Motomondiale 2020

72ª edizione del motomondiale
Motomondiale 2020
Edizione n. 72 del Motomondiale
Dati generali
Inizio8 marzo
Termine22 novembre
Prove15
Titoli in palio
MotoGPSpagna Joan Mir
su Suzuki GSX-RR
Moto2Italia Enea Bastianini
su Kalex Moto2
Moto3Spagna Albert Arenas
su KTM RC 250 GP
MotoESpagna Jordi Torres
su Energica Ego
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

Il Motomondiale 2020 è stata la settantaduesima edizione del motomondiale.

Il calendarioModifica

Il Gran Premio motociclistico del Qatar, prima prova della stagione, è stato annullato per la sola classe MotoGP a causa della pandemia di COVID-19.[1] Invece il Gran Premio motociclistico di Thailandia, previsto per il 22 marzo, è stato rinviato al 4 ottobre per la stessa emergenza, anticipando di una settimana il Gran Premio motociclistico d'Aragona schedulato per il 27 settembre ma in seguito programmato per il 18 ottobre; il Gran Premio motociclistico delle Americhe e il Gran Premio motociclistico d'Argentina, previsti per il 5 e il 19 aprile, per gli stessi motivi sono stati rinviati tra il 15 e il 22 novembre, posticipando di due settimane il Gran Premio motociclistico della Comunità Valenciana programmato per il 29 novembre (che però poi tornerà alla data originaria del 15 novembre). Il 26 marzo viene rinviato a data da destinarsi anche il GP di Spagna (poi inserito per il 19 luglio) e il 2 aprile quello di Francia (poi schedulato per l'11 ottobre). Il 7 aprile vengono rinviati a data da destinarsi anche i GP d'Italia e di Catalogna (la cui data definitiva sarà il 27 settembre). Il 29 aprile vengono cancellati i GP di Germania, Olanda (per la prima volta dall'istituzione del motomondiale) e Finlandia, con quest'ultimo che sarebbe tornato in calendario dopo 38 anni di assenza. Il 29 maggio vengono inoltre cancellati i GP di Gran Bretagna e Australia, seguiti il 1º giugno da quello del Giappone[2], il 10 giugno da quello d'Italia[3] e il 10 luglio da quello delle Americhe[4], con quest'ultimo inizialmente rinviato a data da destinarsi. Il 31 luglio vengono cancellati i GP di Thailandia, Argentina e Malesia. Il 10 agosto viene aggiunto il Gran Premio del Portogallo, che si disputerà il 22 novembre sul circuito di Portimão.

Dato il considerevole numero di eventi cancellati, vengono inseriti alcuni Gran Premi da disputare su circuiti già presenti in calendario nei fine settimana successivi a quelli dei Gran Premi canonici e sono: Gran Premio di Andalusia il 26 luglio, Gran Premio di Stiria il 23 agosto, Gran Premio dell'Emilia-Romagna e della Riviera di Rimini il 20 settembre e Gran Premio di Teruel il 25 ottobre. Per l'8 novembre è in programma il Gran Premio d'Europa sul circuito di Valencia, una settimana prima del Gran Premio già presente in calendario sullo stesso circuito.

Data Gran Premio Circuito Vincitore MotoGP Vincitore Moto2 Vincitore Moto3 Vincitore MotoE Resoconto
8 marzo   GP del Qatar Losail -   Tetsuta Nagashima   Albert Arenas - Resoconto
19 luglio   GP di Spagna Jerez   Fabio Quartararo   Luca Marini   Albert Arenas   Eric Granado Resoconto
26 luglio   GP di Andalusia Jerez   Fabio Quartararo   Enea Bastianini   Tatsuki Suzuki   Dominique Aegerter Resoconto
9 agosto   GP della Repubblica Ceca Brno   Brad Binder   Enea Bastianini   Dennis Foggia - Resoconto
16 agosto   GP d'Austria Spielberg   Andrea Dovizioso   Jorge Martín   Albert Arenas - Resoconto
23 agosto   GP di Stiria Spielberg   Miguel Oliveira   Marco Bezzecchi   Celestino Vietti - Resoconto
13 settembre   GP di San Marino e della Riviera di Rimini Misano Adriatico   Franco Morbidelli   Luca Marini   John McPhee   Matteo Ferrari Resoconto
20 settembre[5]   GP dell'Emilia-Romagna e della Riviera di Rimini Misano Adriatico   Maverick Viñales   Enea Bastianini   Romano Fenati   Dominique Aegerter Resoconto
  Matteo Ferrari
27 settembre   GP di Catalogna Catalogna   Fabio Quartararo   Luca Marini   Darryn Binder - Resoconto
11 ottobre[6]   GP di Francia Le Mans   Danilo Petrucci   Sam Lowes   Celestino Vietti   Jordi Torres Resoconto
  Niki Tuuli
18 ottobre   GP d'Aragona Aragón   Álex Rins   Sam Lowes   Jaume Masià - Resoconto
25 ottobre   GP di Teruel Aragón   Franco Morbidelli   Sam Lowes   Jaume Masià - Resoconto
8 novembre   GP d'Europa Valencia   Joan Mir   Marco Bezzecchi   Raúl Fernández - Resoconto
15 novembre   GP della Comunità Valenciana Valencia   Franco Morbidelli   Jorge Martín   Tony Arbolino - Resoconto
22 novembre   GP del Portogallo Portimão   Miguel Oliveira   Remy Gardner   Raúl Fernández - Resoconto

Sistema di punteggio e legendaModifica

Pos. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 >
Punti 25 20 16 13 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0

Le classiModifica

MotoGPModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 2020.

La stagione 2020 vede il ritiro del 5 volte iridato Jorge Lorenzo, dopo 18 stagioni consecutive di presenza nel Motomondiale. Il suo posto nel team Repsol Honda viene preso dal campione in carica della Moto2 Álex Márquez, dove affianca il fratello Marc Márquez. Anche il team ufficiale KTM fa debuttare il sudafricano Brad Binder, secondo classificato nella Moto2 l'anno precedente alle spalle di Márquez, mentre l'Aprilia, complice la sospensione di Andrea Iannone per doping, si ritrova costretta a sostituirlo momentaneamente con Bradley Smith. Per quanto riguarda i team cosiddetti "satellite", il team Esponsorama accoglie Johann Zarco, mentre il posto di Hafizh Syahrin nel team Tech 3 viene preso dal debuttante Iker Lecuona.

Nella prima gara in Spagna il vincitore dei precedenti quattro titoli Marc Márquez ha una brutta caduta, dove rimedia la frattura dell'omero del braccio destro, la quale porterà alla sua assenza per l'intera stagione. Questo evento ricopre di velleità iridate una moltitudine di piloti, tra i quali riesce a spuntarla il pilota Suzuki Joan Mir, al suo secondo anno nella categoria. Mir vince il mondiale nonostante la vittoria del solo Gran Premio d'Europa, ma a fronte di una costante presenza sul podio con 3 secondi posti e 3 terzi posti in 14 gare disputate.

Gli avversari principali di Mir si rifanno nei due piloti di Petronas Yamaha, Fabio Quartararo e Franco Morbidelli, entrambi vincitori in 3 occasioni. Il francese, nonostante la vittoria delle prime due gare disputate, ha una flessione nella seconda parte di campionato che lo porta all'ottavo posto finale in graduatoria, mentre il pilota italiano, nonostante una seconda parte di stagione in crescendo, non riesce a superare il pilota maiorchino.

La stagione è stata caratterizzata dall'alto numero di vincitori di gare: ben 9, record condiviso con l'edizione della classe del 2016, ma a fronte di un minor numero di prove (14 contro le 18 del 2016). Oltre a Morbidelli e Quartararo, riesce a ottenere vittorie plurime anche Miguel Oliveira (2), mentre gli altri vincitori di gare singole sono stati Binder (primo debuttante a vincere una gara dai tempi di Marc Marquez nel 2013), Andrea Dovizioso, Maverick Viñales, Danilo Petrucci e Álex Rins.

La Ducati vince il titolo costruttori, nonostante la Yamaha avesse fatto più punti, ma è stata penalizzata di 50 punti per non aver rispettato il protocollo MSMA relativo alle modifiche tecniche dei motori. Terzo posto per la Suzuki, che vince però il titolo a squadre per via dei risultati del campione Mir e di Rins, terzo classificato.

Classifica piloti (prime 5 posizioni)Modifica

Pos. Pilota Moto                               P.ti
1   Joan Mir Suzuki NE Rit 5 Rit 2 4 3 2 2 11 3 3 1 7 Rit 171
2   Franco Morbidelli Yamaha NE 5 Rit 2 Rit 15 1 9 4 Rit 6 1 11 1 3 158
3   Álex Rins Suzuki NE NP 10 4 Rit 6 5 12 3 NC 1 2 2 4 15 139
4   Andrea Dovizioso Ducati NE 3 6 11 1 5 7 8 Rit 4 7 13 8 8 6 135
5   Pol Espargaró KTM NE 6 7 Rit Rit 3 10 3 Rit 3 12 4 3 3 4 135
Pos. Pilota Moto                               P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Classifica costruttori (prime tre posizioni)Modifica

Pos. Costruttore Motocicletta                               P.ti
1   Ducati NE 3 6 3 1 2 2 8 5 1 7 5 6 2 2 221
2   Yamaha NE 1 1 2 5 9 1 1 1 9 4 1 11 1 3 204 (-50)[7]
3   Suzuki NE Rit 5 4 2 4 3 2 2 11 1 2 1 4 15 202

Classifica squadre (prime tre posizioni)Modifica

Pos. Squadra Piloti                               P.ti
1   Suzuki Ecstar Álex Rins NE NP 10 4 Rit 6 5 12 3 NC 1 2 2 4 15 310
Joan Mir NE Rit 5 Rit 2 4 3 2 2 11 3 3 1 7 Rit
2   Petronas Yamaha SRT Fabio Quartararo NE 1 1 7 8 13 Rit 4 1 9 18 8 14 Rit 14 248[7]
Franco Morbidelli NE 5 Rit 2 Rit 15 1 9 4 Rit 6 1 11 1 3
3   Red Bull KTM Factory Racing Pol Espargaró NE 6 7 Rit Rit 3 10 3 Rit 3 12 4 3 3 4 222
Brad Binder NE 13 Rit 1 4 8 12 Rit 11 12 11 Rit 7 5 Rit
Pos. Squadra Piloti                               P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Moto2Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 2020.

All'ultima prova della classe, ben quattro piloti avevano la possibilità di vincere il mondiale: Enea Bastianini, Sam Lowes, Luca Marini e Marco Bezzecchi. A spuntarla è stato il pilota riminese del team Italtrans, nonostante un risultato peggiore rispetto a quelli dei suoi avversari, ma comunque sufficiente per essere incoronato campione della classe.

Bastianini, Marini e Lowes detengono anche il maggior numero di vittorie (tre ciascuno), mentre Bezzecchi ne ha vinte due, così come lo spagnolo Jorge Martín del team Red Bull KTM Ajo. Le due restanti vittorie sono state appannaggio di Tetsuta Nagashima e Remy Gardner.

Senza storia il titolo costruttori, con la Kalex che ha vinto tutti i gran premi disputati, mentre il titolo a squadre è stato conquistato dallo SKY Racing Team VR46 grazie ai risultati di Marini e Bezzecchi, secondo e quarto nella classifica finale.

Classifica pilotiModifica

Pos. Pilota Moto                               P.ti
1   Enea Bastianini Kalex 3 9 1 1 Rit 10 3 1 6 11 2 3 4 6 5 205
2   Luca Marini Kalex Rit 1 2 4 2 7 1 4 1 17 Rit 11 6 5 2 196
3   Sam Lowes Kalex NP 4 4 2 4 SQ 8 3 2 1 1 1 Rit 14 3 196
4   Marco Bezzecchi Kalex 12 Rit 3 6 6 1 2 2 7 3 Rit Rit 1 3 4 184
5   Jorge Martín Kalex 20 3 6 8 1 2 Inf Inf Rit Rit 3 6 2 1 6 160
Pos. Pilota Moto                               P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Classifica costruttori (prime tre posizioni)Modifica

Pos. Costruttore Motocicletta                               P.ti
1   Kalex 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 375
2   Speed Up 6 5 5 7 9 18 7 7 3 7 19 2 10 19 15 118
3   MV Agusta 15 11 9 Rit 17 14 14 12 15 14 10 15 15 17 19 32

Classifica squadre (prime tre posizioni)Modifica

Pos. Squadra Piloti                               P.ti
1   SKY Racing Team VR46 Luca Marini Rit 1 2 4 2 7 1 4 1 17 Rit 11 6 5 2 380
Marco Bezzecchi 12 Rit 3 6 6 1 2 2 7 3 Rit Rit 1 3 4
2   EG 0,0 Marc VDS Sam Lowes NP 4 4 2 4 SQ 8 3 2 1 1 1 Rit 14 3 267
Augusto Fernández Rit 13 13 5 8 Rit 5 18 Rit 4 11 8 NP 15 8
3   Red Bull KTM Ajo Tetsuta Nagashima 1 2 11 11 Rit 4 21 23 12 21 9 14 12 12 14 251
Jorge Martín 20 3 6 8 1 2 Rit Rit 3 6 2 1 6
Mattia Pasini 16
Pos. Squadra Piloti                               P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Moto3Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 2020.

Le tre vittorie nelle prime cinque gare della stagione si rivelano sufficienti allo spagnolo Albert Arenas del team Aspar per vincere il mondiale, nonostante una flessione nella seconda parte di stagione che ha permesso all'italiano Tony Arbolino e al giapponese Ai Ogura di avvicinarsi a lui sensibilmente.

Arenas è stato il pilota più vincente, con 3 affermazioni su 15 prove disputate; oltre a lui ci sono stati altri 9 vincitori, di cui 3 plurimi (Celestino Vietti, Jaume Masiá e Raúl Fernández, tutti e 3 con 2 vittorie ciascuno). A vincere una sola gara sono stati Tatsuki Suzuki, Dennis Foggia, John McPhee, Romano Fenati, Darryn Binder e Arbolino.

Nonostante il vincitore del mondiale guidasse una KTM, a vincere il mondiale costruttori è stata la Honda, per via di una maggiore presenza sul podio. Il team Leopard, su Honda, vince la classifica a squadre.

Classifica piloti (prime 5 posizioni)Modifica

Pos. Pilota Moto                               P.ti
1   Albert Arenas KTM 1 1 Rit 2 1 5 Rit 4 Rit 3 7 4 SQ 4 12 174
2   Tony Arbolino Honda 15 3 10 8 7 2 6 12 2 2 10 4 1 5 170
3   Ai Ogura Honda 3 2 Rit 3 4 3 2 3 11 9 14 9 3 8 8 170
4   Raúl Fernández KTM 10 6 6 6 9 8 Rit 6 13 7 3 12 1 3 1 159
5   Celestino Vietti KTM 28 5 3 13 5 1 Rit 2 8 1 9 5 23 24 7 146
Pos. Pilota Moto                               P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

Classifica costruttoriModifica

Pos. Costruttore Motocicletta                               P.ti
1   Honda 2 2 1 1 2 2 1 3 2 2 1 1 2 1 2 326
2   KTM 1 1 3 2 1 1 10 2 1 1 2 2 1 3 1 318
3   Husqvarna 13 13 12 9 17 17 8 1 5 Rit 4 11 13 12 20 86

Classifica squadre (prime tre posizioni)Modifica

Pos. Squadra Piloti                               P.ti
1   Leopard Racing Jaume Masiá 4 10 Rit Rit 2 14 7 5 7 4 1 1 Rit 9 Rit 229
Dennis Foggia 9 Rit Rit 1 21 11 9 Rit 3 13 10 16 Rit 16 2
2   Aspar Team Albert Arenas 1 1 Rit 2 1 5 Rit 4 Rit 3 7 4 SQ 4 12 212
Stefano Nepa 22 12 14 10 15 9 14 15 14 15 23 20 7 13 19
3   SKY Racing Team VR46 Celestino Vietti 28 5 3 13 5 1 Rit 2 8 1 9 5 23 24 7 206
Andrea Migno 16 4 22 14 12 13 10 8 Rit 5 Rit 18 12 7 21
Pos. Squadra Piloti                               P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.

MotoEModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 2020.

Classifica piloti (prime 5 posizioni)Modifica

Pos. Pilota           P.ti
1   Jordi Torres 6 2 4 2 3 1 6 114
2   Matteo Ferrari 2 Rit 1 3 1 Rit 5 97
3   Dominique Aegerter 3 1 3 1 16 14 4 97
4   Mike Di Meglio 10 7 6 Rit 6 2 2 75
5   Mattia Casadei 5 3 5 4 2 Rit 13 74
Pos. Pilota           P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto – Pole position
Corsivo – Giro più veloce
Gara non valida Non qual./Non part. Ritirato/Non class Squalificato '-' Dato non disp.

NoteModifica

  1. ^ Redazione, Moto2™ e Moto3™ disputano la tappa del Qatar, su MotoGP.com, Dorna Sports S.L., 1º marzo 2020.
  2. ^ MotoGP, cancellato il Gran Premio del Giappone, su formulapassion.it, 1it.it S.r.l. ePublisher, 1º giugno 2020.
  3. ^ MotoGP, Ufficiale: GP Italia al Mugello cancellato, su formulapassion.it, 1it.it S.r.l. ePublisher, 10 giugno 2020.
  4. ^ Redazione, Cancellato il Red Bull Grand Prix of the Americas 2020, su MotoGP.com, Dorna Sports S.L., 10 luglio 2020.
  5. ^ Gara 1 della MotoE si è corsa il 19 settembre.
  6. ^ Gara 1 della MotoE si è corsa il 10 ottobre.
  7. ^ a b Yamaha sanzionata il 5 novembre 2020 dai commissari FIM con un penalità di 50 punti nella classifica costruttori (più −20 al team ufficiale Monster Energy Yamaha e −37 al team clienti Petronas Yamaha SRT nella classifica a squadre) per non avere rispettato il protocollo MSMA relativo modifiche tecniche ai motori, cfr. Yamaha sanzionata per non aver rispettato il protocollo MSMA, su motogp.com, 5 novembre 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Moto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moto