Apri il menu principale

Melanie Jayne Lynskey nota come Melanie Lynskey (New Plymouth, 16 maggio 1977) è un'attrice neozelandese, nota al grande pubblico soprattutto per il ruolo di Rose nella sit-com statunitense Due uomini e mezzo.

BiografiaModifica

Nel 1992, all'età di 15 anni, Melanie ottiene il ruolo di Pauline Parker nel film Creature del cielo (Heavenly Creatures) di Peter Jackson, basato sull'omicidio di Parker-Hulme avvenuto nel 1954. La pellicola viene pubblicata nel 1994 e l'attrice neozelandese ottiene ottime critiche, tra cui quella di Richard Corliss della rivista Time, che descrive la sua performance come "perfetta"[1]. Grazie a questo ruolo riceve il Best Actress Award ai New Zealand Film and TV Awards. Dopo l'uscita del film, Lynskey torna in Nuova Zelanda per studiare letteratura inglese alla Victoria University di Wellington. Più tardi appare nel film Sospesi nel tempo di Peter Jackson.

La sua prima apparizione in un film statunitense avviene nel 1998, quando ottiene il ruolo Jacqueline de Ghent in Ever After nel quale recita al fianco di Drew Barrymore e Anjelica Huston. Nel 2002 recita per la prima volta in una produzione diretta alla televisione, la miniserie di Stephen King Rose Red. Nello stesso anno affianca Katie Holmes in Abandon - Misteriosi omicidi e Reese Witherspoon in Tutta colpa dell'amore. Dal 2003 partecipa nel ruolo di Rose alla sit-com Due uomini e mezzo, al fianco di Charlie Sheen. Nel 2009 ottiene un ruolo nel film di Steven Soderbergh, The Informant!, e partecipa inoltre a Tra le nuvole, con George Clooney. Nel 2011 recita a fianco di Paul Giamatti nel film indipendente Mosse vincenti.

Vita privataModifica

Sul set di Il giardino dei ciliegi ha conosciuto l'attore Andrew Howard con cui è stata fidanzata per un anno (1999-2000). Nel 2001 incontra l'attore Jimmi Simpson, con cui si fidanza nel 2005; i due si sposano il 14 aprile 2007. La coppia si separa nel 2012 per poi divorziare nel 2014. Dal 2013 è legata all'attore Jason Ritter.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Doppiatrici italianeModifica

Da doppiatrice è sostituita da:

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN5142903 · ISNI (EN0000 0001 1437 0561 · LCCN (ENno2003087817 · GND (DE14239789X · BNF (FRcb14201290n (data) · WorldCat Identities (ENno2003-087817