Ad Astra (film)

film del 2019 diretto da James Gray
Ad Astra
Ad Astra Logo.png
Logo del film
Lingua originaleinglese, norvegese
Paese di produzioneStati Uniti d'America, Cina
Anno2019
Durata123 min
Rapporto2,39:1
Generefantascienza, avventura, drammatico, thriller
RegiaJames Gray
SceneggiaturaJames Gray, Ethan Gross
ProduttoreBrad Pitt, Dede Gardner, Jeremy Kleiner, James Gray, Anthony Katagas, Rodrigo Teixeira, Arnon Milchan
Produttore esecutivoMarc Butan, Lourenço Sant'Anna, Sophie Mas, Yu Dong, Jeffrey Chan, Anthony Mosawi, Paul Conway, Yariv Milchan, Michael Schaefer
Casa di produzioneNew Regency, Plan B Entertainment, Keep Your Head, RT Features, MadRiver Pictures
Distribuzione in italiano20th Century Fox
FotografiaHoyte van Hoytema
MontaggioJohn Axelrad, Lee Haugen
Effetti specialiAllen Maris
MusicheMax Richter, Lorne Balfe
ScenografiaKevin Thompson
CostumiAlbert Wolsky
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Ad Astra è un film di fantascienza del 2019 diretto da James Gray.

Presentato in concorso alla 76ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, il film è stato accolto positivamente da parte della critica, ma ha avuto un risultato inferiore al previsto al botteghino, incassando 133 milioni di dollari a fronte di un budget di 87 milioni.[1][2] È stato candidato al miglior sonoro ai premi Oscar 2020.

TramaModifica

 
Brad Pitt in una scena del film

In un futuro non lontano, le missioni spaziali hanno esplorato buona parte del sistema solare interno, fino a quando esso ha cominciato a venire periodicamente colpito da misteriosi picchi d'energia, le cui conseguenze minacciano la normale vita sulla Terra. Sopravvissuto a un violento incidente causato da uno di questi picchi mentre lavorava su un'antenna nell'orbita terrestre, il maggiore Roy McBride, figlio dell'uomo che è arrivato più lontano dalla Terra di chiunque altro, l'astronauta Clifford McBride, viene segretamente informato dal Comando Spaziale Statunitense (SpaceCom) di una terribile scoperta: l'origine dei picchi potrebbe provenire da un danneggiamento del sistema di generazione di energia ad antimateria che alimentava la base del Progetto LIMA, la missione comandata proprio da Clifford, lanciata 29 anni prima per cercare forme di vita intelligenti non-umane e di cui non si hanno più notizie da quando entrò nell'orbita di Nettuno 16 anni prima. Informato del fatto che Clifford potrebbe essere ancora vivo, Roy accetta di recarsi in una base sotterranea della SpaceCom su Marte, che è immune ai picchi ed è l'avamposto umano più vicino a Nettuno, per inviare delle trasmissioni con cui stabilire un contatto con Clifford in virtù del suo legame filiale e cercare di fermare il fenomeno.

Nella missione Roy viene affiancato da un vecchio collega del padre, il colonnello Thomas Pruitt, con cui si reca sulla Luna, dove troverà un vettore spaziale che lo porterà su Marte. Per raggiungere la base di lancio, i due devono attraversare un lungo tratto della superficie lunare privo di giurisdizione e soggetto quindi ad attività di pirateria: mentre vengono scortati su dei Rover da un gruppo di militari armati, il gruppo viene attaccato dei Rover pirata. Nonostante la morte degli uomini della scorta, Roy riesce a trarre Pruitt in salvo, ma il colonnello è fortemente indebolito e, dovendo sottoporsi urgentemente a un intervento chirurgico, non può proseguire il viaggio: prima di separarsi, Pruitt gli rivela che, se Clifford si rivelerà ostile, sarà suo compito eliminarlo. Roy si imbarca insieme ad altri astronauti sul veicolo spaziale Cepheus. Durante il viaggio, la nave riceve una chiamata di soccorso da parte di una stazione spaziale norvegese di ricerca biomedica: Roy e il capitano della Cepheus Lawrence Tanner si recano ad indagare, ma quest'ultimo viene attaccato e ucciso da dei babbuini inferociti, che erano le cavie della stazione e ne hanno ucciso tutto il personale dopo essersi liberati. Roy riesce a bloccarli in un modulo esterno che poi depressurizza, uccidendoli. Dopo un breve rito funebre di sepoltura nello spazio, la Cepheus si appresta ad arrivare su Marte, quando si manifesta un altro picco energetico che danneggia la nave, obbligandola a toccare il suolo marziano con una procedura manuale, dopo essere finita fuori rotta, ma, grazie alle abilità da pilota di Roy, riesce ad atterrare in sicurezza.

Alla base, Roy incontra Helen Lantos, direttrice della struttura, e viene quindi accompagnato a registrare la trasmissione da inviare al Progetto LIMA. Il primo messaggio non riceve risposta; durante la registrazione del secondo, Roy si lascia prendere dall'emotività e lancia un appello commosso al genitore. La trasmissione ottiene risposta, ma Roy viene immediatamente rimosso dal suo incarico da parte della SpaceCom, che sostiene il suo eccessivo coinvolgimento affettivo potrebbe compromettere l'esito della missione. Nonostante protesti per poter ascoltare il contenuto del messaggio, Roy viene condotto in isolamento. Lì viene visitato da Helen, la quale gli rivela di essere figlia di due membri del Progetto LIMA, per poi mostrargli segretamente dei filmati di sorveglianza della nave del Progetto, che rivelano che l'equipaggio si era ammutinato, desideroso di tornare sulla Terra dopo tanti anni: Clifford, irremovibile nella sua intenzione di proseguire la missione, spense tutte le comunicazioni e i sistemi di supporto vitale dell'equipaggio, uccidendo così gli altri membri del Progetto, tra cui i genitori della donna. Roy viene inoltre informato del motivo per cui è stato rimosso dall'incarico: una volta localizzata la provenienza esatta della comunicazione da parte di Clifford, la sua presenza non è più di alcuna utilità per la SpaceCom, che farà saltare in aria la base del Progetto LIMA mediante la detonazione di un ordigno nucleare portato a bordo della Cepheus. Una volta scoperto che l'equipaggio che lo ha condotto su Marte sta ripartendo con la Cepheus alla volta di Nettuno, Roy decide di affrontare Clifford di persona ed Helen lo aiuta a raggiungere di nascosto la piattaforma di lancio.

Roy si introduce nell'astronave in fase di decollo, ma l'equipaggio, dopo averlo scoperto, cerca di ucciderlo in quanto gli è stato ordinato dalla SpaceCom: uno degli uomini, nel tentativo di colpirlo, spara ad una bombola che libera un gas letale, lasciando il solo Roy in vita all'interno della nave. Durante il suo lungo e solitario viaggio, Roy, disattivati i sistemi di localizzazione e comunicazione, riflette sul rapporto anaffettivo che ha sempre avuto verso la vita, con suo padre e la sua ex-moglie Eve. Dopo diverse settimane, giunge finalmente alla stazione spaziale del Progetto LIMA, in orbita intorno a Nettuno. Per avvicinarsi alla base portando con sé l'ordigno è costretto ad uscire dalla Cepheus con un piccolo modulo, che viene però danneggiato attraversando gli anelli di Nettuno, anche a causa di un improvviso picco d'energia che lo costringe ad entrare nella base con una passeggiata spaziale, vista l'impossibilità di attraccare. Roy colloca la bomba e si prepara ad innescarla, ma in quel momento gli si manifesta suo padre, ormai infermo e semi-cieco.

In tutti quegli anni, Clifford aveva continuato a lavorare ossessivamente al Progetto, incapace di accettare la realtà: i dati che raccoglieva continuavano a confermare la totale assenza di forme di vita intelligente nell'universo percepibile. Clifford conferma anche la teoria della SpaceCom riguardo ai picchi d'energia, causati dal nucleo ad antimateria della stazione, danneggiato durante l'ammutinamento, e ne accetta la distruzione. Dopo aver scaricato su un supporto di memoria i dati raccolti dal padre, Roy attiva il timer dell'ordigno e si prepara a tornare sulla Cepheus con lui, ma quest'ultimo usa i propulsori a getto della tuta spaziale per lanciarsi alla deriva nello spazio profondo. Roy, con immenso strazio interiore, lo lascia andare, raggiungendo poi la nave usando un portello staccato dallo scafo della base del Progetto come scudo per proteggersi dai frammenti rocciosi degli anelli di Nettuno. Con il poco carburante rimasto per il viaggio di ritorno, Roy sfrutta l'onda d'urto della distante esplosione nucleare che distrugge la fonte dei picchi per far sì che la navicella spaziale riceva una spinta abbastanza forte da imprimere l'accelerazione e la velocità aggiuntiva necessaria per allontanarsi rapidamente e arrivare fino alla Terra. Atterrato e ormai allo stremo delle forze, viene soccorso dagli uomini della SpaceCom. Avendo scoperto che esistono delle prove del fatto che l'umanità sarebbe l'unica forma di vita intelligente nell'universo, Roy inizia ad apprezzare maggiormente la propria vita, tornando assieme ad Eve e ricongiungendosi con le persone a lui più vicine.

ProduzioneModifica

SviluppoModifica

Il progetto è stato annunciato al Festival di Cannes 2016 dal regista James Gray,[3] che, paragonando il film al racconto Cuore di tenebra, ha dichiarato di voler portare sullo schermo «la miglior rappresentazione dello spazio mai vista in un film».[4]

Nell'aprile del 2017, Gray ha annunciato che Brad Pitt sarebbe stato il protagonista.[5] Nel mese di giugno, Tommy Lee Jones è entrato nel cast nel ruolo del padre del personaggio di Pitt.[6] Ad agosto, Ruth Negga, John Finn, Donald Sutherland e Jamie Kennedy si sono uniti al cast.[7][8][9]

RipreseModifica

Le riprese del film sono cominciate a metà agosto 2017 a Santa Clarita, in California, e sono durate 60 giorni.[4][10][11][12] A seguito dei bassi risultati ottenuti dal film nei test screening preliminari, la produzione ha ordinato una sessione di riprese aggiuntive, a cui Pitt non ha partecipato a causa di altri impegni lavorativi, aumentando il budget da 80 milioni di dollari a 87,5 milioni.[1]

Post-produzioneModifica

Per realizzare le scene ambientate nello spazio, sulla Luna e in altri pianeti, la produzione ha avuto l'aiuto di astronauti e agenzie, tra le quali la NASA, la Jet Propulsion Laboratory e la SpaceX, affinché le sequenze risultassero più plausibili e veritiere possibili.[13] Il regista si è inoltre consultato con gli studiosi di cinema sperimentale Gregory Zinman e Leo Goldsmith per ispirarsi all'aspetto visivo del film.[14]

Agli effetti visivi del film hanno lavorato la Moving Picture Company, Method Studios, Mr. X, Weta Digital, Brainstorm Digital e Capital T, supervisionati da Allen Maris (vfx supervisor), Christopher Downs, Guillaume Rocheron, Ryan Tudhope, Aidan Fraser, Olaf Wendt, Anders Langlands, Eran Dinur e Jamie Hallett.[15]

Colonna sonoraModifica

La colonna sonora del film è stata composta principalmente da Max Richter, con l'aggiunta di musiche composte da Lorne Balfe.[16]

PromozioneModifica

Il primo trailer del film è stato diffuso online il 5 giugno 2019.[17]

DistribuzioneModifica

Il film è stato presentato in anteprima il 29 agosto 2019 alla 76ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, nel concorso principale.[18]

È stato distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 20 settembre 2019 da Walt Disney Studios Motion Pictures, sotto il logo della 20th Century Fox,[19] mentre in quelle italiane dal 26 settembre.[20] La data di uscita del film originariamente era fissata per il 11 gennaio 2019, prima di essere posticipata al 24 maggio e poi ulteriormente posticipata.[21]

AccoglienzaModifica

IncassiModifica

Ad Astra ha incassato 50188370 $ negli Stati Uniti e in Canada, più altri 82619057 $ nel resto del mondo, per un totale di 132807427 $.[22] Secondo il sito web Deadline.com, in previsione di un incasso finale di 150 milioni di dollari, il risultato commerciale al di sotto delle aspettative del film avrebbe causato alla Fox perdite fino a 30 milioni.[1]

In Nord America, dove il film ha esordito assieme a Downton Abbey e Rambo: Last Blood, le previsioni d'incasso per il suo weekend d'apertura erano tra i 15 e i 20 milioni di dollari.[23][24] Il film ha incassato 7,2 milioni il suo primo giorno di programmazione, terminando il weekend con un totale di 19 milioni, classificandosi al 2º posto dietro Downton Abbey.[25] I sondaggi effettuati da CinemaScore tra gli spettatori hanno avuto come risultato un punteggio in media pari a "B-" su una scala da A+ a F, mentre quelli intervistati da PostTrak hanno dato 2 stelle e mezzo su 5, con un 40% di spettatori a dichiarare che avrebbero raccomandato il film.[1] Deadline ha paragonato il risultato a quello di First Man - Il primo uomo (2018), anch'esso un film drammatico sull'esplorazione spaziale accolto calorosamente dalla critica e più freddamente dal pubblico, incassando quindi poco in relazione al suo cast e budget.[1] Il film ha poi incassato 10,1 milioni nel suo secondo weekend nordamericano e 4,4 nel terzo, scendendo rispettivamente al 5º e al 6º posto.[26][27]

CriticaModifica

Ad Astra ha avuto un'accoglienza critica generalmente positiva:[2] sull'aggregatore Rotten Tomatoes riceve l'84% delle recensioni professionali positive, con un voto medio di 7,5 su 10 basato su 366 critiche,[28] mentre su Metacritic, che utilizza una media aritmetica ponderata, il film ottiene un punteggio di 80 su 100 basato su 56 recensioni da parte della critica, ad indicare «giudizi tendenzialmente favorevoli».[29]

Richard Roeper del Chicago Sun-Times ha assegnato al film 3 stelle e mezzo su 4, definendolo «uno dei più belli dell'anno, anche nei momenti in cui smette di avere un senso e l'interpretazione di Brad Pitt oscilla tra le sue migliori e non esattamente migliori di sempre».[30] David Ehrlich di IndieWire ha assegnato al film un punteggio pari ad "A", definendolo «una delle epopee spaziali più meditative, riservate e stranamente ottimistiche dai tempi di Solaris», nonché «una delle migliori».[31] Ehrlich lo ha poi inserito nella sua classifica dei migliori film dell'anno, posizionandolo al 4º posto.[32] Grant Hermanns di ComingSoon.net lo posiziona invece al 7º posto.[33] Peter Travers di Rolling Stone assegna al film quattro stelle su cinque, lodando l'interpretazione «implosiva» di Pitt e l'approccio di Gray allo scenario fantascientifico, paragonandolo per tematiche e stile a Gravity (2013) e Interstellar (2014).[34]

Meno positivo è invece Mark Kermode del Guardian che, pur trovando «incoraggiante un film sullo spazio da 80 milioni di dollari le cui ambizioni artistiche mirano alle stelle, piuttosto che semplicemente a riciclare cliché intergalattici», ne critica la fattura e i toni, scrivendo che: «Pitt esprime il suo tormento interiore in monologhi pseudo-malickiani, intervallati da immagini da pubblicità di profumi con Liv Tyler [...] Se First Man - Il primo uomo era una lezione pratica di show, don't tell al cinema, Ad Astra sembra invece determinato a "mostrare" e "raccontare" in ogni occasione, fino all'artificiosa conclusione».[35] Adam Graham del Detroit News gli assegna un punteggio pari a "C", definendolo «cinema lento e ottuso, senza legami emotivi».[36] Similmente, Nora Lee Mandel di Film Forward trova che «Ad Astra immagina nel dettaglio aspetti pratici e interpersonali dell'insediamento sulla Luna e oltre, ma le sue intuizioni sulla natura umana rimangono al più semplicistico livello di psicologia pop».[37]

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e (EN) Anthony D'Alessandro, Big Screen Take On TV Series ‘Downton Abbey’ Is A Hit With $31M+ Opening, Reps Record For Focus Features – Sunday Final, su deadline.com, 22 settembre 2019. URL consultato il 22 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2019).
  2. ^ a b (EN) Zack Sharf, Brad Pitt's Stellar 2019 Continues as Critics Praise 'Ad Astra' Performance in First Reviews, su indiewire.com, 29 agosto 2019. URL consultato il 30 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 30 agosto 2019).
  3. ^ (EN) Brent Lang, Cannes: James Gray Making Sci-Fi Epic ‘Ad Astra’, su Variety, 12 maggio 2016. URL consultato il 5 giugno 2019.
  4. ^ a b (EN) Adam Chitwood, James Gray Says His Sci-Fi Movie ‘Ad Astra’ Starts Filming This Summer with Brad Pitt, su collider.com, 10 aprile 2017. URL consultato il 5 giugno 2019.
  5. ^ (EN) Adam Chitwood, James Gray Says His Sci-Fi Movie 'Ad Astra' Starts Filming This Summer with Brad Pitt, su collider.com, 10 aprile 2017. URL consultato il 5 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2017).
  6. ^ (EN) Mike Fleming Jr., Tommy Lee Jones To Star With Brad Pitt In Deep-Space Epic, su deadline.com, 23 giugno 2017. URL consultato il 24 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 23 giugno 2017).
  7. ^ (EN) Ruth Negga Joins Brad Pitt in 'Ad Astra' (Exclusive), in The Hollywood Reporter. URL consultato il 19 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2017).
  8. ^ (EN) Donald Sutherland Joins James Gray's 'Ad Astra' (Exclusive), in The Hollywood Reporter. URL consultato il 19 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2017).
  9. ^ (EN) Jamie Kennedy Joins James Gray's 'Ad Astra' (Exclusive), in The Hollywood Reporter. URL consultato il 19 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2017).
  10. ^ (EN) Filming this week in SCV, August 21–27, 2017, in The Santa Clarita Valley Signal, 21 agosto 2017. URL consultato il 28 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2017).
  11. ^ (EN) Now Filming in SCV: Arrested Development, Seal Team, more, su scvtv.com, 21 agosto 2017. URL consultato il 28 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2017).
  12. ^ (EN) Film and Television Tax Credit Program Program 2.0 (PDF), su film.ca.gov, p. 9. URL consultato il 4 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2017).
  13. ^   20th Century Fox, Ad Astra - La scienza di Ad Astra HD - 20th Century Fox 2019, su YouTube, 23 settembre 2019. URL consultato il 23 settembre 2019.
  14. ^ (EN) Sonia Epstein, Experimental Film Inspirations for Ad Astra, su scienceandfilm.org, 11 ottobre 2019.
  15. ^ (EN) AD ASTRA - ART OF VFX, su artofvfx.com, 5 giugno 2019. URL consultato il 9 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2019).
  16. ^ (EN) James Gray's 'Ad Astra' to Feature Music by Lorne Balfe, su filmmusicreporter.com, 23 agosto 2019. URL consultato il 19 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2019).
  17. ^   20th Century Fox, Ad Astra - Teaser Trailer HD - 20th Century Fox 2019, su YouTube, 5 giugno 2019. URL consultato il 5 giugno 2019.
  18. ^ Venezia 76 Concorso: Ad Astra, su labiennale.org. URL consultato il 21 agosto 2019.
  19. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Disney-Fox Updates Release Schedule: Sets Three Untitled ‘Star Wars’ Movies, ‘Avatar’ Sequels To Kick Off In 2021 & More, su deadline.com, 7 maggio 2019. URL consultato il 5 giugno 2019.
  20. ^ Ad Astra - Missione classificata (2019), su 20th Century Fox. URL consultato il 18 giugno 2019.
  21. ^ (EN) Dave McNary, Brad Pitt's Sci-Fi Movie 'Ad Astra' to Hit Theaters in January 2019, in Variety, 14 settembre 2017. URL consultato il 7 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2018).
  22. ^ (EN) Ad Astra, su Box Office Mojo. URL consultato il 21 maggio 2020.  
  23. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Will The 'Downton Abbey' Gang Take Out 'Rambo'? – Weekend Box Office Preview, su deadline.com, 18 settembre 2019. URL consultato il 18 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2019).
  24. ^ (EN) Jeremy Fuster, 'Ad Astra,' 'Downton Abbey' and 'Rambo' to Bring Box Office Back to Full Speed, su thewrap.com, 17 settembre 2019. URL consultato il 18 settembre 2019.
  25. ^ (EN) September 20–22, 2019 Weekend, su Box Office Mojo. URL consultato il 22 ottobre 2019.
  26. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Dreamworks Animation-Pearl Studios' 'Abominable' Bigfoots B.O. With Near $21M Opening Weekend, su deadline.com, 29 settembre 2019. URL consultato il 29 settembre 2019.
  27. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Warner Bros. Laughing All The Way To The Bank With ‘Joker’: $94M Debut Reps Records For October, Todd Phillips, Joaquin Phoenix & Robert De Niro, su deadline.com, 6 ottobre 2019. URL consultato il 6 ottobre 2019.
  28. ^ (EN) Ad Astra, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 21 maggio 2020.  
  29. ^ (EN) Ad Astra, su Metacritic, CBS Interactive Inc. URL consultato il 21 maggio 2020.  
  30. ^ (EN) Richard Roeper, 'Ad Astra': Brad Pitt sent to save Earth in a beautiful, daring space oddity, in Chicago Sun-Times, 18 settembre 2019. URL consultato l'8 settembre 2019.
  31. ^ (EN) David Ehrlich, 'Ad Astra' Review: James Gray's Space Odyssey Is an Interstellar Masterpiece, su indiewire.com, 29 agosto 2019. URL consultato il 29 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2019).
  32. ^ (EN) David Ehrlich, THE 25 BEST FILMS OF 2019: A VIDEO COUNTDOWN, su Vimeo, 9 dicembre 2019. URL consultato l'11 dicembre 2019.
  33. ^ (EN) Max Evry, ComingSoon’s Top 10 Films of 2019!, su comingsoon.net, 26 dicembre 2019. URL consultato il 1º gennaio 2020.
  34. ^ (EN) Peter Travers, 'Ad Astra' Review: Brad Pitt, Lost in Space, in Rolling Stone, 17 settembre 2019. URL consultato il 23 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2019).
  35. ^ (EN) Mark Kermode, Ad Astra review: Brad Pitt sulks in outer space, in The Guardian, 22 settembre 2019. URL consultato il 21 maggio 2020.
  36. ^ (EN) Adam Graham, Review: Brad Pitt space saga 'Ad Astra' never achieves liftoff, in The Detroit News, 23 settembre 2019. URL consultato il 30 settembre 2019.
  37. ^ (EN) Nora Lee Mandel, Review – Ad Astra, su film-forward.com, 21 settembre 2019. URL consultato il 30 settembre 2019.
  38. ^ (EN) Patrick Hipes, Oscar Nominations: ‘Joker’ Tops List With 11 Noms; ‘1917’, ‘Irishman’, ‘Hollywood’ Nab 10 Apiece, su deadline.com, 13 gennaio 2020. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  39. ^ (EN) Anita Bennett, Chicago Film Critics Give Best Picture To ‘Parasite’ And Best Director To Bong Joon Ho, su deadline.com, 14 dicembre 2019. URL consultato il 15 dicembre 2019.
  40. ^ (EN) Naomi Wakeling, Nominations for the 2nd annual National Film & TV Awards are announced, su National Film & TV Awards, ottobre 2019. URL consultato il 5 dicembre 2019.
  41. ^ (EN) BEST-REVIEWED SCI-FI/FANTASY MOVIES 2019, su Rotten Tomatoes. URL consultato il 12 gennaio 2020.
  42. ^ (EN) 2019 San Diego Film Critics Society’s Award Nominations, su sdfcs.org, 6 dicembre 2019. URL consultato il 9 dicembre 2019.
  43. ^ (EN) 2019 San Diego Film Critics Society’s Awards, su sdfcs.org, 9 dicembre 2019. URL consultato il 9 dicembre 2019.
  44. ^ (EN) Critics' Choice Awards: 'The Irishman' Leads With 14 Nominations, su The Hollywood Reporter, 8 dicembre 2019. URL consultato l'8 dicembre 2019.

Collegamenti esterniModifica