Apri il menu principale

Armée de l'air

(Reindirizzamento da Armée de l'Air)
Armée de l'air
Armata dell'aria
French Air Force
Logo of the French Air Force (Armee de l'Air).svg
Logo dell'Armée de l'air dal 24 marzo 2010
Descrizione generale
Attiva2 luglio 1934 – oggi
NazioneFlag of France (1794–1815, 1830–1958).svg Terza repubblica
Flag of France (1794–1815, 1830–1958).svg GPRF
Flag of France (1794–1815, 1830–1958).svg Quarta repubblica
Francia Francia
ServizioForza armata
TipoAeronautica militare
Dimensione47.358 (2018) effettivi[1]
830 aeromobili di cui 300 caccia (2017)[2]
Guarnigione/QGParigi
Battaglie/guerre
Missioni di peacekeepingvedi missioni di pace delle Nazioni Unite
Sito internethttp://www.defense.gouv.fr/air
Parte di
Comandanti
Comandante attualeGénéral d'armée aérienne André Lanata
Simboli
CoccardaRoundel of France.svg
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia
Logo dell'Armée de l'air fino al marzo 2010

L'Armée de l'air, spesso abbreviata in ALA, è l'attuale aeronautica militare della Francia e parte integrante delle forze armate francesi insieme all'Armée de terre (esercito), alla Marine nationale (marina militare) e alla Gendarmerie nationale.

Formata nel 1909 come Aéronautique Militaire, parte dell'Armée de terre, è diventata indipendente nel 1934, è tra le forze aeree militari più antiche del mondo.

StoriaModifica

L'aeronautica militare francese è nata nel 1909 e registrata come tale, rende di fatto la Francia il primo paese ad equipaggiarsi di aerei da combattimento. Dopo il voto di una legge per l'Assemblea nazionale francese, il 29 marzo 1912, l'Aéronautique Militaire è ufficialmente parte dell'esercito francese, insieme a quattro altre armi tradizionali dell'epoca: la fanteria, la cavalleria, l'artiglieria e il genio.

Al momento dell'entrata in guerra nella prima guerra mondiale, la Francia aveva un totale di 148 velivoli (di cui 8 dell'Aéronautique navale) e 15 dirigibili, nel momento dell'armistizio, nel novembre 1918, erano stati in servizio 3.608 aerei.[3]

È diventata indipendente nel 1934, dando seguito all'Aéronautique Militaire presso l'Armée de terre nasce l'Armée de l'air. Tuttavia, le sue unità sono per lo più eredi delle tradizioni (insegne, ect.) della squadriglie della prima guerra mondiale, dove molti piloti si sono distinti.

La battaglia di Francia nel 1940 e l'impegno degli aviatori francesi liberi (FAFL) 1940-1943 poi quello dell'Armée de la Libération, sono anche degli eventi significativi della storia dell'Armée de l'air.

Dal 1945, l'Armée de l'air è stata particolarmente impegnata in Indocina (1945-1954), Suez (1956), Algeria (1952-1962), Mauritania e Ciad, nel golfo persico (1990-1991), nell'ex-Jugoslavia e in Afghanistan dal 2001.

L'Armée de l'air ha avuto per lungo tempo la responsabilità unica della forza nucleare francese: bombardieri strategici Dassault Mirage IV o missili balistici della base aerea 200 Apt-Saint-Christol sul plateau d'Albion.

È stata anche la culla del paracadutismo militare francese, con l'istituzione della fanteria dell'aria nel 1930.

La Patrouille de France rimane l'unità più famosa al grande pubblico, per le sue dimostrazioni di volo acrobatico.

Al 2010 l'Armée de l'air constava di 54.553 effettivi;[4] al 2011 gli effettivi militari erano 52.519 e il parco velivoli (tra aerei ed elicotteri) contava 567 velivoli, tra cui 234 aerei da combattimento.[5]

Per il 2010, il Livre Blanc sur la Défense et la Sécurité nationale ha annunciato una forte riduzione degli effettivi e dei mezzi di combattimento. 300 aerei da combattimento sono previsti per l'intero esercito francese (Aéronautique navale inclusa). Infine, per la prima volta dalla fine della seconda guerra mondiale, l'Armée de l'air ha presentato il 18 settembre 2008 il suo concetto operativo.[6]

CronologiaModifica

OrganizzazioneModifica

Sotto l'autorità del Capo di stato maggiore dell'Armée de l'air a Parigi, essa comprende delle formazioni ripartite tra:

  • l'état-major de l'armée de l'air (lo stato maggiore dell'aeronautica francese);
  • les forces (le forze aeree);
  • les bases aériennes (le basi aeree);
  • la direction des ressources humaines de l'armée de l'air (la direzione delle risorse umane dell'Armée de l'air);
  • les services (i servizi).

État-major de l'armée de l'air (EMAA)Modifica

ForcesModifica

L'Armée de l'air nei primi anni del ventunesimo secolo divide le sue forze e risorse in quattro grandi comandi, due grandi comandi operativi (CDAOA e CFAS) e due comandi organici (CFA e CSFA):

  • commandements opérationnels (comandi operativi centrali)
    • CDAOA - commandement de la défense aérienne et des opérations aériennes: comando della difesa aerea e delle operazioni aeree.
    • CFAS - commandement des Forces aériennes stratégiques: comando delle forze aeree strategiche
  • commandements organiques (comandi della organizzazione territoriale)
    • CFA - commandement des forces aériennes
      • BAAC - brigade aérienne de l'aviation de chasse
      • BAAP - brigade aérienne d'appui et de projection
      • BACE - brigade aérienne de contrôle de l'espace
      • BAFSI - brigade aérienne des forces de sécurité et d'intervention
    • CSFA - commandement du soutien des forces aériennes
      • Brigade technique et logistique
      • Brigade infrastructure
      • Brigade des systèmes d'information et de communication
      • Brigade soutien de l'homme

Elenco delle unità operativeModifica

CFAS - Commandement des Forces aériennes stratégiques
(CFA) - Brigade Aérienne de l'Aviation de Chasse (BAAC)
  • Base aérienne 102 Dijon-Longvic
  • Base aérienne 133 Nancy-Ochey
  • Base aérienne 115 Orange-Caritat
  • Base aérienne 113 Saint-Dizier-Robinson
    • Escadron de chasse 1/7 Provence - Rafale
    • Escadron de Transformation Rafale (unité interarmée Armée de l'Air/Marine) 2/92 Aquitaine - Rafale
  • Base aérienne 188 Djibouti
  • Base aérienne 103 Cambrai-Épinoy (cette base fermera vers 2011)
  • Base aérienne 112 Reims-Champagne (cette base fermera vers 2011)
  • Base aérienne 128 Metz-Frescaty
  • Base aérienne 118 Mont-de-Marsan

Bases aériennesModifica

  • Le basi aeree seguono la seguente regola di numerazione:
    • Basi operative: dal nº 101 a 199
    • Basi non operative: dal nº 200 a 299
    • Scuole di formazione: dal nº 300 a 399
    • Basi di reggimenti del genio aeronautico: nº 551, 552 e 503
    • Capannoni: dal nº 600 a 699
    • Basi di scuola: dal nº 700 a 799
    • Unità diverse: dal nº 800 a 899
    • Basi di difesa: dal nº 900 a 999
  • 35 installazioni (31 basi, 3 distaccamenti e 1 scuola) sono dislocate nella Francia metropolitana
  • 10 installazioni (7 basi, 2 distaccamenti e 1 elemento) sono dislocate oltremare (nella Francia d'oltremare, a Dakar, Gibuti, Libreville, N'Djamena e Abu Dhabi)

Elenco delle basi operativeModifica

Francia metropolitana
  • Base aérienne 102 Dijon-Longvic « Capitaine Georges Guynemer »
  • Base aérienne 103 Cambrai-Épinoy « Commandant René Mouchotte » (chiusura prevista dopo il 2011)
  • Base aérienne 105 Evreux-Fauville « Commandant Viot »
  • Base aérienne 106 Bordeaux-Mérignac « Capitaine Michel Croci »
  • Base aérienne 107 Vélizy-Villacoublay « Sous-lieutenant René Dorme »
  • Base aérienne 110 Creil « Lieutenant-colonel Guy de La Horie »
  • Base aérienne 112 Reims-Champagne « Commandant Edmond Marin la Meslée » (chiusura prevista nel 2011)
  • Base aérienne 113 Saint-Dizier-Robinson « Commandant Antoine de Saint-Exupéry »
  • Base aérienne 115 Orange-Caritat « Capitaine de Seyne »
  • Base aérienne 116 Luxeuil-Saint Sauveur « Lieutenant-colonel Tony Papin »
  • Base aérienne 117 Paris « Capitaine Guynemer »
  • Base aérienne 118 Mont-de-Marsan « Colonel Constantin Rozanoff »
  • Base aérienne 120 Cazaux « Commandant Marzac »
  • Base aérienne 123 Orléans-Bricy « Commandant Charles Paoli »
  • Base aérienne 125 Istres-Le tubé « Sous-lieutenant Monier »
  • Base aérienne 126 Solenzara « Capitaine Preziosi »
  • Base aérienne 128 Metz-Frescaty « Lieutenant-colonel Jean Dagnaux » (chiusura prevista dopo il 2011)
  • Base aérienne 133 Nancy-Ochey « Commandant Henri Jeandet »
  • Détachement air 204 Bordeaux-Beauséjour
  • Base aérienne 217 Brétigny-sur-Orge « Colonel Brunet » (chiusura prevista dopo il 2011)
  • Détachement air 273 Romorantin-Pruniers « Lieutenant-colonel Mailfert »
  • Détachement air 277 Varennes-sur-Allier « Capitaine Rousseau »
  • Base aérienne 278 Ambérieu-en-Bugey « Colonel Chambonnet »
  • Base aérienne 279 Châteaudun « Lieutenant Beau »
  • Base aérienne 701 Salon-de-Provence « Général Pineau »
  • Base aérienne 702 Avord « Capitaine Madon »
  • Base aérienne 705 Tours « Commandant Tulasne »
  • Base aérienne 709 Cognac-Châteaubernard « Commandant Ménard »
  • Base aérienne 721 Rochefort-Saint Agnant « Adjudant Gémot »
  • Ecole d'enseignement technique de l'armée de l'air 722 Saintes-Thénac « Capitaine Albert Raffin »
  • Base aérienne 749 Grenoble-Montbonnot
  • Base aérienne 901 Drachenbronn « Commandant de Laubier »
  • Base aérienne 921 Taverny « Frères Mahé » (chiusura prevista nel 2011)
  • Base aérienne 942 Lyon-Mont Verdun « Capitaine Jean Robert »
  • Base aérienne 943 Nice « Capitaine Auber » (chiusura prevista dopo il 2011)
Francia d'oltremare e altre nazioni
  • Base aérienne 104 Al Dhafra (Emirati Arabi Uniti) - Mirage 2000-5, C-135FR, Rafale
  • Base aérienne 160 Dakar-Ouakam (Senegal) - Transall, Fennec
  • Base aérienne 181 Saint-Denis « Lieutenant Roland Garros » (Reunion, chiusura prevista nel 2011)
  • Base aérienne 188 Djibouti « Colonel Massart » (Gibuti) - Mirage 2000, Transall, Puma, Fennec
  • Base aérienne 190 Tahiti-Faa'a « Sergent Julien-Allain » (Polinesia francese, chiusura prevista nel 2011)
  • Base aérienne 365 Lamentin (Martinica, chiusura prevista nel 2011)
  • Base aérienne 367 Cayenne-Rochambeau « Capitaine Massé » (Guyana francese)
  • Détachement air 376 Nouméa (Nuova Caledonia)
  • Éléments air à Libreville (Gabon) - Transall, Fennec
  • Éléments français d'assistance opérationnelle à N'djamena (Ciad)

Direction des ressources humaines de l'armée de l'air (DRHAA)Modifica

Il DRHAA recluta, forma, gestisce, amministra e converte il personale dell'Armée de l'air. Dal 1º gennaio 2008, il DRHAA raggruppa insieme le funzioni della precedente direzione del personale militare dell'Armée de l'air (DPMAA) e alcune funzioni del precedente comando delle scuole dell'Armée de l'air (CEAA).

ServicesModifica

I servizi dell'Armée de l'air sono:

Aeromobili in usoModifica

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2018)[7]
Note Immagine
Aerei da combattimento
Dassault Rafale   Francia caccia multiruolo biposto
caccia multiruolo monoposto
Rafale B
Rafale C
102[7][8][9] Il totale finale sarà di 234 (139 B e 95 C), di cui 48 biposto saranno utilizzati per attacco nucleare.
Dassault Mirage 2000   Francia caccia multiruolo
conversione operativa
difesa aerea
aereo d'attacco
Mirage 2000-5F
Mirage 2000B
Mirage 2000C
Mirage 2000D
28[7][10][9]
6[7]
32[7]
70[11][7][8][9][12][13]
Dei 71 Mirage 2000D in organico al giugno 2018, 55 sono in servizio attivo e saranno sottoposti ad upgrade, mentre i restanti 16 saranno demoliti o cannibalizzati.[10][12][13] Entro il 2019 saranno radiati i Mirage 2000N, nel 2020 Mirage 2000C, Mirage 2000B, mentre sarà prolungata la vita operativa dei 28 Mirage 2000-5F operativi al giugno 2018.[10] Uno dei 71 Mirage 2000D in organico al dicembre 2018 è andato perso il 10 gennaio 2019.[11]
Aerei AEW e AWACS e impieghi speciali
Boeing E-3 Sentry   Stati Uniti AWACS E-3F block 40/45 4[7][14] SDA201 - SDA202 - SDA203 - SDA204.[15] Al febbraio 2014 risultano in servizio 5 esemplari e tutti aggiornati da Boeing allo standard block 40/45.[14]
Transall C-160 Gabriel   Francia ELINT C-160G 2[7][9][16]
Beechcraft Super King Air 350   Stati Uniti ELINT B350ER 1[17] 1 King Air 350ER preso in leasing da CAE Aviation, e destinato ad affiancare o sostituire i 2 C-160G Gabriel nelle missioni di intelligence e di guerra elettronica.[17]
Aerei da addestramento
Dassault-Dornier Alpha Jet   Francia aereo da addestramento avanzato Alpha Jet E 102[7][18] Al dicembre 2018 risultano in servizio 102 aerei (compresi quelli utilizzati dalla Patrouille de France) che saranno ridotti a 63 entro il 2020.[7][18]
Cirrus SR20   Stati Uniti aereo da addestramento SR20 15[7]
Cirrus SR22   Stati Uniti aereo da addestramento SR22 8[7]
Embraer EMB 121 Xingu   Brasile aereo da addestramento basico Emb121AA/AN 22[7]
Extra 300   Germania aereo da addestramento acrobatico Extra 300SC 3
Grob G 120   Germania aereo da addestramento basico TB-G 120A 18[7]
Pilatus PC-21   Svizzera aereo da addestramento avanzato PC-21 17[19][7][20] 17 aerei ordinati a dicembre 2016, con consegne dal 2018.[7][18][21][20] Tutti i 17 aerei risultano consegnati all'aprile 2019.[19]
Aerei per rifornimento in volo
Boeing KC-135 Stratotanker   Stati Uniti aereo per il rifornimento in volo C-135FR
KC-135RG
11[7][9][22]
3[7][9][22]
93-CA -CB -CC -CE -CF -CG -CH -CI -CJ -CK -CL -CM -CN -CP
Lockheed Martin KC-130J Super Hercules   Stati Uniti aereo per il rifornimento in volo KC-130J 1[23][24][25] 2 ordinati a novembre 2015.[9][26][27].[28][7][25]
Airbus A330 Phénix   Unione europea aereo per il rifornimento in volo
aereo da trasporto logistico
A330 MRTT 2[29][7][30][31][32] 12 ordinati con consegne dal 2018 al 2023.[31][8][9][22][7][30]
Aerei da trasporto
Airbus A340   Unione europea aereo da trasporto logistico A340 TRLA
(A340-211)
2[9][22] F-RAJA - F-RAJB[15]
Airbus A310   Unione europea aereo da trasporto logistico A310-304 2[33][7][9][22] F-RADB - F-RADC[15] L'esemplare F-RADA è stato ritirato dal servizio ad agosto 2019.[33]
Airbus A400M Atlas   Unione europea aereo da trasporto strategico A400M 15[34][35][7][36][37][38][39] 50 ordinati.[35][39]
Lockheed C-130 Hercules   Stati Uniti aereo da trasporto C-130H
C-130H-30
5[7][8][9][26][27]
9[7][8][9][26][27]
I 14 aerei in servizio saranno tutti reteofittati entro il 2025.[8][9]
Lockheed Martin C-130J Super Hercules   Stati Uniti aereo da trasporto C-130J-30 2[7][40][26][41] 2 ordinati a novembre 2015, consegna 2017/2018.[7][9][27][28]
Transport Allianz C-160 Transall   Francia aereo da trasporto C-160R 21[7][9][42]
CASA CN-235   Spagna aereo da trasporto tattico CN-235-200M
CN-235-300M
27[7]
DHC-6-300 Twin Otter   Canada aereo da trasporto leggero DHC-6-300 5[7]
SOCATA TBM 700   Francia aereo da trasporto VIP TBM 700 15[7]
Airbus A330   Unione europea aereo da trasporto VIP A330-223
Air France One
1 F-RARF[43] Utilizzato per il trasporto presidenziale.
Dassault Falcon 7X   Francia aereo da trasporto VIP Falcon 7X 2 F-RAFA - F-RAFB[43]
Dassault Falcon 2000   Francia aereo da trasporto VIP Falcon 2000 2 F-RAFC - F-RAFD[43] (+2 ordini)
Dassault Falcon 900   Francia aereo da trasporto VIP Falcon 900 2 F-RAFP - F-RAFQ[43] (da dismettere)
Elicotteri
Aérospatiale AS 332 Super Puma   Francia elicottero SAR
elicottero da trasporto VIP
AS332C
AS332M1
AS 532
5[7]
Aérospatiale AS 555 Fennec   Francia elicottero leggero
polivalente
AS555AN 40[7]
Airbus H225M Caracal   Francia elicottero C/SAR H225M 10[44][7] A giugno 2019 è stato ordinato 1 nuovo H225M che si andrà ad aggiungere ai 10 esemplari già in organico.[44]
Aérospatiale SA 330 Puma   Francia elicottero medio da trasporto
SAR
SA330B 20[45][7] Circa 20 SA 330B in servizio al novembre 2019.[45]
Aeromobili a pilotaggio remoto
General Atomics MQ-9 Reaper   Stati Uniti UAV MQ-9 5[46][47][48] 18 ordinati.[49] I successivi 9 droni (divisi in 3 lotti di 3), arriveranno in Francia rispettivamente nel 2016, 2019, 2020.[48] Il 17 novembre 2018 un drone è andato perso in Niger, schiantandosi al suolo al ritorno da una missione.[50]

Le Livre blanc sur la Défense et la Sécurité nationale 2008[51] (libro bianco sulla Difesa e la Sicurezza nazionale 2008) prevede una diminuzione degli effettivi a circa 50.000 persone all'orizzonte del 2015, la flotta aerea, aviazione navale inclusa, dovrebbe essere riassunta in due grandi famiglie di velivoli, i Mirage 2000 e Rafale, 300 aerei da combattimento.[52]

Aeromobili ritiratiModifica

ArmamentoModifica

L'armamento dell'Armée de l'air[56]

Missili aria-aria
  • Météor (in sviluppo per il Rafale, uso previsto per il 2011)
  • Mica EM (elettromagnetico, in uso dal 1999)
  • Mica IR (infrarosso, in uso dal 2007)
Missili aria-superficie e bombe
  • ASMP-A (Air Sol Moyenne Portée-Amélioré) missile nucleare
  • SCALP (système de croisière conventionnel autonome à longue portée)
  • AASM (armement air-sol modulaire)
  • GBU12 (bombe guidée laser)
  • GBU49 (bombe guidée laser)
Missili superficie-aria

NoteModifica

  1. ^ Effectifs, sur le site de la Défense nationale.
  2. ^ "TOP 12 MOST INTERESTING AIR FORCES AROUND THE WORLD", su defenceaviation.com, 21 febbraio 2017, URL consultato il 19 marzo 2017.
  3. ^ Général André Martini, L'histoire de l'aviation légère de l'armée de terre 1794-2008, Histoire, mémoire et patrimoine, Paris, Lavauzelle, 2005, pp. 36,42, ISBN 2-7025-1277-1.
  4. ^ Chiffres clés, www.defense.gouv.fr/air, 12 luglio 2010. URL consultato il 3 dicembre 2010.
  5. ^ Les chiffres-clés de la Défense – édition 2011, www.defense.gouv.fr, 30 settembre 2011. URL consultato il 18 aprile 2012.
  6. ^ Rapport « Concept de l'Armée de l'air » (18 septembre 2008) Concept de l'Armée de l'Air Archiviato il 18 giugno 2013 in Internet Archive..
  7. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai (EN) World Air Force 2019 (PDF), su Flightglobal.com, p. 16. URL consultato il 4 gennaio 2019.
  8. ^ a b c d e f "Francia: le ambizioni della difesa" - "Aeronautica & Difesa" N. 379 - 05/2018 pp. 38-41
  9. ^ a b c d e f g h i j k l m n o "La nuova legge di Programmazione Militare francese" - "Rivista italiana difesa" N. 4 - 04/2018 pp. 68-71
  10. ^ a b c "Armée de l'Air Horizon 2020: In Francia ci saranno meno Mirage 2000 ma molti Rafale in più" - "Aeronautica & Difesa" N. 380 - 06/2018 pag. 69
  11. ^ a b "LES DEUX MEMBRES D’ÉQUIPAGE DU MIRAGE 2000D ACCIDENTÉ SONT DÉCÉDÉS", su avionslegendaires.net, 11 gennaio 2019, URL consultato il 20 gennaio 2019.
  12. ^ a b "Un Mid-Life upgrade (aggiornamento di mezza vita) per i Mirage 2000D dell'Armée de l'Air francese" - "Aeronautica & Difesa" N. 359 - 09/2016 pag. 69
  13. ^ a b "Si aggiorna l'armamento del Mirage 2000D" - "Aeronautica & Difesa" N. 370 - 08/2017 pag. 68
  14. ^ a b "BOEING, AIR FRANCE E KLM AGGIORNANO GLI AWACS TRANSALPINI", su difesaonline.it, 18 febbraio 2014, URL consultato il 5 novembre 2016.
  15. ^ a b c Armée de l'Air - registration.
  16. ^ "VIA AL NUOVO AEREO SIGINT FRANCESE", su portaledifesa.it, 1 marzo 2018, URL consultato il 2 marzo 2018.
  17. ^ a b "Francia. King Air per l'Armèe de l'Air" - "Aeronautica & Difesa" N. 395 - 09/2019 pag. 75
  18. ^ a b c d "L'Armée de l'Air francese sceglie il trainer svizzero Pilatus PC-21" - "Aeronautica & Difesa" N. 365 - 03/2017 pag. 71
  19. ^ a b "EL EJÉRCITO DEL AIRE FRANĆES YA CUENTA CON SUS 17 PILATUS PC-21", su defensa.com, 1 aprile 2019, URL consultato il 1 aprile 2019.
  20. ^ a b "FRANCIA RECIBE SUS PRIMEROS AVIONES DES ENTRENAMIENTO PILATUS PC-21", su infodefensa.com, 9 maggio 2018, URL consultato il 6 settembre 2018.
  21. ^ "PILATUS: ORDINE PER 21 PC-21, INCLUSI 17 VELIVOLI PER L’AERONAUTICA FRANCESE", su md80.it, 5 gennaio 2017, URL consultato il 3 marzo 2017.
  22. ^ a b c d e " L'A330 MRTT PHÉNIX DE L'ARMÉE DE L'AIR FRANÇAISE ET SA LIVRÉE" Archiviato il 30 aprile 2017 in Internet Archive., su defens-aero.com, 26 aprile 2017, URL consultato il 29 aprile 2017.
  23. ^ "FRENCH AIR FORCE RECEIVES FIRST OF TWO AMERICAN-MADE KC-130J TANKER AIRCRAFT", su defence-blog.com, 20 settembre 2019, URL consultato il 20 settembre 2019.
  24. ^ "FRENCH RECEIVES FIRST KC-130J TANKER TRANSPORT", su janes.com, 23 settembre 2019, URL consultato il 23 settembre 2019.
  25. ^ a b "L'Armée de l'Air riceve il primo KC-130J" - "Aeronautica & Difesa" N. 397 - 11/2019 pag. 70
  26. ^ a b c d "FRANCE INDUCTS FIRST C-130J AIRLIFTER" Archiviato il 17 gennaio 2018 in Internet Archive., su janes.com, 16 gennaio 2018, URL consultato il 17 gennaio 2018.
  27. ^ a b c d "Francia, Ok agli Hercules", Aeronautica & Difesa" N. 352 - 02/2016 pag. 67
  28. ^ a b "FIRST FRENCH C-130J ROLLS OUT" Archiviato il 24 ottobre 2017 in Internet Archive., su janes.com, 24 ottobre 2017, URL consultato il 24 ottobre 2017
  29. ^ "THE MINISTRY OF THE ARMED FORCES RECEIVES SECOND PHÉNIX MRTT THREE MONTHS EARLY", su defense-aerospace.com, 7 luglio 2019, URL consultato il 16 luglio 2019.
  30. ^ a b "FRANCE RECEIVES FIRST PHÉNIX TANKER-TRANSPORT AIRCRAFT", su janes.com, 28 settembre 2018, URL consultato il 28 settembre 2018.
  31. ^ a b "FRANCE COMPLETES PHÉNIX ORDER WITH THREE ADDITIONAL AIRCRAFT", su janes.com, 13 dicembre 2018, URL consultato il 13 dicembre 2018.
  32. ^ "Il tanker A330 omologato dall'Armée de l'Air" - "Aeronautica & Difesa" N. 391 - 05/2019 pag. 72
  33. ^ a b c "MISE À LA RETRAITE DU PLUS ANCIEN AIRBUS MILITAIRE AU MONDE", su avionslegendaires.net, 3 settembre 2019, URL consultato il 4 settembre 2019.
  34. ^ "I ritardi dell'A400M portano Airbus a rinegoziare il programma" - "Rivista italiana difesa" N. 8 - 08/2019 pag. 10
  35. ^ a b AIRBUS A400M - Orders & deliveries (PDF), su airbus.com, 30 novembre 2018. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  36. ^ "CONSEGNATI IL 60° E 61° A-400M", su portaledifesa.it, 23 marzo 2018, URL consultato il 23 marzo 2018.
  37. ^ "LE TREIZIÈME A400M ATLAS ARRIVE DANS L'ARMÉE DE L'AIR" Archiviato il 24 dicembre 2017 in Internet Archive., su journal-aviation.com, 21 dicembre 2017, URL consultato il 22 dicembre 2017.
  38. ^ "Internazionale. A400M sempre in rosso" - "Aeronautica & Difesa" N. 374 - 12/2017 pag. 74
  39. ^ a b "Alla Francia il primo A400M tattico" - "Aeronautica & Difesa" N. 365 - 03/2017 pag. 80
  40. ^ "Francia. È arrivato il primo Super Hercules" - "Aeronautica & Difesa" N. 376 - 02/2018 pag. 72
  41. ^ " L'E PREMIER C-130J FRANÇAIS SE POSE À ORLÉANS" Archiviato il 22 dicembre 2017 in Internet Archive., su journal-aviation.com, 22 dicembre 2017, URL consultato il 22 dicembre 2017.
  42. ^ "Plus de quarante avions Transall démantelés à Bricy" Archiviato l'11 aprile 2017 in Internet Archive., su larep.fr, 8 aprile 2017, URL consultato il 9 aprile 2017.
  43. ^ a b c d Airliners Photo Search Results - France Armee de l'air.
  44. ^ a b "L’ARMÉE DE L’AIR RAFFORZA LA PROPRIA FLOTTA DI ELICOTTERI H225M CARACAL", su aviation-report.com, 16 giugno 2019, URL consultato il 17 giugno 2019.
  45. ^ a b "LE CASSE-TÊTE DE LA SUCCESSION DES SA.330B PUMA DANS L’ARMÉE DE L’AIR", su avionslegendaires.net, 4 novembre 2019, URL consultato il 5 novembre 2019.
  46. ^ "FRANCE PROCEEDS WITH REAPER WEAPONISATION", su janes.com, 26 marzo 2019, URL consultato il 27 marzo 2019.
  47. ^ "Francia. I Reaper saranno armati" - "Aeronautica & Difesa" N. 372 - 10/2017 pag. 70
  48. ^ a b "Francia. Altri Reaper" - "Aeronautica & Difesa" N. 352 - 02/2016 pag. 67.
  49. ^ "Il killer che viene dal cielo" - "Aeronautica & Difesa" N. 358 - 08/2016 pp. 42-46
  50. ^ (FR) Un drone Reaper français s'écrase au Niger, in VOA. URL consultato il 18 novembre 2018.
  51. ^ Vedi il sito del Ministero della Difesa: Livre blanc sur la défense et la sécurité nationale, su defense.gouv.fr. URL consultato il 19 dicembre 2010.
  52. ^ 150 Dassault Rafale monoposto e biposto, 30 Dassault Mirage 2000-5, 20 Dassault Mirage 2000 C e B, 60 Dassault Mirage 2000 D, 40 Dassault Mirage 2000 N.
  53. ^ "L’ARMÉE DE L’AIR MET À LA RETRAITE SON VALEUREUX TB.30 EPSILON", su avionslegendaires.net, 26 settembre 2019, URL consultato il 26 settembre 2019.
  54. ^ "Francia. Radiato il drone Harfang" - "Aeronautica & Difesa" N. 379 - 05/2018 pag. 72
  55. ^ LA FRANCIA RITIRA I MIRAGE 2000N", su portaledifesa.it, 20 giugno 2018, URL consultato il 21 giugno 2018.
  56. ^ Armée de l'air - Armement, defense.gouv.fr/air, 7 luglio 2010. URL consultato il 28 novembre 2010.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN149711374 · ISNI (EN0000 0004 0640 0486 · LCCN (ENn80049570 · BNF (FRcb11937064d (data) · WorldCat Identities (ENn80-049570