Apri il menu principale

MV Agusta Reparto Corse è la sezione aziendale di MV Agusta che si occupa delle competizioni.[1]

Indice

MotomondialeModifica

Forward Racing MV Agusta
Motociclismo  
Paese  Svizzera
Nome completoForward Racing Team
Categorie500
350
250 e Moto2
SedeVia Lugano, 18 - 6281 - Agno (TI) - Svizzera
Team managerGiovanni Cuzari
Piloti nel 2019
250 e Moto2  62 Stefano Manzi
  77 Dominique Aegerter
Moto nel 2019MV Agusta F2 (Moto2)
Pneumatici nel 2019Dunlop (Moto2)
Campioni del Mondo
5001956 -   John Surtees
1958 -   John Surtees
1959 -   John Surtees
1960 -   John Surtees
1961 -   Gary Hocking
1962 -   Mike Hailwood
1963 -   Mike Hailwood
1964 -   Mike Hailwood
1965 -   Mike Hailwood
1966 -   Giacomo Agostini
1967 -   Giacomo Agostini
1968 -   Giacomo Agostini
1969 -   Giacomo Agostini
1970 -   Giacomo Agostini
1971 -   Giacomo Agostini
1972 -   Giacomo Agostini
1973 -   Phil Read
1974 -   Phil Read
3501958 -   John Surtees
1959 -   John Surtees
1960 -   John Surtees
1961 -   Gary Hocking
1968 -   Giacomo Agostini
1969 -   Giacomo Agostini
1970 -   Giacomo Agostini
1971 -   Giacomo Agostini
1972 -   Giacomo Agostini
1973 -   Giacomo Agostini
250 e Moto21956 -   Carlo Ubbiali
1958 -   Tarquinio Provini
1959 -   Carlo Ubbiali
1960 -   Carlo Ubbiali

1949-1977 la stagione dei successiModifica

 
Carlo Ubbiali, plurititolato pilota MV, festeggia la vittoria nel Gran Premio motociclistico d'Olanda 1956

L'esordio di MV nel motomondiale avvenne nella stagione inaugurale di questo sport: il 1949.[2] In questo frangente l'impegno si limitò alla classe 125 nella quale il pilota Carlo Ubbiali salì sul podio giungendo terzo nel Gran Premio d'Olanda. Nel 1950 l'impegno si estense anche alla classe 500, in occasione della gara conclusiva di questa cilindrata a Monza ottenne un podio con Arciso Artesiani. Per la prima vittoria iridata bisognò attendere il 1952 e la gara inaugurale della 125: Il Tourist Trophy 1952. In questa circostanza a vincere fu il pilota britannico Cecil Sandford. Sanford vinse altre due gare nel corso della stagione andando a conquistare il titolo di campione del mondo. Grazie a questi risultati, uniti a quelli di Leslie Graham, la MV Agusta 125 Bialbero vinse anche il titolo costruttori di questa categoria.[3] Nel 1953 MV vinse il titolo costruttori in 125 mentre per il titolo piloti dovette attendere il 1955 quando a vincere in sella alla 125 Bialbero fu l'italiano Carlo Ubbiali. Nel 1956 arrivò il primo titolo nella classe Classe 500 ad aggiudicarselo fu il britannico John Surtees in sella alla 500 GP,[4] nello stesso anno Carlo Ubbiali conquistò il titolo piloti sia in 125 che in 250. Il 1958 viene ricordato come l'anno in cui MV vinse il campionato piloti e costruttori in tutte e quattro le classi monoposto del Motomondiale: la 500 e la 350 con John Surtees, la 250 con Tarquinio Provini e la 125, per il terzo anno consecutivo, con Carlo Ubbiali.[5] Questo singolare risultato venne replicato anche nelle due stagioni successive: 1959 e 1960. Il 1961 fu l'anno di Gary Hocking, primo pilota non italiano o inglese a vincere un titolo mondiale con MV Agusta, il pilota dell'allora Rhodesia ottenne il titolo nelle classi 350 e 500,[6] durante questa stagione venne siglato l'accordo con un pilota che avrebbe portato grandi successi ad MV: Mike Hailwood. Capace di vincere quattro titoli mondiali consecutivi nella massima cilindrata del motomondiale, più altri cinque gareggiando per altri costruttori, Hailwood guidò la moto in maniera innovativa, è infatti ricordato come l'inventore del "Frog Style" un modo di guidare la motocicletta con le ginocchia rivolte verso l'esterno.[7]

 
La MV Agusta quadricilindrica del 1965 di Mike Hailwood

Attraverso l'opera mediatrice del conterraneo Carlo Ubbiali che lo segnalò al conte Domenico Agusta, Giacomo Agostini approdò alla MV Agusta, inizialmente con l'incarico di sviluppare la nuova "tre cilindri" e poi come seconda guida nel motomondiale 1965, dove poté competere nelle classi 350 e 500. Raggiunse la seconda posizione nel campionato, in entrambe le classi; alle spalle del compagno di squadra Mike Hailwood in 500 e alle spalle di Jim Redman e della sua Honda in 350, dopo aver perso l'ultima e decisiva gara in Giappone. Al termine di questa stagione Hailwood abbandonò la MV Agusta per la Honda e le successive stagioni furono caratterizzate da una serie di duelli epici tra i due piloti, ex compagni di squadra. Nel 1966 Agostini conquistò la vittoria nella classe 500,[8] davanti all'inglese, ed Hailwood si aggiudicò la classe 350, davanti all'italiano. L'epilogo del campionato, conclusosi a Monza l'11 settembre, risultò entusiasmante. Hailwood decise di non partecipare alla gara delle 350, avendo già un notevole vantaggio, e di concentrarsi sulla gara delle 500. Agostini, invece, partecipò alla 350, pur non avendo alcuna speranza per la classifica finale, e la vinse, anche doppiando il secondo arrivato, Renzo Pasolini. Nella 500 Agostini partì male, ma recuperò giro dopo giro, fino a riprendere e superare Hailwood, aggiudicandosi la gara e il titolo iridato.

 
Hailwood e Agostini nel 1967

L'anno successivo, davanti al pubblico che riempiva i circuiti, richiamato da questo forte dualismo, si svolse un'altra stagione dai titoli iridati contesi fino all'ultima gara e che vide rinnovarsi la situazione precedente, con Agostini primo in 500 e secondo in 350 e Hailwood primo in 350 e secondo in 500. Curiosamente, nella classe 500 i due ottennero gli stessi punti (46 a testa, al netto degli scarti), con eguale numero di vittorie (cinque), ma il titolo fu assegnato ad Agostini in virtù del maggior numero di secondi posti conquistati nelle dieci gare disputate: tre contro i due dell'inglese (contando anche gli scarti). Al termine della stagione 1967, la Honda annunciò il suo momentaneo ritiro, dichiarandosi però disposta a sborsare ugualmente l'ingaggio di Hailwood, purché non cambiasse squadra. La proposta venne accettata dal pilota inglese che decise di prendersi un anno sabbatico e rifiutò le molte offerte ricevute. Il ritiro della Honda non fu così "momentaneo" (ritornerà a competere nel motomondiale 1979) e, comunque, Hailwood decise di tentare l'avventura in Formula 1, riapparendo nelle competizioni motociclistiche in saltuarie occasioni. Fu così che, in modo del tutto inatteso, Agostini e la MV Agusta rimasero orfani degli avversari più temibili e, nel quinquennio sportivo dal 1968 al 1972, con la supervisione di Arturo Magni,[9] collezionarono una serie impressionante di vittorie che fruttarono 10 titoli mondiali piloti e 10 titoli mondiali costruttori, nelle classi 350 e 500.

Gli sforzi tecnici di molti costruttori come Aermacchi, Benelli, Bultaco, Husqvarna, Kawasaki, LinTo, Matchless, Norton, Triumph, Suzuki e Yamaha, non riuscirono minimamente a scalfire il binomio Agostini-MV Agusta che conquistò 82 dei 102 gran premi disputati nelle classi 350 e 500 in quel lustro, dividendo il pubblico tra i sostenitori del prevalente merito di Agostini come pilota e coloro che attribuivano le vittorie alla superiorità tecnica della moto. L'enorme popolarità e prestigio del pilota risultavano piuttosto fastidiosi per la MV Agusta che, nel tentativo di ridimensionarne la figura, già nel 1970 aveva affiancato ad Agostini un compagno aggressivo e di alto valore tecnico, come Angelo Bergamonti, anche incaricato di portare avanti lo sviluppo del nuovo motore 350 sei cilindri che Agostini aveva bocciato senza appello. Purtroppo, durante la prova di Riccione della temporada, che precedeva il motomondiale, Bergamonti perì in un incidente di gara sul circuito cittadino allagato e sotto una pioggia battente. La stagione del 1971 fu davvero trionfale per Ago che riuscì a conquistare i mondiali della 350 e della 500 con tre gare d'anticipo sulla chiusura dei campionati e, con i 10 titoli iridati, a scavalcare Hailwood e Ubbiali, raggiungendo la vetta della speciale classifica di piloti per numero di titoli mondiali vinti.

Nel 1972, ad Agostini, venne affiancato Alberto Pagani, quest'ultima stagione segnò particolarmente il pilota bergamasco per la morte dell'amico Gilberto Parlotti, durante il Tourist Trophy. Al termine della gara, pur essendo quello il suo circuito preferito, nel quale aveva già trionfato 10 volte, Agostini si fece portavoce del malumore che serpeggiava tra i colleghi, rilasciando pesanti dichiarazioni circa le responsabilità della federazione sportiva nell'utilizzare un tracciato tanto pericoloso e affermando che si sarebbe astenuto dal partecipare alle edizioni successive. Le reazioni della FIM, delle case motociclistiche e della stampa sportiva, che vedevano minacciata la gara più seguita e con elevati interessi pubblicitari, non si fecero attendere e furono durissime. Agostini, pur pungolato dalla stampa, non entrò nella furiosa polemica seguita alle sue dichiarazioni e questo comportamento venne interpretato come segno di ripensamento, ma così non fu: egli tenne fede alla parola data e non si presentò più al Gran Premio dell'Isola di Man, anche nelle stagioni in cui tale gara avrebbe potuto essere determinante per la classifica del campionato mondiale. Incoraggiati al suo esempio, anno dopo anno, anche altri piloti seguirono la decisione di Ago, progressivamente impoverendo la griglia di partenza, fino a che il Tourist Trophy venne cancellato dal calendario del motomondiale, nel 1977. Dopo la scomparsa del conte Domenico Agusta, avvenuta nel 1971, la nuova gestione aziendale decise di reclutare un pilota altamente competitivo da affiancare ad Agostini, scegliendo il pluricampione mondiale Phil Read per il campionato del 1973, al quale venne affidata la "500" vincente, mentre ad Agostini venne assegnato un prototipo sperimentale con cilindrata ridotta, derivante da un'evoluzione della "350".

Nella seconda parte della stagione '72 la stampa internazionale aveva dato quasi per certo il prossimo passaggio di Agostini alla Benelli, dopo la prova delle nuove 4 cilindri 350 e 500 a Pesaro, anche se puntualmente smentite da Agostini, le ipotesi di un suo abbandono della MV trovavano fondamento nelle indiscrezioni dell'entourage, nell'atteggiamento distaccato dei comunicati aziendali e, non ultimi, in alcuni "segnali" inviati dal pilota stesso come, ad esempio, la sostituzione della sua Dino Coupé con una De Tomaso Pantera GTS, nel settembre 1972. La notizia venne interpretata dalla stampa come una premessa all'accordo per il binomio Benelli-Ago, ma le ipotesi furono smentite dai fatti. La stagione del 1973, ricordata come l'annus horribilis nella storia del motociclismo mondiale a causa della tragedia di Monza dove persero la vita Renzo Pasolini e Jarno Saarinen,[10] fu particolarmente pesante per MV Agusta. La moto sperimentale collezionò una tale serie di rotture che Agostini riuscì a raggiungere il traguardo solamente in 4 delle 11 gare che componevano il campionato della classe 500. I 57 punti racimolati in quelle 4 prove, 3 vittorie e un 2º posto, gli furono a malapena sufficienti per apparire 3º nella classifica finale della "500", alle spalle del vittorioso compagno di squadra Read e del 2º classificato Kim Newcombe, alfiere della König.

Nel 1974 Agostini divenne pilota Yamaha.[11] In questa stagione il britannico Phil Read bissò il successo dell'anno precedente in sella ad una MV Agusta 500 GP. Nel 1975 MV non ottenne titoli mondiali, il miglior risultato fu il secondo posto di Read nella classifica finale della classe 500, correlato da due vittorie, nei Gran Premi del Belgio e della Cecoslovacchia, al termine di questa stagione la casa costruttrice lombarda decise di ritirarsi dalle competizioni del Motomondiale. Nel frattempo il pilota Agostini non riuscì a trovare un accordo con Yamaha per proseguire la collaborazione. Per la stagione 1976 quindi, Agostini si accordò col Reparto Corse di MV per disputare una stagione autogestita. Giacomo Agostini partecipò attivamente alla costituzione di questa nuova realtà che prese il nome di Team API Marlboro, dai principali sponsor, e disputò l'intera stagione delle classi 350 e 500. Nonostante l'impegno profuso da tutta la squadra, problemi di affidabilità legati ad alcune componenti del mezzo meccanico non all'altezza, limitarono le prestazioni di MV durante la stagione che si chiuse comunque con due successi: uno in 350, in Olanda, ed uno in 500, in Germania Ovest.[12] Il 1977, ultima stagione prima del temporaneo ritiro dalle corse, MV Agusta gareggiò in competizioni al di fuori del contesto del Motomondiale.

2019 il ritorno con la Moto2Modifica

Il 17 maggio 2018 viene dato l'annuncio del ritorno di MV Agusta nelle gare del Motomondiale a partire dall'anno seguente.[13] Dopo nove stagioni consecutive, nel 2019 cambia la fornitura del motore (uguale per tutti i costruttori) nella classe Moto2. Il motore quattro cilindi in linea della Honda CBR600RR lascia il posto ad un tre cilindri in linea di 765 centimetri cubici di marca Triumph basato sul motore della Street Triple RS 765.[14] MV fornisce la nuova F2 al team svizzero Forward Racing che ingaggia come piloti Stefano Manzi e Dominique Aegerter.

SuperbikeModifica

MV Agusta
Motociclismo  
Nome completoMV Agusta Reparto Corse
CategorieSuperbike
Supersport
Superstock 1000
SedeSchiranna di Varese
Piloti nel 2019
Supersport3 -   Raffaele De Rosa
22 -   Federico Fuligni
Moto nel 2019MV Agusta F3 675
Pneumatici nel 2019Pirelli

Mondiale SuperbikeModifica

 
Un esemplare di MV Agusta 1000 F4 in esposizione alla casa d'aste Bonhams di Parigi nel 2017

La stagione 2004 del mondiale Superbike sancisce il ritorno alle competizioni motociclistiche di livello mondiale di MV Agusta. Il pilota Andrea Mazzali partecipa infatti, in qualità di wild card al Gran Premio d'Italia a Imola terminando entrambe le gare a ridosso della zona punti. Nel 2005 MV Agusta disputa le tre gare in territorio italico con i piloti Andrea Mazzali e Michele Gallina senza ottenere risultati di rilievo. Nel 2007 viene schierata dal team LBR Racing una MV Agusta F4 312 R per disputare l'intera stagione. Il pilota Christian Zaiser conquista il primo punto per MV Agusta in questa categoria terminando al quindicesimo posto Gara1 a Misano Adriatico.[15] Nel maggio del 2007 la società ha confermato il suo ritorno alle corse nel Campionato del Mondo Superbike per la stagione 2008. Il team inglese Foggy Racing di Carl Fogarty stava preparando la squadra;[16] Fogarty tuttavia ha poi abbandonato i piani per tornare al Campionato Mondiale Superbike a causa della mancanza di sponsor. Nella stagione 2014 MV Agusta schiera un'unica F4 RR per disputare l'intero campionato Superbike. Il pilota è il comasco Claudio Corti, sostituito durante la stagione dal britannico Leon Camier a causa di un infortunio.[17] La compagine varesina chiude la stagione al settimo posto tra i costruttori con 34 punti all'attivo. Per il 2015 viene scelto come titolare Camier, il pilota del Kent chiude la stagione al tredicesimo posto in classifica piloti con 89 punti all'attivo. Nel biennio 2016/2017 la casa varesina schiera ancora una sola 1000 F4 affidata nuovamente a Leon Camier che, curiosamente, termina entrambe le stagioni all'ottavo posto in classifica piloti ottenendo lo stesso numero di punti: 168. Nel 2018 al posto di Camier, trasferitosi al team Red Bull Honda, viene ingaggiato lo spagnolo Jordi Torres,[18] a suo volta sostituito a fine stagione dal cileno Maximilian Scheib. Al termine di questa stagione MV annuncia il proprio ritiro dal mondiale Superbike.

Mondiale SupersportModifica

MV esordisce in questa categoria nella stagione 2013. Le due F3 675 sono portate in pista da Roberto Rolfo e Christian Iddon. La moto varesina regge bene il confronto con le case giapponesi, prende punti in tutte le gare tranne che in Australia, ottiene inoltre tre piazzamenti a podio e chiude la stagione al quarto posto tra i costruttori.[19] Nel 2014 il francese Jules Cluzel è primo pilota di MV. La seconda moto è affidata, fino al Gran Premio di Malesia a Vladimir Leonov, a cui subentra Massimo Roccoli fino al termine della stagione. La competitività del mezzo permette a Cluzel di concorrere per il titolo piloti. A fine stagione il francese si classifica secondo nel mondiale andando a vincere i Gran Premi di Australia,[20] San Marino e Francia. Il 2015 si apre con la doppietta in Australia ad opera dei piloti titolari: Jules Cluzel e Lorenzo Zanetti. Cluzel subisce un grave infortunio durante il Gran Premio di Spagna[21] mentre era in corsa per il titolo e MV prima tra i costruttori. Nelle ultime tre gare stagionali viene sostituito da Nicolás Terol. In questa stagione inoltre, MV fornisce la F3 675 al team Race Department ATK#25 con Alex Baldolini come pilota titolare. Nel 2016 dodici piloti, tra ufficiali e clienti, corrono con MV Agusta. Tra costoro prevale Cluzel, che chiude la stagione da vice-campione, andando a vincere il primo Gran Premio di Thailandia della Supersport e a Magny-Cours. Ottengono buone prestazioni, al netto dei reciproci infortuni, anche Gino Rea e Alex Baldolini. Nel 2017 la coppia di piloti titolari è composta da Patrick Jacobsen, che disputa l'intero campionato, e Alessandro Zaccone che partecipa alla Coppa Europa. La stagione si apre con il terzo successo a Phillip Island, ottenuto dall'italiano Roberto Rolfo in forza al team Factory Vamag.[22] Jacobsen chiude al sesto posto in classifica mondiale ottenendo tre piazzamenti a podio e tre pole position. Zaccone chiude terzo nella graduatoria della Coppa Europa. Nel 2018 vengono messe in pista due sole F3 675 affidate al team MV Agusta Reparto Corse by Vamag. Alla guida troviamo due piloti italiani, entrambi ex campioni della Superstock 1000 FIM Cup con BMW: Ayrton Badovini e Raffaele De Rosa. Pur non vincendo alcun Gran Premio, MV Agusta ottiene il miglior piazzamento in classifica costruttori chiudendo al secondo posto con De Rosa che ottiene cinque piazzamenti a podio consecutivi in stagione.[23] Nel 2019 il team si schiera con il confermato De Rosa e Federico Fuligni.[24]

Superstock 1000 FIM CupModifica

La stagione 2005 segna il ritorno di MV Agusta alle competizioni motociclistiche di livello mondiale. La compagine Varesina partecipa infatti alla Superstock 1000 FIM Cup fornendo le proprie motociclette ai team Gimotorsport UnionBikeDucci e EVR Corse Biassono Racing. nel corso di questa prima stagione ottiene un podio a Misano con Vittorio Iannuzzo.[25] La stagione successiva prosegue la collaborazione con i team di cui sopra. In occasione del Gran Premio di Repubblica Ceca, MV torna a vincere una gara mondiale dopo trent'anni dall'ultimo successo. A condurre al traguardo la motocicletta è il pilota italiano Ayrton Badovini al suo primo successo di categoria.[26] Al termine della stagione MV si classifica seconda tra i costruttori con tre gare vinte. Nel 2007 si classifica quarta tra i costruttori. L'unica vittoria stagionale è ottenuta da Badovini nella gara finale a Magny-Cours. Non disputa la stagione 2008. L'ultima apparizione di MV Agusta in Superstock 1000 è nel 2009, non ottiene prestazioni di rilievo se non la Pole Position nella gara inaugurale con Davide Giugliano. L'esperienza in questa categoria si conclude con quattro vittorie, dodici posizionamenti a podio e sei pole position.

Europeo Superstock 600Modifica

In questa categoria l'unica partecipazione di MV Agusta risale alla stagione 2013 quando viene portata in pista un'unica F3 675 gestita dal team Lexware-Skm by Knobi.at, guidata dal pilota austriaco Marco Nekvasil. A stagione in corso, dal Gran Premio di Germania al Nürburgring questo team utilizza la Yamaha YZF-R6. La migliore prestazione in questa categoria è l'undicesimo posto ottenuto nella gara inaugurale in Aragona.[27]

Tourist Trophy dell'Isola di ManModifica

La MV Agusta ha vinto anche gare al Tourist Trophy: Giacomo Agostini vi ha fatto il suo debutto nel 1965 nella classe Junior su una MV 350 tre cilindri finendo terzo. L'italiano ha partecipato a 16 gare del TT, tutte su MV Agusta, ha vinto la gara per 10 volte, ed è stato 3 volte sul podio nelle altre gare. Ha partecipato alla gara nella doppia classe Senior/Junior nel 1968, 1969, 1970 e 1972. Mike Hailwood vinse il Tourist Trophy su una MV Agusta 4 volte, 3 in classe Senior e 1 nella classe Junior. John Surtees corse su MV Agusta nel 1956 ed ha vinto la classe Senior. Nel 1958, ha corso sia la classe Junior che la classe Senior terminandole entrambe in 1a posizione, una prodezza che ha ripetuto anche nel 1959. Inoltre ha anche vinto l'edizione del 1960. MV Agusta ha vinto complessivamente 34 gare del Tourist Trophy.

Nella seguente tabella sono riportati i vincitori del TT con MV Agusta divisi per classe.

Anno Vincitore classe 125 Vincitore classe 250 Vincitore classe 350 Vincitore classe 500
Tourist Trophy 1952   Cecil Sandford
Tourist Trophy 1953   Leslie Graham
Tourist Trophy 1955   Carlo Ubbiali   Bill Lomas
Tourist Trophy 1956   Carlo Ubbiali   Carlo Ubbiali   John Surtees
Tourist Trophy 1958   Carlo Ubbiali   Tarquinio Provini   John Surtees   John Surtees
Tourist Trophy 1959   Tarquinio Provini   Tarquinio Provini   John Surtees   John Surtees
Tourist Trophy 1960   Carlo Ubbiali   Gary Hocking   John Hartle   John Surtees
Tourist Trophy 1962   Gary Hocking   Mike Hailwood
Tourist Trophy 1963   Mike Hailwood
Tourist Trophy 1964   Mike Hailwood
Tourist Trophy 1965   Mike Hailwood
Tourist Trophy 1966   Giacomo Agostini
Tourist Trophy 1968   Giacomo Agostini   Giacomo Agostini
Tourist Trophy 1969   Giacomo Agostini   Giacomo Agostini
Tourist Trophy 1970   Giacomo Agostini   Giacomo Agostini
Tourist Trophy 1971   Giacomo Agostini
Tourist Trophy 1972   Giacomo Agostini   Giacomo Agostini

Campionato Italiano velocitàModifica

Contestualmente al primo periodo di competizioni nel Motomondiale, MV Agusta schiera le proprie motociclette di diverse cilindrate anche nel Campionato Italiano velocità. Nella tabella a seguire sono riportati i vincitori del CIV nel periodo 1949-1977.[28]

Anno Vincitore classe 125 Vincitore classe 175 Vincitore classe 250 Vincitore classe 350 Vincitore classe 500
1950   Franco Bertoni
1954   Angelo Copeta
1955   Umberto Masetti
1956   Carlo Ubbiali   Carlo Ubbiali
1958   Tarquinio Provini   Carlo Bandirola
1959   Carlo Ubbiali   Tarquinio Provini   Remo Venturi
1960   Carlo Ubbiali   Carlo Ubbiali   Remo Venturi
1962   Remo Venturi
1963   Silvio Grassetti
1964   Bruno Spaggiari
1965   Giacomo Agostini
1966   Giacomo Agostini
1968   Giacomo Agostini
1969   Giacomo Agostini
1970   Giacomo Agostini   Giacomo Agostini
1971   Giacomo Agostini   Giacomo Agostini
1972   Giacomo Agostini   Giacomo Agostini
1973   Giacomo Agostini
1976   Giacomo Agostini

Verso la metà degli anni 2000, in concomitanza col ritorno alle corse nei campionati per motociclette derivate dalla serie, MV torna anche nel CIV disputando le categorie Superstock 1000, Supersport e Superbike. Nella tabella a seguire sono riportati i relativi vincitori del CIV.[28]

Anno Categoria Vincitore
CIV 2006 Superstock 1000   Luca Scassa
CIV 2008 Superbike   Luca Scassa
CIV 2015 Supersport   Massimo Roccoli
CIV 2016 Supersport   Massimo Roccoli
CIV 2017 Supersport   Davide Stirpe

Altre competizioniModifica

 
Cerimonia del podio alla Daytona International Speedway del 2003

Anche se non ci sono stati tentativi di ricostituire la squadra corse, numerosi team indipendenti hanno corso con la F4 750. Nel 2003 la squadra corse statunitense Big Show Raging di Chicago ha messo in campo una F4 750 negli USA Formula, correndo nel Daytona International Speedway "200 Team Challenge Mile". La squadra si è classificata al secondo posto generale con i piloti Denning Larry e Aaron Risinger che hanno pilotato la moto. Grazie a questo risultato MV sale sul podio di una prestigiosa competizione dal respiro internazionale, nella quale anche Giacomo Agostini colse un successo, ma alla guida di una Yamaha.[29]

Ad ottobre 2012 viene annunciato che le MV Agusta F4-RR avrebbero partecipato al British Superbike Championship la stagione successiva.[30] Di fatto l'esordio avviene nella stagione 2015 di questo campionato quando il team Tsingtao Hampshire MV Agusta disputa la gara presso il Circuito di Snetterton e la successiva su quello di Knockhill con il pilota Vittorio Iannuzzo. Le quattro gare si chiudono con tre ritiri e una mancata partenza in Gara2 a Knockhill non ottenendo punti in entrambe le classifiche: piloti e costruttori.[31]

NoteModifica

  1. ^ Rosaio Cirigliano, MV Agusta: La storia iridata in MotoGP, su derapate.allaguida.it, 5 maggio 2011.
  2. ^ (FR) Vincent Glon, La storia del Motomondiale: Stagione 1949, su racingmemo.free.fr, 23 aprile 2011.
  3. ^ Massimo Falcioni, Grandi duelli iridati 1952: Cecil Sandford (MV Agusta) - Carlo Ubbiali (Mondial), su motoblog.it, 27 dicembre 2011.
  4. ^ Redazione Ruoteclassiche, Addio a John Surtees, campione con le moto e con le monoposto, su ruoteclassiche.quattroruote.it, 10 marzo 2017.
  5. ^ (FR) Vincent Glon, La storia del Motomondiale: Stagione 1958, su racingmemo.free.fr, 23 aprile 2011.
  6. ^ Fabio Avossa, Nobby Clark, il meccanico dei campioni, su italiaonroad.it, 20 febbraio 2017.
  7. ^ (EN) Redazione MV Agusta Romania, Drivers: Mike Hailwood, su mvagusta.ro, 4 dicembre 2018.
  8. ^ Redazione Bergamopost, La mitica MV Agusta di Agostini diventa monumento a Lovere, su bergamopost.it, 31 maggio 2016.
  9. ^ Massimo Falcioni, Agostini? “Il migliore”. Quando Arturo Magni “pesò” i piloti della MV Agusta, su motoblog.it, 1º dicembre 2018.
  10. ^ Nico Cereghini, Nico Cereghini: “Pasolini e Saarinen morirono così”, su moto.it, 16 maggio 2013.
  11. ^ (EN) Carole Nash, Rider Of The Week: Giacomo Agostini, su carolenash.com, 27 agosto 2017.
  12. ^ Maurizio Tanca, Giacomo Agostini: "La mia ultima vittoria con la MV Agusta", su moto.it, 25 febbraio 2018.
  13. ^ Diana Tamantini, Moto2: MV Agusta ritorna nel Motomondiale con Forward Racing, su corsedimoto.com, 17 maggio 2018.
  14. ^ Redazione Moto, Moto2: Motore Triumph dal 2019, su moto.it, 3 giugno 2017.
  15. ^ (EN) Redazione Worldsbk, SBK 2005 Misano - Results Race 1 (PDF), su worldsbk.com, 17 giugno 2007.
  16. ^ (EN) BBC Sport Staff, Fogarty team confirms 2008 return, su news.bbc.co.uk, 2 maggio 2007.
  17. ^ Adriano Bestetti, SBK Laguna Seca 2014, MV Agusta: Leon Camier al posto di Claudio Corti, su motoblog.it, 9 luglio 2014.
  18. ^ Redazione Insella, MV Agusta libera Jordi Torres e firma con Scheib, insella.it, 6 ottobre 2018.
  19. ^ Adriano Bestetti, Supersport, Donington: Lowes imprendibile, Rolfo storico podio con la MV Agusta F3, su motoblog.it, 26 maggio 2013.
  20. ^ Redazione Corsedimoto, Supersport: storica vittoria per la MV Agusta con Cluzel, su corsedimoto.com, 26 febbraio 2014.
  21. ^ Carlo Baldi, SBK, Jerez 2015. Grave infortunio a Cluzel. Al suo posto Terol, su moto.it, 19 settembre 2015.
  22. ^ Adriano Bestetti, Supersport 2017: Rolfo sbanca Phillip Island, su motoblog.it, 26 febbraio 2017.
  23. ^ Federico Porrozzi, Raffaele De Rosa: “La SS è ok e vorrei continuare con MV”, su motosprint.corrieredellosport.it, 13 novembre 2018.
  24. ^ Adriano Bestetti, Supersport: MV Agusta ufficializza Fuligni, su motoblog.it, 17 gennaio 2019.
  25. ^ (EN) Redazione Worldsbk, STK1000 2005 Misano - Results Race (PDF), su worldsbk.com, 26 giugno 2005.
  26. ^ Redazione Motocorse, STK Brno report: MV Agusta, prima vittoria mondiale dopo trent'anni, su motocorse.com, 26 luglio 2006.
  27. ^ (EN) Redazione Worldsbk, STK600 2013 Aragon - Results Race (PDF), su worldsbk.com, 13 aprile 2013.
  28. ^ a b (DE) Björn Reichert, CIV Campionato Italiano Velocita, su motorrad-autogrammkarten.de.
  29. ^ (DE) Björn Reichert, AMA Daytona 200 - Albo d'Oro, su motorrad-autogrammkarten.de.
  30. ^ (EN) Ollie Barstow, MV Agusta set for BSB return in 2013, su crash.net, 30 ottobre 2012.
  31. ^ (EN) TSL Staff, BSB 2015 Brands Hatch - Event's Report (PDF), su tsl-timing.com, 18 ottobre 2015.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Moto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moto