Kalex Engineering
StatoGermania Germania
Forma societariaGmbH
Fondazione2008
Fondata daKlaus Hirsekorn e Alex Baumgärtel
Sede principaleBobingen
Settorecasa motociclistica
ProdottiMotociclette da competizione
Sito webwww.kalex-engineering.de

La Kalex Engineering GmbH è un costruttore tedesco di parti per motociclette fondato nel 2008 nella città di Bobingen da Klaus Hirsekorn e Alex Baumgärtel, dalle cui iniziali, "Klaus Alex", deriva la nomenclatura dell'azienda.

A parte il quadriennio 2012-2015 e qualche altra sporadica apparizione come wild card nella Moto3, la casa tedesca ha concentrato i suoi sforzi sulla classe media del motomondiale.

Pur non mettendo mai in pista un proprio Team ufficiale, può vantare numerosi successi e titoli mondiali dalla nascita della categoria fino alla recente nuova fornitura di motori.[1]

StoriaModifica

Kalex
Motociclismo  
Paese  Germania
CategorieMoto2
Moto3
Piloti nel 2020
Moto nel 2020Kalex Moto2
Pneumatici nel 2020Dunlop
Campioni del Mondo
Moto22011 -   Stefan Bradl
2013 -   Pol Espargaró
2014 -   Esteve Rabat
2015 -   Johann Zarco
2016 -   Johann Zarco
2017 -   Franco Morbidelli
2018 -   Francesco Bagnaia
2019 -   Alex Marquez

Moto2Modifica

Al termine della stagione 2009, nell'ottica della riduzione delle emissioni inquinati e per creare una classe propedeutica alla MotoGP, l'organizzatore sceglie di optare per un cambio radicale. La nuova classe di mezzo prevede infatti, oltre al regime di monogomma, l'utilizzo di un motore unico per tutte le case costruttriciː il quattro cilindri in linea a quattro tempi derivato da quello di serie della Honda CBR600RR.[2]

 
La Kalex Moto2 guidata da Rabat in Moto2 nel 2015

Kalex, costruttrice di telai, partecipa al Gran Premio di Germania con il pilota locale Sascha Hommel che chiude l'evento al ventitreesimo posto. La stagione successiva ottiene il titolo piloti con Stefan Bradl (il titolo costruttori fu appannaggio della Suter).

Il successo è ripetuto nel 2013 con il titolo piloti per Pol Espargaró accompagnato dal primo titolo costruttori, nel 2014 con alla guida Esteve Rabat, nel 2015, nel 2016 con alla guida Johann Zarco, nel 2017 con l’italiano Franco Morbidelli[3] e nel 2018 con l'italiano Francesco Bagnaia. In tutti questi anni ha ottenuto anche il titolo costruttori e nel motomondiale 2016 tutte le vittorie nei singoli gran premi sono andate a piloti equipaggiati dalla Kalex Moto2.[4]

Dopo nove stagioni consecutive, nel 2019 cambia la fornitura del motori nella classe Moto2. Il nuovo motore è un tre cilindri in linea di 765 centimetri cubici di marca Triumph basato sul motore della Street Triple RS 765.[1] La Kalex Moto2 in versione 2019 si dimostra molto competitiva fin da subito, vince infatti i primi dieci Gran Premi della stagione. Conquista nuovamente il titolo piloti (con Alex Marquez) e quello riservato ai costruttori, ottenendo quattordici successi su diciannove gare in calendario, battuta soltanto dalla KTM di Brad Binder.

Moto3Modifica

Dalla stagione 2012 alla stagione 2015 Kalex ha partecipato anche alla classe Moto3 utilizzando il proprio telaio con motore KTM.[5] In questa categoria ottiene tre vittorie: Indianapolis, Repubblica Ceca e Aragona, tutte nell'anno d'esordio. Miglior risultato finale è il secondo posto in classifica costruttori ottenuto nella stagione 2013. Nel 2019 il team Double Six Motor Sport riporta in pista due Kalex-KTM in occasione del Gran Premio d'Australia, con i piloti locali Yanni Shaw e Rogan Chandler in qualità di wild card, senza ottenere punti.[6]

NoteModifica

  1. ^ a b Redazione Moto, Moto2: Motore Triumph dal 2019, su moto.it, CRM S.r.l., 3 giugno 2017. URL consultato il 26 novembre 2019.
  2. ^ Cristiano Parolacci, Moto2 2010: motori da 140 CV per le "medie" del Mondiale, su it.motorsport.com, Motorsport Network, 3 marzo 2010. URL consultato il 26 novembre 2019.
  3. ^ Redazione MotoGP, Zarco fa la storia ed è due volte campione del mondo, su motoGP.com, Dorna Sports S.L., 30 ottobre 2016. URL consultato il 26 novembre 2019.
  4. ^ Redazione, KALEX, la regina della Moto2 per il team Sky-VR46, su sport.sky.it, Sky Italia, 8 gennaio 2017. URL consultato il 24 aprile 2017.
  5. ^ Alessio Brunori, Moto3: Le specifiche tecniche della Kalex, su motograndprix.motorionline.com, Motorionline S.r.l., 28 marzo 2012. URL consultato il 26 novembre 2019.
  6. ^ (EN) Redazione, Shaw and Chandler Wild Cards at 2019 Pramac Generac Australian Motorcycle Grand Prix at Phillip Island, su ma.org.au, Motorcycling Australia, 20 settembre 2019. URL consultato il 12 maggio 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica