Apri il menu principale
Albert Salmi nel trailer del film Karamazov

Albert Salmi, nato Alfred Salmi[1] (Brooklyn, 11 marzo 1928Spokane, 22 aprile 1990), è stato un attore statunitense.

Nel corso della sua carriera televisiva apparve in oltre 120 produzioni dal 1954 al 1989. Partecipò inoltre a quasi 40 film per il cinema dal 1958 al 1989[2].

Indice

BiografiaModifica

Nato a Brooklyn in una famiglia di immigrati finlandesi, Salmi crebbe a New York e dopo la seconda guerra mondiale intraprese la carriera di attore frequentando la scuola di recitazione Actors Studio di Lee Strasberg. Debuttò in televisione nel 1953 e al cinema alla fine degli anni cinquanta.

Fu interprete di diversi personaggi per serie televisive, tra cui Peter Hurkos in un doppio episodio della serie Alcoa Presents: One Step Beyond (1960), Yadkin in 20 episodi della serie Daniel Boone (1964-1965), il capitano Alonzo P. Tucker in due episodi della serie Lost in Space (1966-1967), Pete Ritter in 44 episodi della serie Petrocelli (1974-1976), Gil Thurman in tre episodi della serie Dallas (1982-1983) e Johnathan J. Rush in tre episodi della serie California (1984-1985). Dagli anni cinquanta alla fine degli anni ottanta continuò a collezionare numerose presenze in decine di serie televisive come guest star o personaggio minore, talvolta con ruoli diversi in più di un episodio, come in tre episodi di Ai confini della realtà (1960-1963), tre episodi di Route 66 (1962-1963), cinque episodi di Il virginiano (1962-1968), tre episodi di L'orso Ben (1967-1969), tre episodi di Gunsmoke (1966-1970), quattro episodi di Bonanza (1960-1972), tre episodi di F.B.I. (1966-1972) e tre episodi di Kung Fu (1972-1974)[3].

Il grande schermo lo vide interprete, in particolare in film del genere western, di diversi personaggi tra cui quelli di Smerdjakov in Karamazov (1958), film con cui esordì sul grande schermo, tratto dall'ultimo romanzo di Fëdor Dostoevskij, I fratelli Karamazov), Ed Taylor in Bravados (1958), Charlie Rawlins in Gli inesorabili (1960), Hank Bailey in Fango sulle stelle (1960), lo sceriffo in L'oltraggio (1964), Octavius Roy in L'ora delle pistole (1967), Jose Ortega in L'imboscata (1967), Harvey Stenbaugh in Io sono la legge (1971), e Schmidt in La spina dorsale del diavolo (1971).

Continuò per tutti gli anni settanta ad interpretare vari personaggi in numerosi produzioni cinematografiche, come E-1 in Fuga dal pianeta delle scimmie (1971), Jonny Cobb in Ti combino qualcosa di grosso (1971), lo sceriffo Larkin in Sciacalli si muore (1977), lo sceriffo Art Kincade nel film horror L'impero delle termiti giganti (1977), Andy Minton in Tiro incrociato (1979), Mr. Noonan in Palla da golf (1980), il capitano Billingham in Burned at the Stake (1981), il colonnello Liahkov in The Guns and the Fury (1981), Greil in Il drago del lago di fuoco (1981), Clyde Whittaker in Uragano di fuoco (1981) e l'ispettore Sturgess nell'horror La casa di Mary (1982)[2]. La sua ultima apparizione cinematografica risale al 1989 nel film Ladro e gentiluomo, in cui recitò nel ruolo di Johnny Scot, mentre apparve per l'ultima volta sul piccolo schermo nella miniserie Fino al prossimo incontro, trasmessa nel 1989[3].

Nel 1963 sposò l'attrice Peggy Ann Garner da cui poi divorziò per risposarsi nel 1964 con Roberta Pollock Taper. Nel 1990 Roberta presentò un'istanza di divorzio a causa del loro rapporto deterioratosi irrimediabilmente. Il 23 aprile 1990, Salmi e la sua ex moglie Roberta furono trovati morti nella loro casa di Spokane (Washington), dove si erano trasferiti nel 1983 dopo che l'attore aveva iniziato a comparire con meno frequenza sulle scene. Secondo la polizia, Salmi, che soffriva di una grave depressione, la mattina del 22 aprile aveva colpito a morte la moglie nella cucina e si era poi sparato nello stesso giorno[4]. Salmi fu seppellito al Greenwood Memorial Terrace di Spokane[5].

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Doppiatori italianiModifica

NoteModifica

  1. ^ TVRage, op. cit.
  2. ^ a b Internet Movie Database, op. cit.
  3. ^ a b (EN) IMDb, Ruoli in serie televisive, su imdb.com. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  4. ^ Spokane Chronicle, in Spokane Chronicle, 25 aprile 1990. URL consultato il 27 dicembre 2013.
  5. ^ Find a Grave, op. cit.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN74052910 · ISNI (EN0000 0000 5939 7234 · LCCN (ENno97004895 · GND (DE106226780X · BNF (FRcb14043314s (data) · WorldCat Identities (ENno97-004895