/rio-grande-do-sul/nossa-terra/2013/noticia/2013/07/pedras-de-ametista-sao-atrativos-para-turistas-em-cidade-no-norte-do-rs.html.
  46. ^ Rio Grande do Sul Industry Profile.
  47. ^ Abicalçados apresenta Relatório Setorial 2019.
  48. ^ Exportação de Calçados: Saiba mais.
  49. ^ A indústria de alimentos e bebidas na sociedade brasileira atual.
  50. ^ Faturamento da indústria de alimentos cresceu 6,7% em 2019.
  51. ^ https://agenciabrasil.ebc.com.br/economia/noticia/2020-02/industria-de-alimentos-e-bebidas-faturaram-r-6999-bi-em-2019.
  52. ^ Turismo no RS.
  53. ^ Conheça cinco regiões para quem quer fazer turismo no RS fugindo dos roteiros óbvios.
  54. ^ Torres.
  55. ^ Rodovias do RS junho de 2022 (XLS).
  56. ^ No RS, 54 municípios ainda não têm acesso asfáltico e criança com poeira, buracos e dificuldades necessário.
  57. ^ Quatro cidades do Paraná não têm acessos por rodovias estaduais asfaltadas; enfrentam lama e transtornos.
  58. ^ Moradores de cidades sem ligação asfáltica vivencia por lama e poeira.
  59. ^ Santa Catarina tem, agora, acesso asfaltado a todas as 295 cidades.
  60. ^ Mapa rodoviário do Rio Grande do Sul em 2021 (JPG).
  61. ^ Governo libera R$ 37 milhões para acessos asfálticos em oito municípios.
  62. ^ Como está a BR-386 nove meses depois da concessão para a iniciativa privada.
  63. ^ Governador assina contrato de concessão que garantirá duplicação e investimentos de R$ 2,7 bilhões na RSC-287.
  64. ^ Trecho duplicado na BR-116, em Barra do Ribeiro (RS), é liberado.
  65. ^ Porto RS.
  66. ^ Portos do RS movimentam mais de 47 milhões de toneladas em carga e fecham 2021 com recorde.
  67. ^ Aeroporto Internacional Salgado Filho POA - Porto Alegre.
  68. ^ Pelotas CCR aeroportos.
  69. ^ Aeroporto de Bagé recebe certificação para aviões de grande porte.
  70. ^ Com operação VoePass, Gol inaugura voo para Uruguaiana (RS).
  71. ^ “Fazemos grande esforço para ampliar geração de energia renovável no RS”, destaca governador em painel nacional.
  72. ^ EÓLICA VAI REVOLUCIONAR MATRIZ ENERGÉTICA DO RS.
  73. ^ RS atrai maior número de empresas no país para explorar energia eólica em alto-mar.
  74. ^ RS em números.
  75. ^ Brasil ultrapassa marca de 10 GW em micro e minigeração distribuída.
  76. ^ Carvão Mineral.
  77. ^ Carvão mineral no Brasil e no mundo.
  78. ^ Grêmio é pentacampeão gaúcho e reduz vantagem de títulos do Inter; veja o ranking completo.
  79. ^ Grêmio supera Inter e terá maior jejum de títulos grandes da história do RS.
  80. ^ Veja os times com mais títulos da Liga Nacional de Futsal.
  81. ^ Carlos Barbosa penta, Jaraguá tetra... confira todos os campeões da Liga Nacional de Futsal (LNF).
  82. ^ Mayra Aguiar.
  83. ^ Daniel Cargnin.
  84. ^ Fernando Scheffer.
  85. ^ André Johannpeter.
  86. ^ André Heller.
  87. ^ Gustavo Endres.
  88. ^ Murilo Endres.
  89. ^ 10 maiores tenistas brasileiros.
  90. ^ Especial 20 anos: os maiores brasileiros do tênis.
  91. ^ Conheça o currículo de Mequinho, O melhor enxadrista do Brasil.
  92. ^ Mequinho, 1º brasileiro grande mestre de xadrez.
  93. ^ É campeão! Brasil vence a Sérvia e conquista seu primeiro título mundial.
  94. ^ A trajetória do bicampeão mundial.
  95. ^ Daiane dos Santos.
  96. ^ Grandes momentos de 2013: Samuel de Bona.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN148530093 · ISNI (EN0000 0004 0493 3852 · LCCN (ENn82037765 · GND (DE4050110-3 · BNF (FRcb11951602g (data) · J9U (ENHE987007559733205171 · WorldCat Identities (ENlccn-n82037765
  Portale Brasile: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Brasile