Apri il menu principale

Giovanni Onorato

attore italiano

BiografiaModifica

Attore teatrale attivo fin dalla prima metà degli anni trenta nella compagnia di Michele Abruzzo, era il padre di Glauco Onorato, divenuto poi un affermato attore e doppiatore[1] e di Marco Onorato che intraprese la carriera di direttore della fotografia nonché nonno del doppiatore Riccardo Niseem Onorato.

Il suo esordio sullo schermo avviene nel 1937 nel film Il dottor Antonio di Enrico Guazzoni in un ruolo minore[2].

Attore caratterista, viene ricordato soprattutto per la sua interpretazione del Lungo nei primi tre film della saga di Don Camillo[3].

Tra i film in cui appare La Gorgona del 1942 di Guido Brignone[2] e La Fornarina del 1944 sempre di Guazzoni.

Continua a recitare sullo schermo cinematografico fino alla prima metà degli anni cinquanta. Nel 1954 gira alcune località italiane con lo spettacolo Quando la luna è blu per la regia di Luigi Cimara, dove interpreta Michele O'Neill[4]; ruolo apprezzato dalla critica[5]. Nel 1956 recita nella prosa televisiva Rai La maestrina[6].

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TeatroModifica

Prosa televisiva RaiModifica

DoppiaggioModifica

NoteModifica

  1. ^ Enrico Lancia e Roberto Poppi, 2003, p. 85.
  2. ^ a b Roberto Chiti,Enrico Lancia, Dizionario del cinema italiano. I film. Vol. 1: Tutti i film italiani dal 1930 al 1944., Gremese editore, 2005, p. 115. URL consultato il 15 luglio 2018.
  3. ^ Anel Anivac, L'Italia di Don Matteo, Soldiershop, 2016. URL consultato il 15 luglio 2018.
  4. ^ Quando la luna è blu, enricomariasalerno.it. URL consultato il 15 luglio 2018.
  5. ^ Ernesto Quadrone, Tutto può succedere quando la luna è blu, in Europa, archiviolastampa.it, 9 novembre 1954. URL consultato il 15 luglio 2018.
  6. ^ Teatro 1956, teche.rai.it. URL consultato il 15 luglio 2018.

BibliografiaModifica

  • Enrico Lancia e Roberto Poppi (a cura di), Dizionario del cinema italiano. Gli attori. Vol. 2: M-Z., Roma, Gremese, 2003, ISBN 9788884402691.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica