Apri il menu principale

Atletica leggera ai Giochi della XXIII Olimpiade - 100 metri ostacoli

Bandiera olimpica Athletics pictogram.svg
100 metri ostacoli
Los Angeles 1984
Informazioni generali
Luogo «Memorial Coliseum» di Los Angeles
Periodo 9-10 agosto 1984
Partecipanti 22
Podio
Medaglia d'oro Benita Fitzgerald-Brown Stati Uniti Stati Uniti
Medaglia d'argento Shirley Strong Regno Unito Regno Unito
Medaglia di bronzo Michèle Chardonnet Francia Francia
Medaglia di bronzo Kim Turner Stati Uniti Stati Uniti
Edizione precedente e successiva
Mosca 1980 Seul 1988
Atletica leggera ai
Giochi olimpici di
Los Angeles 1984
Athletics pictogram.svg
Corse piane
100 m piani   uomini   donne
200 m piani uomini donne
400 m piani uomini donne
800 m piani uomini donne
1500 m piani uomini donne
3000 m piani donne
5000 m piani uomini
10000 m piani uomini
Corse ad ostacoli
110 / 100 m hs uomini donne
400 m hs uomini donne
3000 m siepi uomini
Prove su strada
Maratona uomini donne
Marcia 20 km uomini
Marcia 50 km uomini
Salti
Salto in alto uomini donne
Salto con l'asta uomini
Salto in lungo uomini donne
Salto triplo uomini
Lanci
Getto del peso uomini donne
Lancio del disco uomini donne
Lancio del martello uomini
Lancio del giavellotto uomini donne
Prove multiple
Decathlon uomini
Eptathlon donne
Staffette
Staffetta 4×100 m uomini donne
Staffetta 4×400 m uomini donne

I 100 metri ostacoli hanno fatto parte del programma femminile di atletica leggera ai Giochi della XXIII Olimpiade. La competizione si è svolta nei giorni 9-10 agosto 1984 al «Memorial Coliseum» di Los Angeles.

Assenti a causa del boicottaggioModifica

Nota: le prestazioni, ove non indicato, sono state ottenute nell'anno olimpico.

Campionessa mondiale 12"35w 1983   Bettine Jahn
Primatista stagionale 12"50 19 maggio   Vera Akimova
Seconda al mondo 12"53 20 giugno   Bettine Jahn
Terza al mondo 12"54 15 luglio   Sabine John

La campionessa uscente, Vera Komisova (URS), si è ritirata al termine della stagione 1983.

Turni eliminatoriModifica

4 Batterie 9 agosto 22 partenti Si qualificano le prime 3
+ i 4 migliori tempi.
2 Semifinali 10 agosto 8 + 8 Si qualificano le prime 4.
Finale 10 agosto 8 concorrenti

FinaleModifica

Stadio «Memorial Coliseum», venerdì 10 agosto.

Michèle Chardonnet: da quarta a terza ex aequoModifica

Kim Turner (USA) e Michèle Chardonnet (Fra) avevano fermato il cronometro nello stesso istante: entrambe avevano corso in 13 secondi e sei centesimi. I giudici optarono per la decisione di assegnare il terzo posto alla statunitense e il quarto alla francese.

Soltanto a fine Olimpiade, dopo le insistenti pressioni del presidente della Federazione francese di atletica leggera, Michel Marmion, con un nuovo nuovo reclamo al presidente della IAAF Primo Nebiolo, si stabilì l'ex aequo rianalizzando l'immagine del fotofinish fra le due atlete nell'ordine di successione stabilito: ex aequo 3) Michele Chardonnet, 3) Kim Turner. Erano passati 162 giorni dalla finale.

La medaglia fu consegnata con una cerimonia solenne all'interno del campo sportivo AccorHotels Arena di Bercy nel gennaio del 1985[1][2][3].

FonteModifica

Elio Trifari (a cura di): Olimpiadi. La storia dello sport da Atene a Los Angeles. Rizzoli, Milano, 1984. Vol. II.

NoteModifica

  1. ^ (FR) P.G., Un chrono qui fait toujours pleurer (PDF), in L'Équipe, 14 febbraio 2013. URL consultato il 1º settembre 2018.
  2. ^ Atletica: lo sport scopre i Cold Case, in gazzetta.it, 25 luglio 2015. URL consultato il 1º settembre 2018.
  3. ^ Il terzo posto rimane suo, in repubblica.it, 29 dicembre 1987. URL consultato il 1º settembre 2018.