Caterina di Savoia

nobile
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima figlia di Luigi II di Savoia-Vaud (1324-1388), vedi Caterina di Savoia-Vaud.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima religiosa italiana (1595-1640), vedi Francesca Caterina di Savoia.
Caterina di Savoia
Catherine of Savoy (1284-1336).jpg
Duchessa d'Austria[1]
Stemma
In carica 1310 - 1326
Predecessore Elisabetta di Tirolo-Gorizia
Successore Isabella d'Aragona
Nascita 1302 circa
Morte Rheinfelden, 30 settembre 1336
Luogo di sepoltura Königsfeld
Casa reale Savoia
Padre Amedeo V di Savoia
Madre Maria di Brabante
Consorte di Leopoldo I d'Asburgo
Figli Caterina e
Agnese
Religione Chiesa cattolica

Caterina di Savoia (1302 circa – Rheinfelden, 30 settembre 1336) è stata una principessa di Casa Savoia che fu Duchessa d'Austria, dal 1310 al 1326.

OrigineModifica

Caterina, secondo lo storico francese, Samuel Guichenon, nel suo Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, era la figlia secondogenita di Amedeo V, Conte di Savoia, d'Aosta e di Moriana, e della sua seconda moglie, Maria di Brabante[2], che la Genealogia Ducum Brabantiæ Ampliata, Maria era la figlia femmina secondogenita del duca di Lorena e del Brabante e duca di Limburgo, Giovanni I di Brabante e della moglie, Margherita di Dampierre o di Fiandra[3] (1251-1285), che sia secondo il Iohannis de Thilrode Chronicon che secondo il Iohannis de Thielrode Genealogia Comitum Flandriæ era figlia del Conte di Fiandra e Marchese di Namur, Guido di Dampierre e di Matilde di Bethune[4][5], che secondo gli Annales Blandinienses era figlia ed ereditiera di Roberto VII di Bethune[6], signore di Béthune, Termonde, Richebourg e Warneton, e d'Elisabeth de Morialmez.

Amedeo V di Savoia, secondo Samuel Guichenon, era il figlio maschio secondogenito di Tommaso II, signore del Piemonte, Conte di Savoia, d'Aosta e di Moriana, Conte di Fiandra e di Hainaut e della sua seconda moglie, Beatrice Fieschi[7], che era la terza figlia femmina di Teodoro Fieschi, conte di Lavagna[8], e della di lui consorte Simona de Volta di Capo Corso[9].

BiografiaModifica

Suo padre, Amedeo V era al suo secondo matrimonio, avendo sposato in prime nozze, Sibilla de Baugé, che, secondo Samuel Guichenon, era signora di Baugé e della Bresse[10], che gli aveva dato otto figli, di cui cinque ancora in vita, quando, nel 1307, suo padre aveva fatto testamento, in cui dichiarava suo erede universale nel Contado di Savoja, il figlio, Edoardo (Odorado suo figlio primogenito) e definiva anche i vari lasciti sia ai figli di primo letto, Aimone (Aymone suo Secundogenito), Eleonora, Margherita e Agnese (Eleonora, Margarita, ed Agnes sue figlie), che eventuali di secondo letto (nascituri da Maria di Brabant, sua seconda Consorte)[11].

Le sorellastre e la sorella maggiore di Caterina erano state destinate dalla politica matrimoniale perseguita da Amedeo a sposare vari principi confinanti con l'obiettivo di assicurare alla Contea di Savoia gli appoggi per poter mantenere ed ampliare i propri feudi.

Per Caterina suo padre riuscì a concludere trattative matrimoniali con gli Asburgo: il 20 aprile 1310, a Zurigo fu siglato un documento di matrimonio tra Caterina, figlia di Amedeo V di Savoia (Amedeus comes Sabaudiæ…Catherinam filiam) e il Duca d'Austria e di Stiria, Leopoldo d'Asburgo (Lupoldus Dei gratiae dux Austriæ et Styriæ), alla presenza della madre di Caterina, la contessa di Savoia, Maria di Brabante (Maria de Brabancia comitissa Sabaudiæ), della mamma dello sposo, la regina dei Romani, Elisabetta di Tirolo-Gorizia (dominæ Elisabeth quondam Romanorum reginæ genetrici suæ) e dei fratelli dello sposo, il Duca d'Austria, Federico (frater noster Fridericus Dux Austriæ), Enrico, Alberto e Ottone (Henricus, Albertus et Otto fratres nostri duces Austriæ et Goritiæ)[12].

A Basilea il 26 maggio 1315 fu celebrato il matrimonio di Caterina ed il duca Leopoldo I d'Austria[13], figlio del duca d'Austria e re di Germania, Alberto I d'Asburgo e della moglie, Elisabetta di Tirolo-Gorizia[2].

Suo zio, il marito della sorella di sua madre, Margherita, il conte di Lussemburgo, Enrico VII, era stato eletto Re di Germania, nel novembre del 1308, ed incoronato ad Aquisgrana, il 6 gennaio 1309[14].

Enrico VII che poi, a Roma, sarebbe stato incoronato Imperatore del Sacro Romano Impero (il 29 giugno 1312[15]), approvò ed appoggio il matrimonio, dando a Caterina una dote di 4 000 marchi d'argento[16].

Caterina rimase vedova, nel 1326; suo marito sia secondo il Necrologium Habsburgicum Monasterii Campi Regis (non consultato), sia secondo il Necrologium Austriacum Gentis Habsburgicæ Prius (non consultato), morì a Strasburgo il 26 febbraio 1326 e fu inumato a Königsfeld[17].

Contea e Ducato di Savoia
Branca Ducale

Casa Savoia
 
Amedeo V il Conte Grande
Edoardo il Liberale
Figli
Aimone il Pacifico
Amedeo VI il Conte Verde
Amedeo VII il Conte Rosso
Amedeo VIII il Pacifico (antipapa Felice V)
Figli
Ludovico il Generoso
Figli
Amedeo IX il Beato
Carlo I il Guerriero
Figli
Carlo II

Caterina morì nel 1336; secondo il Continuatio Claustroneoburgensis VII, Caterina, vedova del duca d'Austria, Leopoldo, figlia del conte di Savoia (Katherina, relicta ducis Austrie Leupoldi, filia comitis Sabaudie), morì il 30 settembre 1336 (pridie Kal Oct 1336) e fu tumulata a Königsfeld (in Chunigsveld)[18].

FigliModifica

Caterina a Leopoldo non riuscì però a dare un erede maschio al marito ma solo due figlie femmine[16]:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Tommaso I di Savoia Umberto III di Savoia  
 
Beatrice di Mâcon  
Tommaso II di Savoia  
Margherita di Ginevra Guglielmo I di Ginevra  
 
Beatrice di Faucigny  
Amedeo V di Savoia  
Teodoro III Fieschi di Lavagna Ugo Fieschi di Lavagna  
 
Brumisan di Grillo  
Beatrice Fieschi  
Simona della Volta Raimondo della Volta  
 
 
Caterina di Savoia  
Enrico III di Brabante Enrico II di Brabante  
 
Maria di Svevia  
Giovanni I di Brabante  
Alice di Borgogna Ugo IV di Borgogna  
 
Yolanda di Dreux  
Maria di Brabante  
Guido di Dampierre Guglielmo II di Dampierre  
 
Margherita II di Fiandra  
Margherita di Dampierre  
Matilde di Bethune Roberto VII di Bethune  
 
Elisabetta di Morialmez  
 

NoteModifica

  1. ^ con Isabella d'Aragona dal 1314
  2. ^ a b (FR) Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, pag 371
  3. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus XXV, Genealogia Ducum Brabantiæ Ampliata, par. 14, pag 397, nota + Archiviato l'11 ottobre 2017 in Internet Archive.
  4. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus XXV, Iohannis de Thilrode Chronicon, capitulum 19, pagina 575 Archiviato il 13 ottobre 2017 in Internet Archive.
  5. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus IX, Iohannis de Thielrode Genealogia Comitum Flandriæ, pagina 335 Archiviato il 13 ottobre 2017 in Internet Archive.
  6. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus V, Annales Blandinienses, anno 1250 pagina 31 Archiviato il 18 settembre 2017 in Internet Archive.
  7. ^ (FR) Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, pag 308
  8. ^ Museo scientifico, letterario ed artistico:Beatrice Fieschi, pag. 53
  9. ^ (FR) Beatrice Fieschi
  10. ^ (FR) Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, pagg 364 - 366
  11. ^ (IT) Sezione Corte -> Testamenti de' sovrani, e principi della Real Casa di Savoia in Materie politiche per rapporto all'interno (Inventario n. 104) fascicoli 1-8 -> Testamenti -> Mazzo 1.4 -> Fascicolo 24
  12. ^ (LA) Preuves de l'Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, Mariage de Lupold, pagine 158 e 159
  13. ^ Savoy 2
  14. ^ P.J. Blok, "Germania 1273 1313", cap. VIII, vol. VI, pag. 349
  15. ^ P.J. Blok, "Germania 1273 1313", cap. VIII, vol. VI, pag. 357
  16. ^ a b c d (FR) Histoire généalogique de la royale maison de Savoie, pag 372
  17. ^ (EN) Foundation for Medieval Genealogy: DUKES of AUSTRIA 1276-1493 (HABSBURG) - CATHERINE de Savoie (LEOPOLD)
  18. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus IX, Continuatio Claustroneoburgensis VII, anno 1336, pagina 756

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Letteratura storiograficaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN80947521 · CERL cnp01156449 · GND (DE136636756