Apri il menu principale

Vittoriano Guareschi

pilota motociclistico e dirigente sportivo italiano
Vittoriano Guareschi
Nazionalità Italia Italia
Motociclismo IlmorX3-003.png
Carriera
Carriera in Supersport
Esordio 1997
Miglior risultato finale
Gare disputate 33
Gare vinte 4
Podi 10
Punti ottenuti 344
Pole position 6
Giri veloci 4
Carriera in Superbike
Esordio 1999
Miglior risultato finale 10º
Gare disputate 49
Podi 2
Punti ottenuti 145
 

Vittoriano Guareschi (Parma, 19 giugno 1971) è un ex pilota motociclistico e dirigente sportivo italiano.

Anche suo fratello, Gianfranco Guareschi, corre come pilota professionista.[1]

CarrieraModifica

Esordisce a 17 anni nel campionato italiano Sport Production nel quale corre per numerose stagioni. I primi due anni li passa in sella a Cagiva e Aprilia 125 prima di spostarsi nella classe 600. Nel 1990 è 4º su Bimota, ma nonostante il risultato decide di ritornare alle ottavo di litro. A partire dal 1991 è un susseguirsi di cambi di moto e categoria fino al 1995. Non riesce tuttavia mai ad imporsi sugli avversari nonostante chiuda quasi sempre a ridosso dei migliori. Nel 1995 corre anche nell'italiano Supermono, campionato che riesce a conquistare in sella ad una Yamaha SZR.

L'anno successivo debutta in campo internazionale partecipando al campionato Europeo Velocità nella categoria Supersport, che chiude in quinta posizione cogliendo 3 podi supportato dal team Yamaha Belgarda. Nel 1997 esordisce nel neonato mondiale Supersport, sempre con il team Yamaha Belgarda. A parità di vittorie, perde per solo un punto il titolo a vantaggio del connazionale Paolo Casoli su Ducati 748. La stagione successiva è ancora secondo dietro a Fabrizio Pirovano che vince il titolo con una Suzuki GSX-R600 del team Alstare Corona.

Nel 1999 debutta nel mondiale Superbike ancora una volta con il team Yamaha, in due stagioni coglie due podi, ma i risultati parlano di un decimo e di un ventesimo posto in classifica finale. Torna quindi alle 600 ingaggiato dal team Ducati Dienza Racing ma chiude al 16º posto nella classifica generale, con una stagione avara di risultati.

Abbandona quindi le competizioni agonistiche per dedicarsi a tempo pieno al suo nuovo ruolo di collaudatore, era stato infatti ingaggiato nell'aprile 2001 dalla Ducati come collaudatore ufficiale per le proprie moto da corsa. L'ultima gara è datata 2004 quando corre, come wild card, nella prova di Monza del mondiale Supersport in sella a una Ducati 749R del team ufficiale Ducati Breil concludendo in ottava posizione il gran premio.

Dal 2001 al 2009 cura lo sviluppo di tutte le moto da competizione della squadra di Borgo Panigale, in particolar modo della Desmosedici fin dal primissimo test sulla pista francese di Ladoux nel maggio 2002.

Il 5 novembre 2009 viene nominato manager del team Ducati Marlboro in MotoGP, in sostituzione di Livio Suppo passato alla Honda.[2]

Nel 2014 lascia la Ducati per svolgere sempre l'attività di team manager per lo SKY Racing Team VR46.[3]

Nel settembre 2014 lascia il mondo delle corse per dedicarsi alla famiglia e per lavorare come meccanico nella concessionaria Guzzi di famiglia.[4]

Risultati in garaModifica

Campionato mondiale SupersportModifica

1997 Moto                       Punti Pos.
Yamaha Rit Rit 4 Rit 4 1 6 2 1 4 1 144
1998 Moto                     Punti Pos.
Yamaha 4 3 6 3 Rit 2 4 2 3 1 149
2001 Moto                       Punti Pos.
Ducati 8 4 Rit 7 Rit 4 Rit Rit Rit 20 Rit 43 16º
2004 Moto                     Punti Pos.
Ducati 8 8 30º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.

Campionato mondiale SuperbikeModifica

1999 Moto                           Punti Pos.
Yamaha 12 13 13 15 16 Rit 9 9 11 10 7 9 9 8 Rit Rit 15 14 3 Rit 13 Rit 10 12 99 10º
2000 Moto                           Punti Pos.
Yamaha 15 Rit 3 Rit Rit Rit NC 14 12 Rit 23 13 Rit 16 12 13 Rit NP 19 12 15 Rit Rit Rit 12 12 46 20º
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Non disputata/Non valida Non qual./Non part. Squalificato Ritirato

NoteModifica

  1. ^ (FR) Vincent Glon, La course moto en Famille..., su racingmemo.free.fr, Racingmemo, 23 aprile 2011.
  2. ^ Alessio Brunori, MotoGP – Vittoriano Guareschi promosso Team Manager Ducati, su motograndprix.motorionline.com, Motorionline S.r.l., 28 ottobre 2009.
  3. ^ Redazione MotoGP, Guareschi, team manager del team Sky, su motogp.com, Dorna Sport S.L., 27 ottobre 2013.
  4. ^ Silvia Fedrigo, Gianfranco e Vittoriano Guareschi: cuore e tradizione, su thecreativebrothers.com, The Creative Brothers, 19 dicembre 2018.

Collegamenti esterniModifica