Eric Roth

sceneggiatore statunitense

Eric Roth (New York, 22 marzo 1945) è uno sceneggiatore e produttore televisivo statunitense.

Nel corso della sua carriera è stato candidato cinque volte all'Oscar alla migliore sceneggiatura non originale, vincendolo nel 1995 per Forrest Gump.

BiografiaModifica

Eric Roth nasce nel 1945 a New York, da genitori ebrei americani, entrambi insegnanti universitari e produttori cinematografici.[1][2] È cresciuto nel quartiere Bedford-Stuyvesant di Brooklyn.[3]

Da giovane, scrive brevi pezzi per alcune riviste cittadine e studia all'Università della California a Santa Barbara, laureandosi nel 1966.[4][5] Dirige alcuni cortometraggi sperimentali della scena indipendente newyorkese di fine anni sessanta, per poi trasferirsi a Los Angeles nel 1972 per studiare cinema e televisione all'UCLA.[4]

CarrieraModifica

Esordisce nel mondo del cinema a metà degli anni settanta, firmando la sceneggiatura di film polizieschi come Il mediatore e catastrofici come Airport '80. Nel 1992 crea per Fox la serie televisiva The Heights, cancellata dopo una sola stagione.[6]

Raggiunge la notorietà nel 1995, vincendo l'Oscar alla migliore sceneggiatura non originale per il film di Robert Zemeckis Forrest Gump, che aveva adattato a partire dal romanzo omonimo di Winston Groom.[7] Nel 1997 riceve assieme al collega Brian Helgeland un Razzie Award alla peggior sceneggiatura per il film L'uomo del giorno dopo.[8] Dopo aver sceneggiato l'anno seguente L'uomo che sussurrava ai cavalli di Robert Redford, nel 2000 Roth viene candidato una seconda volta all'Oscar per la sceneggiatura di Insider - Dietro la verità, scritta assieme al regista Michael Mann.[9] Lo stesso anno, collabora nuovamente con Mann nel film Alì.[10]

Nel 2005 scrive con Tony Kushner il film di Steven Spielberg Munich, venendo nuovamente candidato all'Oscar.[11] L'anno seguente, la sua sceneggiatura di spionaggio The Good Sheperd, che aveva scritto nel 1994, viene adattata per il cinema da Robert De Niro in The Good Shepherd - L'ombra del potere.[12] Nel 2008 sceneggia assieme a Robin Swicord Il curioso caso di Benjamin Button di David Fincher, che ha definito «il mio film più personale», avendo perduto entrambi i genitori durante la scrittura del film.[3][13] Il film gli vale la sua quarta candidatura all'Oscar.[14]

Nel 2011, scrive il film drammatico Molto forte, incredibilmente vicino, adattando l'omonimo romanzo di Jonathan Safran Foer.[15] Come produttore esecutivo della serie televisiva di Netflix House of Cards - Gli intrighi del potere, ottiene ogni anno dal 2013 fino al 2017 una candidatura ai premi Emmy per la miglior serie drammatica.[16] Nel 2018 sceneggia assieme a Will Fetters e al regista Bradley Cooper il remake di È nata una stella, ottenendo la sua quinta candidatura all'Oscar.[17]

Vita privataModifica

È stato sposato dal 1967 fino al 1986 con l'archeologa e antropologa Linda Roth,[18] da cui ha avuto una figlia, la documentarista Vanessa Roth, vincitrice nel 2008 dell'Oscar al miglior cortometraggio documentario per Freeheld.[19] È stato sposato con la produttrice cinematografica Debra Greenfield dal 1987 fino al 2018.[20]

FilmografiaModifica

SceneggiatoreModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Produttore esecutivoModifica

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Profile: Eric Roth, su filmreference.com. URL consultato l'11 marzo 2019.
  2. ^ (EN) Naomi Pfefferman, Writer’s Guild to honor ‘extremely’ talented screenwriter Eric Roth, su The Jewish Journal of Greater Los Angeles, 26 gennaio 2012. URL consultato il 30 luglio 2016.
  3. ^ a b (EN) Jimy Tallal, Salon series continues with screenwriter Eric Roth, su The Malibu Times, 11 aprile 2015. URL consultato il 30 luglio 2016.
  4. ^ a b (EN) Katie Manderfield, A man of many worlds: from Munich to Forrest Gump, a conversation with writer Eric Roth, su mpaa.org, 31 ottobre 2012. URL consultato il 30 luglio 2016.
  5. ^ (EN) N'neka Hite, Eric Roth honored by UCLA, su Variety, 2 giugno 2008. URL consultato il 30 luglio 2016.
  6. ^ Fred Bronson, The Billboard Book Of Number 1 Hits, 5ª ed., Billboard Books, 2003, p. 812, ISBN 0-8230-7677-6.
  7. ^ (EN) William Grimes, 'Forrest Gump' triumphs with 6 Academy Awards, su The New York Times, 28 marzo 1995. URL consultato il 21 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2010).
  8. ^ (EN) Razzie Awards' voters go postal on Kevin Costner's latest effort, su Los Angeles Times, 23 marzo 1998. URL consultato il 9 giugno 2010.
  9. ^ (EN) The 72nd Academy Awards (2000) Nominees and Winners, su oscars.org. URL consultato il 19 novembre 2011.
  10. ^ (EN) Michael Fleming, For Roth, it's 'Potter' or 'Planet', su Variety, 20 luglio 2000. URL consultato il 14 ottobre 2014.
  11. ^ (EN) Lawrence Marcus, Oscar Watch: Sorvino to help unveil noms, su Variety, 29 gennaio 2006. URL consultato il 25 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2014).
  12. ^ (EN) John Horn, Intelligence Design, su Los Angeles Times, 5 novembre 2006. URL consultato il 6 aprile 2007.
  13. ^ (EN) Jen Yamato, Rotten Tomatoes interview: Eric Roth call 'Benjamin Button' his most personal film to date, su Rotten Tomatoes, 22 dicembre 2008. URL consultato il 30 luglio 2016.
  14. ^ (EN) The 81st Academy Awards (2009) nominees and winners, su oscars.org. URL consultato il 22 novembre 2011.
  15. ^ (EN) Borys Kit, Stephen Daldry to direct 'Extremely Loud', project based on a 9/11-themed novel, su The Hollywood Reporter, 14 ottobre 2010. URL consultato il 26 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2011).
  16. ^ (EN) Eric Roth, su emmys.com. URL consultato il 14 gennaio 2020.
  17. ^ (EN) Hilary Hughes, Lady Gaga Nominated For Best Actress and Best Song Oscars at the 2019 Academy Awards, su billboard.com, 22 gennaio 2019. URL consultato il 23 gennaio 2019.
  18. ^ (EN) Archeologist Linda Roth, 66, explored Old Town, East County, su The San Diego Tribune, 13 febbraio 2013.
  19. ^ (EN) Kay Shacketon, Exclusive: Interview with Oscar-winning filmmaker Vanessa Roth on the debut of her new film ‘The Girl and the Picture’, su themoviegal.com, 15 aprile 2018.
  20. ^ (EN) Daniel Goldblatt e Liz Walters, ‘A Star Is Born’ screenwriter Eric Roth headed for divorce, su theblast.com, 2 ottobre 2018.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN55231608 · ISNI (EN0000 0001 1472 9183 · LCCN (ENno00006333 · GND (DE129593346 · BNF (FRcb140726489 (data) · WorldCat Identities (ENno00-006333