Gianni Hecht Lucari

produttore cinematografico e televisivo italiano

Gianni Hecht Lucari (Vienna, 5 settembre 1922Roma, 27 agosto 1998) è stato un produttore cinematografico e produttore televisivo italiano.

Ha vinto il David di Donatello come miglior produttore per i film La ragazza con la pistola (regia di Mario Monicelli, 1968), Metello (regia di Mauro Bolognini, 1970), Il giardino dei Finzi Contini (regia di Vittorio De Sica, 1970) e Il prefetto di ferro (regia di Pasquale Squitieri, 1977).

Nel 1972 Il giardino dei Finzi Contini vince il Premio Oscar per il miglior film straniero[1].

Biografia

modifica

Nasce a Vienna da una famiglia con ascendenze ebraiche e francesi. Durante la Seconda guerra mondiale milita nell'esercito britannico come ufficiale dei servizi segreti[2].

Nel 1950 crea una sua società di produzione, la Documento Film, con cui realizza cortometraggi, documentari e programmi televisivi. Di area democristiana, negli anni cinquanta la Documento Film è al centro di numerose polemiche per i finanziamenti statali ottenuti[3]. All'inizio degli anni cinquanta comincia a produrre lungometraggi di finzione, fra cui Un giorno in pretura (regia di Steno, 1953)[4]. Dai primi anni sessanta fino a quasi la fine degli anni settanta, la fortunata collaborazione con il produttore cinematografico Fausto Saraceni porterà la Documento Film all'apice con pellicole di grande successo.

«[La Documento Film] funzionò da megafono della Ricostruzione. Principale compito ideologico di questo cinema di propaganda mimetizzata era quello di contrastare e smontare le false verità, la cosiddetta "autodenigrazione nazionale" del cinema neorealista[5]

Fino al 1980 produrrà una cinquantina di titoli per il cinema, prevalentemente commedie e film collettivi, lavorando con registi come Steno, Carmine Gallone, Alessandro Blasetti, Raffaello Matarazzo, Claude Autant-Lara, Luigi Zampa, Mario Camerini, Alberto Lattuada, Roberto Rossellini, Antonio Pietrangeli, Mario Monicelli, Elio Petri, Mauro Bolognini, Luigi Comencini, Dino Risi, Nanni Loy, Ettore Scola, Vittorio De Sica e Pasquale Squitieri.

In seguito si dedica alla produzione di film e serie TV (Piazza di Spagna, 1992).

Filmografia

modifica
  1. ^ Academy Awards Acceptance Speeches - Search Results | Margaret Herrick Library | Academy of Motion Picture Arts & Sciences, su aaspeechesdb.oscars.org. URL consultato il 29 novembre 2016.
  2. ^ Edmond Grant, Obituaries: Hecht Lucari, Gianni, in The Motion Picture Guide: 1999 Annual (The Films of 1998).
  3. ^ Roberto Curti, Alessio Di Rocco, Visioni proibite. I film vietati dalla censura italiana (1947-1968), Lindau, Torino, 2014, p. 248.
  4. ^ (EN) David Scott Diffrient, Omnibus Films: Theorizing Transauthorial Cinema, Edinburgh University Press, 30 giugno 2014, ISBN 9780748695683. URL consultato il 29 novembre 2016.
  5. ^ Tatti Sanguineti, Cinema di propaganda: 1947-1962, catalogo della XXXIV Mostra Internazionale del Cinema Libero - Il cinema ritrovato, 2-9 luglio 2005, edito dalla Cineteca di Bologna, p. 80.

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN87245053 · ISNI (EN0000 0000 6029 3790 · GND (DE1061424073 · BNE (ESXX1519395 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-87245053