24 Ore di Le Mans 1953

21ª edizione della 24 Ore di Le Mans

La 24 Ore di Le Mans 1953 è stata la 21ª edizione della gara francese e si è svolta il 13 e 14 giugno 1953 sul Circuit de la Sarthe, Le Mans. È stata anche il terzo round del Campionato mondiale vetture sport.[1]

24 Ore di Le Mans 1953
Edizione n. 21 del 24 Ore di Le Mans
Dati generali
Inizio13 giugno
Termine14 giugno
valevole anche per il Campionato mondiale vetture sport
Titoli in palio
Vittoria assolutaBandiera del Regno Unito Tony Rolt
Bandiera del Regno Unito Duncan Hamilton
su Jaguar C-Type
Sport fino a 5 litri
Sport
fino a 8 litri
Bandiera degli Stati Uniti Phil Walters
Bandiera degli Stati Uniti John Fitch
su Cunningham C-5R
Sport
fino a 3 litri
Bandiera della Francia Maurice Trintignant
Bandiera degli Stati Uniti Harry Schell
su Gordini T26S
Sport
fino a 2 litri
Bandiera del Regno Unito Ken Wharton
Bandiera del Regno Unito Laurence Mitchell
su Frazer Nash Le Mans Coupé
Sport
fino a 1,5 litri


Sport
fino a 750 litri

Sport
fino a 1,1 litri
Bandiera della Germania Ovest Richard von Frankenberg
Bandiera del Belgio Paul Frère
su Porsche 550 Coupé
Bandiera della Francia René Bonnet
Bandiera della Francia André Moynet
su D.B. HBR-4 LM
Bandiera dell'Italia Dr. Mario Damonte
Bandiera della Francia "Heldé" (Pierre-Louis Dreyfus)
su OSCA MT-4 1100 Coupé
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

Contesto Modifica

 
La gara è stata vinta da una Jaguar C-Type, simile a quella nella foto sopra.

Dei 69 entranti e riserve, erano presenti diciannove diversi marchi (e le loro filiali). La Mercedes-Benz non è tornata per difendere il titolo: era impegnata a preparare nuove auto sia per il campionato di F1 che per quello delle auto sportive. Quindi la corsa per la vittoria si configura in una gara tra Italia (Ferrari, Alfa Romeo e Lancia), Inghilterra (Jaguar, Aston Martin, Allard e Nash-Healey/Austin-Healey), Stati Uniti (Cunningham) e Francia (Talbot e Gordini).

Tra i piloti iscritti c'erano tutti e tre i campioni del mondo di F1 (Alberto Ascari, Juan Manuel Fangio, Giuseppe "Nino" Farina) e oltre 30 altri piloti di F1 dell'epoca.

 
La Ferrari 340 MM Berlinetta.

Per quanto riguarda le vetture iscritte, la Ferrari ha iscritto due Ferrari 340 MM Berlinetta leggere alimentate dal grande motore V12 da 4,1 litri da 280 CV e avevano carrozzerie progettate da Pinin Farina. Ascari e Luigi "Gigi" Villoresi avrebbero dovuto condividere un'altra coupé leggera 375 MM convertita in 4,5 litri, mentre i fratelli Paolo e Giannino Marzotto e Giuseppe "Nino" Farina e il debuttante Michael "Mike" Hawthorn avrebbero guidato le 340 MM. Una terza fu iscritta dall'agente italo-americano della Ferrari Luigi Chinetti per se stesso e il suo copilota angloamericano Tom Cole.

L'Alfa Romeo torna a Le Mans per la prima volta dopo la guerra e schiera la nuova bellissima 6C/3000CM ("Cortemaggiore") alimentata da un motore S6 da 3,5 litri per Fangio e Onofre Marimon e Consalvo Sanesi e Piero Carini. La terza vettura era guidata dai due piloti della Mercedes Karl Kling e Fritz Riess che avevano anche il loro team manager, Alfred Neubauer.

Lancia quest'anno ha fatto un salto nella classe grande con tre nuove Lancia D 20 Coupé. Il team manager Vittorio Jano ha deciso di installare motori da 2,7 litri sovralimentati. Nella squadra c'erano i piloti di F1 Louis Chiron e Robert Manzon, Piero Taruffi e Umberto Maglioli, con José Froilán González e Clemente Biondetti nell'auto di riserva.

La Jaguar è tornata con le sue C-Type. Il team manager Frank "Lofty" England ha impiegato le stesse coppie di piloti del 1952, con Peter Walker e Stirling Moss, Peter Whitehead e Ian Stewart, Anthony "Tony" Rolt e Duncan Hamilton. Le auto tornarono al design aerodinamico precedente a quello delle auto di Le Mans del 1952, il cui muso e coda rivisti avevano influito negativamente sulla stabilità a velocità superiori a 120 mph. Per il 1953 le vetture erano più leggere e potenti e furono le prime vetture Le Mans dotate di freni a disco, la cui maggiore efficienza diede alle C-Type un netto vantaggio. Le vetture ufficiali erano supportate da un'auto di in più iscritta dal nuovo team belga Ecurie Francorchamps.

Aston Martin ha presentato le sue nuove vetture: le Aston Martin DB3S per Reginald "Reg" Parnell e Peter Collins, George Abecassis e Roy Salvadori ed Eric Thompson e Dennistoun "Dennis" Poore. Utilizzavano lo stesso motore da 3 litri della DB3, che è stato inserito in un telaio accorciato di nuova concezione.

 
La Cunningham C4R.

Donald Healey quest'anno ha avuto due collaborazioni: la prima con la Nash Motors e la seconda con la Austin Motor Company utilizzando il suo motore 2.7L. La Bristol è arrivata anche con due auto per Lance Macklin e Graham Whitehead e Jack Fairman e Tommy Wisdom, gestite dall'ex vincitore di Bentley Boy e di Le Mans Sydney "Sammy" Davis.

La Briggs Cunningham portò anche tre vetture, tutte con motori Chrysler V8 5.5L da 310 CV: una nuova C-5R (soprannominata "Le Requin" (lo squalo) dai francesi) per Phil Walters e John Fitch; una C-4R per lo stesso Cunningham e William "Bill" Spear e una C-4RK coupé per il veterano Charles "Charley" Moran Jr. (il primo americano a correre a Le Mans, nel 1929) e l'angloamericano John Gordon Bennett.

Quest'anno la Talbot è entrata in un team di lavoro completo: il trio di auto blu T26 GS era guidato da Guy Mairesse e Georges Grignard), Louis Rosier ed Élie Bayol e Pierre Bouillin (Pierre Levegh) e Carlos "Charles" Pozzi. Sebbene ancora molto veloci, stavano iniziando a mostrare la loro età alle auto più agili provenienti dall'Italia e dalla Gran Bretagna. Anche André Chambas è tornato con il suo spyder SS modificato sovralimentato per la quinta e ultima volta.

Gordini aveva intenzione di debuttare con la nuova 3.0L T24S, ma l'ha graffiata a causa della scarsa manovrabilità. Invece una T26S con motore da 2,5L è stata preparata per Maurice Trintignant e Henry "Harry" Schell. Una vecchia T15S è stata preparata per Behra e Mieres. Sebbene avesse solo un motore da 2,3 litri, era più leggera e veloce come la sorella maggiore.

 
La Borgward Hansa RS 1500 guidata da Poch e da Mouche.

Senza Mercedes-Benz, la rappresentanza tedesca è caduta su squadre ufficiali come la Borgward (qui per la prima e unica volta) e Porsche, entrambe nella classe media S-1500. Porsche è passata dalla classe S-1100 con una nuova macchina da corsa appositamente progettata, la 550 Coupé e il suo motore a quattro cilindri da 1488 cc. C'erano anche un paio di 356 SL più piccole nella classe S-1100.

Come previsto, i francesi dominarono le classi a motore più piccolo. I più accattivanti sono stati i quattro di Panhard, che questa volta hanno portato auto con il proprio badge sotto un nuovo reparto gare, anche se in stretta collaborazione con Monopole: con design molto aerodinamici dell'ingegnere aeronautico francese Marcel Riffard che utilizzavano entrambe i motori Panhard. Altre voci di lavori provenivano dalle stesse Renault, DB e Monopole.

Prove Modifica

 
Pegaso Z-102 che si è schiantata.

Nelle prove libere del giovedì le Jaguar hanno mostrato la loro classe con tutte e tre le vetture ufficiali che sono andate sotto il record sul giro, nonostante la 3ª vettura, di Rolt e Hamilton, è stata squalificata. Il presidente della Jaguar, Sir William Lyon, ha accettato di pagare la multa ACO e "Lofty" England ha perorato con successo la sua causa al funzionario che non era stata intesa alcuna intenzione di imbrogliare ed è stato un errore onesto e quindi sono stati reintegrati. Ma il resoconto di Hamilton della vicenda è diventato una delle grandi leggende dell'automobilismo. Sfortunatamente, una storia così colorata è un mito urbano: l'Inghilterra in seguito disse: "Naturalmente non li avrei mai lasciati correre sotto il Ho avuto già abbastanza problemi quando erano sobri!" Tony Rolt ha anche detto che la storia era finzione.

Il team spagnolo Pegaso ha ritirato entrambe le iscrizioni dopo che Juan Jover si è schiantato con il suo Z-102 Spyder durante le prove. Valutando erroneamente la velocità del suo avvicinamento alla curva dopo il ponte Dunlop, dove ha colpito le barriere a oltre 200 km/h, è stato scagliato fuori dall'auto ferendosi gravemente alla gamba sinistra. Senza una spiegazione apparente per l'incidente, il team ha deciso di essere prudente e ha ritirato tutte le vetture per sicurezza. Era la prima e ultima volta che saranno presenti a Le Mans.

Gara Modifica

La gara iniziò alle ore 16:00 del sabato. Stirling Moss uscì fulmineo dai blocchi trascinandosi dietro le altre vetture, ma l'Allard lo sorpassò sul rettilineo di Mulsanne e alla fine del primo giro era in testa al gruppo ristretto. Ma il vantaggio iniziale di Sydney Allard durò a malapena e al quarto giro dovette ritirarsi a causa del crollo di una sospensione posteriore che recise un tubo del freno. I primi giri a Le Mans significarono molto poco e solo dopo 30 minuti diventò evidente la vera natura della gara. Alle 17, l'ordine si stabilizzò e fu chiaro che le Jaguar, le Ferrari e le Alfa Romeo erano le squadre da non sottovalutare. Le Lancia e le Talbot erano piuttosto surclassate, così come le Aston Martin a motore medio. La gara proseguì a un ritmo fantastico e ora era la Jaguar ad impostarlo: superando Villoresi, Rolt alzò i suoi tempi di 5 secondi per spingere il suo vantaggio. Poco prima delle 18, Fangio si ritirò per problemi al motore della sua Alfa Romeo, mentre dopo tre ore a guidare la gara c'erano Rolt ed Hamilton, seguiti da Ascari e Villoresi e da Luigi Chinetti e il suo copilota Cole Jr., Sanesi e Carini e dai tedeschi Kling e Riess che avevano già ottenuto un grande vantaggio rispetto al resto del gruppo. Al calare dell'oscurità, la battaglia Ferrari-Jaguar proseguì senza sosta, tra Ascari/Villoresi e Rolt/Hamilton, con le Alfa Romeo a ridosso e l'ordine generale che si scambiava secondo la strategia dei box. Durante le prime ore del mattino, Rolt e Hamilton continuarono a guidare senza alcun segno di affaticamento, mentre la Ferrari ora stava perdendo terreno: il grande motore iniziò ad allungare il resto del propulsore.

Poco dopo la mezzanotte, la Bristol di Tommy Wisdom ebbe un incendio al motore (quasi un problema identico aveva colpito la sua vettura gemella all'inizio della serata). Schiantandosi, Wisdom rimase intrappolato per un breve periodo prima di essere salvato e portato in ospedale con lievi ustioni e una spalla lussata.

Nonostante l'auto di Ascari e Villoresi stesse ancora dando battaglia alle Jaguar, l'auto fu ostacolata dalla frizione che si staccò. Tuttavia, i due piloti italiani, in un tentativo di vittoria o eliminazione, guidarono sempre a pieno ritmo, ma ciò non ebbe alcun effetto su Rolt e Hamilton: la loro Jaguar ora aveva un giro di vantaggio sulla Ferrari.

Nonostante la notte fosse molto chiara e bella, l'alba si avvicinò con una certa quantità di foschia nell'aria, rendendo le condizioni di guida molto faticose. Poco dopo le 6:30 Tom Cole, 7°, aveva appena superato un marcatore posteriore quando perse il controllo alle curve della Maison Blanche. La Ferrari finì nel fosso lungo la strada, poi rotolò e colpì una capanna di legno nelle vicinanze. Cole venne scagliato fuori dall'auto durante l'impatto iniziale e morirà sul colpo.

Poco dopo le 8:30, la Jaguar e la Ferrari in testa avevano entrambe effettuato contemporaneamente le soste di routine per il rifornimento. Hamilton ebbe quella che ora sarebbe definita una "rilascio pericoloso" quando, nella corsa a battere la Ferrari, si era tirato fuori proprio davanti a una delle DB-Panhard in arrivo per il proprio pitstop. Ma con il successivo pitstop per riparare il danno, Moss riuscì a salire al terzo posto. Alle 9:00, la Ferrari di testa, nonostante i problemi alla frizione, era ora tornata al quinto posto. Ciò lasciò Rolt e Hamilton in vantaggio, che ora non potevano riposare poiché Fitch e Walters avevano iniziato a reagire e a inseguire la Jaguar di Moss/Walker per il secondo posto.

A tre ore dalla fine, le Jaguar giravano ancora a oltre 105 mph, tuttavia il ritmo si era leggermente rallentato. Nelle fasi finali l'ordine non cambiò, poiché Hamilton aveva preso il posto di Rolt per completare l'ultima tappa della gara. Alla fine della gara, la Jaguar C-Type guidata dalla coppia Rolt/Hamilton tagliò il traguardo vincendo con 304 giri compiuti e con una velocità media di 106,46 mph (170.336 km/h). Moss e Walker arrivarono secondi con la loro C-Type dopo la loro epica guida. Il podio fu completato da Walters e Fitch, sulla loro Cunningham C-5R. La terza Jaguar ufficiale arrivò quarta dopo una gara molto prudente e affidabile.

I fratelli Marzotto portarono a casa l'unica Ferrari rimasta al quinto posto, finendo praticamente senza frizione ma tra i primi 10 per tutta la gara. Un giro indietro era la Gordini, che aveva avuto una corsa senza problemi. Il pilota-proprietario Briggs Cunningham arrivò 7° seguito dalla Talbot di Levegh e dalla Jaguar privata, iscritta dalla Ecurie Francorchamps per Roger Laurent e Charles de Tornaco, nella loro C-Type standard. La squadra di Panhard aveva messo in scena un traguardo di formazione, vincendo l'indice di prestazione con il margine più ristretto. Come previsto, le Porsche erano finite 1–2 nella classe S-1500 con la vittoria andata all'auto guidata dai piloti Paul Frère e Richard von Frankenberg Le piccole DB-Panhard avevano avuto una corsa straordinaria, soprattutto quella del proprietario-pilota René Bonnet che vinse la classe S-750 davanti alla sua vettura gemella, e finendo a 5 giri dall'OSCA vincendo la classe più grande S-1100.

Classifica finale Modifica

I vincitori di ogni classe sono indicati in grassetto.

Pos Classe Team Piloti Telaio Gomme Giri
Motore
1 S
5.0
18   Jaguar Cars Ltd.   Tony Rolt
  Duncan Hamilton
Jaguar C-Type D 304
Jaguar 3.4L S6
2 S
5.0
17   Jaguar Cars Ltd.   Stirling Moss
  Peter Walker
Jaguar C-Type D 300
Jaguar 3.4L S6
3 S
8.0
2   Briggs Cunningham   Phil Walters
  John Fitch
Cunningham C-5R F 299
Chrysler 5.5L V8
4 S
5.0
19   Jaguar Cars Ltd.   Peter Whitehead
  Ian Stewart
Jaguar C-Type D 297
Jaguar 3.4L S6
5 S
5.0
15   Scuderia Ferrari   Paolo Marzotto
  Giannino Marzotto
Ferrari 340 MM Berlinetta P 294
Ferrari 4.1L V12
6 S
3.0
35   Automobiles Gordini   Maurice Trintignant
  Harry Schell
Gordini T26S E 293
Gordini 2.5L S6
7 S
8.0
1   Briggs Cunningham   Briggs Cunningham
  Bill Spear
Cunningham C-4R F 290
Chrysler 5.5L V8
8 S
5.0
7   Automobiles Talbot-Darracq S.A.   Pierre Levegh
  Charles Pozzi
Talbot-Lago T26GS Spyder D 276
Talbot-Lago 4.5L S6
9 S
5.0
20   Ecurie Francorchamps   Roger Laurent
  Charles de Tornaco
Jaguar C-Type E 275
Jaguar 3.4L S6
10 S
8.0
3   Briggs Cunningham   Charles Moran Jr.
  John Gordon Bennet
Cunningham C-4RK F 269
Chrysler 5.5L V8
11 S
5.0
11   Nash-Healey Inc.   Leslie Johnson
  Bert Hadley
Nash-Healey 4-litre Sport D 265
Nash 4.1L S6
12 S
3.0
34   Donald Healey Motor Company   Maus Gatsonides
  Johnny Lockett
Austin-Healey 100 D 257
Austin 2.7L S4
13 S
2.0
39   Automobiles Frazer Nash Ltd.   Ken Wharton
  Laurence Mitchell
Frazer Nash Le Mans Coupé D 253
Bristol 1971cc S6
14 S
3.0
33   Donald Healey Motor Company   Marcel Becquart
  Gordon Wilkins
Austin-Healey 100 D 252
Austin 2.7L S4
15 S
1.5
45   Porsche KG   Richard von Frankenberg
  Paul Frère
Porsche 550 Coupé D 247
Porsche 1488cc F4
16 S
1.5
44   Porsche KG   Helm Glöckler
  Hans Herrmann
Porsche 550 Coupé D 247
Porsche 1488cc F4
17 S
750
57   Automobiles Deutsch et Bonnet   René Bonnet
  André Moynet
D.B. HBR-4 LM D 237
Panhard 745cc F2
18 S
1.1
48   Automobili O.S.C.A.   Dr. Mario Damonte
  "Heldé" (Pierre-Louis Dreyfus)
OSCA MT-4 1100 Coupé P 232
O.S.C.A. 1093cc S4
19 S
750
58   Automobiles Deutsch et Bonnet   Marc Gignoux
  Marc Azéma
D.B. HBR-4 LM D 231
Panhard 745cc F2
20 S
1.1
50   Automobiles Panhard et Levassor   Charles Plantivoux
  Guy Lapchin
Panhard X89 D 227
Panhard 851cc F2
21 S
750
61   Automobiles Panhard et Levassor   Pierre Chancel
  Robert Chancel
Panhard X88 D 223
Panhard 611cc F2
22 S
1.1
51   Automobiles Panhard et Levassor   Raymond Stempert
  Georges Schwartz
Panhard X87 D 218
Panhard 851cc F2
23 S
750
53   R.N.U. Renault   Jean-Louis Rosier
  Robert Schollmann
Renault 4CV-1068 Spyder D 218
Renault 747cc S4
24 S
750
60   Automobiles Panhard et Levassor   Jean Hémard
  Jean de Montrémy
Monopole X85 D 212
Panhard 611cc F2
25 S
750
56   J.-É. Vernet & J. Pairard   Just-Émile Vernet
  Jean Pairard
V.P. 166R Coupé D 183
Renault 747cc S4
26
NC
S
3.0
66   A. Constantin   Alexis Constantin
  Michel Arnaud
Peugeot 203C D 200
Peugeot 1290cc S4 Supercharged
27
Rit
S
5.0
12   Scuderia Ferrari   Alberto Ascari
  Gigi Villoresi
Ferrari 375 MM Berlinetta P 229
Ferrari 4.5L V12
28
Rit
S
1.5
41   Bogward GmbH   Jacques Poch
  Edmond Mouche
Borgward-Hansa 1500 Rennsport C 228
Borgward 1498cc S4
29
Rit
S
8.0
63   Scuderia Lancia   José Froilán González
  Clemente Biondetti
Lancia D20 P 213
Lancia 2.7L V6 Supercharged
30
Rit
S
3.0
27   Aston Martin Ltd.   Eric Thompson
  Dennis Poore
Aston Martin DB3S A 182
Aston Martin 2.9L I6
31
Rit
S
5.0
16   Luigi Chinetti     Luigi Chinetti
  Tom Cole Jr.
Ferrari 340 MM Vignale Spyder P 175
Ferrari 4.1L V12
32
Rit
S
8.0
31   Scuderia Lancia   Robert Manzon
  Louis Chiron
Lancia D20 P 174
Lancia 2.7L V6 Supercharged
33
Rit
S
1.1
49   Porsche KG   Toto Veuillet
  Petermax Müller
Porsche 356 SL D 147
Porsche 1091cc F4
34
Rit
S
2.0
40   Automobiles Frazer Nash Ltd.   Bob Gerard
  David Clark
Frazer Nash Le Mans MkII Replica D 135
Porsche 1091cc F4
35
Rit
S
5.0
23   SpA Alfa Romeo   Karl Kling
  Fritz Riess
Alfa Romeo 6C 3000 CM P 133
Alfa Romeo 3.5L S6
36
Rit
S
5.0
21   SpA Alfa Romeo   Consalvo Sanesi
  Piero Carini
Alfa Romeo 6C 3000 CM P 125
Alfa Romeo 3.5L S6
37
Rit
S
5.0
9   Automobiles Talbot-Darracq S.A.   Guy Mairesse
  Georges Grignard
Talbot-Lago T26 GS Spyder D 120
Talbot-Lago 4.5L S6
38
Rit
S
8.0
30   Scuderia Lancia   Piero Taruffi
  Umberto Maglioli
Lancia D20 P 117
Lancia 2.7L V6 Supercharged
39
Rit
S
1.1
46   G. Olivier   Gonzague Olivier
  Eugène Martin
Porsche 356 SL E 115
Porsche 1091cc F4
40
Rit
S
3.0
36   Automobiles Gordini   Jean Behra
  Roberto Mieres
Gordini T15S E 84
Gordini 2.3L S6
41
Rit
S
750
55   J. Lecat   Jacques Lecat
  Henri Senfftleben
Renault 4CV-1063 E 84
Renault 747cc S4
42
Rit
S
1.5
47   Rees T. Makins   Phil Hill Jr.
  Fred Wacker Jr.
O.S.C.A. MT-4 P 80
O.S.C.A. 1343cc S4
43
Rit
S
3.0
26   Aston Martin Ltd.   George Abecassis
  Roy Salvadori
Aston Martin DB3S A 74
Aston Martin 2.9L S6
44
Rit
S
2.0
38   Bristol Aeroplane Company   Jack Fairman
  Tommy Wisdom
Bristol 450 Coupé D 70
Bristol 1979cc S6
45
Rit
S
8.0
32   Scuderia Lancia   Felice Bonetto
  Gino Valenzano
Lancia D20 P 66
Lancia 2.7L V6 Supercharged
46
Rit
S
8.0
5   Allard Motor Company   Zora Arkus-Duntov
  Ray Merrick
Allard J2R D 65
Cadillac 5.4L V8
47
Rit
S
1.5
67   Capt. M. Crespin   André Guelfi
  Roger Loyer
Gordini T15S E 40
Gordini 1490cc S4
48
Rit
S
5.0
8   Automobiles Talbot-Darracq S.A.   Élie Bayol
  Louis Rosier
Talbot-Lago T26 GS Spyder D 37
Talbot-Lago 4.5L S6
49
Rit
S
750
54   R.N.U. Renault   Jean Redélé
  Louis Pons
D.B. 4CV-1066 D 35
Renault 747L S4
50
Rit
S
2.0
37   Bristol Aeroplane Company   Lance Macklin
  Graham Whitehead
Bristol 450 Coupé D 29
Bristol 1979cc S6
51
Rit
S
1.5
42   Borgward GmbH   Hans-Hugo Hartmann
  Adolf Brudes
Borgward-Hansa 1500 Rennsport C 29
Borgward 1498cc S4
52
Rit
S
+8.0
6   A. Chambas   André Chambas
  Charles de Cortanze
Talbot-Lago SS Spyder D 24
Talbot-Lago 4.5L S6 Supercharged
53
Rit
S
5.0
22   SpA Alfa Romeo   Juan Manuel Fangio
  Onofre Marimón
Alfa Romeo 6C 3000 CM P 22
Alfa Romeo 3.5L S6
54
Rit
S
3.0
25   Aston Martin Ltd.   Reg Parnell
  Peter Collins
Aston Martin DB3S A 16
Aston Martin 2.9L S6
55
Rit
S
750
52   R.N.U. Renault   André Briat
  Yves Lesur
V.P. 4CV-1064 D 14
Renault 747cc S4
56
SQ
S
5.0
14   Scuderia Ferrari   Nino Farina
  Mike Hawthorn
Ferrari 340 MM P 12
Ferrari 4.1L V12
57
Rit
S
5.0
10   Nash-Healey Inc.   Yves Giraud-Cabantous
  Pierre Veyron
Nash-Healey Sports D 9
Nash 4.1L S6
58
Rit
S
750
59   Établissements Monopole   Eugène Dussous
  Pierre Flahaut
Monopole X84 D 9
Panhard 612cc F2
59
Rit
S
2.0
62   Etablissements Fiat Dagrada   Norbert Jean Mahé
  Conte Giovanni Lurani
Fiat 8V D 8
Fiat 1996cc V8
60
Rit
S
8.0
4   Allard Motor Company   Sydney Allard
  Philip Fotheringham-Parker
Allard J2R D 4
Cadillac 5.4L V8
NP S
3.0
28   Empresa Nacional de Autocamiones S.A.   Juan Jover
  Paul Metternich
Pegaso Z-102 Spyder E 0
Pegaso 2.8L V8 Supercharged
NP S
3.0
29   Empresa Nacional de Autocamiones S.A.   Joaquin Palacio Pover
  Pablo Julio Reh Cardrona
Pegaso Z-102 Spyder E 0
Pegaso 2.8L V8 Supercharged
NP S
1.5
43   Borgward GmbH   Karl-Heinz Schaufele
  Adolf Brudes
Bogward-Hansa 1500 Rennsport C 0
Borgward 1498cc S4

Statistiche Modifica

  • Giro più veloce – #12 Alberto Ascari – 4:27.4
  • Distanza – 4088,06 km
  • Velocità media del vincitore – 170,34 km/h

Note Modifica

  1. ^ Le Mans 24 Hours 1953, su racingsportscars.com, Racing Sports Cars, 14 giugno 1953. URL consultato il 18 maggio 2014.

Altri progetti Modifica

  Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo