Bona di Savoia (1275-1300)

Contea e Ducato di Savoia
Branca Ducale

Dinastia di Savoia
Blason duche fr Savoie.svg
Amedeo V il Conte Grande
Aimone il Pacifico
Amedeo VI il Conte Verde
Amedeo VII il Conte Rosso
Amedeo VIII il Pacifico (antipapa Felice V)
Figli
Ludovico il Generoso
Figli
Amedeo IX il Beato
Carlo I il Guerriero
Figli
Carlo II

Bona di Savoia (12751293 circa) è stata una principessa di Casa Savoia che fu delfina consorte del Viennois e contessa consorte di Albon di Grenoble, di Oisans, di Briançon, di Embrun e di Gap, dal 1280 al 1282 e poi fu signora consorte di Montbrison, d'Apremont, di Frasans, d'Orchamps, Lavans, Gendray, di Dampierre, di Port-sur-Saône e di Châtillon-le-Duc, dal 1282 alla sua morte.

OrigineModifica

Bona, secondo lo storico francese, Samuel Guichenon, nel suo Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, era la figlia femmina primogenita di Amedeo V, Conte di Savoia, d'Aosta e di Moriana, e della sua prima moglie, Sibilla o Simona di Baugé[1], che sempre secondo la Samuel Guichenon era l'unica figlia del signore di Baugé e della Bresse, Guido II di Baugé[2], mentre per quanto riguarda la madre, tra gli storici non vi è concordanza, ma fu Dauphine di Saint-Bonnet e non Beatrice del Monferrato, figlia di Guglielmo VI del Monferrato[2][3]; la conferma che la madre di Sibilla fu Dauphine ci è data da due documenti del Titres de la maison ducale de Bourbon, il n° 595, in cui Dauphine (Dauphine dame de Saint-Bonnet) si cita come la madre di Sibilla moglie di Amedeo di Savoia (mariage de sa fille Sibille avec Amedée de Savoie)[4] ed il documento n° 607, in cui Dauphine (Dauphine dame de Saint-Bonnet le Château, femme de Pierre de la Roue chevalier) viene citata come madre di Sibilla (Sibille femme d´Amedée de Savoie)[5], la quale Dauphine, ancora secondo Samuel Guichenon, era figlia di Renato di Lavieu, Signore di Saint-Bonnet, di Miribel et di Jordaine (fille unique et héritière de René de Lavieu, chevalier, seigneur de Saint-Bonnet et de Miribel et de Jordaine) e della moglie (sa femme)[2].
Amedeo V di Savoia, secondo Samuel Guichenon, era il figlio maschio secondogenito di Tommaso II, signore del Piemonte, Conte di Savoia, d'Aosta e di Moriana, Conte di Fiandra e di Hainaut e della sua seconda moglie, Beatrice Fieschi[6], che era la terza figlia femmina di Teodoro Fieschi, conte di Lavagna[7], e della di lui consorte Simona de Volta di Capo Corso[8].

BiografiaModifica

Bona, ancora bambina, venne data in moglie, nel 1280[9], al delfino del Viennois e conte di Albon, conte di Grenoble, di Oisans, di Briançon, di Embrun e di Gap, Giovanni I del Viennois[1], che, secondo il De Allobrogibus libri novem, era il figlio maschio primogenito del delfino del Viennois e conte di Albon, conte di Grenoble, di Oisans, di Briançon, di Embrun e di Gap, Ghigo VII e della Signora di Faucigny, Beatrice[10], che, secondo il documento n° 407 del Peter der Zweite Graf von Savoyen, Markgraf in Italien, sein Haus und seine Lande, dello storico, Ludwig Wurstenberger, era l'unica figlia del Conte di Savoia, Conte di Richmond e Lord guardiano dei cinque porti, Pietro II[11] e, come ci conferma il documento n° 583 del Peter der Zweite Graf von Savoyen, Markgraf in Italien, sein Haus und seine Lande, dello storico, Ludwig Wurstenberger, della Signora di Faucigny, Agnese[12], che era la figlia primogenita di Aimone II, signore di Faucigny (discendente dai Signori di Faucigny e dai Conti di Ginevra) e della moglie di cui non si conoscono né il nome né gli ascendenti.
Anche Giovanni era ancora minorenne, sotto la reggenza del Duca di Borgogna e re titolare di Tessalonica, Roberto II di Borgogna[13].

Bona rimase vedova due anni dopo[14]; suo marito, Giovanni, sempre secondo gli Allobrogibus libri novem, morì nel 1282, a causa di una brutta caduta da cavallo[10], mentre attraversava il fiume Ménoge (fr:Menoge).
Dato che il matrimonio non era stato ancora consumato, Bona a Giovanni non diede figli[10].

Il suo prozio, il conte di Savoia, Filippo I, benemerito della Chiesa cattolica, si spense il 15 o il 16 agosto 1285 nel castello di Rossillon nel Bugey, tra Lione e Ginevra; Il necrologio delle Maurienne Chartes, Obituaire du Chapitre de Saint-Jean-de-Maurienne riporta la morte di Filippo (dni Philippi quondam comitis Sabaudie) il 16 agosto (XVI Kal Sep.)[15]; suo padre, Amedeo gli succedette come Amedeo V[16].

Nel 1287[9], Bona contrasse un secondo matrimonio con Ugo di Borgogna, signore di Montbrison[1], che era il figlio maschio secondogenito del Conte consorte di Borgogna e Signore di Salins, Ugo di Châlon e della moglie, Adelaide di Borgogna [17][18], la figlia maggiore, come risulta dal documento del contratto di matrimonio stipulato dai genitori, riportato nella Histoire généalogique des Sires de Salins (Besançon), Tome I, del duca d'Andechs e di Merania e Conte consorte di Borgogna, Ottone I d'Andechs e di Merania[19] e della prima moglie, la Contessa di Borgogna, Beatrice II; il contratto di matrimonio di Ugo e Bona, datato 1287, viene riportato nelle Preuves de l'Histoire généalogique de la royale maison de Savoie[20].

L'unione durò circa sette anni e terminò con la morte di Bona, che avvenne prima del gennaio 1294, data in cui la madre, Sibilla fece testamento, nel quale citò tutti i figli ancora in vita, ma non citò Bona<ref(LA) Preuves de l'Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, Testament de Sibille, pagine 150 -154</ref>.

FigliModifica

Bona non diede figli a Giovanni[21][22].

Bona non riuscì a dare figli neanche al secondo marito, Ugo[23][24].

NoteModifica

  1. ^ a b c (FR) Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, pag 367
  2. ^ a b c (FR) Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, pagg 364 - 366
  3. ^ Edouard Perroy, Les familles nobles du Forez au XIIIe siècle: essais de filiation, Volume 1, p.720
  4. ^ (FR) Titres de la maison ducale de Bourbon, doc. 595, pag 111
  5. ^ (FR) Titres de la maison ducale de Bourbon, doc. 607, pag 113
  6. ^ (FR) Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, pag 308
  7. ^ (IT) Museo scientifico, letterario ed artistico:Beatrice Fieschi, pag. 53
  8. ^ (FR) Beatrice Fieschi
  9. ^ a b Savoy 2
  10. ^ a b c (LA) Allobrogibus libri novem, pag. 440
  11. ^ (LA) Peter der Zweite Graf von Savoyen, Markgraf in Italien, sein Haus und seine Lande, doc. 407, pag. 200
  12. ^ (LA) Peter der Zweite Graf von Savoyen, Markgraf in Italien, sein Haus und seine Lande, doc. 583, pag. 299
  13. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: COMTES d’ALBON, DAUPHINS (BOURGOGNE [CAPET) - JEAN de Viennois]
  14. ^ Capet 9
  15. ^ (LA) Chartes du diocèse de Maurienne, pag 348
  16. ^ (FR) Histoire de Savoie, pag 263
  17. ^ (LA) Mémoires et documents inédits pour servir à l’histoire de la Franche-Comté, Tome VII, doc. XXVII, pag. 31
  18. ^ (LA) Cartulaire de Hugues de Chalon (1220-1319), doc. 49, pag. 42
  19. ^ (LA) Histoire généalogique des Sires de Salins, Tome I, Preuves, pag. 119
  20. ^ (LA) Preuves de l'Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, Testament de Sibille, pagina 154
  21. ^ (EN) Foundation for Medieval Genealogy: COMTES d’ALBON, DAUPHINS (BOURGOGNE [CAPET) - BONNE de Savoie (JEAN de Viennois)]
  22. ^ (EN) Genealogy:Capet 9 - Bona of Savoy (Jean)
  23. ^ (EN) Foundation for Medieval Genealogy: COMTES PALATINS de BOURGOGNE 1248-1330 (IVREA) - BONNE de Savoie (HUGUES de Bourgogne)
  24. ^ (EN) Genealogy:Ivrea 2 - Bona of Savoy (Hugues de Bourgogne)

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Letteratura storiograficaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica