Apri il menu principale

Johann Zarco

pilota motociclistico francese
Johann Zarco
Johann Zarco Moto2-2015.JPG
Nazionalità Francia Francia
Motociclismo IlmorX3-003.png
Carriera
Carriera nel Motomondiale
Esordio 2009 in classe 125
Mondiali vinti 2
Gare disputate 189
Gare vinte 16
Podi 47
Punti ottenuti 1743,5
Pole position 23
Giri veloci 16
 

Johann Zarco (Cannes, 16 luglio 1990) è un pilota motociclistico francese, due volte campione del mondo della Moto2, nel 2015 e nel 2016.

CarrieraModifica

Nel 2007 si aggiudica la Red Bull Rookies Cup, vincendo quattro gare e salendo sul podio sette volte su otto gare in calendario.[1]

Classe 125Modifica

Nel 2009 esordisce nella classe 125 del motomondiale con l'Aprilia RS 125 R del WTR San Marino Team, ottenendo come miglior risultato un sesto posto in Italia e terminando la stagione al 20º posto con 32,5 punti. Nel 2010 corre per lo stesso team. Ottiene come miglior risultato un sesto posto in Germania e termina la stagione all'11º posto con 77 punti. Nel 2011 passa al team Avant-AirAsia-Ajo con una Derbi, con compagno di squadra Efrén Vázquez. Ottiene la sua prima vittoria nel contesto del motomondiale al GP del Giappone, cinque secondi posti (Gran Bretagna, Italia, Germania, Repubblica Ceca e San Marino), quattro terzi posti (Spagna, Portogallo, Australia e Australia) e quattro pole position (Italia, San Marino, Giappone e Australia) e termina la stagione al 2º posto con 262 punti.

Moto2Modifica

Nel 2012 passa in Moto2, ingaggiato dal team JiR che gli affida una TSR 6 (marchiata ai fini del campionato costruttori come MotoBi). Ottiene come miglior risultato un quarto posto in Portogallo e termina la stagione al 10º posto con 95 punti. Nel 2013 passa al team Came Iodaracing Project, alla guida di una Suter MMX2. Ottiene due terzi posti (Italia e Gran Premio motociclistico della Comunità Valenciana) e termina la stagione al 9º posto con 141 punti. Nel 2014 passa al team Air Asia Caterham, alla guida di una Caterham Suter; il compagno di squadra è Josh Herrin. Ottiene quattro terzi posti (Catalogna, San Marino, Aragona e Comunità Valenciana) e una pole position in Gran Bretagna e termina la stagione al 6º posto con 146 punti.

Nel 2015 passa al team Ajo Motorsport alla guida di una Kalex Moto2. Ottiene otto vittorie (Argentina, Catalogna, Olanda, Repubblica Ceca, Gran Bretagna, San Marino, Giappone e Malesia), cinque secondi posti (Americhe, Spagna, Italia, Germania e Indianapolis) e sette pole position (Argentina, Catalogna, Olanda, Germania, Repubblica Ceca, San Marino e Giappone). Alla vigilia del GP del Giappone, a causa del forfait di Rabat, vince matematicamente il campionato del Mondo Moto2.[2]

Nel 2016 rimane in Moto2, nello stesso team e con la stessa moto del 2015. Ottiene sette vittorie (Argentina, Italia, Catalogna, Germania, Austria, Malesia e Comunità Valenciana), due secondi posti (Olanda e Giappone), un terzo posto nel Gran Premio delle Americhe, sette pole position (Catalogna, Austria, Repubblica Ceca, San Marino, Giappone, Malesia e Comunità Valenciana) e 276 punti iridati. In Malesia si aggiudica il secondo titolo di fila nella classe Moto2 diventando il primo pilota a vincere per due volte il campionato in categoria.[3][4] Diventa inoltre il primo pilota francese a vincere più di un campionato nel motomondiale.

MotoGPModifica

Per la stagione 2017 firma un contratto annuale con la squadra Monster Yamaha Tech 3 dove trova, come compagno di squadra, il tedesco Jonas Folger, anch'egli proveniente dalla Moto2. Ottiene due secondi posti (Francia e Comunità Valenciana) e un terzo posto in Malesia. In Olanda e Giappone ottiene la pole position. Chiude la stagione al 6º posto con 174 punti. Nel 2018 rimane nello stesso team, con compagno di squadra Hafizh Syahrin. Ottiene due secondi posti (Argentina e Spagna) un terzo posto (in Malesia come l'anno prima) e due pole position in Qatar e in Francia e termina la stagione al 6º posto con 158 punti.

Per la stagione 2019 firma un contratto biennale con il team ufficiale KTM; il compagno di squadra è Pol Espargaró. Dopo una prima parte di stagione al di sotto delle aspettative, Zarco dichiara il 12 agosto la sua intenzione di interrompere il rapporto con la casa austriaca al termine della stagione, impegnandosi comunque a completare la stagione in corso. Tuttavia alla vigilia del GP d'Aragona, la KTM priva Zarco della moto in anticipo, sostituendolo con il collaudatore Mika Kallio. Viene ingaggiato a partire dal GP d'Australia per le ultime tre gare del mondiale dal Team LCR Honda per sostituire Takaaki Nakagami, dopo la decisione di quest'ultimo di operarsi dopo il GP del Giappone, per risolvere un infortunio alla spalla rimediato mesi addietro.

Risultati nel motomondialeModifica

2009 Classe Moto                                   Punti Pos.
125 Aprilia 15 Rit 13 Rit 6 13 21 NE 23 13 11 23 16 9 16 Rit 15 32,5[5] 20º
2010 Classe Moto                                     Punti Pos.
125 Aprilia 12 7 11 9 8 12 8 6 NE 19 13 12 12 10 11 Rit Rit Rit 77 11º
2011 Classe Moto                                     Punti Pos.
125 Derbi 6 3 3 5 6 2 5 2 2 NE 2 5 2 2 1 3 3 Rit 262
2012 Classe Moto                                     Punti Pos.
Moto2 MotoBi 12 10 4 Rit 11 Rit 8 11 10 NE 12 7 10 6 8 Rit 5 Rit 95 10º
2013 Classe Moto                                     Punti Pos.
Moto2 Suter 12 6 12 5 3 7 6 11 NE 8 5 7 7 7 6 Rit Rit 3 141
2014 Classe Moto                                     Punti Pos.
Moto2 Caterham Suter 23 Rit 18 8 Rit 7 3 4 Rit 10 9 4 3 3 4 Rit 4 3 146
2015 Classe Moto                                     Punti Pos.
Moto2 Kalex 8 2 1 2 3 2 1 1 2 2 1 1 1 6 1 7 1 7 352
2016 Classe Moto                                     Punti Pos.
Moto2 Kalex 12 1 3 5 24 1 1 2 1 1 11 22 4 8 2 12 1 1 276
2017 Classe Moto                                     Punti Pos.
MotoGP Yamaha Rit 5 5 4 2 7 5 14 9 12 5 6 15 9 8 4 3 2 174
2018 Classe Moto                                       Punti Pos.
MotoGP Yamaha 8 2 6 2 Rit 10 7 8 9 7 9 AN 10 14 5 6 Rit 3 7 158
2019 Classe Moto                                       Punti Pos.
MotoGP KTM e Honda 15 15 13 14 13 17 10 Rit Rit 14 12 Rit 11 13 Rit 30
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class. Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl, pilotegpmoto.com.

NoteModifica

  1. ^ Red Bull Staff, Scheda di Johann Zarco, su redbullrookiescup.com, Red Bull.
  2. ^ Redazione Gazzetta, Moto2 Motegi, Zarco iridato Moto2 senza correre per il forfeit di Rabat, su gazzetta.it, RCS, 9 ottobre 2015.
  3. ^ Redazione Motogp, Zarco fa la storia ed è due volte campione del mondo, su motoGP.com, Dorna Sport S.L., 30 ottobre 2016.
  4. ^ Redazione Sportal, Zarco di nuovo campione, su sportal.it, Sportal, 30 ottobre 2016.
  5. ^ Non essendo stati percorsi i due terzi dei giri previsti, per il Gran Premio del Qatar è stata assegnata ai piloti la metà dei punti in palio.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica