Apri il menu principale

Hughes OH-6 Cayuse

elicottero da combattimento Hughes Helicopters
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la versione civile, vedi MD Helicopters MD 500.
Hughes OH-6 Cayuse
Hughes YOH-6A Cayuse US Army in flight.jpg
Un OH-6 Cayuse dell'US Army
Descrizione
Tipoelicottero da combattimento
Equipaggio2
CostruttoreStati Uniti Hughes Helicopters
Data primo volo27 febbraio 1963
Altre variantiMD Helicopters MD 500 Defender
Dimensioni e pesi
Hughes OH-6 orthographical image.svg
Tavole prospettiche
Lunghezza9,4 - 9,8 m (30,10 - 32,2 ft)
Diametro rotore8,33 m (27,4 ft)
Peso a vuoto896 kg (1 975 lb)
Peso max al decollo1 610 kg (3 549 lb)
Propulsione
Motoreuna turbina Allison T63-A-5A o T63-A-700
Potenza236 kW (317 shp)
voci di elicotteri presenti su Wikipedia

Lo Hughes OH-6 Cayuse (soprannominato Loach, un pesce simile alla carpa[1], dal suono in inglese della sigla LOH Light Observation Helicopter - elicottero leggero da osservazione) è un elicottero militare leggero monomotore con rotore a quattro pale impiegato per il trasporto di personale, scorta, missioni di attacco ed osservazione. La Hughes ne derivò il Model 369 civile denominato Hughes Model 500, attualmente prodotto dalla MD Helicopters.

Storia del progettoModifica

L'OH-6 Cayuse venne realizzato in risposta ad un requisito dell'U.S. Army per un elicottero di osservazione leggero.[2] Nel 1960, l'esercito americano emise la Technical Specification 153 per un elicottero leggero da osservazione (LOH - light observation helicopter) in grado di soddisfare vari ruoli: trasporto di personale, scorta e missioni di attacco, eliambulanza e osservazione. Dodici società presero parte nella competizione e la Hughes Tool Company's Aircraft Division sottopose il Model 369. La commissione dell'Esercito e Marina Militare statunitensi selezionò come finalisti i due progetti sottoposti da Fairchild-Hiller e Bell, ma l'esercito incluse in seguito anche l'elicottero della Hughes.

Il primo prototipo del Model 369 volò per la prima volta il 27 febbraio 1963. Originariamente designato come YHO-6A secondo il sistema di designazione dell'esercito, venne rinominato YOH-6A nel 1962 quando il Dipartimento della Difesa stabilì un nuovo sistema di designazione per i velivoli. Furono costruiti cinque prototipi, equipaggiati con una turbina Allison T63-A-5A da 252 shp[3] e consegnati all'Esercito Americano a Camp Rucker, Alabama per competere contro gli altri dieci prototipi sottoposti dalla Bell e Fairchild-Hiller. Durante il corso della competizione, la proposta della Bell, lo YOH-4, fu eliminato[4] come conseguenza del sottodimensionamento del motore, un T63-A-5 da 250 shp. Rimasero in lizza per il contratto LOH la Fairchild-Hiller e la Hughes. La Hughes vinse la gara[5] e l'Esercito sottoscrisse un contratto per l'avvio della produzione nel maggio 1965, con un ordine iniziale per 714 esemplari, aumentato più tardi a 1300 con una opzione per altri 114. Il ritmo di produzione mensile giunse a 70 elicotteri nel primo mese. Ma la Bell non rimase ad osservare il successo della rivale e mise mano al suo migliore elicottero leggero, il Bell 206, che aveva perso contro l'Hughes. Convinta che potesse risultare un velivolo di successo, venne perfezionato nel modello 206A e a quel punto si ritenne di avere la carta vincente per riaprire il concorso prima che venissero consegnati tutti gli elicotteri. Se la Bell migliorò la propria posizione, la Hughes peggiorò a sua volta, perché ad un certo punto, alla metà degli anni '60, non riuscì a contenere i prezzi di produzione ai livelli pattuiti, dando almeno parziale ragione ai contestatori della sua vittoria.

Accadde così che la gara per l'elicottero leggero da osservazione venisse riaperta nel 1967, e il marzo dell'anno dopo portò un verdetto clamoroso, con la vittoria della Bell. Questo fece sì che ai 1400 OH-6 Cayuse seguissero ben 2200 elicotteri OH-58 Kiowa (versione militare del Bell 206), consegnati tutti entro il 1973, tanto che nel decennio successivo sono riusciti a rimpiazzare quasi totalmente i loro concorrenti, a metà anni '80 ridotti a circa 400 e tolti dall'organico dei battaglioni elicotteri assegnati alle Divisioni dell'US Army. Da questo concorso, con i suoi colpi di scena e i suoi 2 vincitori, è nato in sostanza il mondo degli elicotteri leggeri moderni.

VersioniModifica

 
TH-6B Cayuse decolla per un volo addestrativo da NAS Patuxent River, Md.
YOH-6A
Model 369 YHO-6 poi YOH-6A: 5 esemplari di preserie, destinati a prove di valutazione per l'US Army, primo volo il 27 febbraio 1963
OH-6A
LOH - Light Observation Helicopter, equipaggiato con una turbina Allison T63-A5A da 263kW (317-shp).
OH-6A NOTAR
Versione sperimentale.
OH-6B
Versione riprogettata e motorizzata con una turbina Allison T63-A-720 da 298 kW (420 shp).
OH-6C
Versione proposta, motorizzata con una turbina Allison 25-C20 da 313,32 kW (400 shp) con rotore a cinque pale.
OH-6J
Elicottero da osservazione leggero per il JGSDF. Costruito dalla Kawasaki Heavy Industries sotto licenza in Giappone. Basato sull'OH-6A Cayuse.
OH-6D
Osservazione leggera e esplorazione per il JGSDF. Costruito dalla Kawasaki Heavy Industries sotto licenza in Giappone. Basato sullo Hughes 500D.
EH-6B
Versione posto di comando per le Forze speciali e guerra elettronica.
MH-6B
Versione per le Forze speciali.
TH-6B
Versione derivata per la U.S.Navy dell'MD-369H. Sei McDonnell Douglas TH-6B aereo di Conversione-in-luogo-di-approvvigionamento di TH-6B è usato come una parte integrante degli Stati Uniti Prova Navale il pilota di prova di Pilota Scuola che addestra programma di studi. L'aereo e l'associata strumentazione e avionica vennero usati per l'istruzione in volo e come dimostratore delle caratteristiche di volo, prestazioni e per le prove in volo dei sistemi di missione.[6]
AH-6C
OH-6A armato e modificato per operare come velivolo di attacco leggero per il 160th SOAR(A).
MH-6C
Versione per le Forze speciali.

Per le altre varianti AH-6 e MH-6, vedere Hughes MH-6 Little Bird.

UtilizzatoriModifica

GovernativiModifica

  Costa Rica
3 MD-500E consegnati, 1 in servizio al febbraio 2019.[7]
  Italia
53 tra NH-500MC e NH-500MD ricevuti a partire dal 1973, 25 in servizio al settembre 2018.[8][9]
  Stati Uniti
4 MD-530 in servizio al marzo 2019.[10]
  Ungheria
6 MD500E usati, acquistati nel 1989 dalla inglese Multiflight Aviation Services, 4 in servizio al maggio 2019.[11]

MilitariModifica

 
OH-6 Cayuse Danese
  Afghanistan
Al novembre 2019, con la consegna (il 24 dello stesso mese) dell'ultimo esemplare del secondo lotto, risultano consegnati tutti i 60 esemplari ordinati in due lotti di 30 elicotteri ciascuno (il primo tra il 2011 ed il 2016).[12] Tenendo conto delle perdite, alla stessa data, dovrebbero essere 55 gli esemplari in servizio.[12][13][12] Ulteriori 12 esemplari sono stati ordinati il 27 novembre 2019 (due giorni dopo la consegna degli ultimi 5 del secondo batch di 30 esemplari), portando così l'ordine totale a 72 esemplari.[14]
  Argentina
12 MD500C in servizio all'ottobre 2019.[15]
  Azerbaigian
1 MD 530 consegnato a marzo 2018 ed in servizio al dicembre dello stesso anno.[16]
  Bahrein
  Bolivia
  Cile
  Colombia
4 369HM e 4 tra MD 530FF e MD 500E in servizio al luglio 2018.[17]
  Corea del Nord
Degli 87 tra MD-500D e MD-500E consegnati aggirando l'embargo, ne restano in servizio circa 60 esemplari al novembre 2018.[18][19][20]
  Corea del Sud
25 MD 530 consegnati e tutti in servizio al dicembre 2018.
  Danimarca
  Rep. Dominicana
  Ecuador
  El Salvador
6 MD500D e 4 MD500E consegnati, 5 del primo e 3 del secondo modello in servizio al settembre 2019.[21][22] Possono essere utilizzati nel ruolo di attacco leggero, missioni di intelligence, sorveglianza, ricognizione diurna e notturna con l’impiego di visori NVG, e con armamento comprendente una Minigun da 7,62 mm e razzi da 7,7 pollici.[22]
  Filippine
  Finlandia
  Haiti
  Honduras
  Indonesia
  Iraq
  Israele
  Italia
39 NH-500E in servizio all'agosto 2019.[23]
  Giappone
  Giordania
  Kenya
40 consegnati tra il 1980 ed il 1985 suddivisi in 25 ME 500D/E utility e da osservazione, 15 ME 500MD TOW da attacco, questi ultimi consegnati assieme a 2.100 missili controcanto BGM-71 TOW.[24] All'ottobre 2017, risultano in carico 17 utiliity, 8 da ricognizione e 11 da attacco. Ulteriori 6 MD-530F sono stati ordinati che saranno consegnati nel 2019.[24][25]
  Libano
6 MD 500G ordinati ad ottobre 2018, con consegne a partire dalla fine del 2020.[26][27][28] Gli elicotteri saranno dotati di un display LCD 6x9 pollici della Genesys, un sistema di missione più evoluto e performante, che proietta i dati sui displays ai lati del cockpit, il casco integrato Thales SCORPION, una torretta MX-10 elettro-ottica della L3 Wescam, più un sistema multicanale di comunicazione con criptografia avanzata.[27][28][29]
  Malaysia
6 MD 530G ordinati nel 2016.[30][31] In una dichiarazione del 1º novembre 2019, il MoD malese ha affermato che il governo ha riesaminato l'idoneità degli elicotteri mentre venivano costruiti da MDHI e "ha appurato che è necessario apportare modifiche agli elicotteri per soddisfare i requisiti dell'esercito".[31]
  Mauritania
  Messico
14 MD530F in servizio all'aprile 2019.[32]
3 MD500 in servizio all'aprile 2019.[32]
  Marocco
  Nicaragua
  Spagna
8 in servizio a novembre 2016.[33][34]
  Stati Uniti
  Taiwan
12 MD 500 sono stati acquistati nel 1977, dotati di skid rialzati per ospitare due siluri Mk 44 o Mk 46 ed equipaggiati con radar di ricerca Bendix RDR-1300 e rilevatori di anomalie magnetiche rimorchiati ASQ-81C (V) 2 (MAD).[35] Al giugno 2018 sono 9 gli esemplari in servizio in quanto sono stati persi tre elicotteri.[35]
  Thailandia
8 AH-6i da attacco e ricognizione ordinati a settembre 2019.[36]

NoteModifica

  1. ^ (EN) John Pike, OH-6A Cayuse, in Military, http://www.globalsecurity.org, Data di pubblicazione 17-12-2008. URL consultato il 6 dicembre 2008.
  2. ^ Frawley, Gerard: The International Directory of Civil Aircraft, 2003-2004, page 155. Aerospace Publications Pty Ltd, 2003. ISBN 1-875671-58-7.
  3. ^ (EN) FAA, Type Certification data sheet no. H3WE (PDF), Department Of Transportation Federal Aviation Administration, Data pubblicazione 10-05-2003. URL consultato il 6 dicembre 2008.
  4. ^ (EN) Maksim Starostin, Hughes OH-6 "Cayuse" / MD 500 / MD 530, in All the world's helicopters and rotorcrafts, http://www.aviastar.org. URL consultato il 6 dicembre 2008.
  5. ^ (EN) Judy Rumerman, The Hughes Companies, U.S. Centennial of Flight Commission. URL consultato il 6 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2007).
  6. ^ (EN) TH-6B helicopter, in U.S. Navy Fact Sheet, Official website of the United States Navy, Data pubblicazione 22-03-2006. URL consultato il 6 dicembre 2008.
  7. ^ "Le forze aeree del mondo. Costarica" - "Aeronautica & Difesa" N. 388 - 02/2019 pag. 70
  8. ^ "La Guardia di Finanza compie 244 anni" - "Rivista italiana difesa" N. 9 - 09/2018 pag. 10
  9. ^ "IL SERVIZIO AEREO DELLA GUARDIA DI FINANZA", su aresdifesa.it, 2 dicembre 2019, URL consultato il 3 dicembre 2019.
  10. ^ "L'Air Wing del Department of State USA" - "Aeronautica & Difesa" N. 389 - 03/2019 pp. 54-55
  11. ^ "Il servizio aereo della polizia ungherese" - "Aeronautica & Difesa" N. 391 - 05/2019 pp. 58-59
  12. ^ a b c "AFGHANISTAN RECEIVES FINAL MD-530F HELOS", su janes.com, 25 novembre 2019, URL consultato il 26 novembre 2019.
  13. ^ "AFGHANISTAN RECEIVES FIRST RECENTLY ORDERED MD-530F HELOS", su janes.com, 11 settembre 2018, URL consultato il 12 settembre 2018.
  14. ^ "AFGHANISTAN ORDERS ADDITIONAL MD-530F HELOS", su janes.com, 27 novembre 2019, URL consultato il 28 novembre 2019.
  15. ^ "L'Aeronautica Argentina" - "Rivista italiana difesa" N. 10 - 10/2019 pp. 74-79
  16. ^ "L'aeronautica dell'Azerbaigian" - "Aeronautica & Difesa" N. 386 - 12/2018 pp. 43-46
  17. ^ "Le forze aeree del mondo. Colombia" - "Aeronautica & Difesa" N. 381 - 07/2018 pag. 72
  18. ^ "Le forze aeree del mondo. Corea del Nord" - "Aeronautica & Difesa" N. 385 - 11/2018 pag. 68
  19. ^ "Wonsan Air Festival 2016: Il primo Air Show nella storia della Corea del Nord" - "Aerei" N. 97 ANNO XLIV - gennaio/febbraio 2017 pp. 6-9
  20. ^ "L'aeronautica della Corea del Nord" - "Aeronautica & Difesa" N. 362 - 12/2016 pp. 42-47
  21. ^ "Le forze aeree del mondo. El Salvador" - "Aeronautica & Difesa" N. 395 - 09/2019 pag. 72
  22. ^ a b "EL SALVADOR INVIA ALTRI 3 ELICOTTERI MD 500 IN MALI", su analisidifesa.it, 6 gennaio 2019, URL consultato il 8 gennaio 2019.
  23. ^ "ELICOTTERI IN LINEA NELL'AERONAUTICA MILITARE", su aerostoria.com, 5 agosto 2019, URL consultato il 7 agosto 2019.
  24. ^ a b "Le Forze Armate del Kenya e la guerra somala" - "Rivista italiana difesa" N. 10 - 10/2017 pp. 58-65
  25. ^ "Kenya. Sei elicotteri leggeri MD-530F" - "Aeronautica & Difesa" N. 385 - 11/2018 pag. 74
  26. ^ "LES AÉRONEFS DE L’AL QUWWAT AL-JAWWIYA AL-LUBNANIYYA EN 2019 ET EN IMAGES", su avionslegendaires.net, 30 maggio 2019, URL consultato il 30 maggio 2019.
  27. ^ a b "LEBANON AIR FORCE RECEIVE SIX NEW ARMED MD 530G SCOUT ATTACK HELICOPTERS", su defence-blog.com, 3 ottobre 2018, URL consultato il 4 ottobre 2018.
  28. ^ a b "NUOVI ELICOTTERI PER LIBANO E KENYA", su portaledifesa.it, 4 ottobre 2018, URL consultato il 4 ottobre 2018.
  29. ^ "Libano. Sei elicotteri leggeri MD-530G" - "Aeronautica & Difesa" N. 385 - 11/2018 pag. 77
  30. ^ "MALAYSIA ORDERS MD 530G LIGHT ATTACK HELICOPTERS", su aviationweek.com, 17 febbraio 2016, URL consultato il 10 gennaio 2019.
  31. ^ a b "MALAYSIA CONFIRMS DELAY IN MD 530G PROCUREMENT", su janes.com, 4 novembre 2019, URL consultato il 4 novembre 2019.
  32. ^ a b "EL PODER AÉREO DE LA ARMADA Y LA FUERZA AÉREA MEXICANA", su defensa.com, 29 marzo 2019, URL consultato il 11 aprile 2019.
  33. ^ "La Flotilla de Aeronaves de la Armada Española" - "Aeronautica & Difesa" N. 361 - 11/2016 pp. 58-62
  34. ^ "CENTENARIO DE LA AVIACION NAVAL ESPANOL", su aviation-report.com, 23 settembre 2017, URL consultato il 24 settembre 2017.
  35. ^ a b "TAIWAN MAY ACQUIRE SEAHAWK HELOS FROM U.S.", su ainonline.com, 6 giugno 2018, URL consultato il 8 giugno 2018.
  36. ^ "US APPROVES AH-6i SALE TO THAILAND", su janes.com, 24 settembre 2019, URL consultato il 25 settembre 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh89003181